18.1 C
Rome
lunedì, 21 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Famiglia e Vita di Coppia Le cinque tappe del matrimonio

Le cinque tappe del matrimonio

- Advertisement -

Identificare la tappa che si vive e quelle future è positivo per trasformare le sfide in opportunità di miglioramento

topic

Anche se non ci sono regole generali, è certo che alcuni fattori sia interni che esterni determinino delle condizioni speciali; ad esempio, non è lo stesso essere sposi novelli e senza figli ed essere sposati da vent’anni con figli giovani. Per questo, è molto utile per le coppie identificare la tappa che si vive e quelle future, per trasformare le sfide in opportunità di miglioramento. Le cinque tappe per le quali passa il matrimonio sono le seguenti:

Prima tappa: transizione e adattamento

Comprende approssimativamente i primi tre annni di matrimonio. È una tappa fondamentale perché è in questa che si gettano le basi della relazione. In questo periodo la coppia si adatta a un nuovo sistema di vita, e per questa ragione le chiavi di questa fase sono la comunicazione e il negoziato. È importante che i coniugi realizzino un progetto familiare, nel quale si visualizzano nel futuro e stabiliscono le mete che vogliono raggiungere.

La coppia si mette alla prova nella gestione e nell’amministrazione del denaro, così come nella distribuzione dei compiti casalinghi, tra le altre cose. È un momento di decisioni e accordi.

Seconda tappa: decisione e arrivo dei figli

Avviene approssimativamente tra i tre e i dieci anni di matrimonio. La luna di miele e il processo di adattamento sono già finiti, e ora c’è una maggiore conoscenza del coniuge ed è probabile che gli attriti siano più frequenti, o al contrario siano più rari per la maturità acquisita nella prima tappa della convivenza.

In questa fase i coniugi “atterrano”: l’amore è accompagnato più dalla ragione che dal sentimentalismo. La volontà gioca un ruolo importante nel binomio impegno-intesa.

In questo periodo la maggior parte delle coppie si trasforma in genitori, fatto che implica sfide diverse e una nuova organizzazione dei ruoli. I coniugi devono evitare che la dedizione richiesta dai figli metta da parte il rapporto di coppia. Bisogna anche stare attenti a che gli impegni di lavoro e le esigenze della vita quotidiana non provochino un graduale distanziamento.

Terza tappa: trasformazione

In genere avviene tra i dieci e i vent’anni di matrimonio, e può coincidere con la pubertà dei figli e la mezza età dei coniugi. Quest’ultima caratterizza un periodo di riflessione e rinnovamento nella vita dell’essere umano, ed è quindi importante che la coppia si trovi in uno stato salutare e che individualmente si affronti nel modo migliore. Così non si trasformerà in una minaccia per la stabilità matrimoniale.

Allo stesso modo, gli sposi devono cercare di far sì che le difficoltà che possono sorgere per l’allevamento dei figli non intacchino l’unione coniugale. L’unità nell’autorità e il lavoro congiunto devono essere la priorità.

In questa tappa i coniugi devono essere piuttosto creativi, non cadere nella routine (facile e silenziosa), riscoprirsi come coppia e “collegarsi” nuovamente.

Quarta tappa: stabilizzazione e “nido vuoto”

Si presenta tra i venti e i trentacinque anni di unione. “Quando le coppie sono state capaci di risolvere conflitti e crisi nelle tappe precedenti, questo è un periodo di stabilizzazione e un’opportunità per raggiungere un maggiore sviluppo e una maggiore realizzazione, personale e come coppia”, afferma Francisco Castañera nel suo articolo “Ciclo di vita del matrimonio”.

In questa tappa, si verifica in generale la sindrome del “nido vuoto”, il che pone la coppia in una nuova forma di vita; ora sono l’uno per l’altro. Per alcune persone, questa può essere una situazione penosa perché comporta l’allontanamento dei figli, e con questo il sentimento di solitudine. Malgrado ciò, è una cosa che i genitori finiscono per assumere e superare nel corso del tempo.

L’aspetto importante di questa tappa è la solidità e la conoscenza piena della coppia: la capacità di dialogare, di tollerare meglio le differenze, di ridere degli errori reciproci, di criticare in modo amabile, di iniziare insieme qualche attività. È l’occasione per riaffermare la creatività e trovare nuove sfide nella vita matrimoniale.

Quinta tappa: invecchiare insieme

Si verifica dai trentacinque anni di matrimonio. Alcune persone optano per la pensione, e in questo modo si dispone di più tempo per godere l’uno dell’altro. Si svolgono attività prima impossibili a causa delle occupazioni lavorative, e sorge una grande motivazione: i nipoti, che danno luce e felicità alla coppia in questa tappa.

In questo periodo, i coniugi hanno grande necessità del sostegno e dell’affetto l’uno dell’altro. In questa fase, i conflitti sono meno frequenti; la maggior parte delle coppie si è stabilizzata su linee di potere e intimità.

Per concludere, una riflessione con le parole di Francisco Castañera: “Questo percorso ci porta a riflettere sull’importanza di valorizzare durante tutto il nostro matrimonio la qualità e la quantità della nostra intimità, del sostegno e dell’affetto che diamo al nostro partner, e non aspettare l’ultima tappa, quando la fine si avvicina”.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Le cinque tappe del matrimonio

  

- Advertisement -

Identificare la tappa che si vive e quelle future è positivo per trasformare le sfide in opportunità di miglioramento

topic

Anche se non ci sono regole generali, è certo che alcuni fattori sia interni che esterni determinino delle condizioni speciali; ad esempio, non è lo stesso essere sposi novelli e senza figli ed essere sposati da vent’anni con figli giovani. Per questo, è molto utile per le coppie identificare la tappa che si vive e quelle future, per trasformare le sfide in opportunità di miglioramento. Le cinque tappe per le quali passa il matrimonio sono le seguenti:

Prima tappa: transizione e adattamento

Comprende approssimativamente i primi tre annni di matrimonio. È una tappa fondamentale perché è in questa che si gettano le basi della relazione. In questo periodo la coppia si adatta a un nuovo sistema di vita, e per questa ragione le chiavi di questa fase sono la comunicazione e il negoziato. È importante che i coniugi realizzino un progetto familiare, nel quale si visualizzano nel futuro e stabiliscono le mete che vogliono raggiungere.

La coppia si mette alla prova nella gestione e nell’amministrazione del denaro, così come nella distribuzione dei compiti casalinghi, tra le altre cose. È un momento di decisioni e accordi.

- Advertisement -

Seconda tappa: decisione e arrivo dei figli

Avviene approssimativamente tra i tre e i dieci anni di matrimonio. La luna di miele e il processo di adattamento sono già finiti, e ora c’è una maggiore conoscenza del coniuge ed è probabile che gli attriti siano più frequenti, o al contrario siano più rari per la maturità acquisita nella prima tappa della convivenza.

In questa fase i coniugi “atterrano”: l’amore è accompagnato più dalla ragione che dal sentimentalismo. La volontà gioca un ruolo importante nel binomio impegno-intesa.

In questo periodo la maggior parte delle coppie si trasforma in genitori, fatto che implica sfide diverse e una nuova organizzazione dei ruoli. I coniugi devono evitare che la dedizione richiesta dai figli metta da parte il rapporto di coppia. Bisogna anche stare attenti a che gli impegni di lavoro e le esigenze della vita quotidiana non provochino un graduale distanziamento.

Terza tappa: trasformazione

In genere avviene tra i dieci e i vent’anni di matrimonio, e può coincidere con la pubertà dei figli e la mezza età dei coniugi. Quest’ultima caratterizza un periodo di riflessione e rinnovamento nella vita dell’essere umano, ed è quindi importante che la coppia si trovi in uno stato salutare e che individualmente si affronti nel modo migliore. Così non si trasformerà in una minaccia per la stabilità matrimoniale.

Allo stesso modo, gli sposi devono cercare di far sì che le difficoltà che possono sorgere per l’allevamento dei figli non intacchino l’unione coniugale. L’unità nell’autorità e il lavoro congiunto devono essere la priorità.

In questa tappa i coniugi devono essere piuttosto creativi, non cadere nella routine (facile e silenziosa), riscoprirsi come coppia e “collegarsi” nuovamente.

Quarta tappa: stabilizzazione e “nido vuoto”

Si presenta tra i venti e i trentacinque anni di unione. “Quando le coppie sono state capaci di risolvere conflitti e crisi nelle tappe precedenti, questo è un periodo di stabilizzazione e un’opportunità per raggiungere un maggiore sviluppo e una maggiore realizzazione, personale e come coppia”, afferma Francisco Castañera nel suo articolo “Ciclo di vita del matrimonio”.

In questa tappa, si verifica in generale la sindrome del “nido vuoto”, il che pone la coppia in una nuova forma di vita; ora sono l’uno per l’altro. Per alcune persone, questa può essere una situazione penosa perché comporta l’allontanamento dei figli, e con questo il sentimento di solitudine. Malgrado ciò, è una cosa che i genitori finiscono per assumere e superare nel corso del tempo.

L’aspetto importante di questa tappa è la solidità e la conoscenza piena della coppia: la capacità di dialogare, di tollerare meglio le differenze, di ridere degli errori reciproci, di criticare in modo amabile, di iniziare insieme qualche attività. È l’occasione per riaffermare la creatività e trovare nuove sfide nella vita matrimoniale.

Quinta tappa: invecchiare insieme

Si verifica dai trentacinque anni di matrimonio. Alcune persone optano per la pensione, e in questo modo si dispone di più tempo per godere l’uno dell’altro. Si svolgono attività prima impossibili a causa delle occupazioni lavorative, e sorge una grande motivazione: i nipoti, che danno luce e felicità alla coppia in questa tappa.

In questo periodo, i coniugi hanno grande necessità del sostegno e dell’affetto l’uno dell’altro. In questa fase, i conflitti sono meno frequenti; la maggior parte delle coppie si è stabilizzata su linee di potere e intimità.

Per concludere, una riflessione con le parole di Francisco Castañera: “Questo percorso ci porta a riflettere sull’importanza di valorizzare durante tutto il nostro matrimonio la qualità e la quantità della nostra intimità, del sostegno e dell’affetto che diamo al nostro partner, e non aspettare l’ultima tappa, quando la fine si avvicina”.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
856FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Fusco: La gioia dell’ascolto

“Non fare come gli ipocriti”

Eva e il serpente

Il “counseling” pastorale

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO