L’emozionante “sì” di Heather Mosher: si sposa 18 ore prima di morire

Testimonianze di vita


0

+100%-

Il cancro la stava annientando. Ma la ragazza americana ha voluto fortemente le nozze con David. Una storia simbolo di attaccamento alla vita fino alla fine

18 ore dopo essersi sposata, due anni dopo aver ricevuto una diagnosi di cancro, Heather Mosher è morta in un ospedale del Connecticut, negli Stati Uniti.

Non è riuscita a sconfiggere la malattia, contro la quale ha lottato sino all’ultimo momento, ma le foto del suo matrimonio con David, pubblicate su facebook, sono diventate adesso il potente simbolo di quella lotta, dell’attaccamento alla vita, della voglia di esserci e di viverla intensamente fino in fondo (L’Huffington Post, 3 gennaio).

Anticipate al 23 dicembre

Come riporta Abc News (2 gennaio), la nozze si sarebbero dovute celebrare il 30 dicembre, ma il peggioramento delle condizioni della donna hanno convinto la coppia ad anticipare la data del fatidico sì al 23 dicembre. Le nozze sono state celebrate nella cappella dell’ospedale in cui era ricoverata la donna, dove sono accorsi amici e parenti. Qualche ora più tardi la donna si è spenta nel suo letto.

La diagnosi di cancro al seno

Heather e David si erano conosciuti nel 2016 e un anno più tardi il ragazzo aveva intenzione di chiedere la sua mano, ma proprio quando era pronto a fare la proposta, a Heather era stato diagnosticato un cancro al seno. Nonostante la terribile notizia, David decise comunque di chiedere in sposa la ragazza: “Non doveva affrontare questo percorso da sola”.

Facebook

Le metastasi

Qualche giorno più tardi i medici hanno notato un’elevata aggressività del cancro, che hanno costretto la donna a vivere gli ultimi anni tra ospedali, cure e terapie, fino al settembre 2017, quando le metastasi si erano ormai diffuse nel cervello.

In quel momento è stato chiaro che non c’era più niente da fare. Heather ha comunque continuato a combattere, realizzando, poche ore prima della morte, il sogno d’amore con il suo David (Today, 2 gennaio).