20.3 C
Roma
Dom, 20 Settembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Storie La suora di clausura racconta la vocazione: la grata mi terrorizzava, poi...

La suora di clausura racconta la vocazione: la grata mi terrorizzava, poi ho sentito il Signore

In un libro Suor Maria Manuela Cavrini racconta il suo percorso di fede, iniziato dopo aver chiuso un fidanzamento

- Advertisement -

In un libro Suor Maria Manuela Cavrini racconta il suo percorso di fede, iniziato dopo aver chiuso un fidanzamento

Si intitola “La stella di Miryam“, è stato pubblicato dell’editore Itacaed è il racconto di un vero e proprio “cammino del cuore”.

E’ la storia di una prima “fuga” dalla vocazione e poi l’abbandono convinto ad essa, come se si fosse trattato di una rocambolesca storia d’amore contrastata, con una lei che cerca di non cedere alla sua corte e un Lui che persevera nel “corteggiamento” (Aci Stampa, 15 marzo).

Si può sintetizzare così il percorso di fede della clarissa scrittrice Suor Maria Manuela Cavrini, che, vive nel monastero di clausura di Città di Castello vicino Perugia.

Il fidanzato a Bologna

Intervistata da Tv 2000 (10 marzo)suor Maria Manuela ha ripercorso le tappe salienti di questo suo tragitto in cui è stata accompagnata da una buona “stella”.

«Ho combattuto a lungo con il Signore, anche per diversi anni – evidenzia la clarissa – sopratutto per evitare la clausura, che mi attirava ma anche angosciava. Ricordo gli anni in cui studiavo all’università a Bologna, avevo un ragazzo e la sua famiglia, che avevo conosciuto, mi voleva bene. Avevo una prospettiva di vita sicura, lontana da quella religiosa».

Quel giorno con San Paolo

«Poi una volta interrotto quel fidanzamento – prosegue – sentivo come un vuoto e un desiderio. Ne parlai con il mio parroco di allora, e mi raccontò di San Paolo: parlammo di matrimonio, verginità. Qualcosa accadde in me. Il giorno dopo ero di nuovo dal mio parroco e gli dissi: “Sono pronta, cominciamo”. Dopo un anno mi ero resa conto che non potevo fare a meno della messa e di prendere la comunione».

Prima il Signore, poi Chiara e Francesco

Suor Maria Manuela spiega anche il motivo della scelta di clausura. «Clarissa perché cercavo, ad un certo punto, un “dove” collocarmi. Dopo aver incontrato il mio parroco, ho conosciuto una clarissa. Vedevo nei suoi occhi l’amore per il Signore e la Chiesa. L’amore per Chiara e Francesco li ho conosciuti dopo, in monastero».

“Ostacoli, prove, sofferenze”

Poi aggiunge: «Quando scegli il Signore è perché hai incontrato un di più, anche se ci sono prove, ostacoli, sofferenze durante questo incontro. Se non ci fosse un di più, nessuno lascerebbe qualcosa di sicuro per il Signore. E io sono trent’anni che vivo in monastero».

«Spesso ho pensato di aver sbagliato strada, di avere dubbi o paura di questa vita. La grata mi terrorizzava. Una volta che è intervenuto il Signore, non mi sono potuta non esporre. La vita di clausura si può provare: basta restare una settimana in monastero: è una vita piena, le ore non bastano mai. Servirebbero giorni di 48 ore per fare tutto!».

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

La suora di clausura racconta la vocazione: la grata mi terrorizzava, poi ho sentito il Signore

In un libro Suor Maria Manuela Cavrini racconta il suo percorso di fede, iniziato dopo aver chiuso un fidanzamento

  

- Advertisement -

In un libro Suor Maria Manuela Cavrini racconta il suo percorso di fede, iniziato dopo aver chiuso un fidanzamento

Si intitola “La stella di Miryam“, è stato pubblicato dell’editore Itacaed è il racconto di un vero e proprio “cammino del cuore”.

E’ la storia di una prima “fuga” dalla vocazione e poi l’abbandono convinto ad essa, come se si fosse trattato di una rocambolesca storia d’amore contrastata, con una lei che cerca di non cedere alla sua corte e un Lui che persevera nel “corteggiamento” (Aci Stampa, 15 marzo).

Si può sintetizzare così il percorso di fede della clarissa scrittrice Suor Maria Manuela Cavrini, che, vive nel monastero di clausura di Città di Castello vicino Perugia.

Il fidanzato a Bologna

- Advertisement -

Intervistata da Tv 2000 (10 marzo)suor Maria Manuela ha ripercorso le tappe salienti di questo suo tragitto in cui è stata accompagnata da una buona “stella”.

«Ho combattuto a lungo con il Signore, anche per diversi anni – evidenzia la clarissa – sopratutto per evitare la clausura, che mi attirava ma anche angosciava. Ricordo gli anni in cui studiavo all’università a Bologna, avevo un ragazzo e la sua famiglia, che avevo conosciuto, mi voleva bene. Avevo una prospettiva di vita sicura, lontana da quella religiosa».

Quel giorno con San Paolo

«Poi una volta interrotto quel fidanzamento – prosegue – sentivo come un vuoto e un desiderio. Ne parlai con il mio parroco di allora, e mi raccontò di San Paolo: parlammo di matrimonio, verginità. Qualcosa accadde in me. Il giorno dopo ero di nuovo dal mio parroco e gli dissi: “Sono pronta, cominciamo”. Dopo un anno mi ero resa conto che non potevo fare a meno della messa e di prendere la comunione».

Prima il Signore, poi Chiara e Francesco

Suor Maria Manuela spiega anche il motivo della scelta di clausura. «Clarissa perché cercavo, ad un certo punto, un “dove” collocarmi. Dopo aver incontrato il mio parroco, ho conosciuto una clarissa. Vedevo nei suoi occhi l’amore per il Signore e la Chiesa. L’amore per Chiara e Francesco li ho conosciuti dopo, in monastero».

“Ostacoli, prove, sofferenze”

Poi aggiunge: «Quando scegli il Signore è perché hai incontrato un di più, anche se ci sono prove, ostacoli, sofferenze durante questo incontro. Se non ci fosse un di più, nessuno lascerebbe qualcosa di sicuro per il Signore. E io sono trent’anni che vivo in monastero».

«Spesso ho pensato di aver sbagliato strada, di avere dubbi o paura di questa vita. La grata mi terrorizzava. Una volta che è intervenuto il Signore, non mi sono potuta non esporre. La vita di clausura si può provare: basta restare una settimana in monastero: è una vita piena, le ore non bastano mai. Servirebbero giorni di 48 ore per fare tutto!».

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
285FansMi piace
975FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
118IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

“Non fare come gli ipocriti”

Il Cristo dell’Apocalisse

Sposati e sii sottomessa, 2011

Interrogare la sofferenza

Il mondo mistico dell’ebraismo

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x