11.1 C
Rome
lunedì, 20 Maggio 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa “La ricchezza è nascosta nelle piccole cose di ogni giorno” 

“La ricchezza è nascosta nelle piccole cose di ogni giorno” 

- Advertisement -
 
All’Angelus Francesco ricorda «i tanti volti provati dalla vita, ma nobili e sorridenti» incontrati in Myanmar e Bangladesh. E lancia un appello per l’Honduras perché «superi pacificamente le difficoltà»
GIACOMO GALEAZZI
CITTÀ DEL VATICANO
 

Francesco raccomanda all’Angelus di «avere uno sguardo di comprensione per riconoscere sia le miserie e le povertà degli individui e della società, sia la ricchezza nascosta nelle piccole cose di ogni giorno, proprio lì dove il Signore ci ha posto». Nell’introdurre la preghiera mariana recitata con 15mila fedeli e pellegrini riuniti a piazza San Pietro, il Pontefice ricorda che oggi inizia il cammino dell’Avvento, che culminerà nel Natale. Poi aggiunge: «Questa notte sono rientrato dal viaggio apostolico in Myanmar e Bangladesh. Ringrazio tutti coloro che mi hanno accompagnato con la preghiera, e invito ad unirsi al mio rendimento di grazie al Signore, che mi ha concesso di incontrare quelle popolazioni, in particolare le comunità cattoliche, e di essere edificato dalla loro testimonianza. È impresso in me il ricordo di tanti volti provati dalla vita, ma nobili e sorridenti. Li porto tutti nel cuore e nella preghiera». 

 

 

La piazza applaude in risposta alle parole del Papa, che esorta ad essere attenti agli altri e al mondo contro le crudeltà e le delusioni, senza lasciarsi vincere dalla vanità. L’Avvento, evidenzia il Pontefice, «è il tempo che ci è dato per accogliere il Signore che ci viene incontro, per verificare il nostro desiderio di Dio, per guardare avanti e prepararci al ritorno di Cristo che ritornerà a noi nella festa del Natale, quando faremo memoria della sua venuta storica nell’umiltà della condizione umana».  

 

Egli, aggiunge Francesco, «viene dentro di noi ogni volta che siamo disposti a riceverlo, e verrà di nuovo alla fine dei tempi per giudicare i vivi e i morti. Per questo dobbiamo sempre essere vigilanti e attendere il Signore con la speranza di incontrarlo». La liturgia odierna, infatti, «ci introduce proprio in questo suggestivo tema della vigilanza e dell’attesa». Nel Vangelo, sottolinea Jorge Mario Bergoglio, «Gesù ci esorta a fare attenzione e a vegliare, per essere pronti ad accoglierlo nel momento del suo ritorno».  

 

«La persona che fa attenzione è quella che, nel rumore del mondo, non si lascia travolgere dalla distrazione o dalla superficialità, ma vive in maniera piena e consapevole, con una preoccupazione rivolta anzitutto agli altri», afferma il Papa. Quindi, «con questo atteggiamento ci rendiamo conto delle lacrime e delle necessità del prossimo e possiamo coglierne anche le capacità e le qualità umane e spirituali». 

 

«La persona attenta – prosegue Bergoglio – si rivolge anche al mondo, cercando di contrastare l’indifferenza e la crudeltà presenti in esso, e rallegrandosi dei tesori di bellezza che pure esistono e vanno custoditi». Inoltre «la persona vigilante è quella che accoglie l’invito a vegliare, cioè a non lasciarsi sopraffare dal sonno dello scoraggiamento, della mancanza di speranza, della delusione» e, nello stesso tempo, «respinge la sollecitazione delle tante vanità di cui trabocca il mondo e dietro alle quali, a volte, si sacrificano tempo e serenità personale e familiare». 

 

Si tratta della «esperienza dolorosa» del popolo di Israele, raccontata dal profeta Isaia: «Dio sembrava aver lasciato vagare il suo popolo lontano dalle sue vie»; ma questo era «un effetto dell’infedeltà del popolo stesso, anche noi ci troviamo spesso in questa situazione di infedeltà alla chiamata del Signore: Egli ci indica la via buona, la via della fede e dell’amore, ma noi cerchiamo la nostra felicità da un’altra parte», sottolinea Francesco. Che esorta dunque ad «essere attenti e vigilanti»: questi, dice, «sono i presupposti per non continuare a vagare lontano dalle vie del Signore, smarriti nei nostri peccati e nelle nostre infedeltà; sono le condizioni per permettere a Dio di irrompere nella nostra esistenza, per restituirle significato e valore con la sua presenza piena di bontà e di tenerezza».  

 

Il Pontefice invoca «Maria Santissima, modello nell’attesa di Dio e icona della vigilanza, ci guidi incontro al suo figlio Gesù, ravvivando il nostro amore per Lui».  

 

Dopo l’Angelus, indirizza un pensiero ai fedeli e in particolare alla popolazione dell’Honduras «perché possa superare in maniera pacifica l’attuale momento di difficoltà». Il riferimento è alle proteste nel Paese dopo il ballottaggio di domenica scorsa alle presidenziali, ieri si sono registrati scontri tra polizia e gruppi politici opposti a Tegucigalpa e altri luoghi, che hanno provocato anche morti e feriti. 

 

Il saluto del Papa va anche ai fedeli venuti da Bratislava (Slovacchia) e da Ludwigshafen in Germania, come pure al gruppo di Pregaziol (Treviso), ai giovani cresimandi di Mestrino (Padova), alla comunità romena che vive in Italia e che oggi celebra la festa nazionale della Romania. A tutti Francesco augura infine «una buona domenica e un buon cammino di Avvento». E raccomanda: «Per favore, non dimenticatevi di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci!». 

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

“La ricchezza è nascosta nelle piccole cose di ogni giorno” 

  

- Advertisement -
 
All’Angelus Francesco ricorda «i tanti volti provati dalla vita, ma nobili e sorridenti» incontrati in Myanmar e Bangladesh. E lancia un appello per l’Honduras perché «superi pacificamente le difficoltà»
GIACOMO GALEAZZI
CITTÀ DEL VATICANO
 

Francesco raccomanda all’Angelus di «avere uno sguardo di comprensione per riconoscere sia le miserie e le povertà degli individui e della società, sia la ricchezza nascosta nelle piccole cose di ogni giorno, proprio lì dove il Signore ci ha posto». Nell’introdurre la preghiera mariana recitata con 15mila fedeli e pellegrini riuniti a piazza San Pietro, il Pontefice ricorda che oggi inizia il cammino dell’Avvento, che culminerà nel Natale. Poi aggiunge: «Questa notte sono rientrato dal viaggio apostolico in Myanmar e Bangladesh. Ringrazio tutti coloro che mi hanno accompagnato con la preghiera, e invito ad unirsi al mio rendimento di grazie al Signore, che mi ha concesso di incontrare quelle popolazioni, in particolare le comunità cattoliche, e di essere edificato dalla loro testimonianza. È impresso in me il ricordo di tanti volti provati dalla vita, ma nobili e sorridenti. Li porto tutti nel cuore e nella preghiera». 

 

 

La piazza applaude in risposta alle parole del Papa, che esorta ad essere attenti agli altri e al mondo contro le crudeltà e le delusioni, senza lasciarsi vincere dalla vanità. L’Avvento, evidenzia il Pontefice, «è il tempo che ci è dato per accogliere il Signore che ci viene incontro, per verificare il nostro desiderio di Dio, per guardare avanti e prepararci al ritorno di Cristo che ritornerà a noi nella festa del Natale, quando faremo memoria della sua venuta storica nell’umiltà della condizione umana».  

 

Egli, aggiunge Francesco, «viene dentro di noi ogni volta che siamo disposti a riceverlo, e verrà di nuovo alla fine dei tempi per giudicare i vivi e i morti. Per questo dobbiamo sempre essere vigilanti e attendere il Signore con la speranza di incontrarlo». La liturgia odierna, infatti, «ci introduce proprio in questo suggestivo tema della vigilanza e dell’attesa». Nel Vangelo, sottolinea Jorge Mario Bergoglio, «Gesù ci esorta a fare attenzione e a vegliare, per essere pronti ad accoglierlo nel momento del suo ritorno».  

- Advertisement -

 

«La persona che fa attenzione è quella che, nel rumore del mondo, non si lascia travolgere dalla distrazione o dalla superficialità, ma vive in maniera piena e consapevole, con una preoccupazione rivolta anzitutto agli altri», afferma il Papa. Quindi, «con questo atteggiamento ci rendiamo conto delle lacrime e delle necessità del prossimo e possiamo coglierne anche le capacità e le qualità umane e spirituali». 

 

«La persona attenta – prosegue Bergoglio – si rivolge anche al mondo, cercando di contrastare l’indifferenza e la crudeltà presenti in esso, e rallegrandosi dei tesori di bellezza che pure esistono e vanno custoditi». Inoltre «la persona vigilante è quella che accoglie l’invito a vegliare, cioè a non lasciarsi sopraffare dal sonno dello scoraggiamento, della mancanza di speranza, della delusione» e, nello stesso tempo, «respinge la sollecitazione delle tante vanità di cui trabocca il mondo e dietro alle quali, a volte, si sacrificano tempo e serenità personale e familiare». 

 

Si tratta della «esperienza dolorosa» del popolo di Israele, raccontata dal profeta Isaia: «Dio sembrava aver lasciato vagare il suo popolo lontano dalle sue vie»; ma questo era «un effetto dell’infedeltà del popolo stesso, anche noi ci troviamo spesso in questa situazione di infedeltà alla chiamata del Signore: Egli ci indica la via buona, la via della fede e dell’amore, ma noi cerchiamo la nostra felicità da un’altra parte», sottolinea Francesco. Che esorta dunque ad «essere attenti e vigilanti»: questi, dice, «sono i presupposti per non continuare a vagare lontano dalle vie del Signore, smarriti nei nostri peccati e nelle nostre infedeltà; sono le condizioni per permettere a Dio di irrompere nella nostra esistenza, per restituirle significato e valore con la sua presenza piena di bontà e di tenerezza».  

 

Il Pontefice invoca «Maria Santissima, modello nell’attesa di Dio e icona della vigilanza, ci guidi incontro al suo figlio Gesù, ravvivando il nostro amore per Lui».  

 

Dopo l’Angelus, indirizza un pensiero ai fedeli e in particolare alla popolazione dell’Honduras «perché possa superare in maniera pacifica l’attuale momento di difficoltà». Il riferimento è alle proteste nel Paese dopo il ballottaggio di domenica scorsa alle presidenziali, ieri si sono registrati scontri tra polizia e gruppi politici opposti a Tegucigalpa e altri luoghi, che hanno provocato anche morti e feriti. 

 

Il saluto del Papa va anche ai fedeli venuti da Bratislava (Slovacchia) e da Ludwigshafen in Germania, come pure al gruppo di Pregaziol (Treviso), ai giovani cresimandi di Mestrino (Padova), alla comunità romena che vive in Italia e che oggi celebra la festa nazionale della Romania. A tutti Francesco augura infine «una buona domenica e un buon cammino di Avvento». E raccomanda: «Per favore, non dimenticatevi di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci!». 

- Advertisement -
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
762FollowerSegui
13,000FollowerSegui
568FollowerSegui
55IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Rut, la moabita

I profeti minori “quadriformi”

Eva e il serpente

La ricerca storica su Gesù

La teologia di papa Francesco

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO