24.8 C
Roma
Ven, 14 Agosto 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Risponde il teologo La Messa domenicale può essere «recuperata» durante la settimana?

La Messa domenicale può essere «recuperata» durante la settimana?

- Advertisement -

Ci possono essere tanti motivi per non esser riusciti a partecipare alla Messa domenicale. E’ possibile – chiede un lettore – «recuperarla» partecipando ad una Messa in un giorno lavorativo? Risponde padre Lamberto Crociani, docente di Liturgia alla facoltà teologica dell’Italia Centrale.

So che la Messa domenicale è il fulcro della vita cristiana. Ma se, per un valido motivo, non si può partecipare, ha senso sostituirla partecipando alla Messa in un giorno feriale? Non parlo della Messa prefestiva del sabato ma di andare alla Messa, ad esempio, il venerdì o il lunedì.

Enzo Gasperini

Di notevole interesse e da considerare attentamente il tema proposto dal nostro lettore, perché ancora una volta richiama l’attenzione sulla «domenica» e il suo significato per la comunità dei credenti nell’attuale situazione sociale.

La Chiesa latina ha voluto un precetto per l’Eucaristia domenicale, consapevole della liberazione portata da Cristo e per offrire l’esistenza come offerta di se stessi a Dio. Così ricordava papa Benedetto XVI nell’esortazione post-sinodale Sacramentum caritatis (n. 72).  E continuava affermando che l’obbligo domenicale è «fonte di libertà autentica, per poter vivere ogni altro giorno secondo quanto hanno celebrato nel “giorno del Signore”» (n. 73). Nello stesso numero, facendo riferimento alla Dies Domini di san Giovanni Paolo II, ricordava i significati essenziali della domenica.

Nessun documento magisteriale prospetta la possibilità di poter per «giusta causa» sostituire la celebrazione domenicale con una partecipazione ad una celebrazione eucaristica durante la settimana. Questo convaliderebbe il principio di alcuni teologi della liturgia, tra l’altro in questa accezione mai scritto, che «la domenica esige l’Eucaristia, ma l’Eucaristia fa la domenica».

Nel Catechismo della Chiesa Cattolica non si fa presente questa eccezione.  Al n. 1281 si legge: «L’Eucaristia domenicale fonda e conferma tutto l’agire cristiano. Per questo i fedeli sono tenuti a partecipare all’Eucaristia nei giorni di precetto, a meno che siano giustificati da un serio motivo (per esempio, la malattia, la cura dei lattanti) o ne siano dispensati dal loro parroco.  Coloro che deliberatamente non ottemperano a questo obbligo commettono un peccato grave».

Ancora al n. 2185 si ritorna sul problema: «Le necessità familiari o una grande utilità sociale costituiscono giustificazioni legittime di fronte al precetto del riposo domenicale. I fedeli vigileranno affinché legittime giustificazioni non creino abitudini pregiudizievoli per la religione, la vita di famiglia e la salute».

Al n. 1287 il CCC continua: «Quando i costumi (sport, ristoranti, ecc.) e le necessità sociali (servizi pubblici, ecc.) richiedono a certuni un lavoro domenicale, ognuno si senta responsabile di riservarsi un tempo sufficiente di libertà… Nonostante le rigide esigenze dell’economia, i pubblici poteri vigileranno per assicurare ai cittadini un tempo destinato al riposo e al culto divino. I datori di lavoro hanno un obbligo analogo nei confronti dei loro dipendenti».

Se il n. 2181 si riferisce a dati tradizionali, il 2185 e il 2187 focalizzano l’attenzione sul riposo festivo, altro aspetto fondante della domenica assieme all’Eucaristia, perché ambedue contemplati dalla Parola di Dio.

Dall’esplicito silenzio dei testi si evince che in nessun caso il cristiano è libero di poter scegliere lui stesso un giorno della settimana per soddisfare il precetto, anche se per giusta causa non ha celebrato la domenica. E si ribadisce sempre che il non partecipare non deve divenire un costume.

Lamberto Crociani

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

La Messa domenicale può essere «recuperata» durante la settimana?

  

- Advertisement -

Ci possono essere tanti motivi per non esser riusciti a partecipare alla Messa domenicale. E’ possibile – chiede un lettore – «recuperarla» partecipando ad una Messa in un giorno lavorativo? Risponde padre Lamberto Crociani, docente di Liturgia alla facoltà teologica dell’Italia Centrale.

So che la Messa domenicale è il fulcro della vita cristiana. Ma se, per un valido motivo, non si può partecipare, ha senso sostituirla partecipando alla Messa in un giorno feriale? Non parlo della Messa prefestiva del sabato ma di andare alla Messa, ad esempio, il venerdì o il lunedì.

Enzo Gasperini

Di notevole interesse e da considerare attentamente il tema proposto dal nostro lettore, perché ancora una volta richiama l’attenzione sulla «domenica» e il suo significato per la comunità dei credenti nell’attuale situazione sociale.

La Chiesa latina ha voluto un precetto per l’Eucaristia domenicale, consapevole della liberazione portata da Cristo e per offrire l’esistenza come offerta di se stessi a Dio. Così ricordava papa Benedetto XVI nell’esortazione post-sinodale Sacramentum caritatis (n. 72).  E continuava affermando che l’obbligo domenicale è «fonte di libertà autentica, per poter vivere ogni altro giorno secondo quanto hanno celebrato nel “giorno del Signore”» (n. 73). Nello stesso numero, facendo riferimento alla Dies Domini di san Giovanni Paolo II, ricordava i significati essenziali della domenica.

Nessun documento magisteriale prospetta la possibilità di poter per «giusta causa» sostituire la celebrazione domenicale con una partecipazione ad una celebrazione eucaristica durante la settimana. Questo convaliderebbe il principio di alcuni teologi della liturgia, tra l’altro in questa accezione mai scritto, che «la domenica esige l’Eucaristia, ma l’Eucaristia fa la domenica».

Nel Catechismo della Chiesa Cattolica non si fa presente questa eccezione.  Al n. 1281 si legge: «L’Eucaristia domenicale fonda e conferma tutto l’agire cristiano. Per questo i fedeli sono tenuti a partecipare all’Eucaristia nei giorni di precetto, a meno che siano giustificati da un serio motivo (per esempio, la malattia, la cura dei lattanti) o ne siano dispensati dal loro parroco.  Coloro che deliberatamente non ottemperano a questo obbligo commettono un peccato grave».

- Advertisement -

Ancora al n. 2185 si ritorna sul problema: «Le necessità familiari o una grande utilità sociale costituiscono giustificazioni legittime di fronte al precetto del riposo domenicale. I fedeli vigileranno affinché legittime giustificazioni non creino abitudini pregiudizievoli per la religione, la vita di famiglia e la salute».

Al n. 1287 il CCC continua: «Quando i costumi (sport, ristoranti, ecc.) e le necessità sociali (servizi pubblici, ecc.) richiedono a certuni un lavoro domenicale, ognuno si senta responsabile di riservarsi un tempo sufficiente di libertà… Nonostante le rigide esigenze dell’economia, i pubblici poteri vigileranno per assicurare ai cittadini un tempo destinato al riposo e al culto divino. I datori di lavoro hanno un obbligo analogo nei confronti dei loro dipendenti».

Se il n. 2181 si riferisce a dati tradizionali, il 2185 e il 2187 focalizzano l’attenzione sul riposo festivo, altro aspetto fondante della domenica assieme all’Eucaristia, perché ambedue contemplati dalla Parola di Dio.

Dall’esplicito silenzio dei testi si evince che in nessun caso il cristiano è libero di poter scegliere lui stesso un giorno della settimana per soddisfare il precetto, anche se per giusta causa non ha celebrato la domenica. E si ribadisce sempre che il non partecipare non deve divenire un costume.

Lamberto Crociani

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
285FansMi piace
949FollowerSegui
13,000FollowerSegui
626FollowerSegui
102IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Dialoghi sulla preghiera del cuore

Vincere ansietà e paure

Paolo e il suo Vangelo

Eva e il serpente

Libri consigliati – Ottobre 2018

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x
È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO