11.8 C
Roma
Mer, 14 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeRubricheRisponde il teologoMaria Maddalena e Maria di Betania sono le stessa persona?

Maria Maddalena e Maria di Betania sono le stessa persona?

- Advertisement -

Una domanda su due personaggi femminili dei Vangeli. Risponde don Stefano Tarocchi, Preside della Facoltà teologica dell’Italia centrale.

Ho sentito dire che secondo alcuni biblisti Maria di Betania, sorella di Lazzaro e di Marta, e Maria Maddalena, prima testimone della resurrezione, sarebbero la stessa persona. È possibile?

Francesca Piccini

Il nome di Maria di Magdala viene menzionato in tutti e quattro i Vangeli nella scena della crocifissione di Gesù: così Marco: «Vi erano anche alcune donne, che osservavano da lontano, tra le quali Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo il minore e di Ioses, e Salome, le quali, quando era in Galilea, lo seguivano e lo servivano, e molte altre che erano salite con lui a Gerusalemme» (15,40-41). Anche nel Vangelo di Giovanni, Maria è rammentata insieme ad altre discepole della Galilea: «stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala» (Giovanni 19,25). In questo racconto Maria di Magdala sembrerebbe comparire con un ruolo minore dopo l’altra Maria, per non parlare della madre di Gesù.

Ugualmente, quando avviene la sepoltura, Marco scrive: «Maria di Màgdala e Maria madre di Ioses stavano a osservare dove veniva posto» (15,47).

Magdala, il luogo di origine di Maria, non viene rammentato solo in due versetti del capitolo 20 di Giovanni: «Maria stava all’esterno, vicino al sepolcro, e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro… Gesù le disse: “Maria!”. Ella si voltò e gli disse in ebraico: “Rabbunì!” – che significa: “Maestro!”» (20,11.16).

Invece, il Vangelo secondo Luca, nelle scene ora rammentate, omette questi nomi che ha già riferito in precedenza: «alcune donne che erano state guarite da spiriti cattivi e da infermità: Maria, chiamata Maddalena, dalla quale erano usciti sette demòni; Giovanna, moglie di Cuza, amministratore di Erode; Susanna e molte altre, che li servivano con i loro beni» (Luca 8,2-3). Questo lascerebbe intendere che Maria era una donna benestante. Il Vangelo di Marco riprende quest’ultimo tema: «risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva scacciato sette demòni» (Marco 16,9).

Esiste perciò una tradizione cristiana, confermata successivamente dalla liturgia latina e dall’arte figurativa, che in questa notizia vede l’accenno ad una vita precedente di Maria. Questa viene perciò identificata con l’anonima «donna peccatrice» del racconto di Luca (per alcuni interpreti, semplicemente una prostituta, per altri invece la moglie di un pubblico peccatore: un pubblicano). Questa donna, che «stando dietro, presso i piedi di lui, piangendo, cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di profumo» (Luca 7,38).

Il dato, inevitabilmente, porta a Maria di Betania, attraverso ciò che dice il Vangelo di Giovanni: «Maria era quella che cosparse di profumo il Signore e gli asciugò i piedi con i suoi capelli; suo fratello Lazzaro era malato» (Giovanni 11,2). Lo stesso episodio dell’unzione, per la verità, viene narrato anche in Marco (14,3-9) e Matteo (26,6-13): anche in questi due racconti, come in Luca, la donna che unge Gesù non ha nome.

La Maria di Betania qui rammentata, è naturalmente la sorella di Lazzaro e di Marta, la quale – a parte il celebre testo ancora di Luca, che la pone in rilievo agli occhi della sorella, perché «ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta» (Luca 10,42) – ha un ruolo particolare anche nell’episodio della risurrezione del fratello: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto!» (Giovanni 11,32). Qui è in verità Marta che dice: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo» (Giovanni 11,27)».

In Marco, ma anche in Matteo e in Luca, nel racconto della risurrezione, Maria è menzionata per prima fra le tre donne presenti al sepolcro («Passato il sabato, Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo e Salome comprarono oli aromatici per andare a ungerlo»: così Marco 16,1 e Matteo 28,1: due donne, oltre a Luca 24,10: tre donne, più «altre donne»). Giovanni, come abbiamo visto, parla della presenza al sepolcro di Gesù della sola Maria.

Quindi, a conti fatti, insieme alle successive tradizioni ricordate, solo il quarto Vangelo, che nel racconto della cena avvenuta «sei giorni prima della Pasqua», quando «Gesù andò a Betània, dove si trovava Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti» (Giovanni 12,1), avvicina Maria di Magdala a Maria di Betania, che, a mio avviso restano due donne distinte.

– See more at: http://www.toscanaoggi.it/Rubriche/Risponde-il-teologo/Maria-Maddalena-e-Maria-di-Betania-sono-le-stessa-persona#sthash.tf0REaRW.dpuf

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Maria Maddalena e Maria di Betania sono le stessa persona?

- Advertisement -

Una domanda su due personaggi femminili dei Vangeli. Risponde don Stefano Tarocchi, Preside della Facoltà teologica dell’Italia centrale.

Ho sentito dire che secondo alcuni biblisti Maria di Betania, sorella di Lazzaro e di Marta, e Maria Maddalena, prima testimone della resurrezione, sarebbero la stessa persona. È possibile?

Francesca Piccini

Il nome di Maria di Magdala viene menzionato in tutti e quattro i Vangeli nella scena della crocifissione di Gesù: così Marco: «Vi erano anche alcune donne, che osservavano da lontano, tra le quali Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo il minore e di Ioses, e Salome, le quali, quando era in Galilea, lo seguivano e lo servivano, e molte altre che erano salite con lui a Gerusalemme» (15,40-41). Anche nel Vangelo di Giovanni, Maria è rammentata insieme ad altre discepole della Galilea: «stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala» (Giovanni 19,25). In questo racconto Maria di Magdala sembrerebbe comparire con un ruolo minore dopo l’altra Maria, per non parlare della madre di Gesù.

Ugualmente, quando avviene la sepoltura, Marco scrive: «Maria di Màgdala e Maria madre di Ioses stavano a osservare dove veniva posto» (15,47).

Magdala, il luogo di origine di Maria, non viene rammentato solo in due versetti del capitolo 20 di Giovanni: «Maria stava all’esterno, vicino al sepolcro, e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro… Gesù le disse: “Maria!”. Ella si voltò e gli disse in ebraico: “Rabbunì!” – che significa: “Maestro!”» (20,11.16).

Invece, il Vangelo secondo Luca, nelle scene ora rammentate, omette questi nomi che ha già riferito in precedenza: «alcune donne che erano state guarite da spiriti cattivi e da infermità: Maria, chiamata Maddalena, dalla quale erano usciti sette demòni; Giovanna, moglie di Cuza, amministratore di Erode; Susanna e molte altre, che li servivano con i loro beni» (Luca 8,2-3). Questo lascerebbe intendere che Maria era una donna benestante. Il Vangelo di Marco riprende quest’ultimo tema: «risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva scacciato sette demòni» (Marco 16,9).

- Advertisement -

Esiste perciò una tradizione cristiana, confermata successivamente dalla liturgia latina e dall’arte figurativa, che in questa notizia vede l’accenno ad una vita precedente di Maria. Questa viene perciò identificata con l’anonima «donna peccatrice» del racconto di Luca (per alcuni interpreti, semplicemente una prostituta, per altri invece la moglie di un pubblico peccatore: un pubblicano). Questa donna, che «stando dietro, presso i piedi di lui, piangendo, cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di profumo» (Luca 7,38).

Il dato, inevitabilmente, porta a Maria di Betania, attraverso ciò che dice il Vangelo di Giovanni: «Maria era quella che cosparse di profumo il Signore e gli asciugò i piedi con i suoi capelli; suo fratello Lazzaro era malato» (Giovanni 11,2). Lo stesso episodio dell’unzione, per la verità, viene narrato anche in Marco (14,3-9) e Matteo (26,6-13): anche in questi due racconti, come in Luca, la donna che unge Gesù non ha nome.

La Maria di Betania qui rammentata, è naturalmente la sorella di Lazzaro e di Marta, la quale – a parte il celebre testo ancora di Luca, che la pone in rilievo agli occhi della sorella, perché «ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta» (Luca 10,42) – ha un ruolo particolare anche nell’episodio della risurrezione del fratello: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto!» (Giovanni 11,32). Qui è in verità Marta che dice: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo» (Giovanni 11,27)».

In Marco, ma anche in Matteo e in Luca, nel racconto della risurrezione, Maria è menzionata per prima fra le tre donne presenti al sepolcro («Passato il sabato, Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo e Salome comprarono oli aromatici per andare a ungerlo»: così Marco 16,1 e Matteo 28,1: due donne, oltre a Luca 24,10: tre donne, più «altre donne»). Giovanni, come abbiamo visto, parla della presenza al sepolcro di Gesù della sola Maria.

Quindi, a conti fatti, insieme alle successive tradizioni ricordate, solo il quarto Vangelo, che nel racconto della cena avvenuta «sei giorni prima della Pasqua», quando «Gesù andò a Betània, dove si trovava Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti» (Giovanni 12,1), avvicina Maria di Magdala a Maria di Betania, che, a mio avviso restano due donne distinte.

– See more at: http://www.toscanaoggi.it/Rubriche/Risponde-il-teologo/Maria-Maddalena-e-Maria-di-Betania-sono-le-stessa-persona#sthash.tf0REaRW.dpuf

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
646FollowerSegui
223IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Guida alla Grecia biblica

Libri consigliati

Desiderio e sequela

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x