21.4 C
Roma
Gio, 1 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Storie Martina Colombari: Dio mi ha insegnato a non alzare muri

Martina Colombari: Dio mi ha insegnato a non alzare muri

“Ho imparato ad accettare quello che arriva e fare i conti di giorno in giorno”

- Advertisement -

La showgirl racconta il suo rapporto con la fede e la famiglia a “io Credo” su Tv2000. “Ho imparato ad accettare quello che arriva e fare i conti di giorno in giorno”

«Ogni tanto chiedo a Dio ‘Dove sei? E perché stai facendo questo?’. Poi, dico ok, se è successo è perché doveva succedere, quindi ne prendo atto. Se mi arrabbio e metto un muro non ottengo nulla di buono, anzi, forse quell’ostacolo diventa ancora più difficile, no, da buttare giù».

Lo afferma la conduttrice e attrice Martina Colombari nella seconda puntata del programma ‘Io credo’, in onda su Tv2000 (canale 28 e 157 Sky) lunedì 24 febbraio ore 21.05, condotto da don Marco Pozza e per la regia di Andrea Salvadore.

“Non mi lamento e pedalo”

«Ho imparato ad accettare – aggiunge la Colombari a Tv2000 – quello che arriva e fare i conti di giorno in giorno, così, anche un po’, come ti posso dire, senza farmi anche un po’ troppe domande. Perché ho visto che poi mi complicavo la vita e basta. E quindi accetto, che non significa sopporto, ma cerco di reagire, di fare, non mi lamento troppo e vado, pedalo».

Il rapporto con Achille

La Colombari, nell’incontro con don Marco, parla anche del figlio: «Achille ora ha 15 anni, ed è in un’età complicatissima, complicatissima, perché in questo momento storico gli adolescenti sono quelli che hanno più difficoltà. Noi genitori non possiamo replicare l’educazione che abbiamo avuto, perché è un mondo completamente differente. Sto imparando adesso, nel vedere mio figlio non come una prosecuzione mia, ma come un qualcosa di differente, accettando le sue diversità, che sono enormi, perché non ha niente di mio e niente di mio marito».

“Mio marito ci protegge”

L’ex Miss Italia racconta infine il rapporto con il marito l’ex calciatore del Milan, Alessandro Costacurta: «Billy è il rigore, perché, allora, il vero Alessandro, quello che piace a me, è quando siamo all’estero. Perché a lui dà veramente fastidio la popolarità, l’essere riconosciuto, mille persone che gli chiedono del Milan, e si infastidisce proprio. Lui è sé stesso solo quando siamo all’estero, ed è l’Alessandro che io preferisco, perché è quello più vero, quello più intimo, è quello che non si protegge».

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Martina Colombari: Dio mi ha insegnato a non alzare muri

“Ho imparato ad accettare quello che arriva e fare i conti di giorno in giorno”

  

- Advertisement -

La showgirl racconta il suo rapporto con la fede e la famiglia a “io Credo” su Tv2000. “Ho imparato ad accettare quello che arriva e fare i conti di giorno in giorno”

«Ogni tanto chiedo a Dio ‘Dove sei? E perché stai facendo questo?’. Poi, dico ok, se è successo è perché doveva succedere, quindi ne prendo atto. Se mi arrabbio e metto un muro non ottengo nulla di buono, anzi, forse quell’ostacolo diventa ancora più difficile, no, da buttare giù».

Lo afferma la conduttrice e attrice Martina Colombari nella seconda puntata del programma ‘Io credo’, in onda su Tv2000 (canale 28 e 157 Sky) lunedì 24 febbraio ore 21.05, condotto da don Marco Pozza e per la regia di Andrea Salvadore.

“Non mi lamento e pedalo”

«Ho imparato ad accettare – aggiunge la Colombari a Tv2000 – quello che arriva e fare i conti di giorno in giorno, così, anche un po’, come ti posso dire, senza farmi anche un po’ troppe domande. Perché ho visto che poi mi complicavo la vita e basta. E quindi accetto, che non significa sopporto, ma cerco di reagire, di fare, non mi lamento troppo e vado, pedalo».

- Advertisement -

Il rapporto con Achille

La Colombari, nell’incontro con don Marco, parla anche del figlio: «Achille ora ha 15 anni, ed è in un’età complicatissima, complicatissima, perché in questo momento storico gli adolescenti sono quelli che hanno più difficoltà. Noi genitori non possiamo replicare l’educazione che abbiamo avuto, perché è un mondo completamente differente. Sto imparando adesso, nel vedere mio figlio non come una prosecuzione mia, ma come un qualcosa di differente, accettando le sue diversità, che sono enormi, perché non ha niente di mio e niente di mio marito».

“Mio marito ci protegge”

L’ex Miss Italia racconta infine il rapporto con il marito l’ex calciatore del Milan, Alessandro Costacurta: «Billy è il rigore, perché, allora, il vero Alessandro, quello che piace a me, è quando siamo all’estero. Perché a lui dà veramente fastidio la popolarità, l’essere riconosciuto, mille persone che gli chiedono del Milan, e si infastidisce proprio. Lui è sé stesso solo quando siamo all’estero, ed è l’Alessandro che io preferisco, perché è quello più vero, quello più intimo, è quello che non si protegge».

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
119IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Il Vangelo di Marco

Rileggere il Decalogo

Dianich: Vi racconto Gesù

Cosentino: Non è quel che credi

Dieci parole per vivere

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x