Cookie Consent by Free Privacy Policy website
12.7 C
Roma
Ven, 15 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

La nuova inquisizione

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

di: Vincenzo Bertolone

«Non pensare che, quando i cavalli di battaglia della Santa Inquisizione sono stati eliminati, si possa entrare nelle celeste Gerusalemme cavalcando il mite asino dell’evoluzione tra lo sventolare delle palme».

Il teologo Hans Urs von Balthasar ce lo ricorda: il passato, a volte, semplicemente trasforma in carnefici di oggi i presunti liberatori di ieri. Se guardiamo alla storia, osservando le pagine più buie del lungo cammino dell’umanità, ce ne accorgiamo: se qualche secolo addietro l’Inquisizione era dettata da ragioni pseudoreligiose, ai giorni nostri rivive. Meno cruenta nei processi, ugualmente impietosa nelle condanne. È l’inquisizione digitale, che fa dell’etica il proprio vessillo ed espone alla lapidazione sociale gli inquisiti. È l’involuzione di un modello culturale che, nato in nome della libertà, finisce per ritagliare quest’ultima a uso di chi detiene il potere finanziario e politico.

Eventi, anche recenti, non fanno altro che confermare una tendenza consolidata: se persino una trasmissione satirica come Striscia la notizia è costretta a giustificare le proprie gag, vuol dire che il punto di non ritorno è stato abbondantemente superato, come d’altra parte evidenziano gli atteggiamenti di tante aziende indotte a clamorose retromarce (con tanto di scuse a questo e a quello), pur di non perdere potenziali acquirenti per mancato ossequio al politicamente corretto.

Non è più un fenomeno circoscrivibile al proliferare di webeti. In realtà, è ormai frequente che persone perdano il lavoro o debbano eclissarsi dalla vita pubblica per le proprie opinioni o per dichiarazioni controverse rese magari anni prima: alla gogna si finisce per poco, quasi sempre per nulla di penalmente rilevante. Non basta essere in linea con la legge: i puristi del web, mutevoli più e peggio del cambio delle stagioni, per definizione scevri da responsabilità proprie, ma comunque pronti ad emettere sentenze inappellabili nei riguardi altrui, sono sempre all’opera, giorno e notte.

- Advertisement -

Del resto, ciascuno troverà sempre un motivo per sentirsi offeso da qualcun altro che, per il solo fatto di essere diverso da lui, o di pensarla in modo differente, potrà recargli danno. Con il risultato che la nuova religione non promette la liberazione dal male, ma nuove catene per rendere l’uomo inoffensivo, mansueto, arrendevole: come nel mondo immaginato da Orwell in 1984, la “neolingua” è strumento di potere. E la conseguenza è il soffocamento del dibattito e della creatività, l’omologazione di pensieri e atti a uno stile di vita che alcuni hanno indicato come accettabile: non è vero ciò che è vero, ma ciò che si riesce a far apparire tale.

Per chi non s’arrende e lotta ancora per un modello di vita autentico e genuino, mai come ora sono di sprone le parole laiche dello scrittore Albert Camus: «Se dovessi scrivere un libro di morale, vorrei fosse di cento pagine. Novantanove di esse dovrebbero essere bianche. Sull’ultima pagina, poi, scriverei: conosco solo una legge, quella dell’amore».

- Advertisement -
Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

La nuova inquisizione

- Advertisement -

di: Vincenzo Bertolone

«Non pensare che, quando i cavalli di battaglia della Santa Inquisizione sono stati eliminati, si possa entrare nelle celeste Gerusalemme cavalcando il mite asino dell’evoluzione tra lo sventolare delle palme».

Il teologo Hans Urs von Balthasar ce lo ricorda: il passato, a volte, semplicemente trasforma in carnefici di oggi i presunti liberatori di ieri. Se guardiamo alla storia, osservando le pagine più buie del lungo cammino dell’umanità, ce ne accorgiamo: se qualche secolo addietro l’Inquisizione era dettata da ragioni pseudoreligiose, ai giorni nostri rivive. Meno cruenta nei processi, ugualmente impietosa nelle condanne. È l’inquisizione digitale, che fa dell’etica il proprio vessillo ed espone alla lapidazione sociale gli inquisiti. È l’involuzione di un modello culturale che, nato in nome della libertà, finisce per ritagliare quest’ultima a uso di chi detiene il potere finanziario e politico.

Eventi, anche recenti, non fanno altro che confermare una tendenza consolidata: se persino una trasmissione satirica come Striscia la notizia è costretta a giustificare le proprie gag, vuol dire che il punto di non ritorno è stato abbondantemente superato, come d’altra parte evidenziano gli atteggiamenti di tante aziende indotte a clamorose retromarce (con tanto di scuse a questo e a quello), pur di non perdere potenziali acquirenti per mancato ossequio al politicamente corretto.

Non è più un fenomeno circoscrivibile al proliferare di webeti. In realtà, è ormai frequente che persone perdano il lavoro o debbano eclissarsi dalla vita pubblica per le proprie opinioni o per dichiarazioni controverse rese magari anni prima: alla gogna si finisce per poco, quasi sempre per nulla di penalmente rilevante. Non basta essere in linea con la legge: i puristi del web, mutevoli più e peggio del cambio delle stagioni, per definizione scevri da responsabilità proprie, ma comunque pronti ad emettere sentenze inappellabili nei riguardi altrui, sono sempre all’opera, giorno e notte.

- Advertisement -

Del resto, ciascuno troverà sempre un motivo per sentirsi offeso da qualcun altro che, per il solo fatto di essere diverso da lui, o di pensarla in modo differente, potrà recargli danno. Con il risultato che la nuova religione non promette la liberazione dal male, ma nuove catene per rendere l’uomo inoffensivo, mansueto, arrendevole: come nel mondo immaginato da Orwell in 1984, la “neolingua” è strumento di potere. E la conseguenza è il soffocamento del dibattito e della creatività, l’omologazione di pensieri e atti a uno stile di vita che alcuni hanno indicato come accettabile: non è vero ciò che è vero, ma ciò che si riesce a far apparire tale.

Per chi non s’arrende e lotta ancora per un modello di vita autentico e genuino, mai come ora sono di sprone le parole laiche dello scrittore Albert Camus: «Se dovessi scrivere un libro di morale, vorrei fosse di cento pagine. Novantanove di esse dovrebbero essere bianche. Sull’ultima pagina, poi, scriverei: conosco solo una legge, quella dell’amore».

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
319IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Il Padre nostro e la tentazione

Le 110 parabole di papa Francesco

Rileggere il Decalogo

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x