22.8 C
Rome
giovedì, 27 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa «La paura del futuro non ci paralizzi»

«La paura del futuro non ci paralizzi»

- Advertisement -
Famiglia, lavoro, immigrati. Sono stati questi i temi ricorrenti della mattinata torinese di Papa Francesco, che ha invitato i fedeli della città e tutti i piemontesi a mettersi sulla scia dei “santi liberi e testardi” di queste terre. Nel suodiscorso al mondo del lavoro in Piazzetta Reale il Pontefice ha ribadito il “no” della Chiesa “all’idolatria del denaro”, “alla corruzione” e “alle collusioni mafiose, alle truffe, alle tangenti”, il “no” “all’inequità che genera violenza”. E ha osservato che nell’attuale crisi “globale e complessa” non ci si può limitare a dire “aspettiamo la ripresa…”, perché “il lavoro è fondamentale”, come dichiara “fin dall’inizio la Costituzione Italiana”. E il lavoro “non è necessario solo per l’economia”, ha insistito il Papa, ma anche “per la persona umana, per la sua dignità, per la sua cittadinanza e anche per l’inclusione sociale”. E se “l’immigrazione aumenta la competizione”, i migranti, ha ammonito, “non vanno colpevolizzati, perché essi sono vittime dell’inequità, di questa economia che scarta e delle guerre”. E “fa piangere vedere lo spettacolo di questi giorni, in cui esseri umani vengono trattati come merce!”.

Prendendo spunto dalle testimonianze ascoltate, Papa Francesco, aggiungendo a braccio rispetto al discorso preparato, ha detto: “Mi è piaciuto tanto che voi tre abbiate parlato della famiglia, dei figli e dei nonni”. “Non dimenticare questa ricchezza!”, ha aggiunto, perché “i figli sono la promessa da portare avanti” e “gli anziani sono la ricchezza della memoria”. E “noi non possiamo uscire dalla crisi senza i giovani, i ragazzi, i figli e i nonni”.

Nell’omelia della messa celebrata davanti a migliaia e migliaia di fedeli raccolti in piazza Vittorio, Papa Francesco è tornato a parlare delle famiglie, alludendo anche ai migranti. Invitando la Chiesa a “vivere la gioia del Vangelo praticando la misericordia”, ha consegnato il compito di “condividere le difficoltà di tanta gente, delle famiglie, specialmente quelle più fragili e segnate dalla crisi economica”.

Allo stesso tempo ha esortato ad evitare “il rischio” di lasciarsi “paralizzare dalle paure del futuro e cercare sicurezze in cose che passano, o in un modello di società chiusa che tende ad escludere più che a includere”. E nel fornire queste indicazioni il Papa ha indicato l’esempio dei “tanti e santi e beati” cresciuti “in questa terra”. “Santi liberi e testardi”, ha aggiunto evocando la “razza nostrana libera e testarda” dei versi del poeta piemontese Nino Costa precedentemente citato nel corpo dell’omelia.

E nell’introdurre la preghiera mariana dell’Angelus, ultimo atto della sua mattinata torinese, Papa Francesco, dichiarandosi “nipote” di “questa terra benedetta”, ha ricordato esplicitamente due grandi santi piemontesi: don Bosco, di cui ricorre il bicentenario dalla nascita, e san Giuseppo Cottolengo.

Ma la mattinata di Papa Francesco nella capitale subalpina è stata segnata anche dal momento di raccoglimento e preghiera davanti alla Sindone, “icona”, ha detto sempre prima dell’Angelus, che “attira verso il volto e il corpo martoriato di Gesù e, allo stesso tempo, spinge verso il volto di ogni persona sofferente e ingiustamente perseguitata”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

«La paura del futuro non ci paralizzi»

  

- Advertisement -
Famiglia, lavoro, immigrati. Sono stati questi i temi ricorrenti della mattinata torinese di Papa Francesco, che ha invitato i fedeli della città e tutti i piemontesi a mettersi sulla scia dei “santi liberi e testardi” di queste terre. Nel suodiscorso al mondo del lavoro in Piazzetta Reale il Pontefice ha ribadito il “no” della Chiesa “all’idolatria del denaro”, “alla corruzione” e “alle collusioni mafiose, alle truffe, alle tangenti”, il “no” “all’inequità che genera violenza”. E ha osservato che nell’attuale crisi “globale e complessa” non ci si può limitare a dire “aspettiamo la ripresa…”, perché “il lavoro è fondamentale”, come dichiara “fin dall’inizio la Costituzione Italiana”. E il lavoro “non è necessario solo per l’economia”, ha insistito il Papa, ma anche “per la persona umana, per la sua dignità, per la sua cittadinanza e anche per l’inclusione sociale”. E se “l’immigrazione aumenta la competizione”, i migranti, ha ammonito, “non vanno colpevolizzati, perché essi sono vittime dell’inequità, di questa economia che scarta e delle guerre”. E “fa piangere vedere lo spettacolo di questi giorni, in cui esseri umani vengono trattati come merce!”.

Prendendo spunto dalle testimonianze ascoltate, Papa Francesco, aggiungendo a braccio rispetto al discorso preparato, ha detto: “Mi è piaciuto tanto che voi tre abbiate parlato della famiglia, dei figli e dei nonni”. “Non dimenticare questa ricchezza!”, ha aggiunto, perché “i figli sono la promessa da portare avanti” e “gli anziani sono la ricchezza della memoria”. E “noi non possiamo uscire dalla crisi senza i giovani, i ragazzi, i figli e i nonni”.

Nell’omelia della messa celebrata davanti a migliaia e migliaia di fedeli raccolti in piazza Vittorio, Papa Francesco è tornato a parlare delle famiglie, alludendo anche ai migranti. Invitando la Chiesa a “vivere la gioia del Vangelo praticando la misericordia”, ha consegnato il compito di “condividere le difficoltà di tanta gente, delle famiglie, specialmente quelle più fragili e segnate dalla crisi economica”.

Allo stesso tempo ha esortato ad evitare “il rischio” di lasciarsi “paralizzare dalle paure del futuro e cercare sicurezze in cose che passano, o in un modello di società chiusa che tende ad escludere più che a includere”. E nel fornire queste indicazioni il Papa ha indicato l’esempio dei “tanti e santi e beati” cresciuti “in questa terra”. “Santi liberi e testardi”, ha aggiunto evocando la “razza nostrana libera e testarda” dei versi del poeta piemontese Nino Costa precedentemente citato nel corpo dell’omelia.

E nell’introdurre la preghiera mariana dell’Angelus, ultimo atto della sua mattinata torinese, Papa Francesco, dichiarandosi “nipote” di “questa terra benedetta”, ha ricordato esplicitamente due grandi santi piemontesi: don Bosco, di cui ricorre il bicentenario dalla nascita, e san Giuseppo Cottolengo.

Ma la mattinata di Papa Francesco nella capitale subalpina è stata segnata anche dal momento di raccoglimento e preghiera davanti alla Sindone, “icona”, ha detto sempre prima dell’Angelus, che “attira verso il volto e il corpo martoriato di Gesù e, allo stesso tempo, spinge verso il volto di ogni persona sofferente e ingiustamente perseguitata”.

- Advertisement -

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
273FansMi piace
803FollowerSegui
13,000FollowerSegui
582FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Ri-innamorarsi

Libri Consigliati – Marzo 2019

Ezechiele quadriforme

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO