9 C
Rome
lunedì, 18 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Lo stile comunicativo di Gesù copiato da papa Francesco

Lo stile comunicativo di Gesù copiato da papa Francesco

- Advertisement -

La parresìa e quelle parole come pietre d’inciampo

Se l’ira è uno dei sette vizi capitali, bisogna però subito osservare che lo sdegno può essere una virtù. Infatti si tratta di uno schierarsi apertamente, coscientemente e appassionatamente dalla parte del bene, della verità, della giustizia, opponendosi al male, alla menzogna e all’ingiustizia. Il modo espressivo dell’indignazione è quello delle controversie che sono un genere letterario adottato dai Vangeli: basti leggere il capitolo 23 di Matteo. Ovviamente il dibattito, la dialettica, la polemica da sempre costituiscono il sale della comunicazione. Se usato in dosi massicce, come accade ai nostri giorni in televisione o in politica, rovina irrimediabilmente la comunicazione, facendola degenerare in rissa e incomunicabilità ottusa. Nel Nuovo Testamento si adotta un termine della società greca, parresìa, per esaltare la libertà e il coraggio di poter testimoniare in pubblico la propria convinzione e fede.

Ebbene, Gesù non teme di confrontarsi, anche con durezza, con la classe dirigente politica, religiosa e sacerdotale: basti solo leggere i due cicli di controversie con scribi e farisei posti in apertura (Mc 2,1-3,6) e a suggello del suo ministero pubblico (Mc 11-12). Ma gli esempi si possono moltiplicare e hanno alla base una componente fondamentale, cioè la comunicazione della verità contro ogni doppiezza: “Sia il vostro linguaggio: sì, sì; no, no; il superfluo procede dal maligno” (Mt 5,36-37).

Si tratta di un aspetto messo sovente in sordina nella retorica dell’oratoria ecclesiastica, incline a lasciarsi intridere da robuste porzioni di melassa spiritualmente dolciastra. Sulla scia dello stile dei profeti le parole di Cristo conoscono spesso lo sdegno che si accende soprattutto di fronte all’ipocrisia religiosa che, sotto il manto di una pietà artificiosa e formale, nasconde egoismi inconfessati e interessi inconfessabili. Pensiamo alla frusta agitata contro i mercanti che trasformano il tempio di Sion in “una spelonca di ladri” (Mt 21,13), come già protestavano i profeti (Ger 7,11). Tutto il giudaismo ufficiale è metaforicamente frustato nelle varie polemiche che Gesù apre contro le varie fazioni dei sadducei, dei farisei, degli erodiani, contro le classi sacerdotali e intellettuali (gli scribi): basterebbe rimandare ai sette “Guai!” del capitolo 23 di Matteo o all’attacco contro i “mercenari” o falsi pastori di Israele presente nel capitolo 10 di Giovanni.

Il culto separato dalla vita, la liturgia senza la giustizia, il digiuno retoricamente conclamato, l’elemosina e la preghiera ostentate sono denunziati senza reticenze, e la parabola del pubblicano e del fariseo (Lc 18,9-14) ne è una vigorosa testimonianza. Il fariseo, avvolto nel manto glorioso delle sue opere e della sua giustizia, è convinto della sua giustizia e dei doveri di Dio nei suoi confronti. Il pubblicano, peccatore pentito, con il riconoscimento umile della sua miseria morale diventa il vero uomo religioso. L’idolatria della ricchezza, l’egoismo, la violenza e l’odio escludono dal regno di Dio. “Se stai per deporre sull’altare la tua offerta e là ti ricordi che tuo fratello ha qualcosa contro di te, lascia la tua offerta davanti all’altare e va’ prima a riconciliarti con tuo fratello; dopo verrai a offrire il tuo dono” (Mt 5,23-24).

Sono molte le parole di Gesù simili a quella spada che egli diceva di aver portato nella storia: “Non crediate che io sia venuto a portare la pace sulla terra; non sono venuto a portare la pace, ma la spada. Sono venuto a separare l’uomo da suo padre, la figlia da sua madre, la nuora da sua suocera […] Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e vorrei davvero che fosse già acceso!”. (Mt 10,34-35; Lc 12,49).

Molte sono le parole dure, radicali e assolute, rese ancor più veementi dal calco semitico, come nel caso della celebre frase: “Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e anche la propria vita, non può essere mio discepolo” (Lc 14,26). In realtà Gesù, come è ovvio, non suggerisce l’odio che ha sempre bandito dal suo sdegno, ma riflette il linguaggio semitico che ignora il comparativo e procede per assoluti, che trasforma un “amare meno” in “odiare”. Rimane, comunque, la potenza indimenticabile di quel monito.

Il discorso potrebbe allargarsi e costringerci a citare quasi metà delle parole di Gesù, segnate dal colore e dal calore, dalla passione e dall’intensità, dall’esigenza forte e assoluta, da un radicalismo che detesta il compromesso (in questo senso dev’essere intesa la sua visione del matrimonio come totale e indissolubile donazione d’amore, senza riserve e limiti: Mc 10,1-12; Mt 5,31-32; 19,1-9).

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Lo stile comunicativo di Gesù copiato da papa Francesco

  

- Advertisement -

La parresìa e quelle parole come pietre d’inciampo

Se l’ira è uno dei sette vizi capitali, bisogna però subito osservare che lo sdegno può essere una virtù. Infatti si tratta di uno schierarsi apertamente, coscientemente e appassionatamente dalla parte del bene, della verità, della giustizia, opponendosi al male, alla menzogna e all’ingiustizia. Il modo espressivo dell’indignazione è quello delle controversie che sono un genere letterario adottato dai Vangeli: basti leggere il capitolo 23 di Matteo. Ovviamente il dibattito, la dialettica, la polemica da sempre costituiscono il sale della comunicazione. Se usato in dosi massicce, come accade ai nostri giorni in televisione o in politica, rovina irrimediabilmente la comunicazione, facendola degenerare in rissa e incomunicabilità ottusa. Nel Nuovo Testamento si adotta un termine della società greca, parresìa, per esaltare la libertà e il coraggio di poter testimoniare in pubblico la propria convinzione e fede.

Ebbene, Gesù non teme di confrontarsi, anche con durezza, con la classe dirigente politica, religiosa e sacerdotale: basti solo leggere i due cicli di controversie con scribi e farisei posti in apertura (Mc 2,1-3,6) e a suggello del suo ministero pubblico (Mc 11-12). Ma gli esempi si possono moltiplicare e hanno alla base una componente fondamentale, cioè la comunicazione della verità contro ogni doppiezza: “Sia il vostro linguaggio: sì, sì; no, no; il superfluo procede dal maligno” (Mt 5,36-37).

Si tratta di un aspetto messo sovente in sordina nella retorica dell’oratoria ecclesiastica, incline a lasciarsi intridere da robuste porzioni di melassa spiritualmente dolciastra. Sulla scia dello stile dei profeti le parole di Cristo conoscono spesso lo sdegno che si accende soprattutto di fronte all’ipocrisia religiosa che, sotto il manto di una pietà artificiosa e formale, nasconde egoismi inconfessati e interessi inconfessabili. Pensiamo alla frusta agitata contro i mercanti che trasformano il tempio di Sion in “una spelonca di ladri” (Mt 21,13), come già protestavano i profeti (Ger 7,11). Tutto il giudaismo ufficiale è metaforicamente frustato nelle varie polemiche che Gesù apre contro le varie fazioni dei sadducei, dei farisei, degli erodiani, contro le classi sacerdotali e intellettuali (gli scribi): basterebbe rimandare ai sette “Guai!” del capitolo 23 di Matteo o all’attacco contro i “mercenari” o falsi pastori di Israele presente nel capitolo 10 di Giovanni.

Il culto separato dalla vita, la liturgia senza la giustizia, il digiuno retoricamente conclamato, l’elemosina e la preghiera ostentate sono denunziati senza reticenze, e la parabola del pubblicano e del fariseo (Lc 18,9-14) ne è una vigorosa testimonianza. Il fariseo, avvolto nel manto glorioso delle sue opere e della sua giustizia, è convinto della sua giustizia e dei doveri di Dio nei suoi confronti. Il pubblicano, peccatore pentito, con il riconoscimento umile della sua miseria morale diventa il vero uomo religioso. L’idolatria della ricchezza, l’egoismo, la violenza e l’odio escludono dal regno di Dio. “Se stai per deporre sull’altare la tua offerta e là ti ricordi che tuo fratello ha qualcosa contro di te, lascia la tua offerta davanti all’altare e va’ prima a riconciliarti con tuo fratello; dopo verrai a offrire il tuo dono” (Mt 5,23-24).

Sono molte le parole di Gesù simili a quella spada che egli diceva di aver portato nella storia: “Non crediate che io sia venuto a portare la pace sulla terra; non sono venuto a portare la pace, ma la spada. Sono venuto a separare l’uomo da suo padre, la figlia da sua madre, la nuora da sua suocera […] Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e vorrei davvero che fosse già acceso!”. (Mt 10,34-35; Lc 12,49).

- Advertisement -

Molte sono le parole dure, radicali e assolute, rese ancor più veementi dal calco semitico, come nel caso della celebre frase: “Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e anche la propria vita, non può essere mio discepolo” (Lc 14,26). In realtà Gesù, come è ovvio, non suggerisce l’odio che ha sempre bandito dal suo sdegno, ma riflette il linguaggio semitico che ignora il comparativo e procede per assoluti, che trasforma un “amare meno” in “odiare”. Rimane, comunque, la potenza indimenticabile di quel monito.

Il discorso potrebbe allargarsi e costringerci a citare quasi metà delle parole di Gesù, segnate dal colore e dal calore, dalla passione e dall’intensità, dall’esigenza forte e assoluta, da un radicalismo che detesta il compromesso (in questo senso dev’essere intesa la sua visione del matrimonio come totale e indissolubile donazione d’amore, senza riserve e limiti: Mc 10,1-12; Mt 5,31-32; 19,1-9).

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
870FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Rut, la moabita

Le 217 domande di Gesù

Scelte di vita e vocazione

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO