22.2 C
Roma
Lun, 14 Giugno 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BIV Domenica di Pasqua - Anno B - 25 aprile 2021

IV Domenica di Pasqua – Anno B – 25 aprile 2021

Il pastore buono, Gesù, che dà la vita per le sue pecore






    Dal Vangelo secondo Giovanni

    “In quel tempo, Gesù disse: «Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore.  Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio»”.




    Il linguaggio biblico, sia dell’antico come quello del nuovo testamento, è pieno di simbolismo, di immagini, di parabole. Sono espedienti letterari per farsi comprendere. Evidentemente, per poter apprendere a pieno, occorre avere la chiave di lettura. Anche la cultura e la mentalità del popolo che è stato la culla della sacra scrittura è un altro elemento fondamentale da non sottovalutare per entrare nel complicato linguaggio biblico.

    Gesù, che certamente era un abile oratore, nei suoi insegnamenti, cerca di essere vicino alla mentalità, alla cultura di chi lo ascoltava. Per questo, essendo un popolo dedito alla pastorizia e all’agricoltura, spesso mutua da questi due mondi paralleli, esempi, approfondimenti per farsi comprendere da tutti.

    E’ il caso del vangelo in cui egli, Gesù, si paragona al pastore, facendo capire che il popolo è il gregge che lui vuole servire, accudire, portare al pascolo. “Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore”. Questo insegnamento non è restato orfano di concretezza, Gesù davvero ha dato la sua vita, si è sacrificato, immolato per il suo popolo, il suo gregge. Qui è la novità sostanziale e rivoluzionaria. Da sempre i pastori offrivano alla divinità, per attirarne la benevolenza, i capi dei loro greggi. Era una specie di “dare per avere” per imbonire, per rendere clemente, favorevole la divinità. Era quasi un mercimonio. Mi “compro” il favore di Dio. Lo lego alla mia volontà, lo condiziono alle mie necessità. Gesù fa tutto il contrario. Non più vittime animali, ma lui stesso “vittima di espiazione”, “agnello condotto al macello”, “capro espiatorio”. E, tutto, gratuitamente.

    Lui non vuole imbonirci, non vuole soggiogarci, schiavizzarci, legarci a lui, creare o pretendere una sudditanza psicologica. Non chiede nulla in cambio, offre solo. Il segreto? E’ l’amore infinito, sconfinato, gratuito che ha per ogni uomo. D’altronde è tipico dell’amore volere il bene dell’altro ad ogni costo, con ogni prezzo, fino a dare se stessi, la propria vita. Proprio così ha fatto Gesù. “E dò la mi vita per le pecore”. Ma c’è un’ulteriore novità. Gesù non si prende cura solo delle pecore del suo recinto, come giustamente, fa ogni pastore. Lui allarga lo sguardo verso un orizzonte nuovo, allarga i confini, vede oltre. “E ho altre pecore che non provengono da questo recinto”. Prendersi cura degli altri. Di quelli che non la pensano come me, che non credono come me, che non indossano la stessa divisa, che non condividono gli stessi hobby, che non sono della mia stessa nazione, che hanno una sessualità diversa dalla mia. La diversità non è un elemento divaricatore, distanziatore per Gesù. Lui ci insegna ad essere inclusivi, integrativi, collaborativi, a prenderci cura gli uni degli altri.

    In effetti chi ama non fa distinzioni, non eccepisce, non pone in evidenza le diversità, ama e basta. Ma non è vero che l’amore ha una capacità dilatativa, altrimenti non sarebbe amore? Allora, come Gesù, il pastore buono ci insegna, abbattiamo i muri, togliamo gli ostacoli, sospendiamo i giudizi, allarghiamo i confini e abbracciamo tutti. Siamo parte dello stesso ovile: l’umanità amata da Dio.




    Siamo nati per conoscere, amare e servire il Signore. Solo la fedeltà a questa fondamentale vocazione può darci la pace. Preghiamo per essere degni della nostra chiamata.

    R. O Pastore eterno, guida e proteggi i tuoi figli.

    Perché i pastori della Chiesa, ispirati da vera carità, conoscano ciascuna delle anime loro affidate, avvicinino i lontani, siano pronti a dare la vita per il proprio gregge, preghiamo. R.

    Perché quanti hanno udito o udranno la voce del Signore che li chiama a seguirlo per il servizio e l’edificazione del suo popolo, corrispondano docilmente al dono dello Spirito, preghiamo. R.

    Perché tutti i figli di Dio sentano in alta misura il valore della vita e della persona umana e non perdano mai il grande dono della libertà che il Cristo ha conquistato, preghiamo. R.

    Perché i vescovi, i presbiteri e tutti i ministri della Chiesa che si sono addormentati nel Signore, siano eternamente beati insieme ai fratelli che nel nome di Cristo guidarono ai pascoli della vita eterna, preghiamo. R.

    O Padre, che in Cristo tuo Figlio ci hai offerto il modello del vero Pastore che dà la vita per il suo gregge, fà che ascoltiamo sempre la sua voce e camminiamo lietamente sulle sue orme nella via della verità e dell’amore. Per Cristo nostro Signore. R. Amen.




    O Dio, pastore buono, custodisci nella tua misericordia il gregge che hai redento con il sangue prezioso del tuo Figlio e conducilo ai pascoli della vita eterna. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Giovanni

“In quel tempo, Gesù disse: «Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore.  Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio»”.



Il linguaggio biblico, sia dell’antico come quello del nuovo testamento, è pieno di simbolismo, di immagini, di parabole. Sono espedienti letterari per farsi comprendere. Evidentemente, per poter apprendere a pieno, occorre avere la chiave di lettura. Anche la cultura e la mentalità del popolo che è stato la culla della sacra scrittura è un altro elemento fondamentale da non sottovalutare per entrare nel complicato linguaggio biblico.

Gesù, che certamente era un abile oratore, nei suoi insegnamenti, cerca di essere vicino alla mentalità, alla cultura di chi lo ascoltava. Per questo, essendo un popolo dedito alla pastorizia e all’agricoltura, spesso mutua da questi due mondi paralleli, esempi, approfondimenti per farsi comprendere da tutti.

E’ il caso del vangelo in cui egli, Gesù, si paragona al pastore, facendo capire che il popolo è il gregge che lui vuole servire, accudire, portare al pascolo. “Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore”. Questo insegnamento non è restato orfano di concretezza, Gesù davvero ha dato la sua vita, si è sacrificato, immolato per il suo popolo, il suo gregge. Qui è la novità sostanziale e rivoluzionaria. Da sempre i pastori offrivano alla divinità, per attirarne la benevolenza, i capi dei loro greggi. Era una specie di “dare per avere” per imbonire, per rendere clemente, favorevole la divinità. Era quasi un mercimonio. Mi “compro” il favore di Dio. Lo lego alla mia volontà, lo condiziono alle mie necessità. Gesù fa tutto il contrario. Non più vittime animali, ma lui stesso “vittima di espiazione”, “agnello condotto al macello”, “capro espiatorio”. E, tutto, gratuitamente.

Lui non vuole imbonirci, non vuole soggiogarci, schiavizzarci, legarci a lui, creare o pretendere una sudditanza psicologica. Non chiede nulla in cambio, offre solo. Il segreto? E’ l’amore infinito, sconfinato, gratuito che ha per ogni uomo. D’altronde è tipico dell’amore volere il bene dell’altro ad ogni costo, con ogni prezzo, fino a dare se stessi, la propria vita. Proprio così ha fatto Gesù. “E dò la mi vita per le pecore”. Ma c’è un’ulteriore novità. Gesù non si prende cura solo delle pecore del suo recinto, come giustamente, fa ogni pastore. Lui allarga lo sguardo verso un orizzonte nuovo, allarga i confini, vede oltre. “E ho altre pecore che non provengono da questo recinto”. Prendersi cura degli altri. Di quelli che non la pensano come me, che non credono come me, che non indossano la stessa divisa, che non condividono gli stessi hobby, che non sono della mia stessa nazione, che hanno una sessualità diversa dalla mia. La diversità non è un elemento divaricatore, distanziatore per Gesù. Lui ci insegna ad essere inclusivi, integrativi, collaborativi, a prenderci cura gli uni degli altri.

In effetti chi ama non fa distinzioni, non eccepisce, non pone in evidenza le diversità, ama e basta. Ma non è vero che l’amore ha una capacità dilatativa, altrimenti non sarebbe amore? Allora, come Gesù, il pastore buono ci insegna, abbattiamo i muri, togliamo gli ostacoli, sospendiamo i giudizi, allarghiamo i confini e abbracciamo tutti. Siamo parte dello stesso ovile: l’umanità amata da Dio.



Siamo nati per conoscere, amare e servire il Signore. Solo la fedeltà a questa fondamentale vocazione può darci la pace. Preghiamo per essere degni della nostra chiamata.

R. O Pastore eterno, guida e proteggi i tuoi figli.

Perché i pastori della Chiesa, ispirati da vera carità, conoscano ciascuna delle anime loro affidate, avvicinino i lontani, siano pronti a dare la vita per il proprio gregge, preghiamo. R.

Perché quanti hanno udito o udranno la voce del Signore che li chiama a seguirlo per il servizio e l’edificazione del suo popolo, corrispondano docilmente al dono dello Spirito, preghiamo. R.

Perché tutti i figli di Dio sentano in alta misura il valore della vita e della persona umana e non perdano mai il grande dono della libertà che il Cristo ha conquistato, preghiamo. R.

Perché i vescovi, i presbiteri e tutti i ministri della Chiesa che si sono addormentati nel Signore, siano eternamente beati insieme ai fratelli che nel nome di Cristo guidarono ai pascoli della vita eterna, preghiamo. R.

O Padre, che in Cristo tuo Figlio ci hai offerto il modello del vero Pastore che dà la vita per il suo gregge, fà che ascoltiamo sempre la sua voce e camminiamo lietamente sulle sue orme nella via della verità e dell’amore. Per Cristo nostro Signore. R. Amen.



O Dio, pastore buono, custodisci nella tua misericordia il gregge che hai redento con il sangue prezioso del tuo Figlio e conducilo ai pascoli della vita eterna. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

IV Domenica di Pasqua – Anno B – 25 aprile 2021

Il pastore buono, Gesù, che dà la vita per le sue pecore



Dal Vangelo secondo Giovanni

“In quel tempo, Gesù disse: «Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore.  Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio»”.



Il linguaggio biblico, sia dell’antico come quello del nuovo testamento, è pieno di simbolismo, di immagini, di parabole. Sono espedienti letterari per farsi comprendere. Evidentemente, per poter apprendere a pieno, occorre avere la chiave di lettura. Anche la cultura e la mentalità del popolo che è stato la culla della sacra scrittura è un altro elemento fondamentale da non sottovalutare per entrare nel complicato linguaggio biblico.

Gesù, che certamente era un abile oratore, nei suoi insegnamenti, cerca di essere vicino alla mentalità, alla cultura di chi lo ascoltava. Per questo, essendo un popolo dedito alla pastorizia e all’agricoltura, spesso mutua da questi due mondi paralleli, esempi, approfondimenti per farsi comprendere da tutti.

E’ il caso del vangelo in cui egli, Gesù, si paragona al pastore, facendo capire che il popolo è il gregge che lui vuole servire, accudire, portare al pascolo. “Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore”. Questo insegnamento non è restato orfano di concretezza, Gesù davvero ha dato la sua vita, si è sacrificato, immolato per il suo popolo, il suo gregge. Qui è la novità sostanziale e rivoluzionaria. Da sempre i pastori offrivano alla divinità, per attirarne la benevolenza, i capi dei loro greggi. Era una specie di “dare per avere” per imbonire, per rendere clemente, favorevole la divinità. Era quasi un mercimonio. Mi “compro” il favore di Dio. Lo lego alla mia volontà, lo condiziono alle mie necessità. Gesù fa tutto il contrario. Non più vittime animali, ma lui stesso “vittima di espiazione”, “agnello condotto al macello”, “capro espiatorio”. E, tutto, gratuitamente.

Lui non vuole imbonirci, non vuole soggiogarci, schiavizzarci, legarci a lui, creare o pretendere una sudditanza psicologica. Non chiede nulla in cambio, offre solo. Il segreto? E’ l’amore infinito, sconfinato, gratuito che ha per ogni uomo. D’altronde è tipico dell’amore volere il bene dell’altro ad ogni costo, con ogni prezzo, fino a dare se stessi, la propria vita. Proprio così ha fatto Gesù. “E dò la mi vita per le pecore”. Ma c’è un’ulteriore novità. Gesù non si prende cura solo delle pecore del suo recinto, come giustamente, fa ogni pastore. Lui allarga lo sguardo verso un orizzonte nuovo, allarga i confini, vede oltre. “E ho altre pecore che non provengono da questo recinto”. Prendersi cura degli altri. Di quelli che non la pensano come me, che non credono come me, che non indossano la stessa divisa, che non condividono gli stessi hobby, che non sono della mia stessa nazione, che hanno una sessualità diversa dalla mia. La diversità non è un elemento divaricatore, distanziatore per Gesù. Lui ci insegna ad essere inclusivi, integrativi, collaborativi, a prenderci cura gli uni degli altri.

In effetti chi ama non fa distinzioni, non eccepisce, non pone in evidenza le diversità, ama e basta. Ma non è vero che l’amore ha una capacità dilatativa, altrimenti non sarebbe amore? Allora, come Gesù, il pastore buono ci insegna, abbattiamo i muri, togliamo gli ostacoli, sospendiamo i giudizi, allarghiamo i confini e abbracciamo tutti. Siamo parte dello stesso ovile: l’umanità amata da Dio.



Siamo nati per conoscere, amare e servire il Signore. Solo la fedeltà a questa fondamentale vocazione può darci la pace. Preghiamo per essere degni della nostra chiamata.

R. O Pastore eterno, guida e proteggi i tuoi figli.

Perché i pastori della Chiesa, ispirati da vera carità, conoscano ciascuna delle anime loro affidate, avvicinino i lontani, siano pronti a dare la vita per il proprio gregge, preghiamo. R.

Perché quanti hanno udito o udranno la voce del Signore che li chiama a seguirlo per il servizio e l’edificazione del suo popolo, corrispondano docilmente al dono dello Spirito, preghiamo. R.

Perché tutti i figli di Dio sentano in alta misura il valore della vita e della persona umana e non perdano mai il grande dono della libertà che il Cristo ha conquistato, preghiamo. R.

Perché i vescovi, i presbiteri e tutti i ministri della Chiesa che si sono addormentati nel Signore, siano eternamente beati insieme ai fratelli che nel nome di Cristo guidarono ai pascoli della vita eterna, preghiamo. R.

O Padre, che in Cristo tuo Figlio ci hai offerto il modello del vero Pastore che dà la vita per il suo gregge, fà che ascoltiamo sempre la sua voce e camminiamo lietamente sulle sue orme nella via della verità e dell’amore. Per Cristo nostro Signore. R. Amen.



O Dio, pastore buono, custodisci nella tua misericordia il gregge che hai redento con il sangue prezioso del tuo Figlio e conducilo ai pascoli della vita eterna. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
648FollowerSegui
311IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Governo pastorale, «nobile lavoro»

Libri consigliati

Razzismo 2.0, l’odio online

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x