13.9 C
Roma
Dom, 18 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiVita EcclesialeLa dignità dei bambini non sia solo uno slogan

La dignità dei bambini non sia solo uno slogan

- Advertisement -
 
Il cardinale filippino al Congresso della Pontificia Università Gregoriana sulla pedofilia online. Domani la dichiarazione finale viene consegnata al Papa
 
IACOPO SCARAMUZZI
CITTÀ DEL VATICANO

La dignità del bambino non può essere «uno slogan» ed è necessaria una visione complessiva dell’infanzia, così come non si può tutelare i minori ricorrendo alle sole leggi, perché bisogna prendere in considerazione le diversità delle culture, che sono come «leggi più profonde che le persone seguono da secoli» per arrivare a mettere in pratica certi valori universali. Ne è convinto il cardinale Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila, che questa mattina è intervenuto alla plenaria del congresso sulla pedofilia online in corso alla Pontificia Università Gregoriana.  

 

 

Sempre questa mattina è intervenuto anche un porporato africano, l’arcivescovo di Nairobi (Kenya) John Njue. Domani a mezzogiorno i partecipanti consegneranno a papa Francesco la dichiarazione finale del congresso al quale partecipano uomini di Chiesa, accademici, politici, rappresentanti delle forze dell’ordine, esponenti delle grandi aziende del web e appartenenti ad altre religioni. 

 

«Mentre tutti nel mondo parlano della dignità del bambino, dicono “quanto è prezioso il bambino”, che “il bambino è il nostro futuro”, mi domando se c’è una visione vincolante, una visione onnicomprensiva sul bambino», afferma il Cardinale filippino in una pausa dei lavori. «Come si può dire che il bambino è il futuro e permettergli di essere vittima di sfruttamento online? Come è possibile dire che il bambino ha dignità e pagare per sfruttarlo? Può esserci un conflitto tra lo slogan e la realtà. Ecco, non voglio che la dignità del bambino sia solo uno slogan. Possiamo per favore essere onesti, specialmente nelle nostre diverse culture e nelle nostre diverse religioni, e domandarci: cos’è un bambino? Una volta ero in un forum e c’era una nonna il cui nipote, il figlio della figlia che era nel grembo e aveva cinque mesi, è morto dopo un problema di parto prematuro. E un dottore ha detto: ma non era un essere umano, aveva solo cinque mesi, e la donna ha detto: ma certo, è mio nipote! E il dottore insisteva, no, non è una persona umana. Allora domandiamoci: cos’è un bambino? Non lo riduciamo a slogan. Siamo franchi: domandiamoci qual è la nostra visione complessiva». 

 

Lei pensa che l’Asia, non solo le Filippine, sia ben rappresentata in questo congresso e sia sensibile al tema? 

«Ho visto alcune persone dall’aspetto asiatico… quanto al numero di persone che intervengono, suppongo che non siano molti nel congresso, ma forse nei workshop, dove purtroppo non posso partecipare, l’esperienza dai diversi continenti può essere espressa meglio». 

 

Si è detto che forse la ragione di mancanza di rappresentazione in Asia e Africa è che in quei continenti non si è raggiunto lo stesso livello di discussione che in occidente: cosa si può fare per aumentare il livello di consapevolezza e di discussione? 

«Penso che non siano sufficienti le leggi, serve un dialogo interculturale e interreligioso, perché una legge è una cosa ma per capire la legge e applicarla è necessario capire la cultura. Lo credo davvero. A volte è faticoso ma le persone delle diverse culture devono potersi esprimere, articolare, con franchezza, su come la propria cultura influenzi la visione che si ha dei bambini, cosa è un comportamento abusivo, cosa non è abusivo. Non si tratta solo di una questione legale, ma anche culturale. E forse il modo in cui ci muoviamo in avanti. Anche il cardinale Njue ha detto questa mattina che in Africa ci sono atteggiamenti culturali che devono essere affrontati, e non basta che ci siano delle leggi perché le persone le mettano in pratica. Ci potrebbero essere culture che giustificano la molestia dei bambini, e bisogna affrontare la questione prendendo in considerazione la cultura. C’è un valore universale, che la legge può tutelare, ma per arrivare alla sua applicazione bisogna passare dalla cultura, che è una legge più profonda che le persone seguono da secoli». 

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

La dignità dei bambini non sia solo uno slogan

- Advertisement -
 
Il cardinale filippino al Congresso della Pontificia Università Gregoriana sulla pedofilia online. Domani la dichiarazione finale viene consegnata al Papa
 
IACOPO SCARAMUZZI
CITTÀ DEL VATICANO

La dignità del bambino non può essere «uno slogan» ed è necessaria una visione complessiva dell’infanzia, così come non si può tutelare i minori ricorrendo alle sole leggi, perché bisogna prendere in considerazione le diversità delle culture, che sono come «leggi più profonde che le persone seguono da secoli» per arrivare a mettere in pratica certi valori universali. Ne è convinto il cardinale Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila, che questa mattina è intervenuto alla plenaria del congresso sulla pedofilia online in corso alla Pontificia Università Gregoriana.  

 

 

Sempre questa mattina è intervenuto anche un porporato africano, l’arcivescovo di Nairobi (Kenya) John Njue. Domani a mezzogiorno i partecipanti consegneranno a papa Francesco la dichiarazione finale del congresso al quale partecipano uomini di Chiesa, accademici, politici, rappresentanti delle forze dell’ordine, esponenti delle grandi aziende del web e appartenenti ad altre religioni. 

 

«Mentre tutti nel mondo parlano della dignità del bambino, dicono “quanto è prezioso il bambino”, che “il bambino è il nostro futuro”, mi domando se c’è una visione vincolante, una visione onnicomprensiva sul bambino», afferma il Cardinale filippino in una pausa dei lavori. «Come si può dire che il bambino è il futuro e permettergli di essere vittima di sfruttamento online? Come è possibile dire che il bambino ha dignità e pagare per sfruttarlo? Può esserci un conflitto tra lo slogan e la realtà. Ecco, non voglio che la dignità del bambino sia solo uno slogan. Possiamo per favore essere onesti, specialmente nelle nostre diverse culture e nelle nostre diverse religioni, e domandarci: cos’è un bambino? Una volta ero in un forum e c’era una nonna il cui nipote, il figlio della figlia che era nel grembo e aveva cinque mesi, è morto dopo un problema di parto prematuro. E un dottore ha detto: ma non era un essere umano, aveva solo cinque mesi, e la donna ha detto: ma certo, è mio nipote! E il dottore insisteva, no, non è una persona umana. Allora domandiamoci: cos’è un bambino? Non lo riduciamo a slogan. Siamo franchi: domandiamoci qual è la nostra visione complessiva». 

- Advertisement -

 

Lei pensa che l’Asia, non solo le Filippine, sia ben rappresentata in questo congresso e sia sensibile al tema? 

«Ho visto alcune persone dall’aspetto asiatico… quanto al numero di persone che intervengono, suppongo che non siano molti nel congresso, ma forse nei workshop, dove purtroppo non posso partecipare, l’esperienza dai diversi continenti può essere espressa meglio». 

 

Si è detto che forse la ragione di mancanza di rappresentazione in Asia e Africa è che in quei continenti non si è raggiunto lo stesso livello di discussione che in occidente: cosa si può fare per aumentare il livello di consapevolezza e di discussione? 

«Penso che non siano sufficienti le leggi, serve un dialogo interculturale e interreligioso, perché una legge è una cosa ma per capire la legge e applicarla è necessario capire la cultura. Lo credo davvero. A volte è faticoso ma le persone delle diverse culture devono potersi esprimere, articolare, con franchezza, su come la propria cultura influenzi la visione che si ha dei bambini, cosa è un comportamento abusivo, cosa non è abusivo. Non si tratta solo di una questione legale, ma anche culturale. E forse il modo in cui ci muoviamo in avanti. Anche il cardinale Njue ha detto questa mattina che in Africa ci sono atteggiamenti culturali che devono essere affrontati, e non basta che ci siano delle leggi perché le persone le mettano in pratica. Ci potrebbero essere culture che giustificano la molestia dei bambini, e bisogna affrontare la questione prendendo in considerazione la cultura. C’è un valore universale, che la legge può tutelare, ma per arrivare alla sua applicazione bisogna passare dalla cultura, che è una legge più profonda che le persone seguono da secoli». 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
226IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x