13.6 C
Roma
Mar, 1 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Spiritualità La vita nello Spirito non è una conquista umana, ma un “lasciarsi...

La vita nello Spirito non è una conquista umana, ma un “lasciarsi scivolare”

- Advertisement -

Vi è capitato di non trovare in voi stessi l‘ubi consistam, l’aggancio all’Essere, di sentirvi vittime del vostro istinto e di una immediatezza sterile? In caso affermativo, vi propongo una via di guarigione sulla base dei tre cantici della preghiera delle ore, il Benedictus, il Magnificat e ilNunc dimittis, che ci accompagnano ogni giorno affidandoci un messaggio ben preciso.


LEGGI ANCHE: Come si prega con la Liturgia delle ore e quando?


Il Benedictus, l’inno intonato da Zaccaria nel momento in cui riacquista la parola, è un’esplosione di gioia per la visita che il Signore fa al suo popolo. Se Dio si affaccia nella storia, una nuova prospettiva rimette ogni cosa in discussione.

Il Magnificat esprime l’esultanza dell’anima che ha toccato con mano i benefici della visita. Qui il rovesciamento dei criteri è proclamato in termini espliciti: è la rivoluzione della fede, più autentica e profonda di qualsiasi iniziativa umana.

Il Nunc dimittis indica la disponibilità a lasciarsi portare dal Signore senza resistenze, a scivolare su un piano diverso di esperienza personale.

È questo il verbo decisivo: scivolare. Non si tratta di decidere qualcosa a tavolino; la svolta della vita non avviene a comando. Significa, invece, farsi prendere per mano da Gesù, per accedere alla dimensione vitale dello spirito: il bello, il buono, il vero; la tenerezza, l’amore, il perdono, sono lì che aspettano la nostra presa di coscienza, l’adesione alla vera identità, all’immagine che il Padre si è fatta di noi.

È un cammino segnato da tre cantici: ci ricordano ogni giorno che il Signore ci fa visita, rivoluziona l’esistenza e ci chiede un abbandono fiducioso: credere non è uno sforzo titanico, una conquista umana; non è un arrovellarsi il cervello o uno stringere i denti per salire su una vetta irraggiungibile; credere è un lasciarsi scivolare nel mondo incantato dello spirito, dove tutto è come Dio lo vuole.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

La vita nello Spirito non è una conquista umana, ma un “lasciarsi scivolare”

- Advertisement -

Vi è capitato di non trovare in voi stessi l‘ubi consistam, l’aggancio all’Essere, di sentirvi vittime del vostro istinto e di una immediatezza sterile? In caso affermativo, vi propongo una via di guarigione sulla base dei tre cantici della preghiera delle ore, il Benedictus, il Magnificat e ilNunc dimittis, che ci accompagnano ogni giorno affidandoci un messaggio ben preciso.


LEGGI ANCHE: Come si prega con la Liturgia delle ore e quando?


Il Benedictus, l’inno intonato da Zaccaria nel momento in cui riacquista la parola, è un’esplosione di gioia per la visita che il Signore fa al suo popolo. Se Dio si affaccia nella storia, una nuova prospettiva rimette ogni cosa in discussione.

Il Magnificat esprime l’esultanza dell’anima che ha toccato con mano i benefici della visita. Qui il rovesciamento dei criteri è proclamato in termini espliciti: è la rivoluzione della fede, più autentica e profonda di qualsiasi iniziativa umana.

Il Nunc dimittis indica la disponibilità a lasciarsi portare dal Signore senza resistenze, a scivolare su un piano diverso di esperienza personale.

- Advertisement -

È questo il verbo decisivo: scivolare. Non si tratta di decidere qualcosa a tavolino; la svolta della vita non avviene a comando. Significa, invece, farsi prendere per mano da Gesù, per accedere alla dimensione vitale dello spirito: il bello, il buono, il vero; la tenerezza, l’amore, il perdono, sono lì che aspettano la nostra presa di coscienza, l’adesione alla vera identità, all’immagine che il Padre si è fatta di noi.

È un cammino segnato da tre cantici: ci ricordano ogni giorno che il Signore ci fa visita, rivoluziona l’esistenza e ci chiede un abbandono fiducioso: credere non è uno sforzo titanico, una conquista umana; non è un arrovellarsi il cervello o uno stringere i denti per salire su una vetta irraggiungibile; credere è un lasciarsi scivolare nel mondo incantato dello spirito, dove tutto è come Dio lo vuole.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
289FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
640FollowerSegui
138IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Lo Spirito nell’agire umano

La grande città e la salvezza

Gibran: Lazzaro e la sua amata

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x