23.9 C
Rome
giovedì, 27 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XV Domenica Tempo Ordinario - Anno C - 10 luglio 2016

XV Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 10 luglio 2016

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

XV Domenica Tempo Ordinario – C

(Deuteronomio 30,10-14; Colossesi 1,15-20; Luca 10,25-37)

A  cura di Benito Giorgetta

Lo scandalo (necessario) dell’amore

Ascoltiamo il Vangelo:

“In quel tempo, un dottore della Legge si alzò per mettere alla prova Gesù e chiese: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso». Gli disse: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai».
Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è mio prossimo?». Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gèrico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e, quando lo vide, passò oltre. Anche un levìta, giunto in quel luogo, vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto, vide e ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi lo caricò sulla sua cavalcatura, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. Il giorno seguente, tirò fuori due denari e li diede all’albergatore, dicendo: “Abbi cura di lui; ciò che spenderai in più, te lo pagherò al mio ritorno”. Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?». Quello rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va’ e anche tu fa’ così»”.

 

Gesù insegna l’arte dell’amore attraverso l’esempio, scandaloso, ma necessario di un samaritano. In questo modo risponde ai dottori della legge, a coloro che dovrebbero insegnare con la loro vita, e non con la loro spocchiosa voglia di primeggiare, cosa significa amare. Sale in cattedra un nemico, un forestiero: il samaritano. L’escluso, colui che si sarebbe dovuto evitare perché contaminato, non eletto. Lo spunto lo offrono coloro che, interrogando Gesù, gli chiedono, pretestuosamente, “ chi è il mio prossimo?”. E Gesù non teorizza, ma concretamente pone allo loro considerazione, non una filosofia del prossimo, ma la concretezza di un gesto. Racconta la parabola di quell’uomo che, incappato nei ladri, viene derubato, malmenato e lasciato sul bordo della strada. Nessuno si ferma a soccorrerlo, neppure il sacerdote del tempio o il levita, ma solo un samaritano, un forestiero, un escluso, appunto. E alla fine è Gesù che interroga: ”Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?». Quello rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va’ e anche tu fa’ così»”.

Hanno posto la questione ma ora ricevono il compito per casa. Il prossimo è colui presso il quale io dono la mia presenza per condividere, per arricchirmi della sua fraternità o per soccorrerlo nelle sue necessità. Non è colui dal quale spero di ricevere aiuto, plauso, comprensione, ma chi voglio servire nello spirito della generosa gratuità e libertà di farlo solo per amore.

“Amo perché amo, amo per amare. Dai «Discorsi sul Cantico dei Cantici» di san Bernardo, abate (Disc. 83, 4-6; Opera omnia). Lamore è sufficiente per se stesso, piace per se stesso e in ragione di sé. La compassione non è un istinto, ma una conquista, un dono, come il perdono non è un sentimento ma una decisione.

Da qui nasce il nuovo decalogo dell’amore, quello che si coniuga con i dieci verbi del buon samaritano e si conclude con il vero insegnamento del Maestro: “Va’ e anche tu fa’ così”. Cosa aspettiamo ad andare, se abbiamo imparato? Andiamo ad insegnare lo scandalo (necessario) dell’arte d’amare. Ma paghiamo di persona e non addebitiamo sul conto altrui, il prossimo è chi mi soccorre e chi, io, soccorro.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XV Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 10 luglio 2016

  

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

XV Domenica Tempo Ordinario – C

(Deuteronomio 30,10-14; Colossesi 1,15-20; Luca 10,25-37)

A  cura di Benito Giorgetta

Lo scandalo (necessario) dell’amore

- Advertisement -

Ascoltiamo il Vangelo:

“In quel tempo, un dottore della Legge si alzò per mettere alla prova Gesù e chiese: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso». Gli disse: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai».
Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è mio prossimo?». Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gèrico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e, quando lo vide, passò oltre. Anche un levìta, giunto in quel luogo, vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto, vide e ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi lo caricò sulla sua cavalcatura, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. Il giorno seguente, tirò fuori due denari e li diede all’albergatore, dicendo: “Abbi cura di lui; ciò che spenderai in più, te lo pagherò al mio ritorno”. Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?». Quello rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va’ e anche tu fa’ così»”.

 

Gesù insegna l’arte dell’amore attraverso l’esempio, scandaloso, ma necessario di un samaritano. In questo modo risponde ai dottori della legge, a coloro che dovrebbero insegnare con la loro vita, e non con la loro spocchiosa voglia di primeggiare, cosa significa amare. Sale in cattedra un nemico, un forestiero: il samaritano. L’escluso, colui che si sarebbe dovuto evitare perché contaminato, non eletto. Lo spunto lo offrono coloro che, interrogando Gesù, gli chiedono, pretestuosamente, “ chi è il mio prossimo?”. E Gesù non teorizza, ma concretamente pone allo loro considerazione, non una filosofia del prossimo, ma la concretezza di un gesto. Racconta la parabola di quell’uomo che, incappato nei ladri, viene derubato, malmenato e lasciato sul bordo della strada. Nessuno si ferma a soccorrerlo, neppure il sacerdote del tempio o il levita, ma solo un samaritano, un forestiero, un escluso, appunto. E alla fine è Gesù che interroga: ”Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?». Quello rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va’ e anche tu fa’ così»”.

Hanno posto la questione ma ora ricevono il compito per casa. Il prossimo è colui presso il quale io dono la mia presenza per condividere, per arricchirmi della sua fraternità o per soccorrerlo nelle sue necessità. Non è colui dal quale spero di ricevere aiuto, plauso, comprensione, ma chi voglio servire nello spirito della generosa gratuità e libertà di farlo solo per amore.

“Amo perché amo, amo per amare. Dai «Discorsi sul Cantico dei Cantici» di san Bernardo, abate (Disc. 83, 4-6; Opera omnia). Lamore è sufficiente per se stesso, piace per se stesso e in ragione di sé. La compassione non è un istinto, ma una conquista, un dono, come il perdono non è un sentimento ma una decisione.

Da qui nasce il nuovo decalogo dell’amore, quello che si coniuga con i dieci verbi del buon samaritano e si conclude con il vero insegnamento del Maestro: “Va’ e anche tu fa’ così”. Cosa aspettiamo ad andare, se abbiamo imparato? Andiamo ad insegnare lo scandalo (necessario) dell’arte d’amare. Ma paghiamo di persona e non addebitiamo sul conto altrui, il prossimo è chi mi soccorre e chi, io, soccorro.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
273FansMi piace
803FollowerSegui
13,000FollowerSegui
582FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO