12.5 C
Rome
lunedì, 18 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Storie l segreto della santa gioia: per ridere non devi necessariamente “cogliere lo scherzo”

l segreto della santa gioia: per ridere non devi necessariamente “cogliere lo scherzo”

- Advertisement -

Come fanno i sofferenti ad essere comunque gioiosi?

Stavo gironzolando senza scopo su Facebook quando mi sono imbattuta in una battuta che ha colpito nel segno, e mi sono messa a ridacchiare sorpresa. Ho alzato gli occhi per guardare mio figlio, che stava studiando la mia faccia, come fa spesso, proprio mentre la sua si illuminava con un sorriso deliziato. Poi anche lui ha iniziato a ridere, prorompendo nella sua dimostrazione di gioia, che è due parti di risate e una parte di grida, per il puro piacere di fare rumore.

All’improvviso ho pensato che forse avevo appena scoperto com’è possibile che le persone che soffrono possano comunque essere gioiose: ha a che vedere con il modo in cui tengono gli occhi rivolti verso Dio, come hanno orientato tutto il proprio io verso di Lui.

Per via della sua recente canonizzazione, ho visto il volto splendido e raggiante di Madre Teresa un po’ ovunque, e i miei occhi vengono sempre attirati dal suo grande sorriso. E ora ricordo, al di là dell’orrore, della morte e del dolore a cui era esposta in modo costante, come Madre Teresa abbia vissuto la notte oscura dell’anima per la maggior parte della sua vita. Arrossisco paragonando la sua gioia con il mio cattivo temperamento nei confronti di qualsiasi contrattempo si possa immaginare.

Conosco, e probabilmente conoscete anche voi, persone che sembrano avere parte della gioia che aveva Madre Teresa. Queste persone hanno la misteriosa capacità di vivere la propria giornata sempre con un sorriso, indipendentemente da quello che viene riservato loro. Non hanno una vita più facile della nostra, anzi, spesso è molto più complicata. Qual è il segreto? Come riescono a sorridere?

A volte sono tentata di dire “Oh, per loro è naturale”. E sì, può essere che la loro gioia dipenda da una buona disposizione naturale, ma so perfettamente che non è tutto qui.

Una voce cinica dentro di me a volte si è chiesta se questi miei amici gioiosi, e perfino la stessa Madre Teresa, siano davvero autentici. E se, suggerisce astutamente, queste persone sante stessero solo compiendo un atto eroico di volontà, assumendo un’espressione felice soltanto per far sembrare il cristianesimo più affascinante per chi ancora non vi si è convertito?

Ma poi non riesco a guardare l’immagine di Madre Teresa senza vedere chiaramente che era ben più autentica di quanto possa essere io. Sapeva qualcosa che io non so? Dio le ha offerto qualche consolazione segreta?


LEGGI ANCHE: 13 consigli dei primi cristiani per vivere con gioia


No. Leggeva gli stessi Vangeli che leggiamo noi. Era un essere umano, niente di più. Non conosceva il progetto di Dio per il mondo, e non ce n’era bisogno.

La risata di mio figlio non era meno autentica della mia perché non sapeva perché stessi ridendo. Anche se non coglieva lo scherzo, poteva sentire il mio piacere e rifletterlo. Poteva partecipare alla mia gioia perché mi stava guardando da vicino. Si stava concentrando sul mio viso. Era concentrato su di me con tutta la sua attenzione, con l’amore e lo stupore con cui qualsiasi bambino guarda la mamma. In questo momento io sono tutto il suo mondo.

Forse è questo che i santi fanno con Dio. Forse è questo che fa chiunque nutre la gioia: riflettere la gioia di Dio.

Mio figlio non aveva bisogno di sapere perché fossi felice. Doveva solo sapere che lo ero. Se non si fosse concentrato sul mio volto se lo sarebbe perso. Forse le persone tanto vicine a Dio, la cui vita è orientata verso il volto divino, vedono anche la Sua gioia e la riflettono nel mondo, come la luce dei diamanti.

La loro gioia non è meno autentica per via della loro sofferenza, e il fatto che siano gioiosi non significa che non soffrano. Visto, però, che più di ciascuno di noi guardano con attenzione il volto di Dio, possono partecipare alla Sua gioia indipendentemente dalla loro sofferenza.

Solo Dio conosce il segreto della Sua gioia. Dio non ci ha detto cosa farà per guarire il dolore e rendere giusto ciò che è sbagliato, e a volte non ho idea di come qualcuno possa vedere il male in questo mondo ed essere comunque felice. Ma non c’è bisogno di conoscere il Suo progetto per partecipare davvero alla gioia di Dio. Basta tenere gli occhi rivolti verso di Lui, concentrarsi su di Lui con tutta la propria attenzione, la propria volontà e il proprio essere.

heyram

Anna O’Neil

Anna O’Neil è laureata presso il Thomas More College of Liberal Arts. Ama le mucche, la confessione e il giallo, non necessariamente in quest’ordine. Vive nel Rhode Island con il marito e il figlio, e cerca di ricordare che, come ha detto Chesterton, “se vale la pena fare una cosa vale la pena farla male”.
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

l segreto della santa gioia: per ridere non devi necessariamente “cogliere lo scherzo”

  

- Advertisement -

Come fanno i sofferenti ad essere comunque gioiosi?

Stavo gironzolando senza scopo su Facebook quando mi sono imbattuta in una battuta che ha colpito nel segno, e mi sono messa a ridacchiare sorpresa. Ho alzato gli occhi per guardare mio figlio, che stava studiando la mia faccia, come fa spesso, proprio mentre la sua si illuminava con un sorriso deliziato. Poi anche lui ha iniziato a ridere, prorompendo nella sua dimostrazione di gioia, che è due parti di risate e una parte di grida, per il puro piacere di fare rumore.

All’improvviso ho pensato che forse avevo appena scoperto com’è possibile che le persone che soffrono possano comunque essere gioiose: ha a che vedere con il modo in cui tengono gli occhi rivolti verso Dio, come hanno orientato tutto il proprio io verso di Lui.

Per via della sua recente canonizzazione, ho visto il volto splendido e raggiante di Madre Teresa un po’ ovunque, e i miei occhi vengono sempre attirati dal suo grande sorriso. E ora ricordo, al di là dell’orrore, della morte e del dolore a cui era esposta in modo costante, come Madre Teresa abbia vissuto la notte oscura dell’anima per la maggior parte della sua vita. Arrossisco paragonando la sua gioia con il mio cattivo temperamento nei confronti di qualsiasi contrattempo si possa immaginare.

Conosco, e probabilmente conoscete anche voi, persone che sembrano avere parte della gioia che aveva Madre Teresa. Queste persone hanno la misteriosa capacità di vivere la propria giornata sempre con un sorriso, indipendentemente da quello che viene riservato loro. Non hanno una vita più facile della nostra, anzi, spesso è molto più complicata. Qual è il segreto? Come riescono a sorridere?

- Advertisement -

A volte sono tentata di dire “Oh, per loro è naturale”. E sì, può essere che la loro gioia dipenda da una buona disposizione naturale, ma so perfettamente che non è tutto qui.

Una voce cinica dentro di me a volte si è chiesta se questi miei amici gioiosi, e perfino la stessa Madre Teresa, siano davvero autentici. E se, suggerisce astutamente, queste persone sante stessero solo compiendo un atto eroico di volontà, assumendo un’espressione felice soltanto per far sembrare il cristianesimo più affascinante per chi ancora non vi si è convertito?

Ma poi non riesco a guardare l’immagine di Madre Teresa senza vedere chiaramente che era ben più autentica di quanto possa essere io. Sapeva qualcosa che io non so? Dio le ha offerto qualche consolazione segreta?


LEGGI ANCHE: 13 consigli dei primi cristiani per vivere con gioia


No. Leggeva gli stessi Vangeli che leggiamo noi. Era un essere umano, niente di più. Non conosceva il progetto di Dio per il mondo, e non ce n’era bisogno.

La risata di mio figlio non era meno autentica della mia perché non sapeva perché stessi ridendo. Anche se non coglieva lo scherzo, poteva sentire il mio piacere e rifletterlo. Poteva partecipare alla mia gioia perché mi stava guardando da vicino. Si stava concentrando sul mio viso. Era concentrato su di me con tutta la sua attenzione, con l’amore e lo stupore con cui qualsiasi bambino guarda la mamma. In questo momento io sono tutto il suo mondo.

Forse è questo che i santi fanno con Dio. Forse è questo che fa chiunque nutre la gioia: riflettere la gioia di Dio.

Mio figlio non aveva bisogno di sapere perché fossi felice. Doveva solo sapere che lo ero. Se non si fosse concentrato sul mio volto se lo sarebbe perso. Forse le persone tanto vicine a Dio, la cui vita è orientata verso il volto divino, vedono anche la Sua gioia e la riflettono nel mondo, come la luce dei diamanti.

La loro gioia non è meno autentica per via della loro sofferenza, e il fatto che siano gioiosi non significa che non soffrano. Visto, però, che più di ciascuno di noi guardano con attenzione il volto di Dio, possono partecipare alla Sua gioia indipendentemente dalla loro sofferenza.

Solo Dio conosce il segreto della Sua gioia. Dio non ci ha detto cosa farà per guarire il dolore e rendere giusto ciò che è sbagliato, e a volte non ho idea di come qualcuno possa vedere il male in questo mondo ed essere comunque felice. Ma non c’è bisogno di conoscere il Suo progetto per partecipare davvero alla gioia di Dio. Basta tenere gli occhi rivolti verso di Lui, concentrarsi su di Lui con tutta la propria attenzione, la propria volontà e il proprio essere.

heyram

Anna O’Neil

Anna O’Neil è laureata presso il Thomas More College of Liberal Arts. Ama le mucche, la confessione e il giallo, non necessariamente in quest’ordine. Vive nel Rhode Island con il marito e il figlio, e cerca di ricordare che, come ha detto Chesterton, “se vale la pena fare una cosa vale la pena farla male”.
- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
870FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

12 storie di ordinaria santità

Lo Spirito nell’agire umano

Rileggere il Decalogo

Accompagnare gli adulti nella fede

Paolo apostolo: vita e teologia

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO