21.2 C
Rome
venerdì, 19 Luglio 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Maria sempre giovane, è il peccato che invecchia

Maria sempre giovane, è il peccato che invecchia

- Advertisement -

di Giada Aquilino

Maria, sempre giovane perché “mai invecchiata dal peccato” e con un “segreto”: la Parola di Dio. Questa l’immagine della Vergine dipinta dal Papa all’Angelus, nella festività dell’Immacolata Concezione.

In un mondo in cui, osserva, tutto “è contaminato dal male” e ciascuno vede in se stesso “lati oscuri”, contempliamo la “bellezza” di Maria: il Vangelo odierno di Luca narra l’episodio dell’Annunciazione, con il saluto dell’angelo che la definisce “piena di grazia”. Ella è infatti “piena della presenza di Dio” e, in quanto “interamente” abitata dal Signore, “non c’è posto in lei per il peccato”, assicura Francesco. Tutte le realtà, anche i Santi, “sono intaccate dal male”, tranne Maria che – prosegue il Pontefice – è l’“oasi sempre verde” e “incontaminata” dell’umanità:

“Un bel complimento da fare a una signora è dirle, con garbo, che dimostra una giovane età. Quando diciamo a Maria piena di grazia, in un certo senso le diciamo anche questo, al livello più alto. Infatti la riconosciamo sempre giovane, perché mai invecchiata dal peccato. C’è una sola cosa che fa davvero invecchiare, invecchiare interiormente: non l’età, ma il peccato. Il peccato rende vecchi, perché sclerotizza il cuore. Lo chiude, lo rende inerte, lo fa sfiorire”.

La Chiesa, ricorda Francesco, oggi si complimenta con Maria chiamandola “tutta bella, tota pulchra”. Come la sua giovinezza non sta nell’età, spiega, così “la sua bellezza non consiste nell’esteriorità”. Ella “non eccelle in apparenza”, di semplice famiglia, viveva umilmente a Nazaret.

“E non era famosa: anche quando l’angelo la visitò nessuno lo seppe, quel giorno non c’era lì alcun reporter”.

La Madonna non ebbe nemmeno una vita agiata, “ma – aggiunge – preoccupazioni e timori: fu ‘molto turbata’, dice il Vangelo, e quando l’angelo ‘si allontanò da lei’, i problemi aumentarono”. Eppure ha vissuto una “vita bella”, perché – attraverso la Scrittura – “era solita ascoltare Dio e intrattenersi con Lui”.

“La Parola di Dio era il suo segreto: vicina al suo cuore, prese poi carne nel suo grembo. Rimanendo con Dio, dialogando con Lui in ogni circostanza, Maria ha reso bella la sua vita. Non l’apparenza, non ciò che passa, ma il cuore puntato verso Dio fa bella la vita. Guardiamo oggi con gioia alla piena di grazia. Chiediamole di aiutarci a rimanere giovani, dicendo ‘no’ al peccato, e a vivere una vita bella, dicendo ‘sì’ a Dio”.

Dopo la recita dell’Angelus, Francesco saluta i pellegrini assiepati in Piazza San Pietro accanto al Presepe e all’albero di Natale inaugurati ieri: all’Azione Cattolica italiana, in particolare, auspica che la Vergine renda “fecondo” il proposito di servire la missione evangelizzatrice della Chiesa.

Infine, la preghiera a Maria del pomeriggio. Prima, nella Basilica di Santa Maria Maggiore, l’omaggio del Papa alla Salus Populi Romani, quindi, nella Basilica di Sant’Andrea delle Fratte, quello alla Madonna della Medaglia Miracolosa. Appuntamento centrale, come ricorda, quello in Piazza di Spagna:

“Oggi pomeriggio mi recherò in Piazza di Spagna per rinnovare il tradizionale atto di omaggio e di preghiera ai piedi del monumento all’Immacolata. Vi chiedo di unirvi spiritualmente a me in questo gesto, che esprime la devozione filiale alla nostra Madre celeste. Tutti insieme, con lo Spirito, davanti alla Madonna”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Maria sempre giovane, è il peccato che invecchia

  

- Advertisement -

di Giada Aquilino

Maria, sempre giovane perché “mai invecchiata dal peccato” e con un “segreto”: la Parola di Dio. Questa l’immagine della Vergine dipinta dal Papa all’Angelus, nella festività dell’Immacolata Concezione.

In un mondo in cui, osserva, tutto “è contaminato dal male” e ciascuno vede in se stesso “lati oscuri”, contempliamo la “bellezza” di Maria: il Vangelo odierno di Luca narra l’episodio dell’Annunciazione, con il saluto dell’angelo che la definisce “piena di grazia”. Ella è infatti “piena della presenza di Dio” e, in quanto “interamente” abitata dal Signore, “non c’è posto in lei per il peccato”, assicura Francesco. Tutte le realtà, anche i Santi, “sono intaccate dal male”, tranne Maria che – prosegue il Pontefice – è l’“oasi sempre verde” e “incontaminata” dell’umanità:

“Un bel complimento da fare a una signora è dirle, con garbo, che dimostra una giovane età. Quando diciamo a Maria piena di grazia, in un certo senso le diciamo anche questo, al livello più alto. Infatti la riconosciamo sempre giovane, perché mai invecchiata dal peccato. C’è una sola cosa che fa davvero invecchiare, invecchiare interiormente: non l’età, ma il peccato. Il peccato rende vecchi, perché sclerotizza il cuore. Lo chiude, lo rende inerte, lo fa sfiorire”.

La Chiesa, ricorda Francesco, oggi si complimenta con Maria chiamandola “tutta bella, tota pulchra”. Come la sua giovinezza non sta nell’età, spiega, così “la sua bellezza non consiste nell’esteriorità”. Ella “non eccelle in apparenza”, di semplice famiglia, viveva umilmente a Nazaret.

- Advertisement -

“E non era famosa: anche quando l’angelo la visitò nessuno lo seppe, quel giorno non c’era lì alcun reporter”.

La Madonna non ebbe nemmeno una vita agiata, “ma – aggiunge – preoccupazioni e timori: fu ‘molto turbata’, dice il Vangelo, e quando l’angelo ‘si allontanò da lei’, i problemi aumentarono”. Eppure ha vissuto una “vita bella”, perché – attraverso la Scrittura – “era solita ascoltare Dio e intrattenersi con Lui”.

“La Parola di Dio era il suo segreto: vicina al suo cuore, prese poi carne nel suo grembo. Rimanendo con Dio, dialogando con Lui in ogni circostanza, Maria ha reso bella la sua vita. Non l’apparenza, non ciò che passa, ma il cuore puntato verso Dio fa bella la vita. Guardiamo oggi con gioia alla piena di grazia. Chiediamole di aiutarci a rimanere giovani, dicendo ‘no’ al peccato, e a vivere una vita bella, dicendo ‘sì’ a Dio”.

Dopo la recita dell’Angelus, Francesco saluta i pellegrini assiepati in Piazza San Pietro accanto al Presepe e all’albero di Natale inaugurati ieri: all’Azione Cattolica italiana, in particolare, auspica che la Vergine renda “fecondo” il proposito di servire la missione evangelizzatrice della Chiesa.

Infine, la preghiera a Maria del pomeriggio. Prima, nella Basilica di Santa Maria Maggiore, l’omaggio del Papa alla Salus Populi Romani, quindi, nella Basilica di Sant’Andrea delle Fratte, quello alla Madonna della Medaglia Miracolosa. Appuntamento centrale, come ricorda, quello in Piazza di Spagna:

“Oggi pomeriggio mi recherò in Piazza di Spagna per rinnovare il tradizionale atto di omaggio e di preghiera ai piedi del monumento all’Immacolata. Vi chiedo di unirvi spiritualmente a me in questo gesto, che esprime la devozione filiale alla nostra Madre celeste. Tutti insieme, con lo Spirito, davanti alla Madonna”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
276FansMi piace
835FollowerSegui
13,000FollowerSegui
584FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Interrogare la sofferenza

Le tre lettere di Giovanni

Libri – Diacone: un dossier di studio

Seneca, tra libertà e suicidio

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO