Cookie Consent by Free Privacy Policy website
20.8 C
Roma
Lun, 18 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiCultura ed EducazioneLa ricerca storica su Gesù

La ricerca storica su Gesù

Cultura e Libri

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Un altro interessante libro sul problema del rapporto tra il Gesù storico e il Cristo della fede. Frutto di un convegno organizzato dalla Pontificia Università Lateranense nel 2016, il volume raccoglie 9 voci di specialisti in materia e di diversa provenienza.

Con competenza e coraggio essi tentano un largo ragguaglio su quanto è stato prodotto al riguardo dalla svolta illuministica a oggi e ripropongono ancora quel problema, focalizzandosi in particolare sulla necessità imprescindibile di tenere collegati i due poli: quello della ricerca scientifica razionale e quello della tradizione cristologica sviluppatasi nella/e Chiesa/e e già presente nei testi sacri del NT. Ottima intenzione. La risposta è ancora, per vari aspetti, sconcertante. Fin quando lo sarà?

L’intervento dell’ormai famoso ricercatore americano John Paul Meier, autore tra l’altro di già 5 grossi volumi su Gesù un ebreo marginale, ne è una prova. Pur con tutte le sue precisazioni e motivazioni, non potrà non sconcertare molti lettori la sua tesi che «solo 4 parabole evangeliche» possono risalire a Gesù (pp. 70-73), e così per altri aspetti della vita del Nazareno.

Analoga impressione di fronte alle tesi di Giorgio Jossa sui cambiamenti avvenuti nella mentalità e nella predicazione di Gesù in particolare sul Regno dei cieli: nessuna preclusione all’idea di uno sviluppo in Gesù (se è vero che anch’egli «crebbe in sapienza, età e grazia»), ma le ipotesi e le conclusione che l’illustre e stimato biblista espone non lasceranno tranquillo il lettore. È questa, del resto, la reazione che si prova da parte di molti, specialmente se inesperti, di fronte a tanti libri sulla ricerca del Gesù storico e del suo rapporto con quello cosiddetto della fede.

Benché anch’io ne abbia trattato varie volte a livello di studi insieme con la citata «scuola milanese preoccupata della singolarità di Cristo» (p. 182), tuttavia mi preme sempre anche la preoccupazione di orientare clero e laici di fronte a quelle ricerche e alla creazione continua di ipotesi e contro ipotesi (segno della debolezza di tanti studi biblici moderni, bisogna riconoscerlo).

- Advertisement -

Ebbene, mi piace suggerire a tutti di prestare molta attenzione agli interventi, riportati nel volume, di Romano Penna, Daniel Marguerat, Antonio Pitta e Nicola Ciola: dopo lo sconcerto per tanti dettagli, essi aiutano a recuperare una visione più completa e globale del Gesù storico e creduto dai primi cristiani: un Gesù cioè non solo “marginale” nel giudaismo, ma anche più unico che raro: per esempio per il suo specifico rapporto col Padre, per quello con la Toràh, per il suo stile e comportamento con ogni tipo di gente, per la sua ignominiosa e “maledetta” crocifissione seguita subito da sorprendenti atti di fede e di amore (Giuseppe d’Arimatea, Nicodemo, alcune donne e forse, almeno in parte, di Pilato stesso, che si decise a lasciare quel cartello sulla croce e a concedere onorata sepoltura a quel misterioso e intrigante personaggio).

Questo è il Gesù dei Vangeli e della Chiesa primitiva, un Gesù in particolare che appariva come uno alla pari se non addirittura al di sopra della divina Toràh (cf. il ben noto libro di Neusner e di altri ebrei moderni): aspetto, questo, un po’ troppo in ombra anche nel presente volume (oltre che nella tradizione cristologica ecclesiale e nella catechesi!).

Sul presente volume esprimo anche una sorpresa: si ha l’impressione che i singoli interventi si siano quasi ignorati l’un l’altro; comunque, il complesso merita senz’altro plauso e conforto, per un cammino tutt’altro che concluso, come gli stessi curatori riconoscono.

ACQUISTA IL LIBRO

 

- Advertisement -
Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

La ricerca storica su Gesù

Cultura e Libri

- Advertisement -

Un altro interessante libro sul problema del rapporto tra il Gesù storico e il Cristo della fede. Frutto di un convegno organizzato dalla Pontificia Università Lateranense nel 2016, il volume raccoglie 9 voci di specialisti in materia e di diversa provenienza.

Con competenza e coraggio essi tentano un largo ragguaglio su quanto è stato prodotto al riguardo dalla svolta illuministica a oggi e ripropongono ancora quel problema, focalizzandosi in particolare sulla necessità imprescindibile di tenere collegati i due poli: quello della ricerca scientifica razionale e quello della tradizione cristologica sviluppatasi nella/e Chiesa/e e già presente nei testi sacri del NT. Ottima intenzione. La risposta è ancora, per vari aspetti, sconcertante. Fin quando lo sarà?

L’intervento dell’ormai famoso ricercatore americano John Paul Meier, autore tra l’altro di già 5 grossi volumi su Gesù un ebreo marginale, ne è una prova. Pur con tutte le sue precisazioni e motivazioni, non potrà non sconcertare molti lettori la sua tesi che «solo 4 parabole evangeliche» possono risalire a Gesù (pp. 70-73), e così per altri aspetti della vita del Nazareno.

Analoga impressione di fronte alle tesi di Giorgio Jossa sui cambiamenti avvenuti nella mentalità e nella predicazione di Gesù in particolare sul Regno dei cieli: nessuna preclusione all’idea di uno sviluppo in Gesù (se è vero che anch’egli «crebbe in sapienza, età e grazia»), ma le ipotesi e le conclusione che l’illustre e stimato biblista espone non lasceranno tranquillo il lettore. È questa, del resto, la reazione che si prova da parte di molti, specialmente se inesperti, di fronte a tanti libri sulla ricerca del Gesù storico e del suo rapporto con quello cosiddetto della fede.

Benché anch’io ne abbia trattato varie volte a livello di studi insieme con la citata «scuola milanese preoccupata della singolarità di Cristo» (p. 182), tuttavia mi preme sempre anche la preoccupazione di orientare clero e laici di fronte a quelle ricerche e alla creazione continua di ipotesi e contro ipotesi (segno della debolezza di tanti studi biblici moderni, bisogna riconoscerlo).

- Advertisement -

Ebbene, mi piace suggerire a tutti di prestare molta attenzione agli interventi, riportati nel volume, di Romano Penna, Daniel Marguerat, Antonio Pitta e Nicola Ciola: dopo lo sconcerto per tanti dettagli, essi aiutano a recuperare una visione più completa e globale del Gesù storico e creduto dai primi cristiani: un Gesù cioè non solo “marginale” nel giudaismo, ma anche più unico che raro: per esempio per il suo specifico rapporto col Padre, per quello con la Toràh, per il suo stile e comportamento con ogni tipo di gente, per la sua ignominiosa e “maledetta” crocifissione seguita subito da sorprendenti atti di fede e di amore (Giuseppe d’Arimatea, Nicodemo, alcune donne e forse, almeno in parte, di Pilato stesso, che si decise a lasciare quel cartello sulla croce e a concedere onorata sepoltura a quel misterioso e intrigante personaggio).

Questo è il Gesù dei Vangeli e della Chiesa primitiva, un Gesù in particolare che appariva come uno alla pari se non addirittura al di sopra della divina Toràh (cf. il ben noto libro di Neusner e di altri ebrei moderni): aspetto, questo, un po’ troppo in ombra anche nel presente volume (oltre che nella tradizione cristologica ecclesiale e nella catechesi!).

Sul presente volume esprimo anche una sorpresa: si ha l’impressione che i singoli interventi si siano quasi ignorati l’un l’altro; comunque, il complesso merita senz’altro plauso e conforto, per un cammino tutt’altro che concluso, come gli stessi curatori riconoscono.

ACQUISTA IL LIBRO

 

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
319IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Ezechiele quadriforme

Il “counseling” pastorale

Il Padre nostro e la tentazione

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x