19.6 C
Rome
lunedì, 16 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale «La Chiesa non accumuli ricchezze, le metta a servizio»

«La Chiesa non accumuli ricchezze, le metta a servizio»

- Advertisement -

Il Papa a Santa Marta: «La nostra comunità» mostra «che è rinata nello Spirito quando cerca l’armonia, la povertà», quando «non si arrabbia subito davanti alle difficoltà»

DOMENICO AGASSO JR
ROMA

Nella seconda settimana del tempo pasquale, «ci farà bene pensare alle nostre comunità, siano esse diocesane, parrocchiali, familiari o tante altre, e chiedere la grazia dell’armonia che è più dell’unità – l’unità armonica, l’armonia, che è il dono dello Spirito – chiedere la grazia della povertà – non della miseria, della povertà: cosa significa? Che se io ho quello che ho e devo gestirlo bene per il bene comune e con generosità – e chiedere la grazia della pazienza, della pazienza». È l’invocazione che papa Francesco ha espresso a conclusione dell’omelia mattutina a Casa Santa Marta, sintetizzata da Radio Vaticana.

Il Pontefice ha sottolineato che i cristiani non devono accumulare ricchezze, ma metterle a servizio di chi ha bisogno, seguendo l’esempio della prima comunità guidata dagli Apostoli.

Papa Bergoglio si è concentrato sul passo degli Atti degli Apostoli che descrive la vita della prima comunità dei cristiani: ci sono, ha messo in evidenza, due segni di «rinascita in una comunità»; il primo è l’armonia: «La comunità rinata o di quelli che rinascono nello Spirito ha questa grazia dell’unità, dell’armonia. L’unico che può darci l’armonia è lo Spirito Santo, perché lui anche è l’armonia fra il Padre e il Figlio, è il dono che fa l’armonia». Poi c’è il bene comune, «cioè: “Nessuno infatti tra loro era bisognoso, nessuno considerava sua proprietà quello che gli apparteneva”, era al servizio della comunità. Sì, alcuni erano ricchi ma al servizio. Questi sono due segni di una comunità che vive nello Spirito».

Il Papa ha definito questo passo «curioso», perché «subito dopo incominciano» dei problemi nella comunità, per esempio l’ingresso di Anania e Saffira che provano a truffarla: «Sono i padroni dei benefattori che si avvicinano alla Chiesa, entrano per aiutarla e usare la Chiesa per i propri affari, no? Poi ci sono le persecuzioni che sono state annunciate da Gesù. L’ultima delle beatitudini di Matteo: “Beati quando vi insulteranno, vi perseguiteranno a causa di me… Rallegratevi”. E si leggono tante persecuzioni di questa comunità così. Gesù promette questo, promette tante cose belle, la pace, l’abbondanza: “Avrete cento volte in più con le persecuzioni”».

Nella «prima comunità rinata dallo Spirito Santo – ha ricordato Francesco – c’è questo: la povertà, il bene comune ma anche i problemi, dentro e fuori». Problematiche interne, come «quella coppia di affaristi, e fuori, le persecuzioni». Pietro però invita a non stupirsi di queste persecuzioni, perché è «il fuoco che purifica l’oro». E proprio «in mezzo alle difficoltà, alle persecuzioni» la comunità rinata dallo Spirito Santo è purificata.

Esiste quindi un terzo segno di una comunità rinata: «La pazienza nel sopportare: sopportare i problemi, sopportare le difficoltà, sopportare le maldicenze, le calunnie, sopportare le malattie, sopportare il dolore» della perdita di un proprio caro.

Ecco che poi papa Francesco ha affermato: la comunità cristiana mostra «che è rinata nello Spirito Santo, quando è una comunità che cerca l’armonia», non la divisione interna; «quando cerca la povertà, non l’accumulo di ricchezze per sé, perché le ricchezze sono per il servizio»; e poi quando «non si arrabbia subito davanti alle difficoltà e si sente offesa», ma è paziente come Gesù.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

«La Chiesa non accumuli ricchezze, le metta a servizio»

  

- Advertisement -

Il Papa a Santa Marta: «La nostra comunità» mostra «che è rinata nello Spirito quando cerca l’armonia, la povertà», quando «non si arrabbia subito davanti alle difficoltà»

DOMENICO AGASSO JR
ROMA

Nella seconda settimana del tempo pasquale, «ci farà bene pensare alle nostre comunità, siano esse diocesane, parrocchiali, familiari o tante altre, e chiedere la grazia dell’armonia che è più dell’unità – l’unità armonica, l’armonia, che è il dono dello Spirito – chiedere la grazia della povertà – non della miseria, della povertà: cosa significa? Che se io ho quello che ho e devo gestirlo bene per il bene comune e con generosità – e chiedere la grazia della pazienza, della pazienza». È l’invocazione che papa Francesco ha espresso a conclusione dell’omelia mattutina a Casa Santa Marta, sintetizzata da Radio Vaticana.

Il Pontefice ha sottolineato che i cristiani non devono accumulare ricchezze, ma metterle a servizio di chi ha bisogno, seguendo l’esempio della prima comunità guidata dagli Apostoli.

Papa Bergoglio si è concentrato sul passo degli Atti degli Apostoli che descrive la vita della prima comunità dei cristiani: ci sono, ha messo in evidenza, due segni di «rinascita in una comunità»; il primo è l’armonia: «La comunità rinata o di quelli che rinascono nello Spirito ha questa grazia dell’unità, dell’armonia. L’unico che può darci l’armonia è lo Spirito Santo, perché lui anche è l’armonia fra il Padre e il Figlio, è il dono che fa l’armonia». Poi c’è il bene comune, «cioè: “Nessuno infatti tra loro era bisognoso, nessuno considerava sua proprietà quello che gli apparteneva”, era al servizio della comunità. Sì, alcuni erano ricchi ma al servizio. Questi sono due segni di una comunità che vive nello Spirito».

Il Papa ha definito questo passo «curioso», perché «subito dopo incominciano» dei problemi nella comunità, per esempio l’ingresso di Anania e Saffira che provano a truffarla: «Sono i padroni dei benefattori che si avvicinano alla Chiesa, entrano per aiutarla e usare la Chiesa per i propri affari, no? Poi ci sono le persecuzioni che sono state annunciate da Gesù. L’ultima delle beatitudini di Matteo: “Beati quando vi insulteranno, vi perseguiteranno a causa di me… Rallegratevi”. E si leggono tante persecuzioni di questa comunità così. Gesù promette questo, promette tante cose belle, la pace, l’abbondanza: “Avrete cento volte in più con le persecuzioni”».

- Advertisement -

Nella «prima comunità rinata dallo Spirito Santo – ha ricordato Francesco – c’è questo: la povertà, il bene comune ma anche i problemi, dentro e fuori». Problematiche interne, come «quella coppia di affaristi, e fuori, le persecuzioni». Pietro però invita a non stupirsi di queste persecuzioni, perché è «il fuoco che purifica l’oro». E proprio «in mezzo alle difficoltà, alle persecuzioni» la comunità rinata dallo Spirito Santo è purificata.

Esiste quindi un terzo segno di una comunità rinata: «La pazienza nel sopportare: sopportare i problemi, sopportare le difficoltà, sopportare le maldicenze, le calunnie, sopportare le malattie, sopportare il dolore» della perdita di un proprio caro.

Ecco che poi papa Francesco ha affermato: la comunità cristiana mostra «che è rinata nello Spirito Santo, quando è una comunità che cerca l’armonia», non la divisione interna; «quando cerca la povertà, non l’accumulo di ricchezze per sé, perché le ricchezze sono per il servizio»; e poi quando «non si arrabbia subito davanti alle difficoltà e si sente offesa», ma è paziente come Gesù.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
847FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Palumbo: La misericordia di Dio

La morte, compagna della vita

Le tre lettere di Giovanni

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO