18.6 C
Rome
domenica, 22 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Giovani “La forza della Chiesa non è nell’appoggio dei potenti e della politica” 

“La forza della Chiesa non è nell’appoggio dei potenti e della politica” 

Una Chiesa svuotata da ogni arroganza o autorità, intesa come pretesa di potere.

- Advertisement -

Francesco incontra i vescovi di Panama e, in un discorso intessuto dalle parole di san Romero, li esorta a «rubare» i giovani alla strada e alla cultura della morte che «vende loro fumo». Sui migranti: «Non basta la denuncia, bisogna superare paure e diffidenze».

SALVATORE CERNUZIO
PANAMÁ
 

Una Chiesa svuotata da ogni arroganza o autorità, intesa come pretesa di potere. Una Chiesa che non trova la sua forza «nell’appoggio dei potenti o della politica» ma nella «kenosis», lo svuotamento e l’umiltà. Una Chiesa «povera» perché la povertà è «madre e muro», impegnata a «rubare» i giovani dalla strada e dalla cultura della morte che vende loro solo fumo. È san Óscar Arnulfo Romero a parlare, per bocca di Papa Francesco, nella chiesa di San Francisco de Asís dove il Pontefice, al suo secondo appuntamento del viaggio a Panama per la Gmg, incontra i vescovi del Paese centroamericano.

Le parole e i pensieri dell’arcivescovo salvadoregno, brutalmente assassinato dagli squadroni della morte e canonizzato lo scorso ottobre, scandiscono tutto il lungo discorso del Papa. Quasi una piccola enciclica sul ruolo del vescovo e sul senso della presenza della Chiesa in un territorio ferito come quello dell’America Latina lacerato da violenze delle bande, narcotraffico, rapimenti e facili omicidi, in particolare delle donne.

Una Chiesa umile e povera, non arrogante

Accolto con calore dai presuli – tra cui figurano anche vescovi e cardinali di Paesi limitrofi, come Gregorio Rosa Chávez, il porporato di El Salvador che di Romero fu braccio destro -, Bergoglio sintetizza tutto in un concetto strettamente teologico, la «kenosis» di Cristo, il suo abbassarsi e farsi uomo. «Nella Chiesa Cristo vive tra di noi, e perciò essa dev’essere umile e povera, perché una Chiesa arrogante, una chiesa piena di orgoglio, una Chiesa autosufficiente non è la Chiesa della kenosis», afferma. 

Così centrata la Chiesa diviene «sempre più libera», «una Chiesa che non vuole che la sua forza stia – come diceva monsignor Romero – nell’appoggio dei potenti o della politica, ma che si svincoli con nobiltà per camminare sorretta unicamente dalle braccia del Crocifisso, che è la sua vera forza», sottolinea il Pontefice. 

Rubare i giovani alla strada e alla cultura della morte

Ai pastori rivela poi tutta la sua preoccupazione per i giovani del Centro America: «“Rubateli” alla strada prima che sia la cultura della morte che, “vendendo loro fumo” e soluzioni magiche, catturi e sfrutti la loro immaginazione» dice ai vescovi, esortando a «promuovere programmi e centri educativi che sappiano accompagnare, sostenere e responsabilizzare i vostri giovani». «Fatelo – aggiunge – non con paternalismo, dall’alto in basso, perché non è questo che il Signore ci chiede, ma come padri, come fratelli verso fratelli. Essi sono volto di Cristo per noi e a Cristo non arrivare dall’alto in basso, ma dal basso in alto. Sono molti i giovani che purtroppo sono stati sedotti con risposte immediate che ipotecano la vita». 

In America Latina droga e femminicidi. I giovani in balia del primo truffatore

Lo denunciavano già tanti Padri durante il Sinodo di ottobre: per «costrizione o mancanza di alternative» molti ragazzi «si trovano immersi in situazioni fortemente conflittuali e senza rapida soluzione: violenza domestica, femminicidio – che piaga vive il nostro continente in questo senso! – bande armate e criminali, traffico di droga, sfruttamento sessuale di minori e non più minori, e così via».

«Fa male – sottolinea il Papa – vedere che, alla base di molte di queste situazioni, c’è un’esperienza di orfanezza frutto di una cultura e di una società che “ha rotto gli argini”. Famiglie molto spesso logorate da un sistema economico che non mette al primo posto le persone e il bene comune e che ha fatto della speculazione il suo “paradiso” dove continuare a ingrassare non importa a spese di chi. E così i nostri giovani senza il calore di una casa, senza famiglia, senza comunità, senza appartenenza, sono lasciati in balìa del primo truffatore». 

Originale: Vatican Insider
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

“La forza della Chiesa non è nell’appoggio dei potenti e della politica” 

Una Chiesa svuotata da ogni arroganza o autorità, intesa come pretesa di potere.

  

- Advertisement -

Francesco incontra i vescovi di Panama e, in un discorso intessuto dalle parole di san Romero, li esorta a «rubare» i giovani alla strada e alla cultura della morte che «vende loro fumo». Sui migranti: «Non basta la denuncia, bisogna superare paure e diffidenze».

SALVATORE CERNUZIO
PANAMÁ
 

Una Chiesa svuotata da ogni arroganza o autorità, intesa come pretesa di potere. Una Chiesa che non trova la sua forza «nell’appoggio dei potenti o della politica» ma nella «kenosis», lo svuotamento e l’umiltà. Una Chiesa «povera» perché la povertà è «madre e muro», impegnata a «rubare» i giovani dalla strada e dalla cultura della morte che vende loro solo fumo. È san Óscar Arnulfo Romero a parlare, per bocca di Papa Francesco, nella chiesa di San Francisco de Asís dove il Pontefice, al suo secondo appuntamento del viaggio a Panama per la Gmg, incontra i vescovi del Paese centroamericano.

Le parole e i pensieri dell’arcivescovo salvadoregno, brutalmente assassinato dagli squadroni della morte e canonizzato lo scorso ottobre, scandiscono tutto il lungo discorso del Papa. Quasi una piccola enciclica sul ruolo del vescovo e sul senso della presenza della Chiesa in un territorio ferito come quello dell’America Latina lacerato da violenze delle bande, narcotraffico, rapimenti e facili omicidi, in particolare delle donne.

Una Chiesa umile e povera, non arrogante

Accolto con calore dai presuli – tra cui figurano anche vescovi e cardinali di Paesi limitrofi, come Gregorio Rosa Chávez, il porporato di El Salvador che di Romero fu braccio destro -, Bergoglio sintetizza tutto in un concetto strettamente teologico, la «kenosis» di Cristo, il suo abbassarsi e farsi uomo. «Nella Chiesa Cristo vive tra di noi, e perciò essa dev’essere umile e povera, perché una Chiesa arrogante, una chiesa piena di orgoglio, una Chiesa autosufficiente non è la Chiesa della kenosis», afferma. 

- Advertisement -

Così centrata la Chiesa diviene «sempre più libera», «una Chiesa che non vuole che la sua forza stia – come diceva monsignor Romero – nell’appoggio dei potenti o della politica, ma che si svincoli con nobiltà per camminare sorretta unicamente dalle braccia del Crocifisso, che è la sua vera forza», sottolinea il Pontefice. 

Rubare i giovani alla strada e alla cultura della morte

Ai pastori rivela poi tutta la sua preoccupazione per i giovani del Centro America: «“Rubateli” alla strada prima che sia la cultura della morte che, “vendendo loro fumo” e soluzioni magiche, catturi e sfrutti la loro immaginazione» dice ai vescovi, esortando a «promuovere programmi e centri educativi che sappiano accompagnare, sostenere e responsabilizzare i vostri giovani». «Fatelo – aggiunge – non con paternalismo, dall’alto in basso, perché non è questo che il Signore ci chiede, ma come padri, come fratelli verso fratelli. Essi sono volto di Cristo per noi e a Cristo non arrivare dall’alto in basso, ma dal basso in alto. Sono molti i giovani che purtroppo sono stati sedotti con risposte immediate che ipotecano la vita». 

In America Latina droga e femminicidi. I giovani in balia del primo truffatore

Lo denunciavano già tanti Padri durante il Sinodo di ottobre: per «costrizione o mancanza di alternative» molti ragazzi «si trovano immersi in situazioni fortemente conflittuali e senza rapida soluzione: violenza domestica, femminicidio – che piaga vive il nostro continente in questo senso! – bande armate e criminali, traffico di droga, sfruttamento sessuale di minori e non più minori, e così via».

«Fa male – sottolinea il Papa – vedere che, alla base di molte di queste situazioni, c’è un’esperienza di orfanezza frutto di una cultura e di una società che “ha rotto gli argini”. Famiglie molto spesso logorate da un sistema economico che non mette al primo posto le persone e il bene comune e che ha fatto della speculazione il suo “paradiso” dove continuare a ingrassare non importa a spese di chi. E così i nostri giovani senza il calore di una casa, senza famiglia, senza comunità, senza appartenenza, sono lasciati in balìa del primo truffatore». 

- Advertisement -
Originale: Vatican Insider

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO