20.7 C
Rome
mercoledì, 16 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana La santità, questa sconosciuta

La santità, questa sconosciuta

L’appello alle coscienze

- Advertisement -
L’appello alle coscienze

Eppure la strada maestra rimane l’appello alla coscienza delle persone che, se imbrigliata nel quotidiano spesso insulso, problematico, a volte drammatico, conserva le domande della vita. La risposta è l’attenzione alla dimensione spirituale. Anche in contesti laici, indifferenti o semplicemente insignificanti.

La vita dell’anima è presente in tutti: a intermittenza, confusa, a volte forte a volte flebile.

Senza scomodare il cristianesimo, ogni persona vive la duplice componente di corpo e di spirito, di sensi e di anima. Le persone, al di là dei propri orientamenti, sentono questa duplicità che ha dei punti attrattivi e distruttivi. Non si vive solo di corpo, né di solo spirito.

Per una vita dignitosa occorre gestire sia il corpo che lo spirito. Il problema della cultura moderna, pur valorizzando la soggettività, ha squilibrato l’attenzione alla corporeità. Eppure la vita dei sensi è debole, perché soggetta al tempo e al logoramento.

È nella dimensione dell’anima che esiste il recupero della spiritualità. Non siamo ancora a livello della santità che presuppone fede, conoscenza e adesione. Ma nello sforzo di non farsi fagocitare dal “banale”: il giorno dopo giorno, inseguendo consumi e sogni più che valori.

La cultura dominante, oltre che liquida, è diventata bulimica: ossessione per alcuni interessi marginali, capaci di assorbire le migliori energie, senza tregua e senza fine: il lavoro, il divertimento, la ricchezza, il consumo, il potere, la visibilità, la notorietà. Obiettivi che, per definizione, non hanno termine, perché dipendenti dalle attese che si rinnovano all’infinito.

È una cultura globale, in termini spaziali e temporali: ovunque le stesse manie, anche in paesi non ricchi; nell’infanzia, nella giovinezza, nell’età matura.

La strategia utilizzata è preparare l’adulto ad avere una propria soggettività basata sul caduco, che, in termini pratici, parte dalla ricchezza e arriva al consumo. Un materialismo onnipresente e invasivo. Persino la ricerca scientifica e l’arte ne dipendono.

Una linea di speranza

Nonostante questo il futuro non è buio. Una linea generale di speranza è stata suggerita dall’esortazione di papa Bergoglio Gaudete et exsultate del 19 marzo 2018.

Un documento che non ha avuto grande risalto né presso l’informazione generalista, né preso il mondo cattolico, probabilmente perché il tema della santità è “incomprensibile e inarrivabile” per i più.

Invece, è un testo che valorizza la dimensione dello spirito, nel quotidiano, presso il popolo, nella linea teologica che il papa segue.

La santità diventa il parametro di chi sta accanto e segue la vita fatta di equilibrio e di buone pratiche che non escludono lo spirito, né le incombenze della vita ordinaria.

Volendo indicare le vie pratiche di risposta alla secolarizzazione, si potrebbe pensare a due grandi filoni: l’ascesi e le azioni di carità. Ciascuno seguendo la propria indole, ma anche mischiandole nella vita concreta.

L’ascesi è lo sguardo a Dio, confortati dallo spirito; le azioni di carità impegnano a non sentirsi soli nel mondo e nella Chiesa, attenti ad usare misericordia e cura di sé e di chi si incontra.

In fondo, la santità – di cui noi tutti abbiamo paura – è l’avvicinarsi alla dimensione dell’anima, favorendo tutti i buoni sentimenti che sorgono quotidianamente, approfondendone i significati, collegandoli al senso profondo della vita. Nella vita di ascesi vanno a confluire tutte quelle virtù – le beatitudini – di cui parla il Vangelo che sembrano difficili, ma che in realtà, invochiamo costantemente da chi incontriamo. Così si scopre la grandezza di Dio, la sua misericordia e il suo perdono. In un percorso che accompagna le varie età della vita, senza ansie della perfezione e del martirio.

La vita quotidiana con l’occhio all’anima è vissuta attenuando pretese, rancori, sciocchezze, superfluo. Diventa una vita più libera, perché rende più vera l’esistenza, accettandone i limiti e le prove.

Le opere di carità di cui parla il capitolo 25 di Matteo contribuiscono a sentirsi utili, a non chiudersi in se stessi, a non proclamarsi imperatori o imperatrici. Anzi, facendo del bene si è più felici e… più soddisfatti. L’altro non è un nemico ma un amico, anche se non sempre facile e riconoscente. Anche lui ha un’anima. Aiutandolo a scoprirla, vivrà meglio.

Il comandamento centrale del cristianesimo, ama Dio e il prossimo, si può concretizzare alla portata della propria vita, senza paura di sconfitte e di inadempienze.

Viene in mente la discussione tra Marta e Maria alla visita di Gesù, raccontata da Luca. Erano sorelle, ambedue discepole di Gesù, insieme al fratello Lazzaro. Ognuno rivendicava una parte della propria devozione al Maestro. Marta accudendo alle cose pratiche; Maria ascoltando le parole di Gesù.

Sarebbe molto bello che nella vita riuscissimo a fare sintesi: ascoltare il Signore, accudendo chi ci è accanto.

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

La santità, questa sconosciuta

L’appello alle coscienze

  

- Advertisement -
L’appello alle coscienze

Eppure la strada maestra rimane l’appello alla coscienza delle persone che, se imbrigliata nel quotidiano spesso insulso, problematico, a volte drammatico, conserva le domande della vita. La risposta è l’attenzione alla dimensione spirituale. Anche in contesti laici, indifferenti o semplicemente insignificanti.

La vita dell’anima è presente in tutti: a intermittenza, confusa, a volte forte a volte flebile.

Senza scomodare il cristianesimo, ogni persona vive la duplice componente di corpo e di spirito, di sensi e di anima. Le persone, al di là dei propri orientamenti, sentono questa duplicità che ha dei punti attrattivi e distruttivi. Non si vive solo di corpo, né di solo spirito.

Per una vita dignitosa occorre gestire sia il corpo che lo spirito. Il problema della cultura moderna, pur valorizzando la soggettività, ha squilibrato l’attenzione alla corporeità. Eppure la vita dei sensi è debole, perché soggetta al tempo e al logoramento.

È nella dimensione dell’anima che esiste il recupero della spiritualità. Non siamo ancora a livello della santità che presuppone fede, conoscenza e adesione. Ma nello sforzo di non farsi fagocitare dal “banale”: il giorno dopo giorno, inseguendo consumi e sogni più che valori.

- Advertisement -

La cultura dominante, oltre che liquida, è diventata bulimica: ossessione per alcuni interessi marginali, capaci di assorbire le migliori energie, senza tregua e senza fine: il lavoro, il divertimento, la ricchezza, il consumo, il potere, la visibilità, la notorietà. Obiettivi che, per definizione, non hanno termine, perché dipendenti dalle attese che si rinnovano all’infinito.

È una cultura globale, in termini spaziali e temporali: ovunque le stesse manie, anche in paesi non ricchi; nell’infanzia, nella giovinezza, nell’età matura.

La strategia utilizzata è preparare l’adulto ad avere una propria soggettività basata sul caduco, che, in termini pratici, parte dalla ricchezza e arriva al consumo. Un materialismo onnipresente e invasivo. Persino la ricerca scientifica e l’arte ne dipendono.

Una linea di speranza

Nonostante questo il futuro non è buio. Una linea generale di speranza è stata suggerita dall’esortazione di papa Bergoglio Gaudete et exsultate del 19 marzo 2018.

Un documento che non ha avuto grande risalto né presso l’informazione generalista, né preso il mondo cattolico, probabilmente perché il tema della santità è “incomprensibile e inarrivabile” per i più.

Invece, è un testo che valorizza la dimensione dello spirito, nel quotidiano, presso il popolo, nella linea teologica che il papa segue.

La santità diventa il parametro di chi sta accanto e segue la vita fatta di equilibrio e di buone pratiche che non escludono lo spirito, né le incombenze della vita ordinaria.

Volendo indicare le vie pratiche di risposta alla secolarizzazione, si potrebbe pensare a due grandi filoni: l’ascesi e le azioni di carità. Ciascuno seguendo la propria indole, ma anche mischiandole nella vita concreta.

L’ascesi è lo sguardo a Dio, confortati dallo spirito; le azioni di carità impegnano a non sentirsi soli nel mondo e nella Chiesa, attenti ad usare misericordia e cura di sé e di chi si incontra.

In fondo, la santità – di cui noi tutti abbiamo paura – è l’avvicinarsi alla dimensione dell’anima, favorendo tutti i buoni sentimenti che sorgono quotidianamente, approfondendone i significati, collegandoli al senso profondo della vita. Nella vita di ascesi vanno a confluire tutte quelle virtù – le beatitudini – di cui parla il Vangelo che sembrano difficili, ma che in realtà, invochiamo costantemente da chi incontriamo. Così si scopre la grandezza di Dio, la sua misericordia e il suo perdono. In un percorso che accompagna le varie età della vita, senza ansie della perfezione e del martirio.

La vita quotidiana con l’occhio all’anima è vissuta attenuando pretese, rancori, sciocchezze, superfluo. Diventa una vita più libera, perché rende più vera l’esistenza, accettandone i limiti e le prove.

Le opere di carità di cui parla il capitolo 25 di Matteo contribuiscono a sentirsi utili, a non chiudersi in se stessi, a non proclamarsi imperatori o imperatrici. Anzi, facendo del bene si è più felici e… più soddisfatti. L’altro non è un nemico ma un amico, anche se non sempre facile e riconoscente. Anche lui ha un’anima. Aiutandolo a scoprirla, vivrà meglio.

Il comandamento centrale del cristianesimo, ama Dio e il prossimo, si può concretizzare alla portata della propria vita, senza paura di sconfitte e di inadempienze.

Viene in mente la discussione tra Marta e Maria alla visita di Gesù, raccontata da Luca. Erano sorelle, ambedue discepole di Gesù, insieme al fratello Lazzaro. Ognuno rivendicava una parte della propria devozione al Maestro. Marta accudendo alle cose pratiche; Maria ascoltando le parole di Gesù.

Sarebbe molto bello che nella vita riuscissimo a fare sintesi: ascoltare il Signore, accudendo chi ci è accanto.

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
602FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO