13.9 C
Roma
Dom, 18 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeRubrichePreghieraLa preghiera delle madri

La preghiera delle madri

- Advertisement -

Lanciata nel 1995; il movimento che ne è nato ha avuto un seguito. In tutto il mondo dei gruppi di madri si riuniscono, una volta a settimana, per pregare per i loro bambini e per quelli di tutti

Nel 1995 una donna inglese, Veronica Williams, legge un rapporto intitolato “Che terra lasceremo ai nostri figli?”. È profondamente scossa dai pericoli coi quali dovranno confrontarsi i giovani (droga, alcool, violenza, pornografia…), e soprattutto i suoi nove bambini piccoli (piccoli all’epoca). Veronica decide allora, con sua cognata Sandra, di pregare per tutti i bambini del mondo.

Vivono in un mondo così scombussolato, un mondo che non Ti accetta sempre e che alle volte si fa beffe di loro se si accorge che loro credono in Te.

Estratto dalla Preghiera delle madri

Nel 2016, ossia 21 anni dopo, la “Preghiera delle madri” è diffusa in 118 Paesi, grazie a un libretto di preghiere tradotto in 45 lingue. Esistono più di 2.000 gruppi nella sola Francia. I gruppi della “Preghiera delle madri” si riuniscono una volta a settimana. Non si tratta di consigli tipo “Come?! Sono sei mesi che non dorme? Ma glie lo dài il ciuccio?». No, no… condividiamo le nostre difficoltà ma non le rimettiamo che a Dio soltanto. Niente confidenze titubanti stile “Te lo dico però tu non dirlo a nessuno”. No: confidenza e riservatezza su tutto quello che viene confidato durante la preghiera.

Questa preghiera è basata sulla certezza che Dio ci ama e sulla nostra fiducia in Lui e nella Sua azione nelle nostre vite. La spiritualità della “Preghiera delle madri” è quella dell’abbandono e del mollare la presa. Essa si fonda su questa parola di Cristo: «Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò ristoro» (Mt 11,28). Deponiamo le nostre sofferenze e le angosce ai piedi della croce, sicure che Egli agirà, a modo Suo e nei Suoi tempi.

Tu sei il Dio onnipotente, Tu puoi cambiare tutto. Allora noi veniamo verso di Te, Signore, con fede e amore, sicure che Tu risponderai alle nostre preghiere.

Estratto dalla Preghiera delle madri

Momento forte di questa preghiera: deponiamo dei dischetti di carta con su scritti i nomi dei nostri figli in un cestino ai piedi della croce, significando così il nostro abbandono totale nel Cristo Salvatore e la nostra fiducia in Lui.

Ciò che le madri amano di questa preghiera

È un appuntamento fisso della mia agenda: una volta a settimana, non si scappa, sennò ho sempre qualcos’altro da fare! Le preghiere sono tutte semplici, come ringraziare Dio per il dono della maternità, affidarGli i miei bambini e le loro difficoltà, domandarGli protezione per la mia casa. E poi si passa un momento conviviale tra compagne, dopo la preghiera,

dice Costanza, del gruppo di Kuala Lumpur in Malesia.

Siamo una vera piccola famiglia: quando una di noi è assente, tutte preghiamo per lei, per i suoi bambini e per le sue intenzioni. E penso a questa frase della Bibbia: «Dove due o tre sono uniti nel mio Nome, io sono lì in mezzo a loro» (Mt 18,20),

prosegue Anne-Virginie, del gruppo di Saint-Germain-en-Laye (78).

Che cosa dà questa preghiera alle madri?

I frutti della Preghiera delle madri sono numerosi. Anne-Claire, del gruppo di Saint-Leu-la-Forêt (95) dice che a lei dona

la gioia, la pace nell’abbandono tra le mani del Signore. Un avvio di settimana benedetto. Delle belle amicizie. Un sentimento di universalità mediante l’unione con tutte le madri di tutto il mondo.

Altre madri parlano della

fiducia. Perché questa preghiera ci ricorda fino a che punto i nostri figli sono amati da Dio e voluti da Lui.

E ancora il

sentimento di appartenere alla Chiesa, alla comunità cristiana del quartiere come a quella del mondo! Nella nostra parrocchia la Preghiera delle madri è stata fondata con l’occasione della malattia di un bambino. Per il nostro parroco, questi gruppi di preghiera sono delle prove viventi della fecondità di quel bambino, che poi morì,

dice Albane.

Volete creare un gruppo?

Prima di mettere su un gruppo, Veronica Williams raccomanda di pregare per un mese una decina di rosario meditando sul mistero della Natività. Basta che ci siano due madri a condividere la volontà di entrare nella spiritualità del movimento. Per domandare un libretto, spedire in busta affrancata i vostri nomi e indirizzi al seguente recapito:

Prière des Mères, 69 bd Lannes, 75116 Paris

(Le spese del libretto sono lasciate alla vostra discrezione e alla vostra generosità)

Se fate partire un gruppo, abbiate cura di darne informazione all’ufficio de “La Prière des Mères”, perché questo possa a sua volta orientare delle madri che ne fossero in ricerca.

Mail : France.prieredesmeres@gmail.com

Sito internet : http://www.prieredesmeres.com

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

La preghiera delle madri

- Advertisement -

Lanciata nel 1995; il movimento che ne è nato ha avuto un seguito. In tutto il mondo dei gruppi di madri si riuniscono, una volta a settimana, per pregare per i loro bambini e per quelli di tutti

Nel 1995 una donna inglese, Veronica Williams, legge un rapporto intitolato “Che terra lasceremo ai nostri figli?”. È profondamente scossa dai pericoli coi quali dovranno confrontarsi i giovani (droga, alcool, violenza, pornografia…), e soprattutto i suoi nove bambini piccoli (piccoli all’epoca). Veronica decide allora, con sua cognata Sandra, di pregare per tutti i bambini del mondo.

Vivono in un mondo così scombussolato, un mondo che non Ti accetta sempre e che alle volte si fa beffe di loro se si accorge che loro credono in Te.

Estratto dalla Preghiera delle madri

Nel 2016, ossia 21 anni dopo, la “Preghiera delle madri” è diffusa in 118 Paesi, grazie a un libretto di preghiere tradotto in 45 lingue. Esistono più di 2.000 gruppi nella sola Francia. I gruppi della “Preghiera delle madri” si riuniscono una volta a settimana. Non si tratta di consigli tipo “Come?! Sono sei mesi che non dorme? Ma glie lo dài il ciuccio?». No, no… condividiamo le nostre difficoltà ma non le rimettiamo che a Dio soltanto. Niente confidenze titubanti stile “Te lo dico però tu non dirlo a nessuno”. No: confidenza e riservatezza su tutto quello che viene confidato durante la preghiera.

- Advertisement -

Questa preghiera è basata sulla certezza che Dio ci ama e sulla nostra fiducia in Lui e nella Sua azione nelle nostre vite. La spiritualità della “Preghiera delle madri” è quella dell’abbandono e del mollare la presa. Essa si fonda su questa parola di Cristo: «Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò ristoro» (Mt 11,28). Deponiamo le nostre sofferenze e le angosce ai piedi della croce, sicure che Egli agirà, a modo Suo e nei Suoi tempi.

Tu sei il Dio onnipotente, Tu puoi cambiare tutto. Allora noi veniamo verso di Te, Signore, con fede e amore, sicure che Tu risponderai alle nostre preghiere.

Estratto dalla Preghiera delle madri

Momento forte di questa preghiera: deponiamo dei dischetti di carta con su scritti i nomi dei nostri figli in un cestino ai piedi della croce, significando così il nostro abbandono totale nel Cristo Salvatore e la nostra fiducia in Lui.

Ciò che le madri amano di questa preghiera

È un appuntamento fisso della mia agenda: una volta a settimana, non si scappa, sennò ho sempre qualcos’altro da fare! Le preghiere sono tutte semplici, come ringraziare Dio per il dono della maternità, affidarGli i miei bambini e le loro difficoltà, domandarGli protezione per la mia casa. E poi si passa un momento conviviale tra compagne, dopo la preghiera,

dice Costanza, del gruppo di Kuala Lumpur in Malesia.

Siamo una vera piccola famiglia: quando una di noi è assente, tutte preghiamo per lei, per i suoi bambini e per le sue intenzioni. E penso a questa frase della Bibbia: «Dove due o tre sono uniti nel mio Nome, io sono lì in mezzo a loro» (Mt 18,20),

prosegue Anne-Virginie, del gruppo di Saint-Germain-en-Laye (78).

Che cosa dà questa preghiera alle madri?

I frutti della Preghiera delle madri sono numerosi. Anne-Claire, del gruppo di Saint-Leu-la-Forêt (95) dice che a lei dona

la gioia, la pace nell’abbandono tra le mani del Signore. Un avvio di settimana benedetto. Delle belle amicizie. Un sentimento di universalità mediante l’unione con tutte le madri di tutto il mondo.

Altre madri parlano della

fiducia. Perché questa preghiera ci ricorda fino a che punto i nostri figli sono amati da Dio e voluti da Lui.

E ancora il

sentimento di appartenere alla Chiesa, alla comunità cristiana del quartiere come a quella del mondo! Nella nostra parrocchia la Preghiera delle madri è stata fondata con l’occasione della malattia di un bambino. Per il nostro parroco, questi gruppi di preghiera sono delle prove viventi della fecondità di quel bambino, che poi morì,

dice Albane.

Volete creare un gruppo?

Prima di mettere su un gruppo, Veronica Williams raccomanda di pregare per un mese una decina di rosario meditando sul mistero della Natività. Basta che ci siano due madri a condividere la volontà di entrare nella spiritualità del movimento. Per domandare un libretto, spedire in busta affrancata i vostri nomi e indirizzi al seguente recapito:

Prière des Mères, 69 bd Lannes, 75116 Paris

(Le spese del libretto sono lasciate alla vostra discrezione e alla vostra generosità)

Se fate partire un gruppo, abbiate cura di darne informazione all’ufficio de “La Prière des Mères”, perché questo possa a sua volta orientare delle madri che ne fossero in ricerca.

Mail : France.prieredesmeres@gmail.com

Sito internet : http://www.prieredesmeres.com

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
226IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Attualità del decalogo

Lo scandalo della tenerezza

Le ultime parole del Crocifisso

I settanta volti della Torah

Il “counseling” pastorale

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x