26.2 C
Rome
giovedì, 27 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Giovani L’arrivo di Papa Francesco a Panama

L’arrivo di Papa Francesco a Panama

Pronto per l’abbraccio dei giovani

- Advertisement -
Il volo Alitalia A330 con a bordo Papa Francesco è arrivato alle 22.16 italiane all’aeroporto Tocumen di Panama, dopo circa 13 ore di volo. E’ iniziato così il 26.mo viaggio internazionale del Pontefice per la 34.ma Giornata Mondiale della Gioventù
 

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

E’ il sorriso il primo regalo di Papa Francesco a Panama. Dopo quasi 13 ore di volo, il Pontefice scende dall’aereo accolto dal calore di duemila giovani – la gioventù del Papa, come amano scandire in coro – e da un vento caldo che gli accarezza la mantellina. L’abbraccio del Paese è nei colori delle bandierine sventolate in aria, in uno striscione che sottolinea come Panama sia pronta a ricevere Francesco con l’allegria, nelle musiche, nelle danze con gli abiti tipici ma anche nella gioia di tre bambini che gli donano dei fiori. L’abbraccio è anche quello del presidente panamense Juan Carlos Varela e di sua moglie e quello dei fratelli vescovi che portano al Papa in pochi istanti la felicità di un popolo poco numeroso, lontano dai riflettori, ricco di contraddizioni: una periferia del mondo che Francesco illumina con la sua presenza ma soprattutto con la speranza di Cristo e con l’amore di Dio. Con spontaneità, il Papa prima di salire sull’auto diretto alla Nunziatura, si lascia avvolgere dall’affetto dei panamensi che lo attendevano all’aeroporto. Avvicinatosi alle transenne, ricambia saluti, strette di mano, bacia i bambini che lo stesso presidente Varela gli avvicina. E’ il segno dell’entusiasmo che si respira nel Paese per l’arrivo del Pontefice. 

Pronto per l’abbraccio dei giovani

Dopo l’accoglienza ufficiale, il trasferimento alla Nunziatura Apostolica. Ventotto km di percorso rumoroso perché i giovani di tutto il mondo sono qui per farsi sentire, per mettersi sotto il manto di Maria, perché questa Gmg è una festa di fede mariana, e per tornare a casa rinsaldati nella fede. Sono 150mila i ragazzi iscritti alla Giornata Mondiale della Gioventù, il cui motto è: “Ecco la serva del Signore; avvenga per me secondo la tua parola”. La rappresentanza più corposa è quella degli argentini che saranno circa duemila. Ieri sera, nella Cinta Costera, davanti a 75mila persone, la messa celebrata dall’arcivescovo di Panama, mons. José Domingo Ulloa, che ha aperto ufficialmente la Gmg. 

La giornata di giovedì

Papa Francesco è il secondo Pontefice a recarsi a Panama dopo San Giovanni Paolo II che visitò il Paese nel marzo del 1983. Domani la cerimonia di benvenuto presso il Palazzo Presidenziale, noto come “Las Garzas”, letteralmente “Gli Aironi” che nella zona circolano liberi. Subito dopo il trasferimento al Palazzo Bolivar per l’incontro con le autorità, il Corpo Diplomatico e i rappresentanti della società civile. Qui è previsto il primo discorso del Papa. Poi nella Chiesa di San Francisco de Asis, l’abbraccio con i vescovi centroamericani riuniti nel Sedac, Segretariato Episcopale dell’America Centrale, che comprende i presuli delle Conferenze episcopali di Panama, El Salvador, Costa Rica, Guatemala, Honduras, Nicaragua. Dopo il rientro in Nunziatura e il pranzo, si terrà la cerimonia di apertura della Gmg con il Papa nel Campo Santa Maria La Antigua presso la Cinta Costera, suggestivo viale che percorre la baia davanti all’Oceano Pacifico che può accogliere circa 400mila fedeli e teatro dei momenti più significativi della Gmg come la veglia di venerdì e, domenica, la Messa conclusiva del raduno mondiale.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

L’arrivo di Papa Francesco a Panama

Pronto per l’abbraccio dei giovani

  

- Advertisement -
Il volo Alitalia A330 con a bordo Papa Francesco è arrivato alle 22.16 italiane all’aeroporto Tocumen di Panama, dopo circa 13 ore di volo. E’ iniziato così il 26.mo viaggio internazionale del Pontefice per la 34.ma Giornata Mondiale della Gioventù
 

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

E’ il sorriso il primo regalo di Papa Francesco a Panama. Dopo quasi 13 ore di volo, il Pontefice scende dall’aereo accolto dal calore di duemila giovani – la gioventù del Papa, come amano scandire in coro – e da un vento caldo che gli accarezza la mantellina. L’abbraccio del Paese è nei colori delle bandierine sventolate in aria, in uno striscione che sottolinea come Panama sia pronta a ricevere Francesco con l’allegria, nelle musiche, nelle danze con gli abiti tipici ma anche nella gioia di tre bambini che gli donano dei fiori. L’abbraccio è anche quello del presidente panamense Juan Carlos Varela e di sua moglie e quello dei fratelli vescovi che portano al Papa in pochi istanti la felicità di un popolo poco numeroso, lontano dai riflettori, ricco di contraddizioni: una periferia del mondo che Francesco illumina con la sua presenza ma soprattutto con la speranza di Cristo e con l’amore di Dio. Con spontaneità, il Papa prima di salire sull’auto diretto alla Nunziatura, si lascia avvolgere dall’affetto dei panamensi che lo attendevano all’aeroporto. Avvicinatosi alle transenne, ricambia saluti, strette di mano, bacia i bambini che lo stesso presidente Varela gli avvicina. E’ il segno dell’entusiasmo che si respira nel Paese per l’arrivo del Pontefice. 

Pronto per l’abbraccio dei giovani

Dopo l’accoglienza ufficiale, il trasferimento alla Nunziatura Apostolica. Ventotto km di percorso rumoroso perché i giovani di tutto il mondo sono qui per farsi sentire, per mettersi sotto il manto di Maria, perché questa Gmg è una festa di fede mariana, e per tornare a casa rinsaldati nella fede. Sono 150mila i ragazzi iscritti alla Giornata Mondiale della Gioventù, il cui motto è: “Ecco la serva del Signore; avvenga per me secondo la tua parola”. La rappresentanza più corposa è quella degli argentini che saranno circa duemila. Ieri sera, nella Cinta Costera, davanti a 75mila persone, la messa celebrata dall’arcivescovo di Panama, mons. José Domingo Ulloa, che ha aperto ufficialmente la Gmg. 

La giornata di giovedì

Papa Francesco è il secondo Pontefice a recarsi a Panama dopo San Giovanni Paolo II che visitò il Paese nel marzo del 1983. Domani la cerimonia di benvenuto presso il Palazzo Presidenziale, noto come “Las Garzas”, letteralmente “Gli Aironi” che nella zona circolano liberi. Subito dopo il trasferimento al Palazzo Bolivar per l’incontro con le autorità, il Corpo Diplomatico e i rappresentanti della società civile. Qui è previsto il primo discorso del Papa. Poi nella Chiesa di San Francisco de Asis, l’abbraccio con i vescovi centroamericani riuniti nel Sedac, Segretariato Episcopale dell’America Centrale, che comprende i presuli delle Conferenze episcopali di Panama, El Salvador, Costa Rica, Guatemala, Honduras, Nicaragua. Dopo il rientro in Nunziatura e il pranzo, si terrà la cerimonia di apertura della Gmg con il Papa nel Campo Santa Maria La Antigua presso la Cinta Costera, suggestivo viale che percorre la baia davanti all’Oceano Pacifico che può accogliere circa 400mila fedeli e teatro dei momenti più significativi della Gmg come la veglia di venerdì e, domenica, la Messa conclusiva del raduno mondiale.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
272FansMi piace
804FollowerSegui
13,000FollowerSegui
582FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO