25.2 C
Rome
mercoledì, 18 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Preghiera La preghiera di papa Francesco prima di andare a dormire.

La preghiera di papa Francesco prima di andare a dormire.

- Advertisement -

Il pontefice ha invitato i fedeli a recitare una preghiera speciale parlando del miracolo della guarigione del lebbroso

Nel corso dell’udienza generale di questo mercoledì 22 giugno, papa Fracesco ha insegnato ai fedeli una preghiera speciale da recitare prima di andare a dormire.

“Vi farò una confidenza personale. La sera, prima di andare a letto, io prego questa breve preghiera: ‘Signore, se vuoi, puoi purificarmi!’. E prego cinque Padre nostro, uno per ogni piaga di Gesù, perché Gesù ci ha purificato con le piaghe”.

“Se questo lo faccio io, potete farlo anche voi, a casa vostra, e dire: ‘Signore, se vuoi, puoi purificarmi!’ e pensare alle piaghe di Gesù e dire un Padre nostro per ognuna di esse. E Gesù ci ascolta sempre”, ha aggiunto.

Nell’udienza, papa Francesco ha portato avanti la serie di catechesi sulla misericordia in base alla visione evangelica parlando del miracolo della guarigione del lebbroso (Lc 5, 12-16).

Pope Francis General Audience June 22, 2016
Papa Francesco con i suoi ospiti d’onore all’udienza del mercoledì

Il pontefice ha spiegato che le piaghe moderne di Cristo sono in coloro che soffrono, e ha chiesto ai fedeli di toccare le ferite degli esclusi e degli emarginati.

Per questo, ha presentato i suoi ospiti speciali per dare senso alle sue parole. Si trattava di un gruppo di giovani rifugiati assistiti dalla Caritas di Firenze e invitati proprio dal Santo Padre a prendere parte in prima fila all’udienza generale.

Pope Francis General Audience June 22, 2016
Papa Francesco con un gruppo di rifugiati assistiti dalla Caritas di Firenze

Il gruppo di rifugiati non figurava nella lista ufficiale della Prefettura della Casa Pontificia con i nomi delle parrocchie, dei movimenti e dei gruppi divisi per Paese, lista che in genere viene consegnata ai giornalisti.

“Oggi mi accompagnano qui questi ragazzi. Molti pensano sarebbe stato meglio se fossero rimasti nella loro terra, ma lì soffrivano tanto”, ha affermato il papa.

“Tanti li considerano esclusi ma sono i nostri fratelli: il cristiano non esclude nessuno, dà posto a tutti, lasciamoli venire tutti”.

Parlando in spagnolo, il vescovo di Roma ha insistito sul fatto che Gesù ascolta sempre la preghiera “recitata con umiltà e fiducia e rifiutando tutti i pregiudizi umani”.

Gesù, ha aggiunto, si mostra vicino per indicarci che non dobbiamo avere “timore di toccare il povero e l’escluso”.

Allo stesso modo, ha esortato a far sì che non ci siano più persone emarginate come indica il Vangelo nell’episodio del lebbroso curato da Gesù.

“Era un escluso, adesso è uno di noi”. “Pensiamo a noi, alle nostre miserie… Ognuno ha le proprie. Pensiamo con sincerità. Quante volte le copriamo con la ipocrisia delle buone maniere. E proprio allora è necessario stare da soli, mettersi in ginocchio davanti a Dio e pregare:‘Signore, se vuoi, puoi purificarmi!’

Ha quindi concluso il suo intervento invitando i presenti a ripetere per tre volte la preghiera “Signore, se vuoi, puoi purificarmi!”


Galleria fotografica dell’Udienza di mercoledì 22 giugno 2016 – © Mekary/Aleteia

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

La preghiera di papa Francesco prima di andare a dormire.

  

- Advertisement -

Il pontefice ha invitato i fedeli a recitare una preghiera speciale parlando del miracolo della guarigione del lebbroso

Nel corso dell’udienza generale di questo mercoledì 22 giugno, papa Fracesco ha insegnato ai fedeli una preghiera speciale da recitare prima di andare a dormire.

“Vi farò una confidenza personale. La sera, prima di andare a letto, io prego questa breve preghiera: ‘Signore, se vuoi, puoi purificarmi!’. E prego cinque Padre nostro, uno per ogni piaga di Gesù, perché Gesù ci ha purificato con le piaghe”.

“Se questo lo faccio io, potete farlo anche voi, a casa vostra, e dire: ‘Signore, se vuoi, puoi purificarmi!’ e pensare alle piaghe di Gesù e dire un Padre nostro per ognuna di esse. E Gesù ci ascolta sempre”, ha aggiunto.

Nell’udienza, papa Francesco ha portato avanti la serie di catechesi sulla misericordia in base alla visione evangelica parlando del miracolo della guarigione del lebbroso (Lc 5, 12-16).

Pope Francis General Audience June 22, 2016
Papa Francesco con i suoi ospiti d’onore all’udienza del mercoledì
- Advertisement -

Il pontefice ha spiegato che le piaghe moderne di Cristo sono in coloro che soffrono, e ha chiesto ai fedeli di toccare le ferite degli esclusi e degli emarginati.

Per questo, ha presentato i suoi ospiti speciali per dare senso alle sue parole. Si trattava di un gruppo di giovani rifugiati assistiti dalla Caritas di Firenze e invitati proprio dal Santo Padre a prendere parte in prima fila all’udienza generale.

Pope Francis General Audience June 22, 2016
Papa Francesco con un gruppo di rifugiati assistiti dalla Caritas di Firenze

Il gruppo di rifugiati non figurava nella lista ufficiale della Prefettura della Casa Pontificia con i nomi delle parrocchie, dei movimenti e dei gruppi divisi per Paese, lista che in genere viene consegnata ai giornalisti.

“Oggi mi accompagnano qui questi ragazzi. Molti pensano sarebbe stato meglio se fossero rimasti nella loro terra, ma lì soffrivano tanto”, ha affermato il papa.

“Tanti li considerano esclusi ma sono i nostri fratelli: il cristiano non esclude nessuno, dà posto a tutti, lasciamoli venire tutti”.

Parlando in spagnolo, il vescovo di Roma ha insistito sul fatto che Gesù ascolta sempre la preghiera “recitata con umiltà e fiducia e rifiutando tutti i pregiudizi umani”.

Gesù, ha aggiunto, si mostra vicino per indicarci che non dobbiamo avere “timore di toccare il povero e l’escluso”.

Allo stesso modo, ha esortato a far sì che non ci siano più persone emarginate come indica il Vangelo nell’episodio del lebbroso curato da Gesù.

“Era un escluso, adesso è uno di noi”. “Pensiamo a noi, alle nostre miserie… Ognuno ha le proprie. Pensiamo con sincerità. Quante volte le copriamo con la ipocrisia delle buone maniere. E proprio allora è necessario stare da soli, mettersi in ginocchio davanti a Dio e pregare:‘Signore, se vuoi, puoi purificarmi!’

Ha quindi concluso il suo intervento invitando i presenti a ripetere per tre volte la preghiera “Signore, se vuoi, puoi purificarmi!”


Galleria fotografica dell’Udienza di mercoledì 22 giugno 2016 – © Mekary/Aleteia

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Sposati e sii sottomessa, 2011

12 storie di ordinaria santità

Dai racconti orali ai Vangeli

Dieci parole per vivere

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO