Cookie Consent by Free Privacy Policy website
19 C
Roma
Gio, 21 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno AIV Domenica di Avvento - Anno A - 22 dicembre 2019

IV Domenica di Avvento – Anno A – 22 dicembre 2019

La sinfonia dell’amore di Dio






    Dal Vangelo secondo Matteo.

    “Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.

    Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
    Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”.
    Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa”.




    Il matrimonio degli ebrei era costituito da due momenti. Il primo, giuridicamente sanciva l’unione ed era chiamato fidanzamento; il secondo era costituito dalla convivenza. Prima di questo secondo momento, il vangelo dice che Maria “si trovò incinta per opera dello Spirito Santo”. Da una creatura nasce il Creatore: inconcepibile! Eppure Dio lo rende possibile attraverso il permesso che gli è concesso da questa creatura ubbidiente e docile al suo volere. Ma Giuseppe, lo sposo, che era uomo giusto, entra nella confusione. Però nel suo cuore di uomo giusto decide di non denunciarla ma ripudiarla in segreto. Come l’amava! Nonostante il suo cuore fosse ferito, avvelenato, dall’umana e legittima convinzione che vi fosse stato un adulterio, le dona un gesto ulteriore con la carezza di una decisione da celebrarsi fra loro due, senza clamori, scandali. Ma era in atto un altro scandalo, certamente benefico, ma inaudito: Dio nasce, Dio si incarna, Dio si rifugia nel grembo di una donna. Lo scandalo della kenosi – abbassamento di Dio.

    Il dissidio e l’incendio innescato nel cuore di Giuseppe viene spento da Dio stesso con le parole dell’angelo apparso in sogno: “Non temere di prendere con te Maria, tua sposa”. E lui si fida! La prende in casa, vive il matrimonio, salva Maria dall’imbarazzo e se stesso dal dubbio perché si abbandona, docile, al volere di Dio. Lui interviene sempre per colmare, placare, moltiplicare, bonificare.

    La vita di ogni uomo quando naviga in Dio conosce la rotta e la raggiunge anche se la tempesta rallenta, chiede sforzo, acutezza e supplemento di volontà. Nessuno mai deve pensare che il proprio percorso è impossibile, improponibile. Dinanzi all’arrendevolezza che si deve a Dio ogni disegno si colora, ogni attimo si sviluppa in tempo buono e prezioso, ogni respiro diventa capacità di vita rinnovata e rigenerata. Il cuore di Giuseppe palpita assieme a quello di Maria, sua sposa, e insieme cullano la vita di Dio che è donata alla loro famiglia: A Maria perché ne è portatrice nel grembo, a Giuseppe perché l’ha generata nel cuore.

    Ambedue, ciascuno per la propria parte, esprimono la sinfonia di Dio, la sinfonia dell’amore accolto e celebrato, sperimentato e testimoniato.




    Invochiamo Dio Padre onnipotente per l’intercessione di Maria,
    modello di coloro che attendono nella speranza,
    perchè la venuta del Salvatore
    faccia rifiorire la giustizia, la bontà e la pace.

    Rivelaci il tuo volto, Signore.

    Per la santa Chiesa,
    perché sappia animare con la carità evangelica
    tutti gli sforzi tesi a riunire gli uomini in una sola famiglia, preghiamo. R.

    Per tutti i cristiani,
    perchè operando sinceramente per l’unità delle Chiese
    manifestino la loro chiamata ad essere un solo popolo in Cristo, preghiamo.

    Per i responsabili delle nazioni,
    perché pongano alla base del loro impegno civile,
    il valore primario della persona umana
    che Cristo viene a rivelare, preghiamo.

    Per coloro che non credono,
    perché trovino nella nostra accoglienza fraterna
    uno stimolo a considerare il problema della fede
    con cuore più aperto e fiducioso, preghiamo. R.

    Per noi qui riuniti nell’imminenza del Natale,
    perché lo Spirito del Padre ci dia il coraggio di compiere le scelte
    che il Cristo giudice e salvatore attende da ciascuno
    e da tutta la comunità, preghiamo. R.

    Le preghiere che ti innalziamo, o Padre,
    in unione con Maria, figlia di Sion,
    affrettino la venuta del tuo Figlio tra noi
    e ci ottengano di vivere questi giorni di attesa
    come ritorno alle sorgenti della nostra speranza.
    Per Cristo nostro Signore.




    O Dio, che ci hai dato il pegno della vita eterna, ascolta la nostra preghiera: quanto più si avvicina il gran giorno della nostra salvezza, tanto più cresca il nostro fervore, per celebrare degnamente il Natale del tuo Figlio. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.





Dal Vangelo secondo Matteo.

“Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.

Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”.
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa”.



Il matrimonio degli ebrei era costituito da due momenti. Il primo, giuridicamente sanciva l’unione ed era chiamato fidanzamento; il secondo era costituito dalla convivenza. Prima di questo secondo momento, il vangelo dice che Maria “si trovò incinta per opera dello Spirito Santo”. Da una creatura nasce il Creatore: inconcepibile! Eppure Dio lo rende possibile attraverso il permesso che gli è concesso da questa creatura ubbidiente e docile al suo volere. Ma Giuseppe, lo sposo, che era uomo giusto, entra nella confusione. Però nel suo cuore di uomo giusto decide di non denunciarla ma ripudiarla in segreto. Come l’amava! Nonostante il suo cuore fosse ferito, avvelenato, dall’umana e legittima convinzione che vi fosse stato un adulterio, le dona un gesto ulteriore con la carezza di una decisione da celebrarsi fra loro due, senza clamori, scandali. Ma era in atto un altro scandalo, certamente benefico, ma inaudito: Dio nasce, Dio si incarna, Dio si rifugia nel grembo di una donna. Lo scandalo della kenosi – abbassamento di Dio.

Il dissidio e l’incendio innescato nel cuore di Giuseppe viene spento da Dio stesso con le parole dell’angelo apparso in sogno: “Non temere di prendere con te Maria, tua sposa”. E lui si fida! La prende in casa, vive il matrimonio, salva Maria dall’imbarazzo e se stesso dal dubbio perché si abbandona, docile, al volere di Dio. Lui interviene sempre per colmare, placare, moltiplicare, bonificare.

La vita di ogni uomo quando naviga in Dio conosce la rotta e la raggiunge anche se la tempesta rallenta, chiede sforzo, acutezza e supplemento di volontà. Nessuno mai deve pensare che il proprio percorso è impossibile, improponibile. Dinanzi all’arrendevolezza che si deve a Dio ogni disegno si colora, ogni attimo si sviluppa in tempo buono e prezioso, ogni respiro diventa capacità di vita rinnovata e rigenerata. Il cuore di Giuseppe palpita assieme a quello di Maria, sua sposa, e insieme cullano la vita di Dio che è donata alla loro famiglia: A Maria perché ne è portatrice nel grembo, a Giuseppe perché l’ha generata nel cuore.

Ambedue, ciascuno per la propria parte, esprimono la sinfonia di Dio, la sinfonia dell’amore accolto e celebrato, sperimentato e testimoniato.



Invochiamo Dio Padre onnipotente per l’intercessione di Maria,
modello di coloro che attendono nella speranza,
perchè la venuta del Salvatore
faccia rifiorire la giustizia, la bontà e la pace.

Rivelaci il tuo volto, Signore.

Per la santa Chiesa,
perché sappia animare con la carità evangelica
tutti gli sforzi tesi a riunire gli uomini in una sola famiglia, preghiamo. R.

Per tutti i cristiani,
perchè operando sinceramente per l’unità delle Chiese
manifestino la loro chiamata ad essere un solo popolo in Cristo, preghiamo.

Per i responsabili delle nazioni,
perché pongano alla base del loro impegno civile,
il valore primario della persona umana
che Cristo viene a rivelare, preghiamo.

Per coloro che non credono,
perché trovino nella nostra accoglienza fraterna
uno stimolo a considerare il problema della fede
con cuore più aperto e fiducioso, preghiamo. R.

Per noi qui riuniti nell’imminenza del Natale,
perché lo Spirito del Padre ci dia il coraggio di compiere le scelte
che il Cristo giudice e salvatore attende da ciascuno
e da tutta la comunità, preghiamo. R.

Le preghiere che ti innalziamo, o Padre,
in unione con Maria, figlia di Sion,
affrettino la venuta del tuo Figlio tra noi
e ci ottengano di vivere questi giorni di attesa
come ritorno alle sorgenti della nostra speranza.
Per Cristo nostro Signore.



O Dio, che ci hai dato il pegno della vita eterna, ascolta la nostra preghiera: quanto più si avvicina il gran giorno della nostra salvezza, tanto più cresca il nostro fervore, per celebrare degnamente il Natale del tuo Figlio. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

IV Domenica di Avvento – Anno A – 22 dicembre 2019

La sinfonia dell’amore di Dio



Dal Vangelo secondo Matteo.

“Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.

Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”.
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa”.



Il matrimonio degli ebrei era costituito da due momenti. Il primo, giuridicamente sanciva l’unione ed era chiamato fidanzamento; il secondo era costituito dalla convivenza. Prima di questo secondo momento, il vangelo dice che Maria “si trovò incinta per opera dello Spirito Santo”. Da una creatura nasce il Creatore: inconcepibile! Eppure Dio lo rende possibile attraverso il permesso che gli è concesso da questa creatura ubbidiente e docile al suo volere. Ma Giuseppe, lo sposo, che era uomo giusto, entra nella confusione. Però nel suo cuore di uomo giusto decide di non denunciarla ma ripudiarla in segreto. Come l’amava! Nonostante il suo cuore fosse ferito, avvelenato, dall’umana e legittima convinzione che vi fosse stato un adulterio, le dona un gesto ulteriore con la carezza di una decisione da celebrarsi fra loro due, senza clamori, scandali. Ma era in atto un altro scandalo, certamente benefico, ma inaudito: Dio nasce, Dio si incarna, Dio si rifugia nel grembo di una donna. Lo scandalo della kenosi – abbassamento di Dio.

Il dissidio e l’incendio innescato nel cuore di Giuseppe viene spento da Dio stesso con le parole dell’angelo apparso in sogno: “Non temere di prendere con te Maria, tua sposa”. E lui si fida! La prende in casa, vive il matrimonio, salva Maria dall’imbarazzo e se stesso dal dubbio perché si abbandona, docile, al volere di Dio. Lui interviene sempre per colmare, placare, moltiplicare, bonificare.

La vita di ogni uomo quando naviga in Dio conosce la rotta e la raggiunge anche se la tempesta rallenta, chiede sforzo, acutezza e supplemento di volontà. Nessuno mai deve pensare che il proprio percorso è impossibile, improponibile. Dinanzi all’arrendevolezza che si deve a Dio ogni disegno si colora, ogni attimo si sviluppa in tempo buono e prezioso, ogni respiro diventa capacità di vita rinnovata e rigenerata. Il cuore di Giuseppe palpita assieme a quello di Maria, sua sposa, e insieme cullano la vita di Dio che è donata alla loro famiglia: A Maria perché ne è portatrice nel grembo, a Giuseppe perché l’ha generata nel cuore.

Ambedue, ciascuno per la propria parte, esprimono la sinfonia di Dio, la sinfonia dell’amore accolto e celebrato, sperimentato e testimoniato.



Invochiamo Dio Padre onnipotente per l’intercessione di Maria,
modello di coloro che attendono nella speranza,
perchè la venuta del Salvatore
faccia rifiorire la giustizia, la bontà e la pace.

Rivelaci il tuo volto, Signore.

Per la santa Chiesa,
perché sappia animare con la carità evangelica
tutti gli sforzi tesi a riunire gli uomini in una sola famiglia, preghiamo. R.

Per tutti i cristiani,
perchè operando sinceramente per l’unità delle Chiese
manifestino la loro chiamata ad essere un solo popolo in Cristo, preghiamo.

Per i responsabili delle nazioni,
perché pongano alla base del loro impegno civile,
il valore primario della persona umana
che Cristo viene a rivelare, preghiamo.

Per coloro che non credono,
perché trovino nella nostra accoglienza fraterna
uno stimolo a considerare il problema della fede
con cuore più aperto e fiducioso, preghiamo. R.

Per noi qui riuniti nell’imminenza del Natale,
perché lo Spirito del Padre ci dia il coraggio di compiere le scelte
che il Cristo giudice e salvatore attende da ciascuno
e da tutta la comunità, preghiamo. R.

Le preghiere che ti innalziamo, o Padre,
in unione con Maria, figlia di Sion,
affrettino la venuta del tuo Figlio tra noi
e ci ottengano di vivere questi giorni di attesa
come ritorno alle sorgenti della nostra speranza.
Per Cristo nostro Signore.



O Dio, che ci hai dato il pegno della vita eterna, ascolta la nostra preghiera: quanto più si avvicina il gran giorno della nostra salvezza, tanto più cresca il nostro fervore, per celebrare degnamente il Natale del tuo Figlio. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
320IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Bibbia: poeti e poesie

Teilhard, rivoluzione teologica

Dieci parole per vivere

Salire a Gerusalemme

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x