21.9 C
Roma
Gio, 22 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa La parola giusta per cristiani e musulmani: misericordia

La parola giusta per cristiani e musulmani: misericordia

- Advertisement -

Pallavicini (Coreis): “La Porta Santa della misericordia apra porte di dialogo con l’Islam”

Tutte le sure (versetti) del Corano iniziano con l’invocazione al Dio della misericordia: il “molto Clemente”, il “molto misericordioso”. Papa Francesco ha proclamato un Anno giubilare straordinario della misericordia perchè la riflessione di tutta la Chiesa si concentri sul volto di un Dio che non esclude nessuno e i credenti imparino a generare misericordia nei comportamenti di ogni giorno. Il volto di amore e di pace delle religioni è un messaggio tanto più importante in un tempo in cui la violenza di gruppi terroristici mascherata da guerra di religione semina nel mondo terrore e alza muri di diffidenza reciproca. “Insieme diciamo no all’odio, alla vendetta, alla violenza, in particolare a quella che è perpetrata in nome di una religione o di un Dio: Dio è pace, salam”: ha detto papa Francesco nella moschea di Bangui nel corso della visita in Centrafrica. Può l’attenzione comune al tema della misericordia aiutare a costruire processi di “resistenza” a queste dinamiche distruttive del futuro dell’umanità? Aleteia ne ha parlato con l’imam Yahya Pallavicini, vice presidente Coreis (Comunità Religiosa Islamica) Italiana.

Il tema della misericordia è ricorrente nel Corano: in che modo viene affrontato?

Pallavicini: La Rivelazione Islamica ricorda in tutti i suoi capitoli gli attributi di Dio, al-Rahman, il Misericordioso nella trascendenza, e al-Rahim, il Misericordioso nell’immanenza. La dinamica della Misericordia parte da Dio che usa Misericordia verso Se Stesso e crea il mondo e l’uomo per essere conosciuto. Prima di questa Misericordia, Dio era un tesoro nascosto e le creature, grazie alla Sua Misericordia, hanno ricevuto la facoltà di riconoscerLo in tutti i segni della creazione, in ogni persona e azione che sia rivolta al vero bene.

Se “Misericordioso” è una qualità divina, in che modo si riflette sul credente e i suoi comportamenti?

Pallavicini: Al-Rahim è l’attributo di Dio nell’immanenza, vale a dire la presenza dinamica del Misericordioso nel mondo manifestato, a conferma che la Misericordia di Dio non è soltanto nell’invisibile ma ben presente sulla terra che è il teatro della Sua misericordiosa creazione. Secondo la Rivelazione islamica, il Profeta Muhammad è stato inviato come una misericordia per i mondi e i sapienti interpretano questo insegnamento come l’irradiamento del Misericordioso nella natura dei profeti e delle loro comunità di credenti. Di conseguenza, tutte le creature sono il frutto e la fonte riflessa della misericordia di Dio e quando agiscono secondo la Sua grazia, questa qualità divina si rinnova e produce armonia e fratellanza.

Imam Pallavicini con papa Francesco

pallavicini

Tra i comportamenti concreti per praticare la misericordia c’è anche l’espressione dell’amore coniugale: cosa significa? Come si configurano i rapporti tra i coniugi nel matrimonio?

Pallavicini: L’unione di un uomo e di una donna rappresenta il simbolo per eccellenza di un amore che è l’essenza e il centro della Misericordia di Dio. La coppia, tramite il loro reciproco sentimento, vive il miracolo di Dio che li unisce e li eleva ad un grado di maggiore vicinanza e intimità spirituale.

I cattolici stanno vivendo il Giubileo straordinario della misericordia: quali punti di contatto può suggerire per un percorso di approfondimento di questo tema che porti a una maggiore conoscenza reciproca?

Pallavicini: Il Giubileo della Misericordia rappresenta non solo per i cristiani cattolici ma per ogni credente sensibile un richiamo ad una qualità fondamentale per la crescita della fede, assume un valore profetico e universale pur rispettando le differenti declinazioni dottrinali e rituali di ogni confessione religiosa, compreso l’Islam. Se impariamo a relazionarci fraternamente in nome del Misericordioso possiamo sconfiggere l’odio e l’egoismo che degenerano. Come musulmani italiani siamo grati a Papa Francesco per questa benedetta e ispirata apertura di un anno santo che deve aprire molte porte e ponti nel dialogo autentico tra credenti.

Ci sono giovani in Europa e nel mondo che per attese deluse o per vuoto esistenziale si stanno lasciando affascinare da un volto violento dell’Islam così, come molte persone ritengono che questo sia l’unico volto dell’Islam: come si può, insieme, dare evidenza di quanto sia errata questa visione?

Pallavicini: Riconoscere la crisi del mondo moderno o la miopia di alcune politiche coloniali occidentali non deve provocare mai una violenza contro la modernità o contro l’occidente con l’illusione puritana di tornare alla gloria del passato in modo utopistico e anacronistico. Non c’è alcuna giustificazione religiosa dietro alla guerriglia e alle rivoluzioni del fanatismo. Compito dei sapienti di ogni religione è trovare una collaborazione ecumenica che sappia testimoniare con un linguaggio efficace la risposta della fede al vuoto dell’idolatria o del materialismo o dell’ideale di un mondo emancipato e progredito senza Misericordia Divina. Non c’è alcun volto violento dell’islam, ci sono alcuni criminali che abusano del pretesto di una religione per ingannare i giovani alla guerra santa. Tutti i santi di ogni religione hanno sempre trasmesso giustizia, amore e conoscenza. Occorre saper dare voce ai veri maestri delle religioni ed evitare che vengano oscurati o confusi dai predicatori formalisti del radicalismo ideologico.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

La parola giusta per cristiani e musulmani: misericordia

  

- Advertisement -

Pallavicini (Coreis): “La Porta Santa della misericordia apra porte di dialogo con l’Islam”

Tutte le sure (versetti) del Corano iniziano con l’invocazione al Dio della misericordia: il “molto Clemente”, il “molto misericordioso”. Papa Francesco ha proclamato un Anno giubilare straordinario della misericordia perchè la riflessione di tutta la Chiesa si concentri sul volto di un Dio che non esclude nessuno e i credenti imparino a generare misericordia nei comportamenti di ogni giorno. Il volto di amore e di pace delle religioni è un messaggio tanto più importante in un tempo in cui la violenza di gruppi terroristici mascherata da guerra di religione semina nel mondo terrore e alza muri di diffidenza reciproca. “Insieme diciamo no all’odio, alla vendetta, alla violenza, in particolare a quella che è perpetrata in nome di una religione o di un Dio: Dio è pace, salam”: ha detto papa Francesco nella moschea di Bangui nel corso della visita in Centrafrica. Può l’attenzione comune al tema della misericordia aiutare a costruire processi di “resistenza” a queste dinamiche distruttive del futuro dell’umanità? Aleteia ne ha parlato con l’imam Yahya Pallavicini, vice presidente Coreis (Comunità Religiosa Islamica) Italiana.

Il tema della misericordia è ricorrente nel Corano: in che modo viene affrontato?

Pallavicini: La Rivelazione Islamica ricorda in tutti i suoi capitoli gli attributi di Dio, al-Rahman, il Misericordioso nella trascendenza, e al-Rahim, il Misericordioso nell’immanenza. La dinamica della Misericordia parte da Dio che usa Misericordia verso Se Stesso e crea il mondo e l’uomo per essere conosciuto. Prima di questa Misericordia, Dio era un tesoro nascosto e le creature, grazie alla Sua Misericordia, hanno ricevuto la facoltà di riconoscerLo in tutti i segni della creazione, in ogni persona e azione che sia rivolta al vero bene.

Se “Misericordioso” è una qualità divina, in che modo si riflette sul credente e i suoi comportamenti?

Pallavicini: Al-Rahim è l’attributo di Dio nell’immanenza, vale a dire la presenza dinamica del Misericordioso nel mondo manifestato, a conferma che la Misericordia di Dio non è soltanto nell’invisibile ma ben presente sulla terra che è il teatro della Sua misericordiosa creazione. Secondo la Rivelazione islamica, il Profeta Muhammad è stato inviato come una misericordia per i mondi e i sapienti interpretano questo insegnamento come l’irradiamento del Misericordioso nella natura dei profeti e delle loro comunità di credenti. Di conseguenza, tutte le creature sono il frutto e la fonte riflessa della misericordia di Dio e quando agiscono secondo la Sua grazia, questa qualità divina si rinnova e produce armonia e fratellanza.

- Advertisement -

Imam Pallavicini con papa Francesco

pallavicini

Tra i comportamenti concreti per praticare la misericordia c’è anche l’espressione dell’amore coniugale: cosa significa? Come si configurano i rapporti tra i coniugi nel matrimonio?

Pallavicini: L’unione di un uomo e di una donna rappresenta il simbolo per eccellenza di un amore che è l’essenza e il centro della Misericordia di Dio. La coppia, tramite il loro reciproco sentimento, vive il miracolo di Dio che li unisce e li eleva ad un grado di maggiore vicinanza e intimità spirituale.

I cattolici stanno vivendo il Giubileo straordinario della misericordia: quali punti di contatto può suggerire per un percorso di approfondimento di questo tema che porti a una maggiore conoscenza reciproca?

Pallavicini: Il Giubileo della Misericordia rappresenta non solo per i cristiani cattolici ma per ogni credente sensibile un richiamo ad una qualità fondamentale per la crescita della fede, assume un valore profetico e universale pur rispettando le differenti declinazioni dottrinali e rituali di ogni confessione religiosa, compreso l’Islam. Se impariamo a relazionarci fraternamente in nome del Misericordioso possiamo sconfiggere l’odio e l’egoismo che degenerano. Come musulmani italiani siamo grati a Papa Francesco per questa benedetta e ispirata apertura di un anno santo che deve aprire molte porte e ponti nel dialogo autentico tra credenti.

Ci sono giovani in Europa e nel mondo che per attese deluse o per vuoto esistenziale si stanno lasciando affascinare da un volto violento dell’Islam così, come molte persone ritengono che questo sia l’unico volto dell’Islam: come si può, insieme, dare evidenza di quanto sia errata questa visione?

Pallavicini: Riconoscere la crisi del mondo moderno o la miopia di alcune politiche coloniali occidentali non deve provocare mai una violenza contro la modernità o contro l’occidente con l’illusione puritana di tornare alla gloria del passato in modo utopistico e anacronistico. Non c’è alcuna giustificazione religiosa dietro alla guerriglia e alle rivoluzioni del fanatismo. Compito dei sapienti di ogni religione è trovare una collaborazione ecumenica che sappia testimoniare con un linguaggio efficace la risposta della fede al vuoto dell’idolatria o del materialismo o dell’ideale di un mondo emancipato e progredito senza Misericordia Divina. Non c’è alcun volto violento dell’islam, ci sono alcuni criminali che abusano del pretesto di una religione per ingannare i giovani alla guerra santa. Tutti i santi di ogni religione hanno sempre trasmesso giustizia, amore e conoscenza. Occorre saper dare voce ai veri maestri delle religioni ed evitare che vengano oscurati o confusi dai predicatori formalisti del radicalismo ideologico.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
122IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Wénin: Abramo

Paolo e il suo Vangelo

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x