Cookie Consent by Free Privacy Policy website
15 C
Roma
Gio, 28 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeRubricheStorieLa gioia della vita contemplativa condivisa: le suore con la Sindrome di...

La gioia della vita contemplativa condivisa: le suore con la Sindrome di Down

Una comunità di vita tra sorelle abili e Down

- Advertisement -
Le Piccole Suore Discepole dell’Agnello che vivono nel centro della Francia, formano la prima comunità contemplativa al mondo che accoglie persone con la Sindrome di Down 21 nella vita consacrata. 
 
- Advertisement -
- Advertisement -

Cyprien Viet – Città del Vaticano

Questa avventura spirituale e umana, vissuta sotto il patrocinio di San Benedetto e Santa Teresa di Lisieux, ha origine negli anni Ottanta, nell’amicizia tra Line, giovane donna in ricerca spirituale che voleva vivere la sua vocazione al servizio dei più piccoli, e Véronique, giovane donna con Sindrome di Down che voleva consacrarsi al Signore.

“Avevo visitato diverse comunità che accoglievano persone con disabilità, ma ho scoperto che queste persone non riuscivano a trovare il loro posto in queste comunità, perché non erano adatte a loro”, spiega Madre Line, divenuta poi la Madre superiora delle Piccole Suore Discepole dell’Agnello (Petites Soeurs Disciples de l’Agneau). “Ed è stato l’incontro con la giovane Véronique, una ragazza con la sindrome di Down, che ci ha dato lo spunto per un nuovo inizio. Mi sono detta che dovevo aiutarla a realizzare la sua vocazione”.

Véronique aveva sentito la chiamata a servire il Signore, ma la Sindrome di Down le aveva fatto trovare rifiuti in tutte le comunità in cui si era recata. Il Diritto Canonico e le regole monastiche non prevedono infatti l’ammissione alla vita religiosa di persone con disabilità mentali. Line e Véronique impiegheranno 14 anni per far riconoscere gli statuti di questa speciale comunità, che ha un suo stile originale.

Il progressivo riconoscimento dalla Chiesa

L’inizio di Line e Véronique è stato nel 1985 in un piccolo appartamento, una casa popolare; successivamente, a loro si è unita un’altra ragazza con la Sindrome di Down. Nel 1990 chiesero a mons. Jean Honoré (1920-2013), arcivescovo di Tours e futuro cardinale, di riconoscerle, inizialmente, come associazione pubblica di fedeli laici. L’appoggio del cardinale Honoré, che difenderà il loro caso a Roma, permise di dare a questa comunità il suo primo riconoscimento. 

- Advertisement -

Nel 1995, il numero crescente dei “soci” costrinse le Piccole Sorelle a trasferirsi: si stabilirono in una proprietà a Le Blanc, una cittadina di 6.500 abitanti nella diocesi di Bourges. Mons. Pierre Plateau (1924-2018), arcivescovo di questa diocesi della Francia centrale, le accolse calorosamente e il suo intervento le aiutò a compiere ulteriori passi avanti a Roma, in vista dell’ottenimento dello status di istituto religioso contemplativo – che finalmente ottennero nel 1999. “Mons. Plateau è stato davvero un padre per la nostra comunità: era molto vicino alle persone con la Sindrome di Down”, dice madre Line. Le suore svilupparono gradualmente sviluppando il priorato e la cappella e nel 2011 ottennero il riconoscimento definitivo dei loro statuti, grazie all’intervento dell’arcivescovo Armand Maillard, che aveva anche dato il suo sostegno alla comunità, fonte di vita e di gioia in questo territorio.

Una comunità di vita tra sorelle abili e Down

Le Piccole Suore discepole dell’Agnello sono attualmente 10: due suore abili e otto con Sindrome di Down. La comunità rimane fragile e spera di accogliere presto altre sorelle abili, poiché le sorelle Down hanno bisogno di sostegno nella loro vita quotidiana. Tuttavia, in realtà, “sono autonome, poiché la vita contemplativa permette loro di vivere a un ritmo regolare. Per le persone con la Sindrome di Down, sono i cambiamenti che sono difficili, ma quando la vita è molto regolare riescono a gestirla bene”, spiega madre Line.

La vita quotidiana si snoda tra le funzioni quotidiane, la Messa celebrata ogni martedì nella cappella e le varie attività: laboratori di tessitura e ceramica e, più recentemente, la creazione di un giardino di piante medicinali. In definitiva, la loro straordinaria vocazione si esprime in una vita ordinaria, nell’umiltà del servizio, seguendo il “piccolo cammino” divulgato da Santa Teresa di Lisieux, la cui spiritualità è la loro grande fonte di ispirazione.

“Sono passati 34 anni da quando ho sentito la chiamata di Gesù. Ho cercato di conoscere Gesù leggendo la Bibbia e il Vangelo”, dice suor Véronique. Sono nata con una disabilità chiamata Sindrome di Down. Sono felice, amo la Vita. Prego, ma sono triste per i bambini con la Sindrome di Down che non sentiranno questa stessa gioia di vivere”. Per chi si sentiva chiamato a vivere, come Santa Teresa, la vocazione all’amore, il viaggio è stato lungo ma la sua pazienza e la sua fede hanno dato i loro frutti. “Gesù mi ha fatto crescere nel suo amore. Dopo aver essere stata rifiutata in comunità, la mia gioia è stata quando il 20 giugno 2009 ho potuto emettere i voti perpetui nell’Istituto delle Piccole Sorelle discepole dell’Agnello. E’ la mia più grande gioia, essere la sposa di Gesù”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

La gioia della vita contemplativa condivisa: le suore con la Sindrome di Down

Una comunità di vita tra sorelle abili e Down

- Advertisement -
Le Piccole Suore Discepole dell’Agnello che vivono nel centro della Francia, formano la prima comunità contemplativa al mondo che accoglie persone con la Sindrome di Down 21 nella vita consacrata. 
 

Cyprien Viet – Città del Vaticano

Questa avventura spirituale e umana, vissuta sotto il patrocinio di San Benedetto e Santa Teresa di Lisieux, ha origine negli anni Ottanta, nell’amicizia tra Line, giovane donna in ricerca spirituale che voleva vivere la sua vocazione al servizio dei più piccoli, e Véronique, giovane donna con Sindrome di Down che voleva consacrarsi al Signore.

“Avevo visitato diverse comunità che accoglievano persone con disabilità, ma ho scoperto che queste persone non riuscivano a trovare il loro posto in queste comunità, perché non erano adatte a loro”, spiega Madre Line, divenuta poi la Madre superiora delle Piccole Suore Discepole dell’Agnello (Petites Soeurs Disciples de l’Agneau). “Ed è stato l’incontro con la giovane Véronique, una ragazza con la sindrome di Down, che ci ha dato lo spunto per un nuovo inizio. Mi sono detta che dovevo aiutarla a realizzare la sua vocazione”.

Véronique aveva sentito la chiamata a servire il Signore, ma la Sindrome di Down le aveva fatto trovare rifiuti in tutte le comunità in cui si era recata. Il Diritto Canonico e le regole monastiche non prevedono infatti l’ammissione alla vita religiosa di persone con disabilità mentali. Line e Véronique impiegheranno 14 anni per far riconoscere gli statuti di questa speciale comunità, che ha un suo stile originale.

Il progressivo riconoscimento dalla Chiesa

L’inizio di Line e Véronique è stato nel 1985 in un piccolo appartamento, una casa popolare; successivamente, a loro si è unita un’altra ragazza con la Sindrome di Down. Nel 1990 chiesero a mons. Jean Honoré (1920-2013), arcivescovo di Tours e futuro cardinale, di riconoscerle, inizialmente, come associazione pubblica di fedeli laici. L’appoggio del cardinale Honoré, che difenderà il loro caso a Roma, permise di dare a questa comunità il suo primo riconoscimento. 

- Advertisement -

Nel 1995, il numero crescente dei “soci” costrinse le Piccole Sorelle a trasferirsi: si stabilirono in una proprietà a Le Blanc, una cittadina di 6.500 abitanti nella diocesi di Bourges. Mons. Pierre Plateau (1924-2018), arcivescovo di questa diocesi della Francia centrale, le accolse calorosamente e il suo intervento le aiutò a compiere ulteriori passi avanti a Roma, in vista dell’ottenimento dello status di istituto religioso contemplativo – che finalmente ottennero nel 1999. “Mons. Plateau è stato davvero un padre per la nostra comunità: era molto vicino alle persone con la Sindrome di Down”, dice madre Line. Le suore svilupparono gradualmente sviluppando il priorato e la cappella e nel 2011 ottennero il riconoscimento definitivo dei loro statuti, grazie all’intervento dell’arcivescovo Armand Maillard, che aveva anche dato il suo sostegno alla comunità, fonte di vita e di gioia in questo territorio.

Una comunità di vita tra sorelle abili e Down

Le Piccole Suore discepole dell’Agnello sono attualmente 10: due suore abili e otto con Sindrome di Down. La comunità rimane fragile e spera di accogliere presto altre sorelle abili, poiché le sorelle Down hanno bisogno di sostegno nella loro vita quotidiana. Tuttavia, in realtà, “sono autonome, poiché la vita contemplativa permette loro di vivere a un ritmo regolare. Per le persone con la Sindrome di Down, sono i cambiamenti che sono difficili, ma quando la vita è molto regolare riescono a gestirla bene”, spiega madre Line.

La vita quotidiana si snoda tra le funzioni quotidiane, la Messa celebrata ogni martedì nella cappella e le varie attività: laboratori di tessitura e ceramica e, più recentemente, la creazione di un giardino di piante medicinali. In definitiva, la loro straordinaria vocazione si esprime in una vita ordinaria, nell’umiltà del servizio, seguendo il “piccolo cammino” divulgato da Santa Teresa di Lisieux, la cui spiritualità è la loro grande fonte di ispirazione.

“Sono passati 34 anni da quando ho sentito la chiamata di Gesù. Ho cercato di conoscere Gesù leggendo la Bibbia e il Vangelo”, dice suor Véronique. Sono nata con una disabilità chiamata Sindrome di Down. Sono felice, amo la Vita. Prego, ma sono triste per i bambini con la Sindrome di Down che non sentiranno questa stessa gioia di vivere”. Per chi si sentiva chiamato a vivere, come Santa Teresa, la vocazione all’amore, il viaggio è stato lungo ma la sua pazienza e la sua fede hanno dato i loro frutti. “Gesù mi ha fatto crescere nel suo amore. Dopo aver essere stata rifiutata in comunità, la mia gioia è stata quando il 20 giugno 2009 ho potuto emettere i voti perpetui nell’Istituto delle Piccole Sorelle discepole dell’Agnello. E’ la mia più grande gioia, essere la sposa di Gesù”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
322IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Dianich: Vi racconto Gesù

Libri consigliati – Aprile 2019

Palumbo: La misericordia di Dio

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x