20.3 C
Rome
venerdì, 20 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa La trasfigurazione ci fa capire la Pasqua di Gesù

La trasfigurazione ci fa capire la Pasqua di Gesù

Il Papa all'Angelus

- Advertisement -

Prima della preghiera dell’Angelus, Papa Francesco ha commentato il Vangelo della trasfigurazione di Gesù, inserito in questa seconda domenica di Quaresima. E’ un apparizione pasquale anticipata, che permette ai discepoli di affrontare la passione di Cristo senza essere travolti. E’ un mistero di sofferenza, “ma è soprattutto un dono di amore infinito da parte di Gesù”

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

La trasfigurazione di Gesù davanti ai discepoli è “un’apparizione pasquale anticipata” che aiuta loro e noi a capire che la passione di Cristo è un mistero di sofferenza, ma è soprattutto un dono di amore infinito da parte di Gesù. Così Papa Francesco parla all’Angelus dell’episodio raccontato da Marco nel Vangelo di questa seconda domenica di Quaresima.

Non un Messia potente, ma un umile servo di Dio

Racconta che Pietro e i discepoli erano stati messi in crisi dall’annuncio della passione e risurrezione da parte di Cristo stesso. Loro infatti respingevano “l’idea che Gesù venisse rifiutato dai capi del popolo e ucciso”. Infatti “attendevano un Messia potente e dominatore, invece Gesù si presenta come umile e mite servo di Dio e degli uomini, che dovrà donare la sua vita in sacrificio, passando attraverso la via della persecuzione, della sofferenza e della morte”. 

 

Come poter seguire un Maestro e Messia la cui vicenda terrena si sarebbe conclusa in quel modo? La risposta arriva proprio dalla trasfigurazione: un’apparizione pasquale anticipata.

Così Gesù prende con sé Pietro, Giacomo e Giovanni, e su un alto monte mostra loro la sua gloria, Gloria di Figlio di Dio. Così permette ai discepoli di non esser travolti dall’evento della sua passione . “Lo hanno visto come sarà dopo la passione: glorioso. E così Gesù li prepara alla prova”.

La trasfigurazione aiuta i discepoli, e anche noi, a capire che la passione di Cristo è un mistero di sofferenza, ma è soprattutto un dono di amore infinito da parte di Gesù. L’evento di Gesù che si trasfigura sul monte ci fa comprendere meglio anche la sua risurrezione.

Senza la trasfigurazione e la dichiarazione di Dio “Questi è il Figlio mio, l’amato” chiarisce il Papa, la risurrezione e il mistero pasquale di Gesù non sarebbero stati facilmente compresi. Così invece i discepoli sanno che Colui che soffre e poi è glorificato è il Figlio di Dio, non soltanto un uomo.

I discepoli, conclude Francesco “sono chiamati a seguire il Maestro con fiducia e speranza, nonostante la sua morte”, perché la divinità di Gesù deve manifestarsi proprio sulla croce, proprio nel suo morire “in quel modo”. Affidiamoci fiduciosi al materno aiuto di Maria, la creatura umana trasfigurata interiormente dalla grazia di Cristo, per proseguire con fede e generosità il cammino della Quaresima.

 

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

La trasfigurazione ci fa capire la Pasqua di Gesù

Il Papa all'Angelus

  

- Advertisement -

Prima della preghiera dell’Angelus, Papa Francesco ha commentato il Vangelo della trasfigurazione di Gesù, inserito in questa seconda domenica di Quaresima. E’ un apparizione pasquale anticipata, che permette ai discepoli di affrontare la passione di Cristo senza essere travolti. E’ un mistero di sofferenza, “ma è soprattutto un dono di amore infinito da parte di Gesù”

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

La trasfigurazione di Gesù davanti ai discepoli è “un’apparizione pasquale anticipata” che aiuta loro e noi a capire che la passione di Cristo è un mistero di sofferenza, ma è soprattutto un dono di amore infinito da parte di Gesù. Così Papa Francesco parla all’Angelus dell’episodio raccontato da Marco nel Vangelo di questa seconda domenica di Quaresima.

Non un Messia potente, ma un umile servo di Dio

Racconta che Pietro e i discepoli erano stati messi in crisi dall’annuncio della passione e risurrezione da parte di Cristo stesso. Loro infatti respingevano “l’idea che Gesù venisse rifiutato dai capi del popolo e ucciso”. Infatti “attendevano un Messia potente e dominatore, invece Gesù si presenta come umile e mite servo di Dio e degli uomini, che dovrà donare la sua vita in sacrificio, passando attraverso la via della persecuzione, della sofferenza e della morte”. 

- Advertisement -

 

Come poter seguire un Maestro e Messia la cui vicenda terrena si sarebbe conclusa in quel modo? La risposta arriva proprio dalla trasfigurazione: un’apparizione pasquale anticipata.

Così Gesù prende con sé Pietro, Giacomo e Giovanni, e su un alto monte mostra loro la sua gloria, Gloria di Figlio di Dio. Così permette ai discepoli di non esser travolti dall’evento della sua passione . “Lo hanno visto come sarà dopo la passione: glorioso. E così Gesù li prepara alla prova”.

La trasfigurazione aiuta i discepoli, e anche noi, a capire che la passione di Cristo è un mistero di sofferenza, ma è soprattutto un dono di amore infinito da parte di Gesù. L’evento di Gesù che si trasfigura sul monte ci fa comprendere meglio anche la sua risurrezione.

Senza la trasfigurazione e la dichiarazione di Dio “Questi è il Figlio mio, l’amato” chiarisce il Papa, la risurrezione e il mistero pasquale di Gesù non sarebbero stati facilmente compresi. Così invece i discepoli sanno che Colui che soffre e poi è glorificato è il Figlio di Dio, non soltanto un uomo.

I discepoli, conclude Francesco “sono chiamati a seguire il Maestro con fiducia e speranza, nonostante la sua morte”, perché la divinità di Gesù deve manifestarsi proprio sulla croce, proprio nel suo morire “in quel modo”. Affidiamoci fiduciosi al materno aiuto di Maria, la creatura umana trasfigurata interiormente dalla grazia di Cristo, per proseguire con fede e generosità il cammino della Quaresima.

 

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO