9.1 C
Roma
Mar, 31 Marzo 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Le domande scomode sui cristiani gettati in mare

Le domande scomode sui cristiani gettati in mare

- Advertisement -

La notizia delle agenzie sull’ennesima tragedia del Mediterraneo ha stavolta connotati religiosi che pongono interrogativi seri che non possono limitarsi allo scontro tra religioni

Si legge in questi giorni: “Sbarchi, rissa sul gommone per motivi religiosi, gettati in mare dodici cristiani”. Questa è la notizia secca data dalla stampa nostrana in queste ore. Gli accusati sono musulmani, gli uomini gettati in mare invece di religione cristiana.
Un messaggio di questo tipo pone inevitabilmente dei quesiti. Anzitutto perché è successo? A quale gruppo etnico appartengono le opposte fazioni? Sul gommone c’è stata una disputa teologica tra disperati? O non sarà che avranno litigato per una coperta?
Sempre sulle agenzie leggiamo: “In dodici, nigeriani e ghanesi, sono stati gettati in mare dai loro compagni di viaggio”. Mentre quelli arrestati “provengono dal Mali, Senegal, Guinea Bissau e soprattutto della Costa d’Avorio”. Chiedo scusa ai lettori per questa domanda scomoda, ma non potrebbero esserci anche altri moventi? Ad esempio, il governo nigeriano e quello ghanese sono stati ripetutamente coinvolti nelle missioni dell’Ecomog (The Economic Community of West African States Monitoring Group) in Africa Occidentale e spesso la loro presenza in alcuni Paesi è stata percepita negativamente.
Una cosa è certa:  quanto è avvenuto è gravissimo, ma prima di parlare di uccisioni “solo” per motivi religiosi, per favore andiamoci piano. Insomma, aspettiamo l’esito finale dell’inchiesta che comunque non sarà facile anche perché determinare con certezza la nazionalità dei profughi e la loro appartenenza religiosa è sempre molto difficile. La materia è delicatissima perché occorre scongiurare lo scontro tra le civiltà.
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Le domande scomode sui cristiani gettati in mare

  

- Advertisement -

La notizia delle agenzie sull’ennesima tragedia del Mediterraneo ha stavolta connotati religiosi che pongono interrogativi seri che non possono limitarsi allo scontro tra religioni

Si legge in questi giorni: “Sbarchi, rissa sul gommone per motivi religiosi, gettati in mare dodici cristiani”. Questa è la notizia secca data dalla stampa nostrana in queste ore. Gli accusati sono musulmani, gli uomini gettati in mare invece di religione cristiana.
Un messaggio di questo tipo pone inevitabilmente dei quesiti. Anzitutto perché è successo? A quale gruppo etnico appartengono le opposte fazioni? Sul gommone c’è stata una disputa teologica tra disperati? O non sarà che avranno litigato per una coperta?
Sempre sulle agenzie leggiamo: “In dodici, nigeriani e ghanesi, sono stati gettati in mare dai loro compagni di viaggio”. Mentre quelli arrestati “provengono dal Mali, Senegal, Guinea Bissau e soprattutto della Costa d’Avorio”. Chiedo scusa ai lettori per questa domanda scomoda, ma non potrebbero esserci anche altri moventi? Ad esempio, il governo nigeriano e quello ghanese sono stati ripetutamente coinvolti nelle missioni dell’Ecomog (The Economic Community of West African States Monitoring Group) in Africa Occidentale e spesso la loro presenza in alcuni Paesi è stata percepita negativamente.
Una cosa è certa:  quanto è avvenuto è gravissimo, ma prima di parlare di uccisioni “solo” per motivi religiosi, per favore andiamoci piano. Insomma, aspettiamo l’esito finale dell’inchiesta che comunque non sarà facile anche perché determinare con certezza la nazionalità dei profughi e la loro appartenenza religiosa è sempre molto difficile. La materia è delicatissima perché occorre scongiurare lo scontro tra le civiltà.
- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
925FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
69IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Marconi: L’infanzia di Maria

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Il mio matrimonio è nullo?

Razzismo 2.0, l’odio online

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO