13.9 C
Rome
giovedì, 25 Aprile 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana La lettera inedita di Bergoglio sulla protezione che ha ricevuto dalla Madonna

La lettera inedita di Bergoglio sulla protezione che ha ricevuto dalla Madonna

"Mi sono reso conto che stava piovendo e che mi stavo bagnando"

- Advertisement -

“Mi sono reso conto che stava piovendo e che mi stavo bagnando”. A quel punto Papa Francesco ha risentito la Vergine vicina

Una madre tenera che lo protegge con il suo velo. E’ come se si accartocciasse a lei. Perché sotto quel velo Papa Francesco si sente rassicurato ogni qual volta avverte un momento di turbolenza.

In uno scambio di lettere inedito con Alexandre Awi Mello, autore di E’ mia madre – Incontri con Maria” (Città Nuova), Francesco rivela un rapporto molto intimo e personale con la Madonna. Un legame vero come quello di una madre e un figlio, che si rafforza sempre più con la preghiera quotidiana.

“Ero uscito dal suo manto”

Mello ha pubblicato il contenuto delle due lettere che gli ha inviato Bergoglio prima della pubblicazione del libro.

«La settimana scorsa – racconta il Papa nella prima missiva – mi è successo un fatto molto bello con la Madonna. Stavo pregando il Sub tuum praesidium e stavo pensando al suggerimento dei monaci russi: “Nei momenti di turbolenze spirituali, rifugiamoci sotto il manto della Santa Madre di Dio”… quando, all’improvviso, mi sono reso conto che stava piovendo e che mi stavo bagnando. Così, semplicemente, per mera disattenzione, ero uscito da sotto il suo manto. Ho pensato che potrebbe essere interessante fare una riflessione sui motivi che ci portano a non metterci sotto la protezione materna di Maria».

Le due preghiere mariane preferite

il 13 giugno 2014, in una seconda lettera, Bergoglio ribadiva a Mello, in riferimento al libro ormai ultimato: «Sono felice che la mia testimonianza sia servita per dar lode a nostra Madre».

L’antifona mariana citata dal Papa nella prima lettera, Sub tuum praesidium, è una delle due preghiere mariane che ama ripetere tutti i giorni. L’altra è l’Alma Redemptoris Mater, che si canta soprattutto in Avvento, «ma io – dice Francesco – la recito tutti i giorni, alla mattina e alla sera».

La prima antifona

Tornando al “Sub tuum praesiudium“, la sua particolarità è che la prima antifona mariana della Chiesa latina.

La versione più conosciuta in italiano, recitata da molti cristiani e presente nella vita delle comunità religiose e delle famiglie cattoliche, è quella che si può trovare anche nel breviario, tra le antifone alla Madonna che si recitano dopo la Compieta (o preghiera della notte):

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio,

santa Madre di Dio:

non disprezzare le suppliche

di noi che siamo nella prova,

ma liberaci da ogni pericolo,

o Vergine gloriosa e benedetta.

E’ importante osservare che il nome di Maria non appare nella preghiera, ma viene sostituito dai vocativi Madre di Dio e Vergine. Lei è, semplicemente, “la Madre di Dio”, “la Vergine”.

I primi cristiani

La cosa più interessante, scrive Mello, è che i primi cristiani ricorrevano già alla sua protezione e credevano che Lei potesse ascoltare le loro suppliche sulle loro necessità e liberarli da ogni pericolo. Per almeno diciassette secoli, questa preghiera è rimasta sulle labbra e nel cuore dei fedeli ed è oggi una delle preferite del papa.

La seconda antifona

Questa invece la traduzione in italiano della seconda antifona preferita da Bergoglio, Alma Redemptoris Mater (Santa Madre del Redentore): 

O Santa Madre del Redentore, porta dei cieli, stella del mare,

soccorri il tuo popolo che anela a risorgere.

Tu che accogliendo il saluto dell’angelo,

nello stupore di tutto il creato,

hai generato il tuo Creatore

madre sempre vergine,

pietà di noi peccatori.

Tratto da: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

La lettera inedita di Bergoglio sulla protezione che ha ricevuto dalla Madonna

"Mi sono reso conto che stava piovendo e che mi stavo bagnando"

  

- Advertisement -

“Mi sono reso conto che stava piovendo e che mi stavo bagnando”. A quel punto Papa Francesco ha risentito la Vergine vicina

Una madre tenera che lo protegge con il suo velo. E’ come se si accartocciasse a lei. Perché sotto quel velo Papa Francesco si sente rassicurato ogni qual volta avverte un momento di turbolenza.

In uno scambio di lettere inedito con Alexandre Awi Mello, autore di E’ mia madre – Incontri con Maria” (Città Nuova), Francesco rivela un rapporto molto intimo e personale con la Madonna. Un legame vero come quello di una madre e un figlio, che si rafforza sempre più con la preghiera quotidiana.

“Ero uscito dal suo manto”

Mello ha pubblicato il contenuto delle due lettere che gli ha inviato Bergoglio prima della pubblicazione del libro.

- Advertisement -

«La settimana scorsa – racconta il Papa nella prima missiva – mi è successo un fatto molto bello con la Madonna. Stavo pregando il Sub tuum praesidium e stavo pensando al suggerimento dei monaci russi: “Nei momenti di turbolenze spirituali, rifugiamoci sotto il manto della Santa Madre di Dio”… quando, all’improvviso, mi sono reso conto che stava piovendo e che mi stavo bagnando. Così, semplicemente, per mera disattenzione, ero uscito da sotto il suo manto. Ho pensato che potrebbe essere interessante fare una riflessione sui motivi che ci portano a non metterci sotto la protezione materna di Maria».

Le due preghiere mariane preferite

il 13 giugno 2014, in una seconda lettera, Bergoglio ribadiva a Mello, in riferimento al libro ormai ultimato: «Sono felice che la mia testimonianza sia servita per dar lode a nostra Madre».

L’antifona mariana citata dal Papa nella prima lettera, Sub tuum praesidium, è una delle due preghiere mariane che ama ripetere tutti i giorni. L’altra è l’Alma Redemptoris Mater, che si canta soprattutto in Avvento, «ma io – dice Francesco – la recito tutti i giorni, alla mattina e alla sera».

La prima antifona

Tornando al “Sub tuum praesiudium“, la sua particolarità è che la prima antifona mariana della Chiesa latina.

La versione più conosciuta in italiano, recitata da molti cristiani e presente nella vita delle comunità religiose e delle famiglie cattoliche, è quella che si può trovare anche nel breviario, tra le antifone alla Madonna che si recitano dopo la Compieta (o preghiera della notte):

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio,

santa Madre di Dio:

non disprezzare le suppliche

di noi che siamo nella prova,

ma liberaci da ogni pericolo,

o Vergine gloriosa e benedetta.

E’ importante osservare che il nome di Maria non appare nella preghiera, ma viene sostituito dai vocativi Madre di Dio e Vergine. Lei è, semplicemente, “la Madre di Dio”, “la Vergine”.

I primi cristiani

La cosa più interessante, scrive Mello, è che i primi cristiani ricorrevano già alla sua protezione e credevano che Lei potesse ascoltare le loro suppliche sulle loro necessità e liberarli da ogni pericolo. Per almeno diciassette secoli, questa preghiera è rimasta sulle labbra e nel cuore dei fedeli ed è oggi una delle preferite del papa.

La seconda antifona

Questa invece la traduzione in italiano della seconda antifona preferita da Bergoglio, Alma Redemptoris Mater (Santa Madre del Redentore): 

O Santa Madre del Redentore, porta dei cieli, stella del mare,

soccorri il tuo popolo che anela a risorgere.

Tu che accogliendo il saluto dell’angelo,

nello stupore di tutto il creato,

hai generato il tuo Creatore

madre sempre vergine,

pietà di noi peccatori.

- Advertisement -
Tratto da: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

271FansMi piace
725FollowerSegui
13,000FollowerSegui
563FollowerSegui
55IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

Consigli pubblicitari