11.8 C
Roma
Mer, 14 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiEtica e VitaLa morale del cappello

La morale del cappello

- Advertisement -
di: Marcello Matté
 

Santo Stefano sotto i portici a Bologna. La frenesia della vigilia si è calmata, il clou della festa commerciale è già passato in digerito. Chi ha avuto e chi ha dato. Nel pomeriggio le strade e specialmente la vasta isola pedonale dei giorni di festa vanno affollandosi.

Il clima natalizio dispiega ancora tutte le sue tonalità e si direbbe che nell’animo delle persone a passeggio non si sia ancora “sparecchiato” quel menu di emozioni e sentimenti che il Natale continua a proporre gratis per chi ne è ben disposto.

Chi vive di elemosina forse confida nella breccia che il Natale si dice apra nella disposizione della gente alla generosità. E “lavora” anche nel giorno di riposo per gli altri.

Sto per avvicinarmi a un ragazzo piuttosto giovane che a suo vantaggio veste un sorriso forse ruffiano, ma comunque simpatico. È accovacciato a terra. Un signore ha appena lasciato cadere qualcosa nel cappello che il ragazzo tende ai passanti. Forse un refolo di vento, forse il fastidioso effetto elettrico dei vestiti, quando il donatore alza la mano dal cappello, una banconota da 5 volteggia in aria e va a confondersi con le scarpe dei passanti.

«Mi scusi – dice il giovane mendicante – potrebbe raccogliere per me quei 5 euro che sono volati via?». «Ma sei paralizzato?», chiede l’interlocutore occasionale, si direbbe disturbato dalla richiesta. «Alzati e vai a prenderteli!».

Una serie di considerazioni mi attraversa, scevre da ogni minima volontà di dispensare ragioni e  torti.

  1. Capiterà spesso che i doni dei quali siamo fatti destinatari per grazia, dallo stesso Signore pellegrino sulle nostre strade, non cadano dritti nel nostro cappello e ci chiedano di metterci qualche passo da parte nostra.
  2. La carità non può essere un gesto distratto; si fa a una persona non a un cappello, e mi devo domandare come raggiungerla.
  3. È sempre così poco quello che do in confronto a quello che ricevo da non legittimare il diritto di aggiungere giudizi. Che invece dispenso “gratis” con una generosità superiore all’elemosina.
Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

La morale del cappello

- Advertisement -
di: Marcello Matté
 

Santo Stefano sotto i portici a Bologna. La frenesia della vigilia si è calmata, il clou della festa commerciale è già passato in digerito. Chi ha avuto e chi ha dato. Nel pomeriggio le strade e specialmente la vasta isola pedonale dei giorni di festa vanno affollandosi.

Il clima natalizio dispiega ancora tutte le sue tonalità e si direbbe che nell’animo delle persone a passeggio non si sia ancora “sparecchiato” quel menu di emozioni e sentimenti che il Natale continua a proporre gratis per chi ne è ben disposto.

Chi vive di elemosina forse confida nella breccia che il Natale si dice apra nella disposizione della gente alla generosità. E “lavora” anche nel giorno di riposo per gli altri.

Sto per avvicinarmi a un ragazzo piuttosto giovane che a suo vantaggio veste un sorriso forse ruffiano, ma comunque simpatico. È accovacciato a terra. Un signore ha appena lasciato cadere qualcosa nel cappello che il ragazzo tende ai passanti. Forse un refolo di vento, forse il fastidioso effetto elettrico dei vestiti, quando il donatore alza la mano dal cappello, una banconota da 5 volteggia in aria e va a confondersi con le scarpe dei passanti.

«Mi scusi – dice il giovane mendicante – potrebbe raccogliere per me quei 5 euro che sono volati via?». «Ma sei paralizzato?», chiede l’interlocutore occasionale, si direbbe disturbato dalla richiesta. «Alzati e vai a prenderteli!».

- Advertisement -

Una serie di considerazioni mi attraversa, scevre da ogni minima volontà di dispensare ragioni e  torti.

  1. Capiterà spesso che i doni dei quali siamo fatti destinatari per grazia, dallo stesso Signore pellegrino sulle nostre strade, non cadano dritti nel nostro cappello e ci chiedano di metterci qualche passo da parte nostra.
  2. La carità non può essere un gesto distratto; si fa a una persona non a un cappello, e mi devo domandare come raggiungerla.
  3. È sempre così poco quello che do in confronto a quello che ricevo da non legittimare il diritto di aggiungere giudizi. Che invece dispenso “gratis” con una generosità superiore all’elemosina.
- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
646FollowerSegui
223IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Liturgia e secolarizzazione

L’ateismo interroga la fede

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

La Shoah alla luce del Sinai

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x