14.2 C
Rome
Lun, 16 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana L'Assunta, porta verso il cielo

L’Assunta, porta verso il cielo

- Advertisement -

Questa festa è «l’occasione per rendere omaggio a Maria e chiedere la sua intercessione per le diverse intenzioni che ciascuno porta nel cuore». Così il Papa all’udienza generale di mercoledì scorso ha presentato la festa dell’Assunzione della Madre di Dio, che quest’anno non trascorrerà però a Castel Gandolfo, come da tradizione. Francesco rimarrà in Vaticano e la sua sarà una giornata di “festa ordinaria”, con l’Angelus delle 12 come unico momento pubblico.

Ma se non ci sarà oggi una vera e propria omelia, si può dare una scorsa a quelle degli anni passati per avere un quadro articolato del valore che questa solennità riveste per Bergoglio. «Maria, intronizzata in gloria accanto al suo Figlio divino» è l’aspetto che sottolineò lo scorso 15 agosto nella Messa celebrata nello stadio di Daejon, Corea del Sud, durante il suo viaggio apostolico nel Paese asiatico. «Come Maria nostra Madre – disse allora il Papa – siamo chiamati a partecipare pienamente alla vittoria del Signore sul peccato e sulla morte e a regnare con Lui nel suo Regno eterno. Questa è la nostra vocazione».

Nel 2013, nella sua prima festa dell’Assunzione vissuta sulla Cattedra di Pietro, scelse tre chiavi di lettura mariane: «lotta, risurrezione e speranza». Come la Chiesa «è da una parte gloriosa, trionfante», spiegò Francesco, e dall’altra, sulla Terra, «ancora in travaglio», così la Vergine condivide in un certo senso questa duplice condizione: «Lei, naturalmente, è ormai una volta per sempre entrata nella gloria del Cielo. Ma questo non significa che sia lontana, che sia staccata da noi; anzi, Maria ci accompagna, lotta con noi, sostiene i cristiani nel combattimento contro le forze del male». E aggiunse, rivolto ai fedeli: «Voi pregate il Rosario tutti i giorni? Mah, non so… Ecco, la preghiera con Maria, in particolare il Rosario ha anche questa dimensione “agonistica”, cioè di lotta, una preghiera che sostiene nella battaglia contro il maligno e i suoi complici».

Per quanto riguarda la risurrezione, il Papa ricordò che « Gesù è entrato una volta per sempre nella vita eterna con tutta la sua umanità, quella che aveva preso da Maria; così lei, la Madre, che Lo ha seguito fedelmente per tutta la vita, Lo ha seguito con il cuore, è entrata con Lui nella vita eterna, che chiamiamo anche Cielo, Paradiso, Casa del Padre».

Ma c’è un altro lato di Maria che Bergoglio, stavolta da cardinale, nella Messa celebrata a Buenos Aires il 15 agosto 2010, volle sottolineare: quello della maternità. E lo fece con uno dei suoi sapidi ricordi di vita familiare. «Mi raccontò mio padre – esordì in quell’occasione – che nella fabbrica dove lavorava c’erano vari operai arrivati dalla Spagna, repubblicani mangiapreti. Uno di questi si ammalò di una specie di herpes purulento ed era pieno di piaghe». Visto che la moglie dell’operaio lavorava e non poteva prendersi cura a tempo pieno del marito, Mario José Bergoglio andò a illustrare il caso alla superiore di un ordine che aveva una casa nelle vicinanze, tale Madre Marlene.

Lei si offrì di assistere l’operaio, ma fu avvertita: «Guardi Madre che non sarà ricevuta facilmente, verrà maltrattata…». «La suora andò – continuò Bergoglio – e il primo giorno sentì le cose peggiori che una donna possa sentire… ma lei con molta pazienza fece quello che doveva fare. Prestò le sue cure all’operaio, preparò i suoi figli per la scuola, e se ne andò.

Così per circa due mesi. L’uomo si addolcì e già dopo una settimana iniziò con un “Per favore, sorella” e “Scusi… ma perché lei si è fatta suora?”. Iniziavano le domande. Quest’uomo si sentì accudito con la tenerezza di una madre. Quando tornò al lavoro, un giorno, all’uscita dalla fabbrica, passò una suora, di un’altra congregazione. In quel momento un suo compagno le lanciò un’offesa pesante, al che lui gli diede un colpo e gli disse queste parole: “Ai preti e a Dio dì quello che vuoi, ma non azzardarti con la Vergine e le suore…”». E l’arcivescovo di Buenos Aires così concluse: «La Chiesa è madre: una donna che si consacra è testimone di questa maternità, come di quella di Maria. Oggi è il giorno in cui Lei riceve questo riconoscimento da parte di Gesù. Di cui si prese cura servendo».

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

L’Assunta, porta verso il cielo

  

- Advertisement -

Questa festa è «l’occasione per rendere omaggio a Maria e chiedere la sua intercessione per le diverse intenzioni che ciascuno porta nel cuore». Così il Papa all’udienza generale di mercoledì scorso ha presentato la festa dell’Assunzione della Madre di Dio, che quest’anno non trascorrerà però a Castel Gandolfo, come da tradizione. Francesco rimarrà in Vaticano e la sua sarà una giornata di “festa ordinaria”, con l’Angelus delle 12 come unico momento pubblico.

Ma se non ci sarà oggi una vera e propria omelia, si può dare una scorsa a quelle degli anni passati per avere un quadro articolato del valore che questa solennità riveste per Bergoglio. «Maria, intronizzata in gloria accanto al suo Figlio divino» è l’aspetto che sottolineò lo scorso 15 agosto nella Messa celebrata nello stadio di Daejon, Corea del Sud, durante il suo viaggio apostolico nel Paese asiatico. «Come Maria nostra Madre – disse allora il Papa – siamo chiamati a partecipare pienamente alla vittoria del Signore sul peccato e sulla morte e a regnare con Lui nel suo Regno eterno. Questa è la nostra vocazione».

Nel 2013, nella sua prima festa dell’Assunzione vissuta sulla Cattedra di Pietro, scelse tre chiavi di lettura mariane: «lotta, risurrezione e speranza». Come la Chiesa «è da una parte gloriosa, trionfante», spiegò Francesco, e dall’altra, sulla Terra, «ancora in travaglio», così la Vergine condivide in un certo senso questa duplice condizione: «Lei, naturalmente, è ormai una volta per sempre entrata nella gloria del Cielo. Ma questo non significa che sia lontana, che sia staccata da noi; anzi, Maria ci accompagna, lotta con noi, sostiene i cristiani nel combattimento contro le forze del male». E aggiunse, rivolto ai fedeli: «Voi pregate il Rosario tutti i giorni? Mah, non so… Ecco, la preghiera con Maria, in particolare il Rosario ha anche questa dimensione “agonistica”, cioè di lotta, una preghiera che sostiene nella battaglia contro il maligno e i suoi complici».

Per quanto riguarda la risurrezione, il Papa ricordò che « Gesù è entrato una volta per sempre nella vita eterna con tutta la sua umanità, quella che aveva preso da Maria; così lei, la Madre, che Lo ha seguito fedelmente per tutta la vita, Lo ha seguito con il cuore, è entrata con Lui nella vita eterna, che chiamiamo anche Cielo, Paradiso, Casa del Padre».

Ma c’è un altro lato di Maria che Bergoglio, stavolta da cardinale, nella Messa celebrata a Buenos Aires il 15 agosto 2010, volle sottolineare: quello della maternità. E lo fece con uno dei suoi sapidi ricordi di vita familiare. «Mi raccontò mio padre – esordì in quell’occasione – che nella fabbrica dove lavorava c’erano vari operai arrivati dalla Spagna, repubblicani mangiapreti. Uno di questi si ammalò di una specie di herpes purulento ed era pieno di piaghe». Visto che la moglie dell’operaio lavorava e non poteva prendersi cura a tempo pieno del marito, Mario José Bergoglio andò a illustrare il caso alla superiore di un ordine che aveva una casa nelle vicinanze, tale Madre Marlene.

- Advertisement -

Lei si offrì di assistere l’operaio, ma fu avvertita: «Guardi Madre che non sarà ricevuta facilmente, verrà maltrattata…». «La suora andò – continuò Bergoglio – e il primo giorno sentì le cose peggiori che una donna possa sentire… ma lei con molta pazienza fece quello che doveva fare. Prestò le sue cure all’operaio, preparò i suoi figli per la scuola, e se ne andò.

Così per circa due mesi. L’uomo si addolcì e già dopo una settimana iniziò con un “Per favore, sorella” e “Scusi… ma perché lei si è fatta suora?”. Iniziavano le domande. Quest’uomo si sentì accudito con la tenerezza di una madre. Quando tornò al lavoro, un giorno, all’uscita dalla fabbrica, passò una suora, di un’altra congregazione. In quel momento un suo compagno le lanciò un’offesa pesante, al che lui gli diede un colpo e gli disse queste parole: “Ai preti e a Dio dì quello che vuoi, ma non azzardarti con la Vergine e le suore…”». E l’arcivescovo di Buenos Aires così concluse: «La Chiesa è madre: una donna che si consacra è testimone di questa maternità, come di quella di Maria. Oggi è il giorno in cui Lei riceve questo riconoscimento da parte di Gesù. Di cui si prese cura servendo».

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
610FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

12 storie di ordinaria santità

Matino: L’allegria

La grande città e la salvezza

I profeti minori “quadriformi”

Scelte di vita e vocazione

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO