9.9 C
Roma
Mar, 1 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Lo charme di Gesù

Libri.

- Advertisement -
di: Barbara Alberti

Erano quattro piccoli libri, i Vangeli di Marco Matteo Luca e Giovanni, rotoli da nascondere nelle cintura, sfuggendo alla legge. Questi piccoli libri ne hanno fatti scrivere un oceano di altri, di commento, di narrazione, di confutazione, di reinvenzione, di apologia, di critica …Sono 2000 anni che si scrivono parole su quelle parole.

Eppure è ancora possibile dire qualcosa di mai udito prima. Non solo perché quei testi sono infinitamente interpretabili, ma perché il Vangelo genera se stesso, ha in sé la rinascita della parola.

Ho appena letto IlrovesciodelVangelodel giovane teologo Gianluca De Candia (EDB edizioni), un breve perfetto capolavoro con le qualità essenziali per chi osi scrivere del Vangelo – purezza, durezza, entusiasmo, sapienza, ispirazione, linguaggio, arte del racconto, semplicità profondissima. E il dono della trasfigurazione. Senza trasfigurazione non c’è comprensione. Solo da questo autore ho sentito parlare dello charmedi Gesù.

LocharmedelRabbidi NazaretfiltradaognipaginadelVangelo,restandoinafferrabile.Comeaccostarsi alloraallapatinadilucecheovunqueloaccompagna?Questadomandal’avvio all’avventuradiquestepagine:osareleggereilvangelo“alrovescio”,apartiredalla prospettivadicolorochelohannoincontrato.ComeloavrannoguardatoGiuseppe, Maria,ilBattista,lapeccatricediMagdala,Giuda, Pietro,Caifa,PilatoedErode?Unraccontofralerighedeivangeliesullalorosoglia,comeuninvito aentrare.

Entrare nei personaggi come non li hai mai pensati. Giuseppe me lo sono sempre immaginato con la barba bianca e il giglio in mano, un vecchio che veglia su una fanciulla. Ma qui Giuseppe il falegname è un giovanotto ardente che sacrifica amore e desiderio al disegno divino. Un genio della solitudine. Un genio del silenzio.

Personalitàimmensa,dasemprerimastanell’ombra.Ungigantedell’incuranzadi sé (…)perchénoncivuolemoltaforzaperesibirsi,macenevuolemoltaperritrarsi.

Giovanni Battista, quest’uomodisabbia,impavidoeincandescente,comegliantichiprofeti,che morirà per la vendetta di una donna. Giuda, che tradisce per un disegno ingenuo e megalomane, per spingere Dio alla riscossa. Miriam di Magdala, la Maddalena, donna libera e frivola, follemente vitale, che sfida i farisei e la loro vile impurità,e scoprirà nella purezza un’estasi più grande di quella del peccato.

Maria, la madre, Natasenzapeccato-quelvelodiinsostenibilemaliziacheappesantiscetutto.Pietro il pescatore, lo scettico di fede, Erode, Salomé, Giovanni, Giuda, Caifa e Pilato – chi,fratuttiloro,ilpiùsolo?-ognuno ha il suo Gesù. Li vediamo da vicino, cercando di leggere il loro cuore, in una sacra rappresentazione dei sentimenti che il Cristo fa nascere, in un racconto agile come una ballata, intenso come una meditazione.

I personaggi diventano il lasciapassare per liberare la nostra capacità di immaginare e ci fanno tornare curiosi del Vangelo. IlrovesciodelVangeloci incoraggia a capire che possiamo rileggerlo con i nostri occhi.

Già il primo libro di Gianluca De Candia DellaamabilitàdelCristianesimo,scritto da giovanissimo, fu per me una rivoluzione e una visione rispetto alle mie idee di ex-cattolica.

In queste cento pagine l’autore ha raggiunto, con la maturità di studi e di pensiero, una naturalezza di stile, come se il libro si fosse scritto da solo.

Scriveva Blaise Cendrars: Avevosediciannieminutrivodfiamme/ederogiàcosìcattivopoeta/chenon sapevoandarefinoifondo.De Candia c’è andato. Qui tutto è scoperta, luce, grazia, dolore, invito all’amore.

Riprendiamo la recensione del volume di Gianluca De CandiaIl rovescio del vangelo, EDB, Bologna 2019 dal blog Confidenze (30 giugno 2019).

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Lo charme di Gesù

Libri.

- Advertisement -
di: Barbara Alberti

Erano quattro piccoli libri, i Vangeli di Marco Matteo Luca e Giovanni, rotoli da nascondere nelle cintura, sfuggendo alla legge. Questi piccoli libri ne hanno fatti scrivere un oceano di altri, di commento, di narrazione, di confutazione, di reinvenzione, di apologia, di critica …Sono 2000 anni che si scrivono parole su quelle parole.

Eppure è ancora possibile dire qualcosa di mai udito prima. Non solo perché quei testi sono infinitamente interpretabili, ma perché il Vangelo genera se stesso, ha in sé la rinascita della parola.

Ho appena letto IlrovesciodelVangelodel giovane teologo Gianluca De Candia (EDB edizioni), un breve perfetto capolavoro con le qualità essenziali per chi osi scrivere del Vangelo – purezza, durezza, entusiasmo, sapienza, ispirazione, linguaggio, arte del racconto, semplicità profondissima. E il dono della trasfigurazione. Senza trasfigurazione non c’è comprensione. Solo da questo autore ho sentito parlare dello charmedi Gesù.

LocharmedelRabbidi NazaretfiltradaognipaginadelVangelo,restandoinafferrabile.Comeaccostarsi alloraallapatinadilucecheovunqueloaccompagna?Questadomandal’avvio all’avventuradiquestepagine:osareleggereilvangelo“alrovescio”,apartiredalla prospettivadicolorochelohannoincontrato.ComeloavrannoguardatoGiuseppe, Maria,ilBattista,lapeccatricediMagdala,Giuda, Pietro,Caifa,PilatoedErode?Unraccontofralerighedeivangeliesullalorosoglia,comeuninvito aentrare.

- Advertisement -

Entrare nei personaggi come non li hai mai pensati. Giuseppe me lo sono sempre immaginato con la barba bianca e il giglio in mano, un vecchio che veglia su una fanciulla. Ma qui Giuseppe il falegname è un giovanotto ardente che sacrifica amore e desiderio al disegno divino. Un genio della solitudine. Un genio del silenzio.

Personalitàimmensa,dasemprerimastanell’ombra.Ungigantedell’incuranzadi sé (…)perchénoncivuolemoltaforzaperesibirsi,macenevuolemoltaperritrarsi.

Giovanni Battista, quest’uomodisabbia,impavidoeincandescente,comegliantichiprofeti,che morirà per la vendetta di una donna. Giuda, che tradisce per un disegno ingenuo e megalomane, per spingere Dio alla riscossa. Miriam di Magdala, la Maddalena, donna libera e frivola, follemente vitale, che sfida i farisei e la loro vile impurità,e scoprirà nella purezza un’estasi più grande di quella del peccato.

Maria, la madre, Natasenzapeccato-quelvelodiinsostenibilemaliziacheappesantiscetutto.Pietro il pescatore, lo scettico di fede, Erode, Salomé, Giovanni, Giuda, Caifa e Pilato – chi,fratuttiloro,ilpiùsolo?-ognuno ha il suo Gesù. Li vediamo da vicino, cercando di leggere il loro cuore, in una sacra rappresentazione dei sentimenti che il Cristo fa nascere, in un racconto agile come una ballata, intenso come una meditazione.

I personaggi diventano il lasciapassare per liberare la nostra capacità di immaginare e ci fanno tornare curiosi del Vangelo. IlrovesciodelVangeloci incoraggia a capire che possiamo rileggerlo con i nostri occhi.

Già il primo libro di Gianluca De Candia DellaamabilitàdelCristianesimo,scritto da giovanissimo, fu per me una rivoluzione e una visione rispetto alle mie idee di ex-cattolica.

In queste cento pagine l’autore ha raggiunto, con la maturità di studi e di pensiero, una naturalezza di stile, come se il libro si fosse scritto da solo.

Scriveva Blaise Cendrars: Avevosediciannieminutrivodfiamme/ederogiàcosìcattivopoeta/chenon sapevoandarefinoifondo.De Candia c’è andato. Qui tutto è scoperta, luce, grazia, dolore, invito all’amore.

Riprendiamo la recensione del volume di Gianluca De CandiaIl rovescio del vangelo, EDB, Bologna 2019 dal blog Confidenze (30 giugno 2019).

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
289FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
640FollowerSegui
138IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Il Padre nostro e la tentazione

La teologia di papa Francesco

Razzismo 2.0, l’odio online

Libri consigliati – Ottobre 2018

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x