12 C
Roma
Mar, 20 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Giovani “La forza della Chiesa non è nell’appoggio dei potenti e della politica” 

“La forza della Chiesa non è nell’appoggio dei potenti e della politica” 

Una Chiesa svuotata da ogni arroganza o autorità, intesa come pretesa di potere.

- Advertisement -

Francesco incontra i vescovi di Panama e, in un discorso intessuto dalle parole di san Romero, li esorta a «rubare» i giovani alla strada e alla cultura della morte che «vende loro fumo». Sui migranti: «Non basta la denuncia, bisogna superare paure e diffidenze».

SALVATORE CERNUZIO
PANAMÁ
 

Una Chiesa svuotata da ogni arroganza o autorità, intesa come pretesa di potere. Una Chiesa che non trova la sua forza «nell’appoggio dei potenti o della politica» ma nella «kenosis», lo svuotamento e l’umiltà. Una Chiesa «povera» perché la povertà è «madre e muro», impegnata a «rubare» i giovani dalla strada e dalla cultura della morte che vende loro solo fumo. È san Óscar Arnulfo Romero a parlare, per bocca di Papa Francesco, nella chiesa di San Francisco de Asís dove il Pontefice, al suo secondo appuntamento del viaggio a Panama per la Gmg, incontra i vescovi del Paese centroamericano.

Le parole e i pensieri dell’arcivescovo salvadoregno, brutalmente assassinato dagli squadroni della morte e canonizzato lo scorso ottobre, scandiscono tutto il lungo discorso del Papa. Quasi una piccola enciclica sul ruolo del vescovo e sul senso della presenza della Chiesa in un territorio ferito come quello dell’America Latina lacerato da violenze delle bande, narcotraffico, rapimenti e facili omicidi, in particolare delle donne.

Una Chiesa umile e povera, non arrogante

Accolto con calore dai presuli – tra cui figurano anche vescovi e cardinali di Paesi limitrofi, come Gregorio Rosa Chávez, il porporato di El Salvador che di Romero fu braccio destro -, Bergoglio sintetizza tutto in un concetto strettamente teologico, la «kenosis» di Cristo, il suo abbassarsi e farsi uomo. «Nella Chiesa Cristo vive tra di noi, e perciò essa dev’essere umile e povera, perché una Chiesa arrogante, una chiesa piena di orgoglio, una Chiesa autosufficiente non è la Chiesa della kenosis», afferma. 

Così centrata la Chiesa diviene «sempre più libera», «una Chiesa che non vuole che la sua forza stia – come diceva monsignor Romero – nell’appoggio dei potenti o della politica, ma che si svincoli con nobiltà per camminare sorretta unicamente dalle braccia del Crocifisso, che è la sua vera forza», sottolinea il Pontefice. 

Rubare i giovani alla strada e alla cultura della morte

Ai pastori rivela poi tutta la sua preoccupazione per i giovani del Centro America: «“Rubateli” alla strada prima che sia la cultura della morte che, “vendendo loro fumo” e soluzioni magiche, catturi e sfrutti la loro immaginazione» dice ai vescovi, esortando a «promuovere programmi e centri educativi che sappiano accompagnare, sostenere e responsabilizzare i vostri giovani». «Fatelo – aggiunge – non con paternalismo, dall’alto in basso, perché non è questo che il Signore ci chiede, ma come padri, come fratelli verso fratelli. Essi sono volto di Cristo per noi e a Cristo non arrivare dall’alto in basso, ma dal basso in alto. Sono molti i giovani che purtroppo sono stati sedotti con risposte immediate che ipotecano la vita». 

In America Latina droga e femminicidi. I giovani in balia del primo truffatore

Lo denunciavano già tanti Padri durante il Sinodo di ottobre: per «costrizione o mancanza di alternative» molti ragazzi «si trovano immersi in situazioni fortemente conflittuali e senza rapida soluzione: violenza domestica, femminicidio – che piaga vive il nostro continente in questo senso! – bande armate e criminali, traffico di droga, sfruttamento sessuale di minori e non più minori, e così via».

«Fa male – sottolinea il Papa – vedere che, alla base di molte di queste situazioni, c’è un’esperienza di orfanezza frutto di una cultura e di una società che “ha rotto gli argini”. Famiglie molto spesso logorate da un sistema economico che non mette al primo posto le persone e il bene comune e che ha fatto della speculazione il suo “paradiso” dove continuare a ingrassare non importa a spese di chi. E così i nostri giovani senza il calore di una casa, senza famiglia, senza comunità, senza appartenenza, sono lasciati in balìa del primo truffatore». 

Originale: Vatican Insider
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

“La forza della Chiesa non è nell’appoggio dei potenti e della politica” 

Una Chiesa svuotata da ogni arroganza o autorità, intesa come pretesa di potere.

  

- Advertisement -

Francesco incontra i vescovi di Panama e, in un discorso intessuto dalle parole di san Romero, li esorta a «rubare» i giovani alla strada e alla cultura della morte che «vende loro fumo». Sui migranti: «Non basta la denuncia, bisogna superare paure e diffidenze».

SALVATORE CERNUZIO
PANAMÁ
 

Una Chiesa svuotata da ogni arroganza o autorità, intesa come pretesa di potere. Una Chiesa che non trova la sua forza «nell’appoggio dei potenti o della politica» ma nella «kenosis», lo svuotamento e l’umiltà. Una Chiesa «povera» perché la povertà è «madre e muro», impegnata a «rubare» i giovani dalla strada e dalla cultura della morte che vende loro solo fumo. È san Óscar Arnulfo Romero a parlare, per bocca di Papa Francesco, nella chiesa di San Francisco de Asís dove il Pontefice, al suo secondo appuntamento del viaggio a Panama per la Gmg, incontra i vescovi del Paese centroamericano.

Le parole e i pensieri dell’arcivescovo salvadoregno, brutalmente assassinato dagli squadroni della morte e canonizzato lo scorso ottobre, scandiscono tutto il lungo discorso del Papa. Quasi una piccola enciclica sul ruolo del vescovo e sul senso della presenza della Chiesa in un territorio ferito come quello dell’America Latina lacerato da violenze delle bande, narcotraffico, rapimenti e facili omicidi, in particolare delle donne.

Una Chiesa umile e povera, non arrogante

Accolto con calore dai presuli – tra cui figurano anche vescovi e cardinali di Paesi limitrofi, come Gregorio Rosa Chávez, il porporato di El Salvador che di Romero fu braccio destro -, Bergoglio sintetizza tutto in un concetto strettamente teologico, la «kenosis» di Cristo, il suo abbassarsi e farsi uomo. «Nella Chiesa Cristo vive tra di noi, e perciò essa dev’essere umile e povera, perché una Chiesa arrogante, una chiesa piena di orgoglio, una Chiesa autosufficiente non è la Chiesa della kenosis», afferma. 

- Advertisement -

Così centrata la Chiesa diviene «sempre più libera», «una Chiesa che non vuole che la sua forza stia – come diceva monsignor Romero – nell’appoggio dei potenti o della politica, ma che si svincoli con nobiltà per camminare sorretta unicamente dalle braccia del Crocifisso, che è la sua vera forza», sottolinea il Pontefice. 

Rubare i giovani alla strada e alla cultura della morte

Ai pastori rivela poi tutta la sua preoccupazione per i giovani del Centro America: «“Rubateli” alla strada prima che sia la cultura della morte che, “vendendo loro fumo” e soluzioni magiche, catturi e sfrutti la loro immaginazione» dice ai vescovi, esortando a «promuovere programmi e centri educativi che sappiano accompagnare, sostenere e responsabilizzare i vostri giovani». «Fatelo – aggiunge – non con paternalismo, dall’alto in basso, perché non è questo che il Signore ci chiede, ma come padri, come fratelli verso fratelli. Essi sono volto di Cristo per noi e a Cristo non arrivare dall’alto in basso, ma dal basso in alto. Sono molti i giovani che purtroppo sono stati sedotti con risposte immediate che ipotecano la vita». 

In America Latina droga e femminicidi. I giovani in balia del primo truffatore

Lo denunciavano già tanti Padri durante il Sinodo di ottobre: per «costrizione o mancanza di alternative» molti ragazzi «si trovano immersi in situazioni fortemente conflittuali e senza rapida soluzione: violenza domestica, femminicidio – che piaga vive il nostro continente in questo senso! – bande armate e criminali, traffico di droga, sfruttamento sessuale di minori e non più minori, e così via».

«Fa male – sottolinea il Papa – vedere che, alla base di molte di queste situazioni, c’è un’esperienza di orfanezza frutto di una cultura e di una società che “ha rotto gli argini”. Famiglie molto spesso logorate da un sistema economico che non mette al primo posto le persone e il bene comune e che ha fatto della speculazione il suo “paradiso” dove continuare a ingrassare non importa a spese di chi. E così i nostri giovani senza il calore di una casa, senza famiglia, senza comunità, senza appartenenza, sono lasciati in balìa del primo truffatore». 

- Advertisement -
Originale: Vatican Insider

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
122IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x