14.9 C
Rome
martedì, 22 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Famiglia e Vita di Coppia Mamme, abituate i figli alle frustrazioni: vi ringrazieranno (ringrazieremo)!

Mamme, abituate i figli alle frustrazioni: vi ringrazieranno (ringrazieremo)!

- Advertisement -

L’incapacità di molti genitori di dire “No” ai propri figli disattiva in questi ultimi la capacità a tollerare le frustrazioni. La capacità a tollerare le frustrazioni si forma per allenamento progressivo in età idonea. “Non mangiare il dolcetto” subito impone una frustrazione. Occorre imparare a gestirla. I bambini la gestivano in varie maniere: guardavano i giocattoli, canticchiavano, voltavano le spalle al dolcetto per diminuire la tentazione. Imparare a gestire la frustrazione è come andare in bicicletta. Una volta che hai imparato, hai imparato. Se non hai imparato, non lo improvvisi, nemmeno in caso di necessità assoluta. I compiti a casa e durante le vacanze sono fondamentali anche per questo. Non volete imporre frustrazioni ai vostri figli? Scrivete lettere alla maestra spiegando che nei 30 minuti al giorno necessari ai compiti per le vacanze vostro figlio ha imparato a scalare l’Everest? Non vi fate illusioni. Non avete creato un uomo libero, avete creato uno schiavo: schiavo per tutta la vita delle proprie pulsioni. L’uomo che uccide la fidanzata che lo ha lasciato, semplicemente non è stato addestrato alle frustrazioni.

“L’uomo che non deve chiedere mai” pubblicizzato dalla televisione non è stato addestrato al no. Non bisogna allenare un piccolino di tre giorni ad aspettare l’ora della pappa. Bisogna dargli da mangiare quando ha fame. A tre giorni è troppo piccolo: la sua fame lo riempie tutto, diventa dolore. A otto anni un bambino è in grado di aspettare l’ora di cena, soprattutto se ha avuto la merenda, non è necessario alla sua sopravvivenza che mangi immediatamente, non appena ha fame o semplicemente ha voglia di qualche cosa. A maggior ragione può aspettare il quindicenne, anche se non ha avuto la merenda. E’ fondamentale insegnare ad un bambino di otto anni che potrà avere la nuova bici solo alla fine dell’anno scolastico e solo se avrà raggiunto quella media: quella bicicletta sarà splendida, avrà il sapore della conquista, gli avrà insegnato a guadagnarsi le cose.

Di capitale importanza è che il quattordicenne impari che è abbastanza in gamba da affrontare la classe senza quel tipo lì di pantaloni (o giacca o scarpe o quello che è) e che farsi amare o rispettare non dipende dal vestiario. Nel ridicolo libro “Gli sdraiati”, Michele Serra descrive con malcelato orgoglio un figlio demente che non è in grado di pulire lo zucchero che ha rovesciato sul tavolo, che usa la cannabis (normale, certo) e che si sottopone a una coda di ore per entrare in possesso di una certa maglietta finto casual, vero snob. Alla fine la creatura riesce a fare una salita in montagna che qualsiasi boy scout di 10 anni è in grado di fare e il padre si rassicura sul suo valore.

La capacità a tollerare le frustrazioni è il primo passo per arrivare alla difficile capacità di trasformare le frustrazioni in occasioni, che è la strada per riuscire a sfangarsela in un mondo che non è facile, ma che può essere magnifico.

Abbiate fede nella forza dei vostri figli. E non allevate sdraiati. Tirate su gente che stia in piedi.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Mamme, abituate i figli alle frustrazioni: vi ringrazieranno (ringrazieremo)!

  

- Advertisement -

L’incapacità di molti genitori di dire “No” ai propri figli disattiva in questi ultimi la capacità a tollerare le frustrazioni. La capacità a tollerare le frustrazioni si forma per allenamento progressivo in età idonea. “Non mangiare il dolcetto” subito impone una frustrazione. Occorre imparare a gestirla. I bambini la gestivano in varie maniere: guardavano i giocattoli, canticchiavano, voltavano le spalle al dolcetto per diminuire la tentazione. Imparare a gestire la frustrazione è come andare in bicicletta. Una volta che hai imparato, hai imparato. Se non hai imparato, non lo improvvisi, nemmeno in caso di necessità assoluta. I compiti a casa e durante le vacanze sono fondamentali anche per questo. Non volete imporre frustrazioni ai vostri figli? Scrivete lettere alla maestra spiegando che nei 30 minuti al giorno necessari ai compiti per le vacanze vostro figlio ha imparato a scalare l’Everest? Non vi fate illusioni. Non avete creato un uomo libero, avete creato uno schiavo: schiavo per tutta la vita delle proprie pulsioni. L’uomo che uccide la fidanzata che lo ha lasciato, semplicemente non è stato addestrato alle frustrazioni.

“L’uomo che non deve chiedere mai” pubblicizzato dalla televisione non è stato addestrato al no. Non bisogna allenare un piccolino di tre giorni ad aspettare l’ora della pappa. Bisogna dargli da mangiare quando ha fame. A tre giorni è troppo piccolo: la sua fame lo riempie tutto, diventa dolore. A otto anni un bambino è in grado di aspettare l’ora di cena, soprattutto se ha avuto la merenda, non è necessario alla sua sopravvivenza che mangi immediatamente, non appena ha fame o semplicemente ha voglia di qualche cosa. A maggior ragione può aspettare il quindicenne, anche se non ha avuto la merenda. E’ fondamentale insegnare ad un bambino di otto anni che potrà avere la nuova bici solo alla fine dell’anno scolastico e solo se avrà raggiunto quella media: quella bicicletta sarà splendida, avrà il sapore della conquista, gli avrà insegnato a guadagnarsi le cose.

Di capitale importanza è che il quattordicenne impari che è abbastanza in gamba da affrontare la classe senza quel tipo lì di pantaloni (o giacca o scarpe o quello che è) e che farsi amare o rispettare non dipende dal vestiario. Nel ridicolo libro “Gli sdraiati”, Michele Serra descrive con malcelato orgoglio un figlio demente che non è in grado di pulire lo zucchero che ha rovesciato sul tavolo, che usa la cannabis (normale, certo) e che si sottopone a una coda di ore per entrare in possesso di una certa maglietta finto casual, vero snob. Alla fine la creatura riesce a fare una salita in montagna che qualsiasi boy scout di 10 anni è in grado di fare e il padre si rassicura sul suo valore.

La capacità a tollerare le frustrazioni è il primo passo per arrivare alla difficile capacità di trasformare le frustrazioni in occasioni, che è la strada per riuscire a sfangarsela in un mondo che non è facile, ma che può essere magnifico.

Abbiate fede nella forza dei vostri figli. E non allevate sdraiati. Tirate su gente che stia in piedi.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
856FollowerSegui
13,000FollowerSegui
608FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Le tre lettere di Giovanni

Lo scandalo della tenerezza

Parrocchia e civiltà urbana

La Shoah alla luce del Sinai

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO