18 C
Rome
giovedì, 17 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Recensioni Film La risurrezione di Cristo attraverso gli occhi di un produttore

La risurrezione di Cristo attraverso gli occhi di un produttore

- Advertisement -

Intervista a Pete Shilaimon

Pete Shilaimon è uno dei molti iracheni che hanno dovuto abbandonare la terra d’origine per poter vivere la propria fede senza doversi nascondere. Oggi è il direttore esecutivo del film Risorto, che uscirà nelle sale il prossimo 17 marzo.

Abbiamo incontrato Pete a Roma, durante un’anteprima in Vaticano.

Nella prima parte della nostra intervista a Pete Shilaimon, il produttore parla apertamente della sua fede in Gesù, di cosa rendeRisorto diverso da altri film sulla Bibbia e del perché la sua “più incredibile” esperienza come produttore è stata proprio quella in cui ha lavorato su un film che racconta i primi 40 giorni dalla Risurrezione di Cristo attraverso gli occhi di un tribuno di Roma.

Non perdete anche la seconda parte della nostra intervista a Pete Shilaimon, che uscirà venerdì 19 febbraio – il giorno in cuiRisorto debutterà nelle sale di tutto il mondo – per conoscere di più sulla sua storia personale e sulle drammatiche circostanze che hanno portato la sua famiglia a scappare dall’Iraq.


Leggi QUI l’intervista esclusiva di Aleteia a Joseph Fiennes


Diane Montagna: Congratulazioni per il film e grazie per questa intervista concessa ad Aleteia. Vorrei iniziare da questa domanda: chi è Gesù per te?

Pete Shilaimon: Questa è una domanda estremamente semplice: Lui è tutto.

Sono venuto qui da un altro paese. Arrivai in America da un altro paese, e tutto ciò che avevamo era la fede in Dio. Tutto ciò che avevamo era Gesù. Quindi per me crescere ogni istante in Gesù è stato come acquisire una seconda natura. Per me Lui è tutto: è la vita, è l’aria che respiro. Ecco, è una risposta molto semplice.

Perché il film Risorto? Cosa lo rende diverso dagli altri film sulla Bibbia visti finora?

Leggendo il copione la differenza è stata, per me, raccontare i fatti dal punto di vista di Clavio, il tribuno romano incaricato di cercare il Messia. È stato molto interessante raccontare quella prospettiva. Non è stato mai fatto prima. La cosa aveva un suo senso e sapevo di dover lavorare in questa direzione. Sapevo di dover essere coinvolto, in qualche modo, con questo film. Ho quindi chiesto e chiesto di nuovo: “Fatemi essere sul set. Fatemi lavorare a questo film”. E il mio boss ha replicato così: “Vai e fallo”. E io sono andato sul set e ho prodotto il film. È stata la più incredibile esperienza mai avuta come produttore.

Perché? Cosa l’ha reso diverso, ai tuoi occhi, rispetto a tutti gli altri film su cui hai lavorato?

Sono cresciuto con queste storie, con il racconto della Crocifissione, con la Resurrezione. La mia famiglia… ecco, sai, noi siamo molto cattolici. Crescendo in questo ambiente queste storie erano epiche, oserei dire. E lavorare su una di loro è stato spettacolare.

Sono stato intervistato altre volte e mi sono state poste molte domande. Ma ciò che posso dire su questo film è che ho provato la sensazione di essere io stesso Clavio, su quella pietra. Molte volte nella mia vita ho avuto dubbi, ho avuto domande e volevo delle risposte. E nessuno me le ha date. L’unica volta in cui ho trovato risposte è stato quando ho parlato con Gesù. Quando mi sono seduto e ho osservato Cliff Curtis recitare nel ruolo di Yeshua, e Joseph in quello di Clavio, su quella pietra, là c’è stato uno dei momenti più incredibili: stare in quel deserto ed essere testimone di quel dialogo, perché mi sentivo Clavio, ed è come se fossi stato io ad aver quella conversazione con Gesù.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

La risurrezione di Cristo attraverso gli occhi di un produttore

  

- Advertisement -

Intervista a Pete Shilaimon

Pete Shilaimon è uno dei molti iracheni che hanno dovuto abbandonare la terra d’origine per poter vivere la propria fede senza doversi nascondere. Oggi è il direttore esecutivo del film Risorto, che uscirà nelle sale il prossimo 17 marzo.

Abbiamo incontrato Pete a Roma, durante un’anteprima in Vaticano.

Nella prima parte della nostra intervista a Pete Shilaimon, il produttore parla apertamente della sua fede in Gesù, di cosa rendeRisorto diverso da altri film sulla Bibbia e del perché la sua “più incredibile” esperienza come produttore è stata proprio quella in cui ha lavorato su un film che racconta i primi 40 giorni dalla Risurrezione di Cristo attraverso gli occhi di un tribuno di Roma.

Non perdete anche la seconda parte della nostra intervista a Pete Shilaimon, che uscirà venerdì 19 febbraio – il giorno in cuiRisorto debutterà nelle sale di tutto il mondo – per conoscere di più sulla sua storia personale e sulle drammatiche circostanze che hanno portato la sua famiglia a scappare dall’Iraq.


- Advertisement -

Leggi QUI l’intervista esclusiva di Aleteia a Joseph Fiennes


Diane Montagna: Congratulazioni per il film e grazie per questa intervista concessa ad Aleteia. Vorrei iniziare da questa domanda: chi è Gesù per te?

Pete Shilaimon: Questa è una domanda estremamente semplice: Lui è tutto.

Sono venuto qui da un altro paese. Arrivai in America da un altro paese, e tutto ciò che avevamo era la fede in Dio. Tutto ciò che avevamo era Gesù. Quindi per me crescere ogni istante in Gesù è stato come acquisire una seconda natura. Per me Lui è tutto: è la vita, è l’aria che respiro. Ecco, è una risposta molto semplice.

Perché il film Risorto? Cosa lo rende diverso dagli altri film sulla Bibbia visti finora?

Leggendo il copione la differenza è stata, per me, raccontare i fatti dal punto di vista di Clavio, il tribuno romano incaricato di cercare il Messia. È stato molto interessante raccontare quella prospettiva. Non è stato mai fatto prima. La cosa aveva un suo senso e sapevo di dover lavorare in questa direzione. Sapevo di dover essere coinvolto, in qualche modo, con questo film. Ho quindi chiesto e chiesto di nuovo: “Fatemi essere sul set. Fatemi lavorare a questo film”. E il mio boss ha replicato così: “Vai e fallo”. E io sono andato sul set e ho prodotto il film. È stata la più incredibile esperienza mai avuta come produttore.

Perché? Cosa l’ha reso diverso, ai tuoi occhi, rispetto a tutti gli altri film su cui hai lavorato?

Sono cresciuto con queste storie, con il racconto della Crocifissione, con la Resurrezione. La mia famiglia… ecco, sai, noi siamo molto cattolici. Crescendo in questo ambiente queste storie erano epiche, oserei dire. E lavorare su una di loro è stato spettacolare.

Sono stato intervistato altre volte e mi sono state poste molte domande. Ma ciò che posso dire su questo film è che ho provato la sensazione di essere io stesso Clavio, su quella pietra. Molte volte nella mia vita ho avuto dubbi, ho avuto domande e volevo delle risposte. E nessuno me le ha date. L’unica volta in cui ho trovato risposte è stato quando ho parlato con Gesù. Quando mi sono seduto e ho osservato Cliff Curtis recitare nel ruolo di Yeshua, e Joseph in quello di Clavio, su quella pietra, là c’è stato uno dei momenti più incredibili: stare in quel deserto ed essere testimone di quel dialogo, perché mi sentivo Clavio, ed è come se fossi stato io ad aver quella conversazione con Gesù.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Fusco: La gioia dell’ascolto

Ri-innamorarsi

Giovani all’ombra della luce

La tenerezza nel vangelo di Marco

Rileggere il Decalogo

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO