14.2 C
Roma
Lun, 19 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno AIV Domenica per annum - Anno A - Present. del Signore...

IV Domenica per annum – Anno A – Present. del Signore – 26 gennaio 2014

- Advertisement -

45545-Il-Riscatto-scena-film-di-Giovanna-Taviani

Il riscatto di Dio.

Ml 3, 1-4; Eb 2, 14-18; Lc 2, 22-40

Vieni Signore nel tuo tempio santo.

 

La liturgia di questa domenica, come sempre, assume connotati particolari; il suo inizio, infatti, si presenta attraverso un gesto davvero significativo: l’accensione delle candele, la loro benedizione unita alla seguente processione in chiesa. È un ingresso solenne e suggestivo; la centralità offerta dal simbolismo della luce è tutto. Tale “mistero” si radica nella tradizione biblica e, per comprenderne il suo profondo significato cristologico, bisogna passare da una mera forma estetica a una vera e propria professione di fede.

Nel racconto evangelico, Maria e Giuseppe conducono al tempio Gesù, secondo la legge di Mosè: è il loro primogenito, è consacrato al Signore. Il senso profondo di tale tradizione è quello sottolineare il fatto che ogni genitore riceve in dono i figli per esserne custode, non il proprietario. Compito primario allora è l’educazione della prole al fine di accompagnarla nella crescita e alla piena autonomia. Il gesto di Maria e Giuseppe, tuttavia, assume un valore estrinseco. Gesù, deve essere riconsegnato al Signore per adempiere la propria missione; l’atto di obbedienza più radicale alla legge si reinterpreta secondo il linguaggio pasquale: Gesù è consacrato al Signore perché viva la propria missione redentrice. Maria e Giuseppe dunque, presentando il loro figlio al tempio, si riconoscono collaboratori della missione salvifica di Dio.

Nel tempio però, non si consuma solo una prescrizione mosaica, essi incontrano Simeone, figura che incarna l’essenza della “perfetta attesa”: «uomo giusto e pio, che aspettava la consolatone di Israele» (Lc 2, 5). Le sue parole permettono di comprendere il senso dell’odierna celebrazione; la sua profezia rivela il Cristo venuto nel mondo come luce delle genti, uomo che porta a compimento le antiche promesse. Non è dunque solo un bambino quello che fa ingresso nel tempio, ma Dio che viene incontro all’uomo per salvarlo.

Il mistero pasquale allora, è già annunciato a Maria dalle parole di Simeone; il quale, oltre a profetizzarlo, ne illustra anche la portata: «una spada ti trafiggerà l’anima» (cfr. Lc 2, 34-35). Nella festa che celebriamo si intravede un doppio filo conduttore: Dio che si fa prossimo all’umanità per redimerla e salvarla, ma anche l’esortazione a incamminarsi verso lui. La vita cristiana intera, allora, si dispiega nell’andare incontro al Signore che viene per entrare in comunione d’amore con lui. Solo così può essere illuminata dalla sua luce e farsi, a sua volta, illuminatrice del mondo. «Voi siete la luce del mondo» (Mt 5,1 4); un indicativo che segna un’identità: il cristiano missionario per il regno.

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

IV Domenica per annum – Anno A – Present. del Signore – 26 gennaio 2014

- Advertisement -

45545-Il-Riscatto-scena-film-di-Giovanna-Taviani

Il riscatto di Dio.

Ml 3, 1-4; Eb 2, 14-18; Lc 2, 22-40

Vieni Signore nel tuo tempio santo.

- Advertisement -

 

La liturgia di questa domenica, come sempre, assume connotati particolari; il suo inizio, infatti, si presenta attraverso un gesto davvero significativo: l’accensione delle candele, la loro benedizione unita alla seguente processione in chiesa. È un ingresso solenne e suggestivo; la centralità offerta dal simbolismo della luce è tutto. Tale “mistero” si radica nella tradizione biblica e, per comprenderne il suo profondo significato cristologico, bisogna passare da una mera forma estetica a una vera e propria professione di fede.

Nel racconto evangelico, Maria e Giuseppe conducono al tempio Gesù, secondo la legge di Mosè: è il loro primogenito, è consacrato al Signore. Il senso profondo di tale tradizione è quello sottolineare il fatto che ogni genitore riceve in dono i figli per esserne custode, non il proprietario. Compito primario allora è l’educazione della prole al fine di accompagnarla nella crescita e alla piena autonomia. Il gesto di Maria e Giuseppe, tuttavia, assume un valore estrinseco. Gesù, deve essere riconsegnato al Signore per adempiere la propria missione; l’atto di obbedienza più radicale alla legge si reinterpreta secondo il linguaggio pasquale: Gesù è consacrato al Signore perché viva la propria missione redentrice. Maria e Giuseppe dunque, presentando il loro figlio al tempio, si riconoscono collaboratori della missione salvifica di Dio.

Nel tempio però, non si consuma solo una prescrizione mosaica, essi incontrano Simeone, figura che incarna l’essenza della “perfetta attesa”: «uomo giusto e pio, che aspettava la consolatone di Israele» (Lc 2, 5). Le sue parole permettono di comprendere il senso dell’odierna celebrazione; la sua profezia rivela il Cristo venuto nel mondo come luce delle genti, uomo che porta a compimento le antiche promesse. Non è dunque solo un bambino quello che fa ingresso nel tempio, ma Dio che viene incontro all’uomo per salvarlo.

Il mistero pasquale allora, è già annunciato a Maria dalle parole di Simeone; il quale, oltre a profetizzarlo, ne illustra anche la portata: «una spada ti trafiggerà l’anima» (cfr. Lc 2, 34-35). Nella festa che celebriamo si intravede un doppio filo conduttore: Dio che si fa prossimo all’umanità per redimerla e salvarla, ma anche l’esortazione a incamminarsi verso lui. La vita cristiana intera, allora, si dispiega nell’andare incontro al Signore che viene per entrare in comunione d’amore con lui. Solo così può essere illuminata dalla sua luce e farsi, a sua volta, illuminatrice del mondo. «Voi siete la luce del mondo» (Mt 5,1 4); un indicativo che segna un’identità: il cristiano missionario per il regno.

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
227IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

A scuola di preghiera

Lo Spirito nell’agire umano

“Non fare come gli ipocriti”

Matino: L’allegria

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x