Libri: La disparition de Josef Mengele, romanzo, Grasset, 2018

Per preparare questo libro, Guez é andato a Günzburg, in Argentina e in Brasile dove ha trovato la fattoria di Santa Luzia, vicino a Serra Negra.


0


  

Questo libro racconta la storia di Josef Mengele in Sud America. Alcune aree d’ombra probabilmente non saranno mai chiarite. Solo la forma romanzesca poteva permettere all’autore di avvicinarsi il più vicino possibile alla traiettoria macabra del medico nazista.

Per preparare questo libro, Guez é andato a Günzburg, in Argentina e in Brasile dove ha trovato la fattoria di Santa Luzia, vicino a Serra Negra.

Tra i pochi libri studiati, alcuni sono stati essenziali per la preparazione di questo libro. Quello di Miklos Nyiszli per iniziare da cui sono tratte le macabre descrizioni dei campi nelle pagine da 114 a 119. Inoltre è stato anche prezioso il ricorso alle opere di Ulrich Völklein, Gerald Astor, Sven Keller, Gerald L. Posner e John Ware. Testi principali che per Guez sono stati una miniera di informazioni senza pari e ad oggi costituiscono  la migliore biografia di Mengele, a suo parere. Negli anni ’80, Posner e Ware avevano accesso ai diari privati ​​del dottore in fuga. Per quanto riguarda l’Argentina di Peron e la sua politica di accoglienza dei criminali di guerra nazisti, “Autentica Odessa” di Uki Goni e “Eichmann prima di Gerusalemm” di Bettina Stangneth sono libri indispensabili. “La legge del sangue” di Johann Chapoutot è stata invece una lettura preziosa per apprendere la visione del mondo nazista.

Olivier Guez è l’autore, tra gli altri, di L’Impossible retour, una storia di ebrei in Germania dal 1945, Éloge de l ‘esquive e Les Révolutions de Jacques Koskas. Nel 2016, ha ricevuto il premio per la miglior sceneggiatura tedesca per il film: Fritz Bauer, un eroe tedesco.

1949: Josef Mengele arriva in Argentina. Nascosto dietro vari pseudonimi, l’ex medico torturatore di Auschwitz crede di potersi  inventare una nuova vita in Buenos Aires. L’Argentina di Pèron è molto vigile, il mondo intero vuole dimenticare i crimini nazisti. Ma la caccia è ripresa e il medico delle SS deve fuggire in Paraguay e per finire in Brasile. Il suo vagabondare di nascondiglio in nascondiglio, mascherato e rosicchiato dall’angoscia, non conoscerà più tregua … fino alla sua misteriosa morte su una spiaggia nel 1979. Come il medico SS è stato in grado di superare le maglie della rete investigativa internazionale contro i criminali di guerra, per trent’anni? La scomparsa di Josef Mengele è un’immersione incredibile nel cuore dell’oscurità, ex nazisti, agenti del Mossad, donne avide e dittatori di operette si evolvono in un mondo corrotto dal fanatismo e dalla Realpolitik, denaro e ambizione. Questa è la terribile odissea di Josef Mengele in Sud America. La vera storia “romanzata” della sua carriera postbellica.

Personalmente devo dire che il libro mi ha sorpreso molto. In alcuni punti ero quasi irritata della prosa della descrizione troppo umana dei personaggi ivi riportati ed incastonati in modo tutt’altro che astratto.

Alla fine è stata la più che meritevole e solida bibliografia a convincermi che l’autore, pur avendo optato per la forma romanzata, ha realizzato un’opera degna di considerazione oltre che fruibile da lettori non intellettualmente o ideologicamente di parte.

Libri consigliati