11.5 C
Roma
Ven, 16 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeRubricheRisponde il teologoLa Messa in latino è «valida» o è stata abolita?

La Messa in latino è «valida» o è stata abolita?

- Advertisement -

È vero che la Messa in latino è stata abolita e vietata? Risponde don Roberto Gulino, docente di Liturgia alla Facoltà Teologica dell’Italia Centrale

Mi rivolgo a voi per poter avere una risposta ad una domanda sulla Messa. Da qualche tempo sento parlare della Messa in latino si Messa in latino no, in vari ambiti. Ho chiesto a varie persone che frequentano le parrocchie, tipo insegnanti di catechismo ed anche a vari sacerdoti, se la Messa in latino è valida.

Le risposte che ho ricevuto (anche da parte dei sacerdoti), sono: da «La Messa in latino è stata abolita e quindi è vietata» a «si può celebrare sia la Messa in latino (secondo il messale di S. Pio V), sia quella in italiano (messale del Beato Paolo VI)».

Margherita Sarto

 

La domanda della nostra amica lettrice ci permette di distinguere la questione in due ambiti ben diversi anche se spesso confusi e sovrapposti.

Da una parte consideriamo la lingua usata durante la celebrazione della liturgia, italiano o latino, dall’altra il rito stesso usato per la Messa.

Pensiamo alla celebrazione eucaristica che si svolge nella maggior parte delle parrocchie la domenica: inizia solitamente con un canto, poi il segno di croce, il saluto liturgico «Il Signore sia con voi» o altre parole simili e tutto il resto della Messa in lingua italiana…

Questa modalità viene chiamata comunemente «rito secondo il Messale di Paolo VI» dal Papa che promulgò questa struttura celebrativa nel 1970.

Questo rito però non esclude di poter essere celebrato in altre lingue, compreso il latino. Se vado all’estero lo «ritrovo» nella lingua locale (anche se è possibile vi siano piccoli cambiamenti), ma in tutte le nazioni – compresa la nostra – è sempre possibile celebrarlo in latino, lingua ufficiale della Chiesa.

Altra cosa è se, entrando in Chiesa la domenica, troviamo una struttura celebrativa diversa: per esempio, all’inizio, il sacerdote prima di salire all’altare si sofferma sotto i gradini per recitare alcune preghiere (tra cui il salmo 42 ed il «Confesso a Dio onnipotente…» poi ripetuto successivamente dai ministri), compie più segni di croce, bacia l’altare due volte… questi sono alcuni dei riti iniziali della celebrazione eucaristica secondo il Messale comunemente detto «di rito antico», o «di San Pio V», più propriamente «di San Giovanni XXIII»: è la struttura celebrativa che troviamo nel Messale edito nel 1962 da Papa Giovanni XXIII che inserisce alcune nuove rubriche rispetto al Messale promulgato da Papa San Pio V nel 1570.

Questo tipo di celebrazione, solo ed esclusivamente in latino, è stata definita nel 2007 da Papa Benedetto XVI «forma stra-ordinaria della stessa lex orandi della Chiesa… sono infatti due usi dell’unico rito romano» (cfr motu proprio Summorum Pontificum, art 1) ed è prevista «nelle parrocchie in cui esiste stabilmente un gruppo di fedeli aderenti alla precedente tradizione liturgica… favorendo l’unità di tutta la Chiesa» (SP, art 5). 

Sicuramente entrambi le forme celebrative, di Paolo VI e di Giovanni XXIII, sono permesse dalla Chiesa: ecco perché la Messa in latino è sempre valida, sia che venga usato il rito che accoglie le istanze della riforma liturgica del Concilio Vaticano II (Messale del Beato Paolo VI del 1970), sia quello usato precedentemente (Messale di San Giovanni XXIII del 1962).

Roberto Gulino

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

La Messa in latino è «valida» o è stata abolita?

- Advertisement -

È vero che la Messa in latino è stata abolita e vietata? Risponde don Roberto Gulino, docente di Liturgia alla Facoltà Teologica dell’Italia Centrale

Mi rivolgo a voi per poter avere una risposta ad una domanda sulla Messa. Da qualche tempo sento parlare della Messa in latino si Messa in latino no, in vari ambiti. Ho chiesto a varie persone che frequentano le parrocchie, tipo insegnanti di catechismo ed anche a vari sacerdoti, se la Messa in latino è valida.

Le risposte che ho ricevuto (anche da parte dei sacerdoti), sono: da «La Messa in latino è stata abolita e quindi è vietata» a «si può celebrare sia la Messa in latino (secondo il messale di S. Pio V), sia quella in italiano (messale del Beato Paolo VI)».

Margherita Sarto

 

- Advertisement -

La domanda della nostra amica lettrice ci permette di distinguere la questione in due ambiti ben diversi anche se spesso confusi e sovrapposti.

Da una parte consideriamo la lingua usata durante la celebrazione della liturgia, italiano o latino, dall’altra il rito stesso usato per la Messa.

Pensiamo alla celebrazione eucaristica che si svolge nella maggior parte delle parrocchie la domenica: inizia solitamente con un canto, poi il segno di croce, il saluto liturgico «Il Signore sia con voi» o altre parole simili e tutto il resto della Messa in lingua italiana…

Questa modalità viene chiamata comunemente «rito secondo il Messale di Paolo VI» dal Papa che promulgò questa struttura celebrativa nel 1970.

Questo rito però non esclude di poter essere celebrato in altre lingue, compreso il latino. Se vado all’estero lo «ritrovo» nella lingua locale (anche se è possibile vi siano piccoli cambiamenti), ma in tutte le nazioni – compresa la nostra – è sempre possibile celebrarlo in latino, lingua ufficiale della Chiesa.

Altra cosa è se, entrando in Chiesa la domenica, troviamo una struttura celebrativa diversa: per esempio, all’inizio, il sacerdote prima di salire all’altare si sofferma sotto i gradini per recitare alcune preghiere (tra cui il salmo 42 ed il «Confesso a Dio onnipotente…» poi ripetuto successivamente dai ministri), compie più segni di croce, bacia l’altare due volte… questi sono alcuni dei riti iniziali della celebrazione eucaristica secondo il Messale comunemente detto «di rito antico», o «di San Pio V», più propriamente «di San Giovanni XXIII»: è la struttura celebrativa che troviamo nel Messale edito nel 1962 da Papa Giovanni XXIII che inserisce alcune nuove rubriche rispetto al Messale promulgato da Papa San Pio V nel 1570.

Questo tipo di celebrazione, solo ed esclusivamente in latino, è stata definita nel 2007 da Papa Benedetto XVI «forma stra-ordinaria della stessa lex orandi della Chiesa… sono infatti due usi dell’unico rito romano» (cfr motu proprio Summorum Pontificum, art 1) ed è prevista «nelle parrocchie in cui esiste stabilmente un gruppo di fedeli aderenti alla precedente tradizione liturgica… favorendo l’unità di tutta la Chiesa» (SP, art 5). 

Sicuramente entrambi le forme celebrative, di Paolo VI e di Giovanni XXIII, sono permesse dalla Chiesa: ecco perché la Messa in latino è sempre valida, sia che venga usato il rito che accoglie le istanze della riforma liturgica del Concilio Vaticano II (Messale del Beato Paolo VI del 1970), sia quello usato precedentemente (Messale di San Giovanni XXIII del 1962).

Roberto Gulino

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
226IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Teologia spirituale

Parrocchia e civiltà urbana

“Se Dio è amore, tutto è amore”

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x