12.6 C
Rome
Dom, 15 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Le ferite del Risorto come mappa dell’amore di Dio

Le ferite del Risorto come mappa dell’amore di Dio

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

II Domenica di Pasqua  – C

A  cura di Benito Giorgetta

(Atti 5,12-16; Apocalisse 1,9-11.12-13.17-19; Giovanni 20,19-31).)

Le ferite del Risorto come mappa dell’amore di Dio

Ascoltiamo il Vangelo:

“La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. 
Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome”.

         E sempre Dio che raggiunge l’uomo. E’ stato così nel paradiso terreste, nell’Incarnazione, ad Emmaus, quando è lontano a motivo del peccato, o, semplicemente, ogni volta che si chiude, raggomitola, miopamente e riduttivamente, in se stesso. Ma quando Dio raggiunge l’uomo non lo rimprovera, ma prevale la gioia di averlo ritrovato, anzi gli fa festa.

            Così ci racconta la prima esperienza dell’incontro degli apostoli con Gesù. Rinchiusi per paura d’essere scoperti, barricati dentro il cenacolo, si vedono raggiunti, nonostante la porta chiusa, da Gesù in persona, che arrivato li saluta augurando la pace. Eppure ne avrebbe cose da ridire, lezioni da rifare, rimproveri da propinare, ma nulla di tutto questo. La gioia dell’incontro prevale sulla nostalgia e il rimprovero del tradimento e dell’abbandono. “Pace a voi”!

La pace costruisce, avvicina, crea ponti, collegamenti, rinascite; il rimprovero demolisce, distanzia, inasprisce, crea muri, divisioni. Ma, oltre la pace, Gesù dona anche i suoi stessi poteri e la sua stessa missione, quelli ricevuti dal Padre: “… Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi…”. Il ponte più grande della storia umana è quello che collega Dio agli uomini e Gesù ne è l’ossatura. Le piaghe della passione che egli mostra all’incredulo Tommaso ne sono il segno, il timbro che qualifica la titolarità.

Ma, nonostante Gesù li va a trovare, dove, impauriti, si sono rifugiati, gli apostoli non si coinvolgono, non hanno le forze di reagire alla paura vincendola con la forza dell’amore che Gesù imprime nei loro cuori. Ancora una volta li raggiunge, dopo otto giorni. Si ripete il saluto, ridona l’amicizia, ripropone il suo affetto e la sua fiducia. Non hanno capito che li ha inviati, ha infuso in loro il coraggio di abbattere il muro della paura, ma la speranza e il coraggio di avviarsi non ancora nascono nei loro cuori. E Gesù addirittura sfida l’incredulità del Didimo. Espone le sue ferite per farle verificare, non solo le ha subite ma le deve ostentare come prova di una donazione totale. Ma sono proprio esse, ancora scritte sul suo corpo, che indicano la mappa della salvezza e la rotta che racconta l’amore di Dio. Tommaso sconfigge la sua titubanza e si abbandona come un bimbo in braccio alla madre. Questa è la fede. E Dio la sa suscitare, alimentare, attendere, illuminare, sostenere.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Le ferite del Risorto come mappa dell’amore di Dio

  

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

II Domenica di Pasqua  – C

A  cura di Benito Giorgetta

(Atti 5,12-16; Apocalisse 1,9-11.12-13.17-19; Giovanni 20,19-31).)

Le ferite del Risorto come mappa dell’amore di Dio

- Advertisement -

Ascoltiamo il Vangelo:

“La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. 
Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome”.

         E sempre Dio che raggiunge l’uomo. E’ stato così nel paradiso terreste, nell’Incarnazione, ad Emmaus, quando è lontano a motivo del peccato, o, semplicemente, ogni volta che si chiude, raggomitola, miopamente e riduttivamente, in se stesso. Ma quando Dio raggiunge l’uomo non lo rimprovera, ma prevale la gioia di averlo ritrovato, anzi gli fa festa.

            Così ci racconta la prima esperienza dell’incontro degli apostoli con Gesù. Rinchiusi per paura d’essere scoperti, barricati dentro il cenacolo, si vedono raggiunti, nonostante la porta chiusa, da Gesù in persona, che arrivato li saluta augurando la pace. Eppure ne avrebbe cose da ridire, lezioni da rifare, rimproveri da propinare, ma nulla di tutto questo. La gioia dell’incontro prevale sulla nostalgia e il rimprovero del tradimento e dell’abbandono. “Pace a voi”!

La pace costruisce, avvicina, crea ponti, collegamenti, rinascite; il rimprovero demolisce, distanzia, inasprisce, crea muri, divisioni. Ma, oltre la pace, Gesù dona anche i suoi stessi poteri e la sua stessa missione, quelli ricevuti dal Padre: “… Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi…”. Il ponte più grande della storia umana è quello che collega Dio agli uomini e Gesù ne è l’ossatura. Le piaghe della passione che egli mostra all’incredulo Tommaso ne sono il segno, il timbro che qualifica la titolarità.

Ma, nonostante Gesù li va a trovare, dove, impauriti, si sono rifugiati, gli apostoli non si coinvolgono, non hanno le forze di reagire alla paura vincendola con la forza dell’amore che Gesù imprime nei loro cuori. Ancora una volta li raggiunge, dopo otto giorni. Si ripete il saluto, ridona l’amicizia, ripropone il suo affetto e la sua fiducia. Non hanno capito che li ha inviati, ha infuso in loro il coraggio di abbattere il muro della paura, ma la speranza e il coraggio di avviarsi non ancora nascono nei loro cuori. E Gesù addirittura sfida l’incredulità del Didimo. Espone le sue ferite per farle verificare, non solo le ha subite ma le deve ostentare come prova di una donazione totale. Ma sono proprio esse, ancora scritte sul suo corpo, che indicano la mappa della salvezza e la rotta che racconta l’amore di Dio. Tommaso sconfigge la sua titubanza e si abbandona come un bimbo in braccio alla madre. Questa è la fede. E Dio la sa suscitare, alimentare, attendere, illuminare, sostenere.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
610FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

A scuola di preghiera

Vincere ansietà e paure

Libri consigliati – Aprile 2019

Bibbia: poeti e poesie

Fusco: La gioia dell’ascolto

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO