18 C
Rome
venerdì, 20 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Spiritualità Le 3 sofferenze dell’inferno

Le 3 sofferenze dell’inferno

- Advertisement -

La tradizione e la teologia cattoliche permettono di identificare tre caratteristiche principali della Geenna

Vuoto

L’essere umano è fatto per l’infinito. A immagine del suo Creatore, l’essere umano ha bisogno di amare e di essere amato – è una necessità universale e illimitata. L’inferno, tuttavia, è vuoto d’amore, di ogni bene, di tutte le cose belle e interessanti.

Come una persona che si asfissia con un sacchetto sulla testa, l’anima all’inferno affoga cercando il bene. È un panico eterno. Come una persona affamata, ossessionata dal cibo, l’anima all’inferno impazzisce. L’anima si spacca e si frammenta, sa che è fatta per il bene infinito, ma è ancorata all’odio eterno.

Rimorso

“Il tarlo che rode e non muore mai” è un’immagine che viene utilizzata spesso nella tradizione cattolica per illustrare i rimorsi dell’anima all’inferno.

C’è il ricordo dei peccati, ma anche quello del sacrificio di Gesù, così immenso ma che l’anima all’inferno avrà reso inutile. E poi tutti gli appelli di Dio, tutte le grazie che ci ha mandato nel corso della nostra vita e di cui non abbiamo saputo approfittare, che abbiamo rifiutato, alle quali abbiamo anteposto “tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassinano e rubano” (Mt 6, 19).

Eternità

L’eternità è stata creata per il cielo, per garantire il riposo delle anime, ma questo concetto si applica anche all’inferno: “La tromba della giustizia divina risuona eternamente all’inferno; fa suonare queste terribili parole ai condannati: sempre, sempre, mai, mai”, dice Sant’Alfonso Maria de’ Liguori ne “Il cammino della salvezza”.

Temiamo, quindi, l’inferno per noi e per gli altri, e come Santa Caterina da Siena preghiamo per loro riponendo la nostra fiducia nella Divina Misericordia: “Come potrei sopportare, o Signore, che uno solo di quelli che hai creato a tua immagine e somiglianza si perda e sfugga dalle tue mani? No, per nessuna ragione io voglio che uno solo dei miei fratelli si perda, uno solo di quelli che sono uniti a me attraverso una stessa nascita”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Le 3 sofferenze dell’inferno

  

- Advertisement -

La tradizione e la teologia cattoliche permettono di identificare tre caratteristiche principali della Geenna

Vuoto

L’essere umano è fatto per l’infinito. A immagine del suo Creatore, l’essere umano ha bisogno di amare e di essere amato – è una necessità universale e illimitata. L’inferno, tuttavia, è vuoto d’amore, di ogni bene, di tutte le cose belle e interessanti.

Come una persona che si asfissia con un sacchetto sulla testa, l’anima all’inferno affoga cercando il bene. È un panico eterno. Come una persona affamata, ossessionata dal cibo, l’anima all’inferno impazzisce. L’anima si spacca e si frammenta, sa che è fatta per il bene infinito, ma è ancorata all’odio eterno.

Rimorso

- Advertisement -

“Il tarlo che rode e non muore mai” è un’immagine che viene utilizzata spesso nella tradizione cattolica per illustrare i rimorsi dell’anima all’inferno.

C’è il ricordo dei peccati, ma anche quello del sacrificio di Gesù, così immenso ma che l’anima all’inferno avrà reso inutile. E poi tutti gli appelli di Dio, tutte le grazie che ci ha mandato nel corso della nostra vita e di cui non abbiamo saputo approfittare, che abbiamo rifiutato, alle quali abbiamo anteposto “tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassinano e rubano” (Mt 6, 19).

Eternità

L’eternità è stata creata per il cielo, per garantire il riposo delle anime, ma questo concetto si applica anche all’inferno: “La tromba della giustizia divina risuona eternamente all’inferno; fa suonare queste terribili parole ai condannati: sempre, sempre, mai, mai”, dice Sant’Alfonso Maria de’ Liguori ne “Il cammino della salvezza”.

Temiamo, quindi, l’inferno per noi e per gli altri, e come Santa Caterina da Siena preghiamo per loro riponendo la nostra fiducia nella Divina Misericordia: “Come potrei sopportare, o Signore, che uno solo di quelli che hai creato a tua immagine e somiglianza si perda e sfugga dalle tue mani? No, per nessuna ragione io voglio che uno solo dei miei fratelli si perda, uno solo di quelli che sono uniti a me attraverso una stessa nascita”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Sposati e sii sottomessa, 2011

La speranza di Giobbe

Salire a Gerusalemme

Il Padre nostro e la tentazione

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO