20.3 C
Rome
venerdì, 20 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Famiglia e Vita di Coppia La famiglia non è un’ideologia

La famiglia non è un’ideologia

- Advertisement -

Papa Francesco andrà a Philadelphia per l’incontro mondiale delle famiglie del 2015

Tutto comincia dalla famiglia che è la scuola del vivere insieme e il luogo in cui si acquista la coscienza di sé, mentre si impara ad apprezzare la ricchezza dei doni che ogni membro possiede. Nella famiglia si apprende il valore della complementarietà, a cominciare da quella tra uomo e donna su cui si fonda il matrimonio. Lo ha ricordato Papa Francesco incontrando, nell’Aula del Sinodo, i partecipanti al convegno interreligioso internazionale “La complementarietà tra uomo e donna”, promosso dalla Congregazione per la dottrina della fede e iniziato oggi in Vaticano.

Quando parliamo di complementarietà tra uomo e donna nel contesto familiare, ha affermato Bergoglio, occorre allontanare l’idea di un “modello unico e statico” nel quale sono racchiusi “tutti i ruoli e le relazioni di entrambi i sessi”. La complementarietà, infatti,assume molte forme “poiché ogni uomo e ogni donna apporta il proprio contributo personale al matrimonio e all’educazione dei figli”. La complementarietà diviene così una grande ricchezza e questo, non solo è un bene, ha sottolineato il papa, “ma è anche bellezza”.

Nel nostro tempo il matrimonio e la famiglia sono in crisi. La cultura “del provvisorio” porta alla rinuncia dell’impegno pubblico che si afferma con il matrimonio e spesso la “bandiera della libertà”, agitata per la rivoluzione di costumi e morale, ha portato “devastazione spirituale e materiale a innumerevoli esseri umani, specialmente ai più vulnerabili”. È evidente, infatti, secondo Papa Francesco, come “il declino della cultura del matrimonio è associato a un aumento di povertà e a una serie di numerosi altri problemi sociali che colpiscono in misura sproporzionata le donne, i bambini e gli anziani”.

La crisi della famiglia ha portato, in modo più ampio, una crisi di “ecologia umana”: come non si vigila abbastanza sugli ambienti naturali favorendone il depauperamento e il degrado, così si è mancato di proteggere gli ambienti sociali mettendo in pericolo la famiglia. E anche adesso che il pericolo è stato compreso, secondo papa Francesco “siamo lenti — siamo lenti nella nostra cultura, anche nella nostra cultura cattolica — siamo lenti nel riconoscere che anche i nostri ambienti sociali sono a rischio”.

Una “nuova ecologia umana” richiede che si insista “sui pilastri fondamentali che reggono una nazione” ed è la famiglia che “rimane al fondamento della convivenza e la garanzia contro lo sfaldamento sociale”. “I bambini – ha ribadito Papa Francesco –hanno il diritto di crescere in una famiglia, con un papà e una mamma, capaci di creare un ambiente idoneo al loro sviluppo e alla loro maturazione affettiva”.

I giovani, in particolare, devono essere aiutati a sfuggire alle trappole della cultura del provvisorio per “cercare un amore forte e duraturo” e “andare controcorrente” perché, ha ricordato il pontefice, “l’impegno definitivo nei confronti della solidarietà, della fedeltà e dell’amore fecondo risponde ai desideri più profondi del cuore umano”.

Un’altra trappola da scansare è quella di confondere la famiglia con caratterizzazioni di tipo ideologico. “La famiglia – ha affermato Papa Francesco – è un fatto antropologico, e conseguentemente un fatto sociale, di cultura” e “non possiamo qualificarla con concetti di natura ideologica, che hanno forza soltanto in un momento della storia, e poi decadono”.
“Non si può parlare oggi di famiglia conservatrice o famiglia progressista– ha insistito Papa Francesco –la famiglia è famiglia! La famiglia ha una forza in sé”.

Il pontefice al termine del suo intervento ha confermato che nelsettembre 2015 si recherà a Philadelphia per l’ottavo Incontro Mondiale delle Famiglie.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

La famiglia non è un’ideologia

  

- Advertisement -

Papa Francesco andrà a Philadelphia per l’incontro mondiale delle famiglie del 2015

Tutto comincia dalla famiglia che è la scuola del vivere insieme e il luogo in cui si acquista la coscienza di sé, mentre si impara ad apprezzare la ricchezza dei doni che ogni membro possiede. Nella famiglia si apprende il valore della complementarietà, a cominciare da quella tra uomo e donna su cui si fonda il matrimonio. Lo ha ricordato Papa Francesco incontrando, nell’Aula del Sinodo, i partecipanti al convegno interreligioso internazionale “La complementarietà tra uomo e donna”, promosso dalla Congregazione per la dottrina della fede e iniziato oggi in Vaticano.

Quando parliamo di complementarietà tra uomo e donna nel contesto familiare, ha affermato Bergoglio, occorre allontanare l’idea di un “modello unico e statico” nel quale sono racchiusi “tutti i ruoli e le relazioni di entrambi i sessi”. La complementarietà, infatti,assume molte forme “poiché ogni uomo e ogni donna apporta il proprio contributo personale al matrimonio e all’educazione dei figli”. La complementarietà diviene così una grande ricchezza e questo, non solo è un bene, ha sottolineato il papa, “ma è anche bellezza”.

Nel nostro tempo il matrimonio e la famiglia sono in crisi. La cultura “del provvisorio” porta alla rinuncia dell’impegno pubblico che si afferma con il matrimonio e spesso la “bandiera della libertà”, agitata per la rivoluzione di costumi e morale, ha portato “devastazione spirituale e materiale a innumerevoli esseri umani, specialmente ai più vulnerabili”. È evidente, infatti, secondo Papa Francesco, come “il declino della cultura del matrimonio è associato a un aumento di povertà e a una serie di numerosi altri problemi sociali che colpiscono in misura sproporzionata le donne, i bambini e gli anziani”.

La crisi della famiglia ha portato, in modo più ampio, una crisi di “ecologia umana”: come non si vigila abbastanza sugli ambienti naturali favorendone il depauperamento e il degrado, così si è mancato di proteggere gli ambienti sociali mettendo in pericolo la famiglia. E anche adesso che il pericolo è stato compreso, secondo papa Francesco “siamo lenti — siamo lenti nella nostra cultura, anche nella nostra cultura cattolica — siamo lenti nel riconoscere che anche i nostri ambienti sociali sono a rischio”.

- Advertisement -

Una “nuova ecologia umana” richiede che si insista “sui pilastri fondamentali che reggono una nazione” ed è la famiglia che “rimane al fondamento della convivenza e la garanzia contro lo sfaldamento sociale”. “I bambini – ha ribadito Papa Francesco –hanno il diritto di crescere in una famiglia, con un papà e una mamma, capaci di creare un ambiente idoneo al loro sviluppo e alla loro maturazione affettiva”.

I giovani, in particolare, devono essere aiutati a sfuggire alle trappole della cultura del provvisorio per “cercare un amore forte e duraturo” e “andare controcorrente” perché, ha ricordato il pontefice, “l’impegno definitivo nei confronti della solidarietà, della fedeltà e dell’amore fecondo risponde ai desideri più profondi del cuore umano”.

Un’altra trappola da scansare è quella di confondere la famiglia con caratterizzazioni di tipo ideologico. “La famiglia – ha affermato Papa Francesco – è un fatto antropologico, e conseguentemente un fatto sociale, di cultura” e “non possiamo qualificarla con concetti di natura ideologica, che hanno forza soltanto in un momento della storia, e poi decadono”.
“Non si può parlare oggi di famiglia conservatrice o famiglia progressista– ha insistito Papa Francesco –la famiglia è famiglia! La famiglia ha una forza in sé”.

Il pontefice al termine del suo intervento ha confermato che nelsettembre 2015 si recherà a Philadelphia per l’ottavo Incontro Mondiale delle Famiglie.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Salire a Gerusalemme

La speranza di Giobbe

Perché le suore indossano il velo?

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO