21.2 C
Rome
martedì, 22 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Spiritualità La fede è un incontro: con Gesù ogni frammento di vita è...

La fede è un incontro: con Gesù ogni frammento di vita è occasione

«Signore, mostraci il Padre e ci basta».

- Advertisement -

La via di Dio è Gesù, la fede non è un’ipotesi ma essere toccati da Cristo e lasciare che cambi il volto della nostra vita.

In quel tempo, Gesù disse a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
Se conoscete me, conoscerete anche il Padre: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».
Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta».
Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me ha visto il Padre. Come puoi dire: Mostraci il Padre?
Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me; ma il Padre che è con me compie le sue opere.
Credetemi: io sono nel Padre e il Padre è in me; se non altro, credetelo per le opere stesse.
In verità, in verità vi dico: anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre».
Qualunque cosa chiederete nel nome mio, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio.
Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò.»(Gv 14,6-14)

«Signore, mostraci il Padre e ci basta». Le parole di Filippo sono una richiesta che sposeremmo tutti. Sono le parole di uno che non c’ha capito niente ma che muore dalla voglia di andare al nocciolo della questione della fede perché sa benissimo che andare al nocciolo della questione della fede significa andare al nocciolo della questione della propria vita, della propria storia, della propria esistenza. “Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me?”.

Ecco qual è il nostro vero problema di credenti: noi magari crediamo che Dio esista, ma ancora non abbiamo fatto esperienza che la “via di Dio” è Gesù Cristo, il Figlio. Forse non abbiamo ancora fatto un’esperienza forte di Gesù. La faccenda è seria perché è come se uno sapesse che l’amore esiste ma ancora non ha incontrato nessuno che lo ami concretamente. Quando tu incontri quel qualcuno allora l’amore per te non è una semplice ipotesi ma un fatto. La stessa cosa accade nella nostra fede: finché non facciamo davvero esperienza di Gesù Cristo la nostra fede è solo un’ipotesi, una vaga credenza sul fatto che da qualche parte esista un Dio, ma ancora non abbiamo toccato davvero che quel Dio non solo esiste ma che ci ama e ha cura di noi. Cristo è questa concretezza di Dio. Il nostro essere legati a Lui significa essere legati a ciò che trasforma Dio da un’intuizione a un fatto. Cercare Gesù concretamente è permettergli di lasciarci toccare attraverso dei fatti. Non dobbiamo accontentarci di mettere in ordine nelle nostre idee. La fede non è solo avere una visione della vita, ma è un incontro da cui nasce una visione nuova. Per questo ogni fatto che ci accade potrebbe essere potenzialmente Cristo stesso che tocca la nostra storia. Ogni fatto è un’occasione. E importa poco se è buono o brutto, doloroso o gioioso. Gesù ha il potere di trasformare in occasione ogni cosa, e così farci sperimentare che ogni cosa che fa sua, può portarci al Padre.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

La fede è un incontro: con Gesù ogni frammento di vita è occasione

«Signore, mostraci il Padre e ci basta».

  

- Advertisement -

La via di Dio è Gesù, la fede non è un’ipotesi ma essere toccati da Cristo e lasciare che cambi il volto della nostra vita.

In quel tempo, Gesù disse a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
Se conoscete me, conoscerete anche il Padre: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».
Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta».
Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me ha visto il Padre. Come puoi dire: Mostraci il Padre?
Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me; ma il Padre che è con me compie le sue opere.
Credetemi: io sono nel Padre e il Padre è in me; se non altro, credetelo per le opere stesse.
In verità, in verità vi dico: anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre».
Qualunque cosa chiederete nel nome mio, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio.
Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò.»(Gv 14,6-14)

«Signore, mostraci il Padre e ci basta». Le parole di Filippo sono una richiesta che sposeremmo tutti. Sono le parole di uno che non c’ha capito niente ma che muore dalla voglia di andare al nocciolo della questione della fede perché sa benissimo che andare al nocciolo della questione della fede significa andare al nocciolo della questione della propria vita, della propria storia, della propria esistenza. “Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me?”.

Ecco qual è il nostro vero problema di credenti: noi magari crediamo che Dio esista, ma ancora non abbiamo fatto esperienza che la “via di Dio” è Gesù Cristo, il Figlio. Forse non abbiamo ancora fatto un’esperienza forte di Gesù. La faccenda è seria perché è come se uno sapesse che l’amore esiste ma ancora non ha incontrato nessuno che lo ami concretamente. Quando tu incontri quel qualcuno allora l’amore per te non è una semplice ipotesi ma un fatto. La stessa cosa accade nella nostra fede: finché non facciamo davvero esperienza di Gesù Cristo la nostra fede è solo un’ipotesi, una vaga credenza sul fatto che da qualche parte esista un Dio, ma ancora non abbiamo toccato davvero che quel Dio non solo esiste ma che ci ama e ha cura di noi. Cristo è questa concretezza di Dio. Il nostro essere legati a Lui significa essere legati a ciò che trasforma Dio da un’intuizione a un fatto. Cercare Gesù concretamente è permettergli di lasciarci toccare attraverso dei fatti. Non dobbiamo accontentarci di mettere in ordine nelle nostre idee. La fede non è solo avere una visione della vita, ma è un incontro da cui nasce una visione nuova. Per questo ogni fatto che ci accade potrebbe essere potenzialmente Cristo stesso che tocca la nostra storia. Ogni fatto è un’occasione. E importa poco se è buono o brutto, doloroso o gioioso. Gesù ha il potere di trasformare in occasione ogni cosa, e così farci sperimentare che ogni cosa che fa sua, può portarci al Padre.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
856FollowerSegui
13,000FollowerSegui
608FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Il mondo mistico dell’ebraismo

Matino: L’allegria

Libri Consigliati – Luglio 2018

Il Vangelo di Marco

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO