14.2 C
Roma
Lun, 19 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiPapaLa partenza del Papa dall'Iraq. Termina una visita storica

La partenza del Papa dall’Iraq. Termina una visita storica

- Advertisement -

Si è concluso il 33mo viaggio internazionale di Papa Francesco da una terra dove il cuore del Pontefice non si allontanerà mai, l’Iraq. Il volo papale è decollato da Baghdad alle 7.54, l’arrivo a Roma è previsto poco prima delle 13

Massimiliano Menichetti – Baghdad (Iraq)

Francesco lascia l’Iraq dove è arrivato pellegrino di pace e speranza all’insegna del motto evangelico “Siete tutti fratelli”. Una visita storica, la prima di un Pontefice nel Paese del Golfo e in un Paese a maggioranza sciita, iniziata lo scorso 5 marzo, un pellegrinaggio da tempo desiderato per abbracciare un popolo che ha tanto sofferto ma che ha anche maturato una grande voglia di riscatto e di un futuro di pace. Il congedo dalla Nunziatura apostolica questa mattina,poi  il trasferimento in auto all’aeroporto internazionale di Baghdad dove il Pontefice è arrivato alle 9.20 circa, secondo il programma, le 7.20 in Italia e il decollo alle 7.54.

Il saluto del Papa al presidente dell’Iraq e consorte

Ad accogliere Francesco allo scalo, da programma, il Presidente della Repubblica Barham Ṣalih con la consorte, per il saluto alle Delegazioni e un breve incontro privato di una decina di minuti nella sala interna. Quindi il percorso sul lungo tappeto rosso con il saluto a coloro che, rappresentanze civili e religiose, lo hanno seguito in questi tre intensi giorni. Quindi la salita a bordo dell’aereo, l’ A330 dell’Alitalia che in poco più di 5 ore lo riporterà a Roma, dove l’arrivo è previsto per le 12.45. Un saluto speciale, subito dopo il decollo, arriva attraverso un tweet del presidente Ṣalih: “Salutiamo Sua Santità Papa Francesco che è stato nostro ospite a Baghdad, Najaf, Ur, Nineveh e Erbil – scrive – portando un grande messaggio di umanità e solidarietà con il nostro Paese. La sua presenza, segno di pace e amore, resterà per sempre nei cuori di tutti gli iracheni”.

Il racconto della partenza

Nel cuore di tutti dunque le ultime parole di saluto del Papa pronunciate ieri dopo la Messa ad Erbil nello stadio Hariri .”Salam, salam, salam! Dio vi benedica tutti! Dio benedica l’Iraq! ” Questo Paese, ha detto ancora il Papa, rimarrà sempre nel mio cuore. L’incontro con il grande ayatollah al Sistani a Najaf, la preghiera contro la guerra a Mosul, ex roccaforte dell’Is; l’abbraccio ai cristiani della piana di Ninive, che il Papa ha incoraggiato a non arrendersi, a perdonare e a non perdere mai la speranza. “In questi giorni – ha affermato ieri Francesco – ho sentito voci di dolore e di angoscia, ma ho sentito anche voci di speranza e consolazione”. Terrorismo e morte non hanno mai l’ultima parola:“Chi segue le vie di Dio non può essere contro qualcuno, ma per tutti”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

La partenza del Papa dall’Iraq. Termina una visita storica

- Advertisement -

Si è concluso il 33mo viaggio internazionale di Papa Francesco da una terra dove il cuore del Pontefice non si allontanerà mai, l’Iraq. Il volo papale è decollato da Baghdad alle 7.54, l’arrivo a Roma è previsto poco prima delle 13

Massimiliano Menichetti – Baghdad (Iraq)

Francesco lascia l’Iraq dove è arrivato pellegrino di pace e speranza all’insegna del motto evangelico “Siete tutti fratelli”. Una visita storica, la prima di un Pontefice nel Paese del Golfo e in un Paese a maggioranza sciita, iniziata lo scorso 5 marzo, un pellegrinaggio da tempo desiderato per abbracciare un popolo che ha tanto sofferto ma che ha anche maturato una grande voglia di riscatto e di un futuro di pace. Il congedo dalla Nunziatura apostolica questa mattina,poi  il trasferimento in auto all’aeroporto internazionale di Baghdad dove il Pontefice è arrivato alle 9.20 circa, secondo il programma, le 7.20 in Italia e il decollo alle 7.54.

Il saluto del Papa al presidente dell’Iraq e consorte

Ad accogliere Francesco allo scalo, da programma, il Presidente della Repubblica Barham Ṣalih con la consorte, per il saluto alle Delegazioni e un breve incontro privato di una decina di minuti nella sala interna. Quindi il percorso sul lungo tappeto rosso con il saluto a coloro che, rappresentanze civili e religiose, lo hanno seguito in questi tre intensi giorni. Quindi la salita a bordo dell’aereo, l’ A330 dell’Alitalia che in poco più di 5 ore lo riporterà a Roma, dove l’arrivo è previsto per le 12.45. Un saluto speciale, subito dopo il decollo, arriva attraverso un tweet del presidente Ṣalih: “Salutiamo Sua Santità Papa Francesco che è stato nostro ospite a Baghdad, Najaf, Ur, Nineveh e Erbil – scrive – portando un grande messaggio di umanità e solidarietà con il nostro Paese. La sua presenza, segno di pace e amore, resterà per sempre nei cuori di tutti gli iracheni”.

- Advertisement -

Il racconto della partenza

Nel cuore di tutti dunque le ultime parole di saluto del Papa pronunciate ieri dopo la Messa ad Erbil nello stadio Hariri .”Salam, salam, salam! Dio vi benedica tutti! Dio benedica l’Iraq! ” Questo Paese, ha detto ancora il Papa, rimarrà sempre nel mio cuore. L’incontro con il grande ayatollah al Sistani a Najaf, la preghiera contro la guerra a Mosul, ex roccaforte dell’Is; l’abbraccio ai cristiani della piana di Ninive, che il Papa ha incoraggiato a non arrendersi, a perdonare e a non perdere mai la speranza. “In questi giorni – ha affermato ieri Francesco – ho sentito voci di dolore e di angoscia, ma ho sentito anche voci di speranza e consolazione”. Terrorismo e morte non hanno mai l’ultima parola:“Chi segue le vie di Dio non può essere contro qualcuno, ma per tutti”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
227IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Vincere ansietà e paure

Dai racconti orali ai Vangeli

Matino: L’allegria

Il Vangelo di Marco

12 storie di ordinaria santità

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x