30.7 C
Roma
Lun, 3 Agosto 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Spiritualità Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei Re

- Advertisement -

Io ero inquieta, turbata…

Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi.

Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare?

Gesù: Ci sono tante cose che puoi fare!

Natuzza: Non ho la testa.

Gesù: Escogita qualcosa!

Natuzza: Ho capito che dovevo dire al diavolo: “Ti brucio la lingua!”. Poi mi sono ricordata che dovevo sbucciare i piselli. Li ho presi. C’era la presenza anche del diavolo che mi disturbava: mi cadeva la pentola, i piselli…

Gesù: Ce la fai, ce la fai!

Natuzza: Signore, per ogni chicco voglio un’anima salvata.

Gesù: Quali, quelli morti per portarli in paradiso?

Natuzza: Signore io sono ignorante, perdonatemi. Quelli che sono morti, sono sicura che li portate in paradiso. Però quelli che sono vivi si possono perdere, convertiteli.

Gesù: Li converto io? Se tu lavori con me. E non volevi niente!

Natuzza: Io voglio quello che volete voi.

Gesù: Allora dico che non li salvo!

Natuzza: Questo non me lo dite (arrabbiata). Non ci credo che lo fate.

Gesù: E tu che ne sai. Ti sei abituata a leggere il cuore?

Natuzza: No, questo no. Perdonatemi!

Gesù: Non ti mortificare, perché tu quando parli dici parole sagge. Povere, ma sagge.

 

Natuzza: Signore, so che sei offeso, ma se vuoi mi perdoni.

Gesù: (Sorridendo) E non volevi niente! Te l’ho detto che le mortificazioni te le mangi per pane. E la quaresima l’hai cominciata bene. Come abbiamo detto? Che per te è sempre quaresima. Qualcosa te la risparmio, ma tu sei sempre inquieta.

Natuzza: Voi mi avete fatta inquieta, perché se no a quest’ora mi avreste fatto morire.

Gesù: Anche all’altro mondo sarai inquieta! (sorridendo).

Natuzza: Invece di dirmi queste cose, ditemi un’altra cosa.

Gesù: E che vuoi!

Natuzza: La pace. Io sono angustiata, inquieta per la guerra.

Gesù: Il mondo è sempre in guerra. Non sono in guerra i poveri a cui manca il pane, ma quelli che vogliono il potere.

Natuzza: E dategli un colpo in testa. Stordite quelli che la vogliono.

Gesù: Ma tu sei vendicativa!

Natuzza: Non uccideteli, ma cambiateli.

Gesù: Vorrebbero fatta la testa nuova. Pregate.

 

Geaù sull’educazione dei figli

Gesù: Che sono questi scrupoli. Rimisciti sempre le stesse cose.

Mi ha poggiato la mano sul polso destro e si è aperta una ferita.

Natuzza: Signore, vengono dei genitori con figli malati. A loro dico una parola di conforto. E a quelli che mi dicono che è difficile fare i genitori, cosa devo dire?

Gesù: I genitori è difficile farli quando i figli superano gli 8, 10 anni. Finchè sono piccoli non è difficile. Come non è difficile per me usare la misericordia per voi. In un attimo uso la mia misericordia e loro non sanno usare una buona parola per i loro figli? Gli lasciano fare quello che vogliono, quando sono grandi poi gli danno filo da torcere. Devono incominciare dai primi giorni, se no è come una camicia strapazzata.

Natuzza: Signore, non ho capito.

Gesù: Quando prendi una camicia nuova e la conservi per lungo tempo, arrugginisce e per togliere la piega non basta il ferro brucente. Così sono i bambini. Vanno educati dai primi giorni all’amore e alla capacità di affrontare la vita.

Natuzza: Che c’entra la camicia, Signore?

Gesù: Quando sono piccoli, ai figli permettete di fare tutto quello che vogliono, pure le bestemmie. E quando bestemmiano e dicono porcherie, sorridete sopra e non cambiate discorso, né dite: “Questo non si fa, questo non si dice”. Li lasciate liberi, poi induriscono e approfittano. E voi che fate?

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei Re

  

- Advertisement -

Io ero inquieta, turbata…

Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi.

Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare?

Gesù: Ci sono tante cose che puoi fare!

Natuzza: Non ho la testa.

- Advertisement -

Gesù: Escogita qualcosa!

Natuzza: Ho capito che dovevo dire al diavolo: “Ti brucio la lingua!”. Poi mi sono ricordata che dovevo sbucciare i piselli. Li ho presi. C’era la presenza anche del diavolo che mi disturbava: mi cadeva la pentola, i piselli…

Gesù: Ce la fai, ce la fai!

Natuzza: Signore, per ogni chicco voglio un’anima salvata.

Gesù: Quali, quelli morti per portarli in paradiso?

Natuzza: Signore io sono ignorante, perdonatemi. Quelli che sono morti, sono sicura che li portate in paradiso. Però quelli che sono vivi si possono perdere, convertiteli.

Gesù: Li converto io? Se tu lavori con me. E non volevi niente!

Natuzza: Io voglio quello che volete voi.

Gesù: Allora dico che non li salvo!

Natuzza: Questo non me lo dite (arrabbiata). Non ci credo che lo fate.

Gesù: E tu che ne sai. Ti sei abituata a leggere il cuore?

Natuzza: No, questo no. Perdonatemi!

Gesù: Non ti mortificare, perché tu quando parli dici parole sagge. Povere, ma sagge.

 

Natuzza: Signore, so che sei offeso, ma se vuoi mi perdoni.

Gesù: (Sorridendo) E non volevi niente! Te l’ho detto che le mortificazioni te le mangi per pane. E la quaresima l’hai cominciata bene. Come abbiamo detto? Che per te è sempre quaresima. Qualcosa te la risparmio, ma tu sei sempre inquieta.

Natuzza: Voi mi avete fatta inquieta, perché se no a quest’ora mi avreste fatto morire.

Gesù: Anche all’altro mondo sarai inquieta! (sorridendo).

Natuzza: Invece di dirmi queste cose, ditemi un’altra cosa.

Gesù: E che vuoi!

Natuzza: La pace. Io sono angustiata, inquieta per la guerra.

Gesù: Il mondo è sempre in guerra. Non sono in guerra i poveri a cui manca il pane, ma quelli che vogliono il potere.

Natuzza: E dategli un colpo in testa. Stordite quelli che la vogliono.

Gesù: Ma tu sei vendicativa!

Natuzza: Non uccideteli, ma cambiateli.

Gesù: Vorrebbero fatta la testa nuova. Pregate.

 

Geaù sull’educazione dei figli

Gesù: Che sono questi scrupoli. Rimisciti sempre le stesse cose.

Mi ha poggiato la mano sul polso destro e si è aperta una ferita.

Natuzza: Signore, vengono dei genitori con figli malati. A loro dico una parola di conforto. E a quelli che mi dicono che è difficile fare i genitori, cosa devo dire?

Gesù: I genitori è difficile farli quando i figli superano gli 8, 10 anni. Finchè sono piccoli non è difficile. Come non è difficile per me usare la misericordia per voi. In un attimo uso la mia misericordia e loro non sanno usare una buona parola per i loro figli? Gli lasciano fare quello che vogliono, quando sono grandi poi gli danno filo da torcere. Devono incominciare dai primi giorni, se no è come una camicia strapazzata.

Natuzza: Signore, non ho capito.

Gesù: Quando prendi una camicia nuova e la conservi per lungo tempo, arrugginisce e per togliere la piega non basta il ferro brucente. Così sono i bambini. Vanno educati dai primi giorni all’amore e alla capacità di affrontare la vita.

Natuzza: Che c’entra la camicia, Signore?

Gesù: Quando sono piccoli, ai figli permettete di fare tutto quello che vogliono, pure le bestemmie. E quando bestemmiano e dicono porcherie, sorridete sopra e non cambiate discorso, né dite: “Questo non si fa, questo non si dice”. Li lasciate liberi, poi induriscono e approfittano. E voi che fate?

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
285FansMi piace
949FollowerSegui
13,000FollowerSegui
625FollowerSegui
102IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Guida alla Grecia biblica

Il “counseling” pastorale

A scuola di preghiera

Il Vangelo di Marco

Vincere ansietà e paure

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x
È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO