14.6 C
Roma
Dom, 5 Aprile 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A Le Ceneri - Anno A - 26 febbraio 2020

Le Ceneri – Anno A – 26 febbraio 2020

Lasciare le pozzanghere e ritornare a Dio come alla sorgenza che disseta






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.
    Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
    E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
    E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà»”.




    “Ritornate a me con tutto il cuore” è l’invito pressante che Dio, Padre buono e misericordioso, rivolge a tutti coloro che si sono allontanati dal suo orizzonte. “Lasciatevi riconciliare con Dio” è il suggerimento di Paolo ai cristiani di Corinto ed è la colonna sonora della quaresima che inizia da oggi e si snoderà per quaranta giorni fino a farci giungere presso la tomba vuota del Cristo per ridare speranza e fiducia a tutti coloro che sono affaticati, oppressi, soli e delusi.

    Dunque, la quaresima, è un cammino, è un ritorno. E’ un andare verso la sorgente attratti dalla sua capacità di dissetarci di acqua pura, limpida, sorgiva. Dobbiamo lasciare le nostre pozzanghere dalle quali crediamo, illusoriamente, d’essere dissetati ed andare verso la limpidezza e la trasparenza dell’acqua salubre che vuole donarci Dio.

    Il vangelo ci insegna anche quale potrebbe essere uno dei modi migliori per effettuare questo viaggio: lasciare l’ostentazione farisaica di ciò che si fa e rivestire gli abiti della sobrietà, della riservatezza e del rapporto personale ed intimo con Dio. Preghiera, digiuno, elemosina sono le scelte e gli atteggiamenti che, in qualche modo, fanno notare che siamo in cammino verso Dio e servono ad addomesticare il nostro orgoglio a spogliarlo e convertirlo in docilità verso Dio e servizio a favore del prossimo. Ma vi è un altro modo, più martirizzante quindi più vicino alla pedagogia di Dio, che è quello suggerito da Gioele: “Laceratevi il cuore e non le vesti”. Ferire se stessi, sfregiandosi il cuore, ma donare il perdono. Non l’esteriorità, le vesti, ma il cuore, l’intimo di ciascuno di noi indica il cammino di ritorno al modo di Dio, alla sua capacità di amarci, consolarci accoglierci. Ecco, questa è la speranza che deve sostenerci nei momenti di lotta o di difficoltà: Dio ci aspetta, anzi ci desidera. La certezza del suo amore consolante ci faccia mettere in cammino. Lui sa perdonare tutto e tutti, ma occorre desiderare il suo abbraccio. E ricordiamoci: la sorgente eroga più acqua di quanto ne necessitiamo e ce la dona per dissetarci, rigenerarci. Andiamoci!




    Il Signore che vede nel segreto, ci ha convocati nel segno delle sacre ceneri, perché iniziamo il cammino quaresimale di conversione e riconciliazione con umiltà e gioia, confidando nella sua infinita misericordia. A lui rivolgiamo la nostra preghiera, dicendo:

    Converti il nostro cuore, Signore.

    Perché la Chiesa, che annuncia e celebra il perdono di Dio, sia nel mondo segno e strumento di riconciliazione. Preghiamo:

    Perché le comunità cristiane che si esercitano nel digiuno quaresimale, sappiano condividere le ansie, le povertà e le speranze degli uomini di oggi. Preghiamo:

    Perché i poveri e i sofferenti ricevano il conforto dell’aiuto fraterno e partecipino con gioia al cammino di speranza del popolo di Dio. Preghiamo:

    Perché il richiamo delle sacre ceneri alla condizione mortale dell’uomo e alla precarietà delle sue conquiste, favorisca l’incontro con Dio, vera fonte di vita e di salvezza. Preghiamo:

    Perché l’ascolto della Parola, la conversione, la preghiera, gli impegni battesimali, la carità rinnovino profondamente i nostri rapporti con Dio e i fratelli. Preghiamo:

    Perché questo rito non rimanga staccato dalla vita quotidiana.
    Per i ragazzi e i giovani che partecipano con proprie iniziative alla quaresima di fraternità.

    Accogli, Padre santo, le nostre preghiere, e fa’ che siamo fedeli agli impegni che oggi assumiamo, per essere trovati degni di partecipare, al termine di questo tempo di grazia, all’incontro con Cristo nostro Signore. Amen.




    Questo sacramento che abbiamo ricevuto, o Padre, ci sostenga nel cammino quaresimale, santifichi il nostro digiuno e lo renda efficace per la guarigione del nostro spirito. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.
Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà»”.



“Ritornate a me con tutto il cuore” è l’invito pressante che Dio, Padre buono e misericordioso, rivolge a tutti coloro che si sono allontanati dal suo orizzonte. “Lasciatevi riconciliare con Dio” è il suggerimento di Paolo ai cristiani di Corinto ed è la colonna sonora della quaresima che inizia da oggi e si snoderà per quaranta giorni fino a farci giungere presso la tomba vuota del Cristo per ridare speranza e fiducia a tutti coloro che sono affaticati, oppressi, soli e delusi.

Dunque, la quaresima, è un cammino, è un ritorno. E’ un andare verso la sorgente attratti dalla sua capacità di dissetarci di acqua pura, limpida, sorgiva. Dobbiamo lasciare le nostre pozzanghere dalle quali crediamo, illusoriamente, d’essere dissetati ed andare verso la limpidezza e la trasparenza dell’acqua salubre che vuole donarci Dio.

Il vangelo ci insegna anche quale potrebbe essere uno dei modi migliori per effettuare questo viaggio: lasciare l’ostentazione farisaica di ciò che si fa e rivestire gli abiti della sobrietà, della riservatezza e del rapporto personale ed intimo con Dio. Preghiera, digiuno, elemosina sono le scelte e gli atteggiamenti che, in qualche modo, fanno notare che siamo in cammino verso Dio e servono ad addomesticare il nostro orgoglio a spogliarlo e convertirlo in docilità verso Dio e servizio a favore del prossimo. Ma vi è un altro modo, più martirizzante quindi più vicino alla pedagogia di Dio, che è quello suggerito da Gioele: “Laceratevi il cuore e non le vesti”. Ferire se stessi, sfregiandosi il cuore, ma donare il perdono. Non l’esteriorità, le vesti, ma il cuore, l’intimo di ciascuno di noi indica il cammino di ritorno al modo di Dio, alla sua capacità di amarci, consolarci accoglierci. Ecco, questa è la speranza che deve sostenerci nei momenti di lotta o di difficoltà: Dio ci aspetta, anzi ci desidera. La certezza del suo amore consolante ci faccia mettere in cammino. Lui sa perdonare tutto e tutti, ma occorre desiderare il suo abbraccio. E ricordiamoci: la sorgente eroga più acqua di quanto ne necessitiamo e ce la dona per dissetarci, rigenerarci. Andiamoci!



Il Signore che vede nel segreto, ci ha convocati nel segno delle sacre ceneri, perché iniziamo il cammino quaresimale di conversione e riconciliazione con umiltà e gioia, confidando nella sua infinita misericordia. A lui rivolgiamo la nostra preghiera, dicendo:

Converti il nostro cuore, Signore.

Perché la Chiesa, che annuncia e celebra il perdono di Dio, sia nel mondo segno e strumento di riconciliazione. Preghiamo:

Perché le comunità cristiane che si esercitano nel digiuno quaresimale, sappiano condividere le ansie, le povertà e le speranze degli uomini di oggi. Preghiamo:

Perché i poveri e i sofferenti ricevano il conforto dell’aiuto fraterno e partecipino con gioia al cammino di speranza del popolo di Dio. Preghiamo:

Perché il richiamo delle sacre ceneri alla condizione mortale dell’uomo e alla precarietà delle sue conquiste, favorisca l’incontro con Dio, vera fonte di vita e di salvezza. Preghiamo:

Perché l’ascolto della Parola, la conversione, la preghiera, gli impegni battesimali, la carità rinnovino profondamente i nostri rapporti con Dio e i fratelli. Preghiamo:

Perché questo rito non rimanga staccato dalla vita quotidiana.
Per i ragazzi e i giovani che partecipano con proprie iniziative alla quaresima di fraternità.

Accogli, Padre santo, le nostre preghiere, e fa’ che siamo fedeli agli impegni che oggi assumiamo, per essere trovati degni di partecipare, al termine di questo tempo di grazia, all’incontro con Cristo nostro Signore. Amen.



Questo sacramento che abbiamo ricevuto, o Padre, ci sostenga nel cammino quaresimale, santifichi il nostro digiuno e lo renda efficace per la guarigione del nostro spirito. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Le Ceneri – Anno A – 26 febbraio 2020

Lasciare le pozzanghere e ritornare a Dio come alla sorgenza che disseta



Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.
Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà»”.



“Ritornate a me con tutto il cuore” è l’invito pressante che Dio, Padre buono e misericordioso, rivolge a tutti coloro che si sono allontanati dal suo orizzonte. “Lasciatevi riconciliare con Dio” è il suggerimento di Paolo ai cristiani di Corinto ed è la colonna sonora della quaresima che inizia da oggi e si snoderà per quaranta giorni fino a farci giungere presso la tomba vuota del Cristo per ridare speranza e fiducia a tutti coloro che sono affaticati, oppressi, soli e delusi.

Dunque, la quaresima, è un cammino, è un ritorno. E’ un andare verso la sorgente attratti dalla sua capacità di dissetarci di acqua pura, limpida, sorgiva. Dobbiamo lasciare le nostre pozzanghere dalle quali crediamo, illusoriamente, d’essere dissetati ed andare verso la limpidezza e la trasparenza dell’acqua salubre che vuole donarci Dio.

Il vangelo ci insegna anche quale potrebbe essere uno dei modi migliori per effettuare questo viaggio: lasciare l’ostentazione farisaica di ciò che si fa e rivestire gli abiti della sobrietà, della riservatezza e del rapporto personale ed intimo con Dio. Preghiera, digiuno, elemosina sono le scelte e gli atteggiamenti che, in qualche modo, fanno notare che siamo in cammino verso Dio e servono ad addomesticare il nostro orgoglio a spogliarlo e convertirlo in docilità verso Dio e servizio a favore del prossimo. Ma vi è un altro modo, più martirizzante quindi più vicino alla pedagogia di Dio, che è quello suggerito da Gioele: “Laceratevi il cuore e non le vesti”. Ferire se stessi, sfregiandosi il cuore, ma donare il perdono. Non l’esteriorità, le vesti, ma il cuore, l’intimo di ciascuno di noi indica il cammino di ritorno al modo di Dio, alla sua capacità di amarci, consolarci accoglierci. Ecco, questa è la speranza che deve sostenerci nei momenti di lotta o di difficoltà: Dio ci aspetta, anzi ci desidera. La certezza del suo amore consolante ci faccia mettere in cammino. Lui sa perdonare tutto e tutti, ma occorre desiderare il suo abbraccio. E ricordiamoci: la sorgente eroga più acqua di quanto ne necessitiamo e ce la dona per dissetarci, rigenerarci. Andiamoci!



Il Signore che vede nel segreto, ci ha convocati nel segno delle sacre ceneri, perché iniziamo il cammino quaresimale di conversione e riconciliazione con umiltà e gioia, confidando nella sua infinita misericordia. A lui rivolgiamo la nostra preghiera, dicendo:

Converti il nostro cuore, Signore.

Perché la Chiesa, che annuncia e celebra il perdono di Dio, sia nel mondo segno e strumento di riconciliazione. Preghiamo:

Perché le comunità cristiane che si esercitano nel digiuno quaresimale, sappiano condividere le ansie, le povertà e le speranze degli uomini di oggi. Preghiamo:

Perché i poveri e i sofferenti ricevano il conforto dell’aiuto fraterno e partecipino con gioia al cammino di speranza del popolo di Dio. Preghiamo:

Perché il richiamo delle sacre ceneri alla condizione mortale dell’uomo e alla precarietà delle sue conquiste, favorisca l’incontro con Dio, vera fonte di vita e di salvezza. Preghiamo:

Perché l’ascolto della Parola, la conversione, la preghiera, gli impegni battesimali, la carità rinnovino profondamente i nostri rapporti con Dio e i fratelli. Preghiamo:

Perché questo rito non rimanga staccato dalla vita quotidiana.
Per i ragazzi e i giovani che partecipano con proprie iniziative alla quaresima di fraternità.

Accogli, Padre santo, le nostre preghiere, e fa’ che siamo fedeli agli impegni che oggi assumiamo, per essere trovati degni di partecipare, al termine di questo tempo di grazia, all’incontro con Cristo nostro Signore. Amen.



Questo sacramento che abbiamo ricevuto, o Padre, ci sostenga nel cammino quaresimale, santifichi il nostro digiuno e lo renda efficace per la guarigione del nostro spirito. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
930FollowerSegui
13,000FollowerSegui
630FollowerSegui
70IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO