30.8 C
Rome
lunedì, 19 Agosto 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Libri Consigliati La grande città e la salvezza

La grande città e la salvezza

Sfide delle culture urbane

Scheda Prodotto

*Acquistando su Amazon da questo link, aiuterai SpeSalvi.it a sostenersi senza costi aggiuntivi o spese varie.

Copertina

41AAgHQR7+L._SX304_BO1,204,203,200_

Scheda Prodotto

41AAgHQR7+L._SX304_BO1,204,203,200_

*Acquistando su Amazon da questo link, aiuterai SpeSalvi.it a sostenersi senza costi aggiuntivi o spese varie.

- Advertisement -
di: Andrea Lebra
 

I cristiani oggi sono chiamati, senza imporsi ma anche senza sottrarsi, ad annunciare in parole e opere che la fede in Gesù di Nazaret e la testimonianza del dono di salvezza da lui offerto sono in grado di provocare, a livello sia individuale che sociale, un cambiamento su questa terra della qualità dell’esistenza umana, che, nella nostra epoca, si svolge in gran parte in contesti urbani secolarizzati.

Mi sembra questa, in estrema sintesi, la tesi di fondo che Duilio Albarello, presbitero della diocesi di Mondovì (Cuneo) e docente di teologia fondamentale a Milano, Torino e Fossano, cerca di dimostrare nel suo bel libro, A misura d’uomo – La salvezza per la città, appena edito dal Messaggero di Sant’Antonio di Padova, nella nuova collana diretta da Armando Matteo “Percorsi di teologia urbana”.

Il testo, preceduto da un’introduzione che ha il pregio di anticiparne efficacemente i contenuti essenziali, si compone di otto agili capitoli che illustrano le tre tappe del cammino che l’autore compie secondo il metodo del “vedere”, “giudicare” e “agire”.

Dove il vedere significa prendere atto dei tratti salienti che connotano l’antropologia urbana tipica dell’epoca contemporanea, in particolare nel contesto occidentale.

Il giudicare comporta il chiedersi come, alla luce delle sacre Scritture e della potenzialità umanizzante della prospettiva salvifica cristiana, il dono del regno di Dio – il cui annuncio è posto da Gesù di Nazaret al centro della sua attività pubblica – possa anche oggi concretizzarsi, per gli uomini e le donne urbanizzate dell’età secolare, nell’offerta di una vita buona, bella e felice secondo l’intenzione di Dio.

L’agire individua i passi da compiere, a livello personale ed ecclesiale, perché la fede cristiana vissuta nella Chiesa sia “ascoltabile” e significativa per l’esistenza concreta di tutti, non solo dei “discepoli” del Nazareno, ma anche di quella “gran moltitudine di gente” che anche nella nostra epoca lo cerca per “essere guarita dalle malattie” (Lc 6,17-18) ed ha – come scrive la filosofa francese Julia Kristeva in Bisogno di credere. Un punto di vista laico – «un incredibile bisogno di credere» (p. 155).

Sfide delle culture urbane

Dal momento che la proposta cristiana di una vita buona secondo l’intenzione di Dio è rivolta «non a un’essenza umana astratta e astorica, bensì all’uomo e alla donna effettivamente esistenti in un determinato spazio e in un determinato tempo», il punto di avvio del percorso è ravvisato dall’autore nelle peculiarità della «figura antropologica concreta che si va plasmando nel grembo delle culture urbane» (p. 9).

È, questo, il contenuto della prima tappa (capp. 1-3; pp. 13-54) che richiede una lettura attenta, paziente e intelligente.

Va ricordato che papa Francesco, nei paragrafi 71/75 della Evangelii gaudium, richiama l’attenzione delle comunità sulla necessità di una «pastorale urbana» che sia in grado di misurarsi con coraggio e determinazione con le «sfide delle culture urbane» che utilizzano «linguaggi, simboli, messaggi e paradigmi che offrono nuovi orientamenti di vita, spesso in contrasto con il Vangelo di Gesù» (n. 73). Aggiunge, peraltro, che, a causa dell’influsso dei mezzi di comunicazione di massa, a tali sfide e trasformazioni culturali non sono estranei gli ambienti rurali. Si può, di conseguenza, affermare che le sfide delle culture urbane coincidono sostanzialmente con le sfide dell’odierno mondo secolarizzato.

Dialogando con filosofi (il canadese Charles Taylor e il sudcoreano Byung Chul Han), sociologi (lo statunitense Richard Sennet e il bielorusso Evgenij Morozov), esperti informatici (gli italiani Giovanni Ziccardi e Francesca Bria) e teologi (gli italiani Claudio Monge, Pierpaolo Simonini, Vincenzo Rosito), e richiamando l’enciclica Laudato si’ di papa Francesco, il prof. Albarello esplicita cinque «fattori che concorrono a costituire l’habitat civile iper-moderno: globalizzazione, multiculturalità, digitalizzazione, tecnocrazia, dialettica tra cittadino consumatore e cittadino competente» (pp. 9-10). «Quale spazio – si chiede – si apre per una ripresa in chiave teologico-cristiana di questo quadro antropologico ?» (p.50).

Ed ecco la risposta: «La sapienza cristiana è persuasa di avere un contributo determinante da offrire alla saggezza umana: senza imporsi, ma pure senza sottrarsi. Il confronto con quella scuola di umanità, che è rintracciabile nella narrazione del libro biblico in quanto attestazione fondamentale della salvezza in Cristo, ci permetterà di precisare la significatività e l’affidabilità di questo contributo» (p. 52).

Scheda Prodotto

41AAgHQR7+L._SX304_BO1,204,203,200_

*Acquistando su Amazon da questo link, aiuterai SpeSalvi.it a sostenersi senza costi aggiuntivi o spese varie.

Scheda Prodotto

*Acquistando su Amazon da questo link, aiuterai SpeSalvi.it a sostenersi senza costi aggiuntivi o spese varie.

Copertina

41AAgHQR7+L._SX304_BO1,204,203,200_
Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

La grande città e la salvezza

Sfide delle culture urbane

  

Scheda Prodotto

*Acquistando su Amazon da questo link, aiuterai SpeSalvi.it a sostenersi senza costi aggiuntivi o spese varie.

Copertina

41AAgHQR7+L._SX304_BO1,204,203,200_
- Advertisement -
di: Andrea Lebra
 

I cristiani oggi sono chiamati, senza imporsi ma anche senza sottrarsi, ad annunciare in parole e opere che la fede in Gesù di Nazaret e la testimonianza del dono di salvezza da lui offerto sono in grado di provocare, a livello sia individuale che sociale, un cambiamento su questa terra della qualità dell’esistenza umana, che, nella nostra epoca, si svolge in gran parte in contesti urbani secolarizzati.

Mi sembra questa, in estrema sintesi, la tesi di fondo che Duilio Albarello, presbitero della diocesi di Mondovì (Cuneo) e docente di teologia fondamentale a Milano, Torino e Fossano, cerca di dimostrare nel suo bel libro, A misura d’uomo – La salvezza per la città, appena edito dal Messaggero di Sant’Antonio di Padova, nella nuova collana diretta da Armando Matteo “Percorsi di teologia urbana”.

Il testo, preceduto da un’introduzione che ha il pregio di anticiparne efficacemente i contenuti essenziali, si compone di otto agili capitoli che illustrano le tre tappe del cammino che l’autore compie secondo il metodo del “vedere”, “giudicare” e “agire”.

Dove il vedere significa prendere atto dei tratti salienti che connotano l’antropologia urbana tipica dell’epoca contemporanea, in particolare nel contesto occidentale.

Il giudicare comporta il chiedersi come, alla luce delle sacre Scritture e della potenzialità umanizzante della prospettiva salvifica cristiana, il dono del regno di Dio – il cui annuncio è posto da Gesù di Nazaret al centro della sua attività pubblica – possa anche oggi concretizzarsi, per gli uomini e le donne urbanizzate dell’età secolare, nell’offerta di una vita buona, bella e felice secondo l’intenzione di Dio.

- Advertisement -

L’agire individua i passi da compiere, a livello personale ed ecclesiale, perché la fede cristiana vissuta nella Chiesa sia “ascoltabile” e significativa per l’esistenza concreta di tutti, non solo dei “discepoli” del Nazareno, ma anche di quella “gran moltitudine di gente” che anche nella nostra epoca lo cerca per “essere guarita dalle malattie” (Lc 6,17-18) ed ha – come scrive la filosofa francese Julia Kristeva in Bisogno di credere. Un punto di vista laico – «un incredibile bisogno di credere» (p. 155).

Sfide delle culture urbane

Dal momento che la proposta cristiana di una vita buona secondo l’intenzione di Dio è rivolta «non a un’essenza umana astratta e astorica, bensì all’uomo e alla donna effettivamente esistenti in un determinato spazio e in un determinato tempo», il punto di avvio del percorso è ravvisato dall’autore nelle peculiarità della «figura antropologica concreta che si va plasmando nel grembo delle culture urbane» (p. 9).

È, questo, il contenuto della prima tappa (capp. 1-3; pp. 13-54) che richiede una lettura attenta, paziente e intelligente.

Va ricordato che papa Francesco, nei paragrafi 71/75 della Evangelii gaudium, richiama l’attenzione delle comunità sulla necessità di una «pastorale urbana» che sia in grado di misurarsi con coraggio e determinazione con le «sfide delle culture urbane» che utilizzano «linguaggi, simboli, messaggi e paradigmi che offrono nuovi orientamenti di vita, spesso in contrasto con il Vangelo di Gesù» (n. 73). Aggiunge, peraltro, che, a causa dell’influsso dei mezzi di comunicazione di massa, a tali sfide e trasformazioni culturali non sono estranei gli ambienti rurali. Si può, di conseguenza, affermare che le sfide delle culture urbane coincidono sostanzialmente con le sfide dell’odierno mondo secolarizzato.

Dialogando con filosofi (il canadese Charles Taylor e il sudcoreano Byung Chul Han), sociologi (lo statunitense Richard Sennet e il bielorusso Evgenij Morozov), esperti informatici (gli italiani Giovanni Ziccardi e Francesca Bria) e teologi (gli italiani Claudio Monge, Pierpaolo Simonini, Vincenzo Rosito), e richiamando l’enciclica Laudato si’ di papa Francesco, il prof. Albarello esplicita cinque «fattori che concorrono a costituire l’habitat civile iper-moderno: globalizzazione, multiculturalità, digitalizzazione, tecnocrazia, dialettica tra cittadino consumatore e cittadino competente» (pp. 9-10). «Quale spazio – si chiede – si apre per una ripresa in chiave teologico-cristiana di questo quadro antropologico ?» (p.50).

Ed ecco la risposta: «La sapienza cristiana è persuasa di avere un contributo determinante da offrire alla saggezza umana: senza imporsi, ma pure senza sottrarsi. Il confronto con quella scuola di umanità, che è rintracciabile nella narrazione del libro biblico in quanto attestazione fondamentale della salvezza in Cristo, ci permetterà di precisare la significatività e l’affidabilità di questo contributo» (p. 52).

- Advertisement -

Scheda Prodotto

*Acquistando su Amazon da questo link, aiuterai SpeSalvi.it a sostenersi senza costi aggiuntivi o spese varie.

Copertina

41AAgHQR7+L._SX304_BO1,204,203,200_
Tratto da: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
842FollowerSegui
13,000FollowerSegui
593FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Il Padre nostro e la tentazione

Libri consigliati

Un solo Libro, due eredi

Guida alla Grecia biblica

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter