28.4 C
Rome
martedì, 18 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C IV Domenica di Pasqua - Anno C - 12 maggio 2019

IV Domenica di Pasqua – Anno C – 12 maggio 2019

Dio “odora di pecora”, perché ama il suo gregge.






    Dal Vangelo secondo Giovanni.

    “In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono.
    Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano.
    Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola»”.




    Una delle forme più nobili per relazionarsi in modo corretto e redditizio è il dialogo. Esso fa parte delle capacità e delle caratteristiche tipiche del genere umano. La relazione dialogica si manifesta in moti modi: parole, gesti, sensazioni, mimiche. Il dialogo presuppone delle regole perché sia celebrato in modo conforme e confortevole per la mutua edificazione. L’educazione dialogica molto spesso manca nel nostro relazionarci perché siamo viziati e abitati più dal desiderio di rispondere che di capire. Difatti, molte volte, si ascolta per rispondere e non per capire. Addirittura ci si dimentica di ascoltare anche se stessi. Si, un vero dialogo necessita di ascolto attento, premuroso e generoso, perché, solo capendo l’altro, potrò relazionarmi in modo soddisfacente e proficuo.

    Nel vangelo Gesù si presenta come pastore che dialoga con le sue pecore e di esse afferma che ascoltano la sua voce. Quando noi ascoltiamo attentamente? Quando chi parla ci nutre, ci edifica, ci attrae, quando parla al nostro cuore, scende in profondità e non si perde in parole adulatorie, ricche di apparenza, ma povere di sostanza, vuote, senz’anima. Mai un figlio ascolterà dalla propria mamma parole prive di senso in esse c’è un calore, una carezza, un respiro che solo lei potrà dare. Questo è il modo col quale Dio si relaziona con noi. Parole che attraggono, calamitano, parole che creano, che infondono vita, forza, che sanno dipingere e scolpire la speranza, che fanno fiorire nuove primavere. Parole di consolazione perché ricche di misericordia.

    Gesù afferma che conosce le sue pecore, significa che vive in intimità con esse, condivide il loro spazio, la loro vita, è compromesso con le loro fragilità e le soccorre nelle loro necessità. Odora di pecora. Perciò esse si fidano, si abbandonano, seguono la sua voce. Non è quella di un estraneo, ma di uno conosciuto perché incontrato. Così Dio s’incontra continuamente con le nostre situazioni, con le nostre storie.

    La presenza del pastore in mezzo alle pecore è garanzia di protezione, oltre che di condivisione estrema, è il segno della premura e della tenerezza, garanzia di conservazione e preservazione. Siamo protetti da Dio, la nostra vita non è allo sbando, non è randomizzata, ma ha una meta, uno scopo, una storia. Non si nutre di anonimato ma di protagonismo sano e finalizzato. Siamo custoditi dall’amore di Dio, come un tesoro nel forziere. Noi siamo i preziosi e il cuore di Dio è lo scrigno. Ognuno di noi è prezioso ai suoi occhi. E Gesù è posto a protezione di questo tesoro: il cuore di Dio abitato da ogni uomo. “Nessuno può strapparle dalla mano del Padre”.

    Non importa se lo meritiamo o meno, Dio ci ama a prescindere, perché egli non ama per interesse o tornaconto ma, liberamente, gratuitamente, a fondo perduto. Perché lui, in Gesù, è un pastore che odora di pecora perché conosce, ama, serve, conduce, protegge il suo gregge. E se siamo nelle mai di Dio, siamo in buone mani, come un figlio aggrappato alla mamma, non teme nulla. 




    Ma Gesù a un certo punto disse, riferendosi alle sue pecore: «Il Padre mio, che me le ha date…» (Gv 10,29). Questo è molto importante, è un mistero profondo, non facile da comprendere: se io mi sento attratto da Gesù, se la sua voce riscalda il mio cuore, è grazie a Dio Padre, che ha messo dentro di me il desiderio dell’amore, della verità, della vita, della bellezza… e Gesù è tutto questo in pienezza!

    (Regina Coeli, 21 aprile 2013)




    Custodisci benigno, o Dio nostro Padre, il gregge che hai redento con il sangue prezioso del tuo Figlio, e guidalo ai pascoli eterni del cielo. Per Cristo nostro Signore.








    Dal Vangelo secondo Giovanni.

    “In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono.
    Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano.
    Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola»”.




    Una delle forme più nobili per relazionarsi in modo corretto e redditizio è il dialogo. Esso fa parte delle capacità e delle caratteristiche tipiche del genere umano. La relazione dialogica si manifesta in moti modi: parole, gesti, sensazioni, mimiche. Il dialogo presuppone delle regole perché sia celebrato in modo conforme e confortevole per la mutua edificazione. L’educazione dialogica molto spesso manca nel nostro relazionarci perché siamo viziati e abitati più dal desiderio di rispondere che di capire. Difatti, molte volte, si ascolta per rispondere e non per capire. Addirittura ci si dimentica di ascoltare anche se stessi. Si, un vero dialogo necessita di ascolto attento, premuroso e generoso, perché, solo capendo l’altro, potrò relazionarmi in modo soddisfacente e proficuo.

    Nel vangelo Gesù si presenta come pastore che dialoga con le sue pecore e di esse afferma che ascoltano la sua voce. Quando noi ascoltiamo attentamente? Quando chi parla ci nutre, ci edifica, ci attrae, quando parla al nostro cuore, scende in profondità e non si perde in parole adulatorie, ricche di apparenza, ma povere di sostanza, vuote, senz’anima. Mai un figlio ascolterà dalla propria mamma parole prive di senso in esse c’è un calore, una carezza, un respiro che solo lei potrà dare. Questo è il modo col quale Dio si relaziona con noi. Parole che attraggono, calamitano, parole che creano, che infondono vita, forza, che sanno dipingere e scolpire la speranza, che fanno fiorire nuove primavere. Parole di consolazione perché ricche di misericordia.

    Gesù afferma che conosce le sue pecore, significa che vive in intimità con esse, condivide il loro spazio, la loro vita, è compromesso con le loro fragilità e le soccorre nelle loro necessità. Odora di pecora. Perciò esse si fidano, si abbandonano, seguono la sua voce. Non è quella di un estraneo, ma di uno conosciuto perché incontrato. Così Dio s’incontra continuamente con le nostre situazioni, con le nostre storie.

    La presenza del pastore in mezzo alle pecore è garanzia di protezione, oltre che di condivisione estrema, è il segno della premura e della tenerezza, garanzia di conservazione e preservazione. Siamo protetti da Dio, la nostra vita non è allo sbando, non è randomizzata, ma ha una meta, uno scopo, una storia. Non si nutre di anonimato ma di protagonismo sano e finalizzato. Siamo custoditi dall’amore di Dio, come un tesoro nel forziere. Noi siamo i preziosi e il cuore di Dio è lo scrigno. Ognuno di noi è prezioso ai suoi occhi. E Gesù è posto a protezione di questo tesoro: il cuore di Dio abitato da ogni uomo. “Nessuno può strapparle dalla mano del Padre”.

    Non importa se lo meritiamo o meno, Dio ci ama a prescindere, perché egli non ama per interesse o tornaconto ma, liberamente, gratuitamente, a fondo perduto. Perché lui, in Gesù, è un pastore che odora di pecora perché conosce, ama, serve, conduce, protegge il suo gregge. E se siamo nelle mai di Dio, siamo in buone mani, come un figlio aggrappato alla mamma, non teme nulla. 




    Ma Gesù a un certo punto disse, riferendosi alle sue pecore: «Il Padre mio, che me le ha date…» (Gv 10,29). Questo è molto importante, è un mistero profondo, non facile da comprendere: se io mi sento attratto da Gesù, se la sua voce riscalda il mio cuore, è grazie a Dio Padre, che ha messo dentro di me il desiderio dell’amore, della verità, della vita, della bellezza… e Gesù è tutto questo in pienezza!

    (Regina Coeli, 21 aprile 2013)




    Custodisci benigno, o Dio nostro Padre, il gregge che hai redento con il sangue prezioso del tuo Figlio, e guidalo ai pascoli eterni del cielo. Per Cristo nostro Signore.



B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

IV Domenica di Pasqua – Anno C – 12 maggio 2019

Dio “odora di pecora”, perché ama il suo gregge.






    Dal Vangelo secondo Giovanni.

    “In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono.
    Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano.
    Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola»”.




    Una delle forme più nobili per relazionarsi in modo corretto e redditizio è il dialogo. Esso fa parte delle capacità e delle caratteristiche tipiche del genere umano. La relazione dialogica si manifesta in moti modi: parole, gesti, sensazioni, mimiche. Il dialogo presuppone delle regole perché sia celebrato in modo conforme e confortevole per la mutua edificazione. L’educazione dialogica molto spesso manca nel nostro relazionarci perché siamo viziati e abitati più dal desiderio di rispondere che di capire. Difatti, molte volte, si ascolta per rispondere e non per capire. Addirittura ci si dimentica di ascoltare anche se stessi. Si, un vero dialogo necessita di ascolto attento, premuroso e generoso, perché, solo capendo l’altro, potrò relazionarmi in modo soddisfacente e proficuo.

    Nel vangelo Gesù si presenta come pastore che dialoga con le sue pecore e di esse afferma che ascoltano la sua voce. Quando noi ascoltiamo attentamente? Quando chi parla ci nutre, ci edifica, ci attrae, quando parla al nostro cuore, scende in profondità e non si perde in parole adulatorie, ricche di apparenza, ma povere di sostanza, vuote, senz’anima. Mai un figlio ascolterà dalla propria mamma parole prive di senso in esse c’è un calore, una carezza, un respiro che solo lei potrà dare. Questo è il modo col quale Dio si relaziona con noi. Parole che attraggono, calamitano, parole che creano, che infondono vita, forza, che sanno dipingere e scolpire la speranza, che fanno fiorire nuove primavere. Parole di consolazione perché ricche di misericordia.

    Gesù afferma che conosce le sue pecore, significa che vive in intimità con esse, condivide il loro spazio, la loro vita, è compromesso con le loro fragilità e le soccorre nelle loro necessità. Odora di pecora. Perciò esse si fidano, si abbandonano, seguono la sua voce. Non è quella di un estraneo, ma di uno conosciuto perché incontrato. Così Dio s’incontra continuamente con le nostre situazioni, con le nostre storie.

    La presenza del pastore in mezzo alle pecore è garanzia di protezione, oltre che di condivisione estrema, è il segno della premura e della tenerezza, garanzia di conservazione e preservazione. Siamo protetti da Dio, la nostra vita non è allo sbando, non è randomizzata, ma ha una meta, uno scopo, una storia. Non si nutre di anonimato ma di protagonismo sano e finalizzato. Siamo custoditi dall’amore di Dio, come un tesoro nel forziere. Noi siamo i preziosi e il cuore di Dio è lo scrigno. Ognuno di noi è prezioso ai suoi occhi. E Gesù è posto a protezione di questo tesoro: il cuore di Dio abitato da ogni uomo. “Nessuno può strapparle dalla mano del Padre”.

    Non importa se lo meritiamo o meno, Dio ci ama a prescindere, perché egli non ama per interesse o tornaconto ma, liberamente, gratuitamente, a fondo perduto. Perché lui, in Gesù, è un pastore che odora di pecora perché conosce, ama, serve, conduce, protegge il suo gregge. E se siamo nelle mai di Dio, siamo in buone mani, come un figlio aggrappato alla mamma, non teme nulla. 




    Ma Gesù a un certo punto disse, riferendosi alle sue pecore: «Il Padre mio, che me le ha date…» (Gv 10,29). Questo è molto importante, è un mistero profondo, non facile da comprendere: se io mi sento attratto da Gesù, se la sua voce riscalda il mio cuore, è grazie a Dio Padre, che ha messo dentro di me il desiderio dell’amore, della verità, della vita, della bellezza… e Gesù è tutto questo in pienezza!

    (Regina Coeli, 21 aprile 2013)




    Custodisci benigno, o Dio nostro Padre, il gregge che hai redento con il sangue prezioso del tuo Figlio, e guidalo ai pascoli eterni del cielo. Per Cristo nostro Signore.



B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
792FollowerSegui
13,000FollowerSegui
571FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

“Se Dio è amore, tutto è amore”

Rileggere il Decalogo

12 storie di ordinaria santità

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO