6.9 C
Roma
Ven, 15 Gennaio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Approfondimenti Ma chi è davvero il cristiano? Chi vive e agisce da cristiano

Ma chi è davvero il cristiano? Chi vive e agisce da cristiano

C'è qualcuno deputato a "giudicare": è il magistero della Chiesa

- Advertisement -

Fede, religione, compito dei successori degli apostoli, «cattolicesimo convenzionale». C’è qualcuno deputato a “giudicare”: è il magistero della Chiesa

Se andassimo a scuola di teologia fondamentale e dogmatica dal cardinale Gerhard Müller – già prefetto della Congregazione della Dottrina della fede – verremmo a sapere che la fede cristiana è un dono ricevuto nella Chiesa cattolica quando siamo stati battezzati e, crescendo, abbiamo ricevuto il sacramento della confermazione.

Chi sono i cristiani? Tutti i battezzati (certo, anche quelli che per tanti motivi non sono stati “crismati”). Il cristiano è un «abitato dallo Spirito santo» grazie al battesimo. Nessuno può allora dire a un battezzato: «Non sei cristiano». Questa è una sacrosanta verità, ma non è tutta la verità. Infatti, approfondendo, sempre il cardinale ci spiegherebbe che l’essere cristiano è un dono (Gabe) ricevuto attraverso il battesimo che istituisce immediatamente un compito (Aufgabe) importante, cioè quello di seguire Gesù sulle vie che il Maestro di Nazareth indica: anzi, Lui stesso è la Via percorrendo la quale si può vivere la Vita in Verità e così salvarsi dalla barbarie umana del cuore insensibile, freddo, escludente, guerrafondaio, rissoso, mercificante, narcisista, egocentrico, prepotente e così via.

Dall’essere cristiano nasce allora il cristianesimo come compito di vita per tutti coloro che lo possono praticare, perché hanno il “potere” di seguire l’insegnamento di Gesù e di dare testimonianza alla Sua verità, inscritta nell’unico comandamento lasciatoci: «Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi».

E seguire il compito, per un cristiano, è abitare il “come” Gesù ci ha amati. Non è l’amore generico, o anche un “amore come vuoi tu”, il comandamento di Gesù. È piuttosto l’amore sconfinato (certo paradossale in moltissimi tratti), ma possibile, mostrato da Gesù con la sua pro–esistenza per tutti, in particolare per i poveri o quelli che «vivono nel rovescio della storia» e non hanno nessuna centralità, sono scartati, emarginati, esclusi. Il “come” dell’amore di Gesù è, letteralmente, dedizione totale all’altro, manifesta gli occhi pieni di compassione per il dolore immane di altri e per ogni sofferenza, fosse anche quella del nemico. Perciò, se la fede è un dono ( Gabe) che stabilisce un compito ( Aufgabe), il cardinale Müller annoterebbe anche che non c’è altra via per un cristiano di eseguirlo se non la dedizione (Hingabe).

È questo il motivo spirituale e teologico per cui nella tradizione cattolica (cioè quella formalità cattolica del credere cristiano, custodita per tutti dal servizio pastorale della Congregazione per la dottrina della fede) la fede non è mai “sola”: la sola fides, comunque venga intesa, non esprime il cristianesimo cattolico, semmai quello luterano. Fides quae per charitatem operatur, invece, dice il cattolicesimo cristiano. Operare attraverso la carità non è un optional per la fede cristiana, secondo il cattolicesimo. Perciò, è possibile parlare di «cattolicesimo convenzionale» , come un cattolicesimo poco cristiano o anche “non cristiano”, quale estrema posizione di chi da cattolico vive una «fede morta», secondo san Giacomo, cioè una fede senza le opere della fede, la carità ( agape), amore verso il prossimo nel quale soltanto è stabilita la visibilità dell’amore dell’uomo per Dio.

D’altronde, anche Gesù ha incontrato questa forma di miscredenza, in quella ipocrisia religiosa che fa pregare Dio solo con le labbra, mentre il cuore è lontano dal suo insegnamento. La religione come “segno esteriore” segnala l’esistenza della fede, la quale però è tale solo se è testimonianza attraverso il dono di sé nell’amore secondo Gesù.

Se un cattolico dicesse a un altro cattolico – «non sei cristiano» – non negherebbe affatto la presenza dello Spirito Santo per il battesimo in quel fratello, ma gli direbbe con parresia – “non vivi da cristiano” –, non stai seguendo l’insegnamento di Gesù, perché il tuo cuore non palpita al ritmo dello Spirito santo, il quale – immaginato come una colomba – potrebbe essere inerte con le ali tarpate o – se immaginato come fuoco – potrebbe es- sere spento e ghiacciato nel cuore del fratello. La questione più seria è, piuttosto, quello di sapere se c’è qualcuno deputato a “giudicare” chi vive da cristiano e chi non vive da cristiano. Il cardinale Müller insegnerebbe che c’è e quello è il Magistero della Chiesa, il Papa unitamente ai vescovi, successori degli Apostoli.

Vescovi, come quelli siciliani che hanno annunciato il Vangelo sulla questione dei profughi e dei migranti, dicendo che l’accoglienza (umanamente “integrata”) è una via obbligata del Vangelo, hanno stabilito per tutti (anche per sé stessi) che accogliere è evangelico e non-accogliere, invece, non lo è. Con questo non hanno inteso fare “politica” o intromettersi in campi di loro non-pertinenza, benché sono consapevoli che la loro affermazione ha anche un significato etico e inevitabilmente politico: è rivolto cioè alla coscienza dei cattolici cristiani, perché in politica promuovano i valori cristiani della loro coscienza o, meglio, i valori della loro coscienza cristiana, essendo necessario evitare il pericolo “ipocritica” di chi è cristiano perché battezzato e non lo è per vissuto, non lo è nella sua azione.

Così, amare il nemico è cristiano, odiare il nemico non lo è. Ancora, fare del bene a chi ti fa del male è cristiano, vendicarsi non lo è, per nulla. «Fare violenza in nome di Dio è satanico» (papa Francesco), come «agire con violenza è contro la natura dell’anima e di Dio» (Benedetto XVI). Pertanto, se un cattolico – con tutto lo Spirito santo del suo battesimo – agisce con violenza in nome di Dio è satanico (e dunque non è cristiano), anzi vive contro la stessa natura dell’anima e quindi è disumano (e anche per questo non è cristiano), non riconosce la stessa natura di Dio, solo e sempre amore, cioè il Vangelo di Gesù, per il quale Gesù è morto in croce per amore (e soprattutto per questo non è cristiano).

Vescovo di Noto

Originale: Avvenire.it
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Ma chi è davvero il cristiano? Chi vive e agisce da cristiano

C'è qualcuno deputato a "giudicare": è il magistero della Chiesa

- Advertisement -

Fede, religione, compito dei successori degli apostoli, «cattolicesimo convenzionale». C’è qualcuno deputato a “giudicare”: è il magistero della Chiesa

Se andassimo a scuola di teologia fondamentale e dogmatica dal cardinale Gerhard Müller – già prefetto della Congregazione della Dottrina della fede – verremmo a sapere che la fede cristiana è un dono ricevuto nella Chiesa cattolica quando siamo stati battezzati e, crescendo, abbiamo ricevuto il sacramento della confermazione.

Chi sono i cristiani? Tutti i battezzati (certo, anche quelli che per tanti motivi non sono stati “crismati”). Il cristiano è un «abitato dallo Spirito santo» grazie al battesimo. Nessuno può allora dire a un battezzato: «Non sei cristiano». Questa è una sacrosanta verità, ma non è tutta la verità. Infatti, approfondendo, sempre il cardinale ci spiegherebbe che l’essere cristiano è un dono (Gabe) ricevuto attraverso il battesimo che istituisce immediatamente un compito (Aufgabe) importante, cioè quello di seguire Gesù sulle vie che il Maestro di Nazareth indica: anzi, Lui stesso è la Via percorrendo la quale si può vivere la Vita in Verità e così salvarsi dalla barbarie umana del cuore insensibile, freddo, escludente, guerrafondaio, rissoso, mercificante, narcisista, egocentrico, prepotente e così via.

Dall’essere cristiano nasce allora il cristianesimo come compito di vita per tutti coloro che lo possono praticare, perché hanno il “potere” di seguire l’insegnamento di Gesù e di dare testimonianza alla Sua verità, inscritta nell’unico comandamento lasciatoci: «Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi».

E seguire il compito, per un cristiano, è abitare il “come” Gesù ci ha amati. Non è l’amore generico, o anche un “amore come vuoi tu”, il comandamento di Gesù. È piuttosto l’amore sconfinato (certo paradossale in moltissimi tratti), ma possibile, mostrato da Gesù con la sua pro–esistenza per tutti, in particolare per i poveri o quelli che «vivono nel rovescio della storia» e non hanno nessuna centralità, sono scartati, emarginati, esclusi. Il “come” dell’amore di Gesù è, letteralmente, dedizione totale all’altro, manifesta gli occhi pieni di compassione per il dolore immane di altri e per ogni sofferenza, fosse anche quella del nemico. Perciò, se la fede è un dono ( Gabe) che stabilisce un compito ( Aufgabe), il cardinale Müller annoterebbe anche che non c’è altra via per un cristiano di eseguirlo se non la dedizione (Hingabe).

- Advertisement -

È questo il motivo spirituale e teologico per cui nella tradizione cattolica (cioè quella formalità cattolica del credere cristiano, custodita per tutti dal servizio pastorale della Congregazione per la dottrina della fede) la fede non è mai “sola”: la sola fides, comunque venga intesa, non esprime il cristianesimo cattolico, semmai quello luterano. Fides quae per charitatem operatur, invece, dice il cattolicesimo cristiano. Operare attraverso la carità non è un optional per la fede cristiana, secondo il cattolicesimo. Perciò, è possibile parlare di «cattolicesimo convenzionale» , come un cattolicesimo poco cristiano o anche “non cristiano”, quale estrema posizione di chi da cattolico vive una «fede morta», secondo san Giacomo, cioè una fede senza le opere della fede, la carità ( agape), amore verso il prossimo nel quale soltanto è stabilita la visibilità dell’amore dell’uomo per Dio.

D’altronde, anche Gesù ha incontrato questa forma di miscredenza, in quella ipocrisia religiosa che fa pregare Dio solo con le labbra, mentre il cuore è lontano dal suo insegnamento. La religione come “segno esteriore” segnala l’esistenza della fede, la quale però è tale solo se è testimonianza attraverso il dono di sé nell’amore secondo Gesù.

Se un cattolico dicesse a un altro cattolico – «non sei cristiano» – non negherebbe affatto la presenza dello Spirito Santo per il battesimo in quel fratello, ma gli direbbe con parresia – “non vivi da cristiano” –, non stai seguendo l’insegnamento di Gesù, perché il tuo cuore non palpita al ritmo dello Spirito santo, il quale – immaginato come una colomba – potrebbe essere inerte con le ali tarpate o – se immaginato come fuoco – potrebbe es- sere spento e ghiacciato nel cuore del fratello. La questione più seria è, piuttosto, quello di sapere se c’è qualcuno deputato a “giudicare” chi vive da cristiano e chi non vive da cristiano. Il cardinale Müller insegnerebbe che c’è e quello è il Magistero della Chiesa, il Papa unitamente ai vescovi, successori degli Apostoli.

Vescovi, come quelli siciliani che hanno annunciato il Vangelo sulla questione dei profughi e dei migranti, dicendo che l’accoglienza (umanamente “integrata”) è una via obbligata del Vangelo, hanno stabilito per tutti (anche per sé stessi) che accogliere è evangelico e non-accogliere, invece, non lo è. Con questo non hanno inteso fare “politica” o intromettersi in campi di loro non-pertinenza, benché sono consapevoli che la loro affermazione ha anche un significato etico e inevitabilmente politico: è rivolto cioè alla coscienza dei cattolici cristiani, perché in politica promuovano i valori cristiani della loro coscienza o, meglio, i valori della loro coscienza cristiana, essendo necessario evitare il pericolo “ipocritica” di chi è cristiano perché battezzato e non lo è per vissuto, non lo è nella sua azione.

Così, amare il nemico è cristiano, odiare il nemico non lo è. Ancora, fare del bene a chi ti fa del male è cristiano, vendicarsi non lo è, per nulla. «Fare violenza in nome di Dio è satanico» (papa Francesco), come «agire con violenza è contro la natura dell’anima e di Dio» (Benedetto XVI). Pertanto, se un cattolico – con tutto lo Spirito santo del suo battesimo – agisce con violenza in nome di Dio è satanico (e dunque non è cristiano), anzi vive contro la stessa natura dell’anima e quindi è disumano (e anche per questo non è cristiano), non riconosce la stessa natura di Dio, solo e sempre amore, cioè il Vangelo di Gesù, per il quale Gesù è morto in croce per amore (e soprattutto per questo non è cristiano).

Vescovo di Noto

- Advertisement -
Originale: Avvenire.it

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
168IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Bibbia: poeti e poesie

I “beati” dell’Apocalisse

Le sei parole di Maria

Ezechiele quadriforme

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x