28 C
Rome
mercoledì, 19 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Carità e Missioni Kenya, oltre 100 scuole cattoliche incendiate e distrutte

Kenya, oltre 100 scuole cattoliche incendiate e distrutte

- Advertisement -

La maggior parte dei disordini ad opera di studenti vulnerabili radicalizzati. Secondo i presidi si tratta di gruppi organizzati per destabilizzare l’insegnamento nel Paese

Una ondata di disordini scolastici ha visto recentemente l’incendio e la distruzione di oltre 100 scuole cattoliche in Kenya per mano di gruppi ben organizzati per destabilizzare e distruggere l’insegnamento nelle scuole secondarie di tutto il Paese. Ad affermarlo sono i presidi delle scuole cattoliche, riuniti per la loro conferenza annuale presso l’Università Cattolica dell’Africa orientale (CUEA) di Nairobi.

Secondo i presidi – riferisce Fides – dopo indagini approfondite è emerso che alcune scuole sono state bruciate da alunni vulnerabili radicalizzati che sono stati finanziati da individui per dare fuoco ai dormitori scolastici. Rivolgendosi ai più di 1000 capi segretari degli istituti educativi, il vescovo di Kitui Anthony Muheria, ha esortato i presidi della scuola secondaria di cercare di capire meglio cosa sta succedendo nel mondo dei giovani, in modo da frenare l’ondata di attacchi incendiari e gli scioperi degli studenti.

Mons. Muheria ha invitato i presidi di capire i problemi di fondo che gli studenti affrontano e per cercare quindi di instillare nel loro cuore i valori cristiani, incoraggiando gli studenti a partecipare al servizio della comunità e a rifiutare le droghe.

La conferenza, tenutasi dal 16 al 18 agosto, aveva per tema “Le scuole cattoliche – un luogo per incontrare Gesù Cristo, l’insegnante compassionevole”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Kenya, oltre 100 scuole cattoliche incendiate e distrutte

  

- Advertisement -

La maggior parte dei disordini ad opera di studenti vulnerabili radicalizzati. Secondo i presidi si tratta di gruppi organizzati per destabilizzare l’insegnamento nel Paese

Una ondata di disordini scolastici ha visto recentemente l’incendio e la distruzione di oltre 100 scuole cattoliche in Kenya per mano di gruppi ben organizzati per destabilizzare e distruggere l’insegnamento nelle scuole secondarie di tutto il Paese. Ad affermarlo sono i presidi delle scuole cattoliche, riuniti per la loro conferenza annuale presso l’Università Cattolica dell’Africa orientale (CUEA) di Nairobi.

Secondo i presidi – riferisce Fides – dopo indagini approfondite è emerso che alcune scuole sono state bruciate da alunni vulnerabili radicalizzati che sono stati finanziati da individui per dare fuoco ai dormitori scolastici. Rivolgendosi ai più di 1000 capi segretari degli istituti educativi, il vescovo di Kitui Anthony Muheria, ha esortato i presidi della scuola secondaria di cercare di capire meglio cosa sta succedendo nel mondo dei giovani, in modo da frenare l’ondata di attacchi incendiari e gli scioperi degli studenti.

Mons. Muheria ha invitato i presidi di capire i problemi di fondo che gli studenti affrontano e per cercare quindi di instillare nel loro cuore i valori cristiani, incoraggiando gli studenti a partecipare al servizio della comunità e a rifiutare le droghe.

La conferenza, tenutasi dal 16 al 18 agosto, aveva per tema “Le scuole cattoliche – un luogo per incontrare Gesù Cristo, l’insegnante compassionevole”.

- Advertisement -
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
790FollowerSegui
13,000FollowerSegui
572FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Dai racconti orali ai Vangeli

Libri consigliati – Ottobre 2018

Libri Consigliati – Luglio 2018

Bibbia: poeti e poesie

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO