10.3 C
Roma
Lun, 8 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno B IV Domenica di Avvento - Anno A - 20 dicembre 2020

IV Domenica di Avvento – Anno A – 20 dicembre 2020

Il grembo di Maria di Nazareth: rifugio di Dio






    Dal Vangelo secondo Luca

    “In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
    A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
    Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
    Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei”.




    Dio a tutti i costi vuole realizzare il suo disegno di salvezza in favore degli uomini. Avendo già operato e parlato in molti modi, nei tempi antichi, per mezzo dei profeti, quando ha ritenuto opportuno, ha scelto una sola creatura: Maria, attraverso la quale ha voluto, vuole, rendersi presente nella storia umana per diventare l’”Emmanuele”, il Dio con noi.

    Nonostante lui sia il creatore, non si impone, non predispone il suo progetto e lo affida per l’esecuzione. Chiede il permesso. Il creatore alla creatura. Dio chiede permesso a Maria di Nazareth. E, paziente, attende la sua risposta. Ascolta le sue difficoltà, le sue obiezioni e, solo dopo aver ricevuto il suo consenso, si annida nel suo grembo verginale diventando uomo tra gli uomini. Il grembo materno di Maria diventa il rifugio di Dio. Ma questo rifugio, come per ogni uomo che nasce non è la residenza stabile. Deve nascere dopo essere stato “concepito per opera dello Spirito Santo”. Inizia così nella debolezza, nella fragilità e nella precarietà la presenza di Dio nell’anagrafe umana e il suo cammino verso l’uomo. Perfettamente mimetizzato con l’umanità di cui riceve la “divisa” si incammina.

    Tutto questo accadde perché una fanciulla, benché avvolta dall’incertezza, benché titubante perché non capiva cosa le veniva chiesto, ha detto il suo “sì” incondizionato, collaborativo, sottomesso. Ecco come ogni cristiano, interpellato da Dio deve diventare il grembo che lo genera nelle pieghe e nelle piaghe di ogni giorno. Il mondo di oggi è affamato di Dio, assetato per la mancanza della sua presenza. E allora occorre essere generatori di Dio. Pur avvolti dalle contraddizioni, pur schiacciati dalle delusioni, pur esiliati dalle distanze che produce l’indifferenza, pur incapaci di slanci generosi, di entusiasmi acceleranti, dobbiamo abbandonarci e lasciarci fare da Dio, come l’argilla nelle mani del vasaio. Solo così la nostra sterilità, uguale a quella di Elisabetta sarà vinta e produrrà germogli nuovi, inattesi, insperati. Anche nella vita di chi crede d’essere sterile, inutile, solo, incapace, abbandonato o semplicemente dimenticato tutto può accadere. “Nulla è impossibile a Dio”. Allora è necessario aprirci alla sua presenza, cercarlo, riconoscerlo. Lui si serve di ciascuno di noi, della nostra incapacità, della nostra inettitudine perché trionfi e si esalti la sua forza e non le nostre presunte capacità. Con Dio non si perde niente, ma senza Dio tutto è perduto. Vogliamo stare con Dio ed avere tutto, oppure chiuderci nel nostro angusto orgoglio e perdere ogni cosa? Se glielo permettiamo lui ci rende suo rifugio come lo fu per prima Maria, la fanciulla nazaretana.




    Invochiamo Dio Padre onnipotente per l’intercessione di Maria,
    modello di coloro che attendono nella speranza,
    perché la venuta del Salvatore
    faccia rifiorire la giustizia, la bontà e la pace.

    Rivelaci il tuo volto, Signore.

    Per la santa Chiesa,
    perché sappia animare con la carità evangelica
    tutti gli sforzi tesi a riunire gli uomini in una sola famiglia, preghiamo. R.

    Per tutti i cristiani,
    perché operando sinceramente per l’unità delle Chiese
    manifestino la loro chiamata ad essere un solo popolo in Cristo, preghiamo.

    Per i responsabili delle nazioni,
    perché pongano alla base del loro impegno civile,
    il valore primario della persona umana
    che Cristo viene a rivelare, preghiamo.

    Per coloro che non credono,
    perché trovino nella nostra accoglienza fraterna
    uno stimolo a considerare il problema della fede
    con cuore più aperto e fiducioso, preghiamo. R.

    Per noi qui riuniti nell’imminenza del Natale,
    perché lo Spirito del Padre ci dia il coraggio di compiere le scelte
    che il Cristo giudice e salvatore attende da ciascuno
    e da tutta la comunità, preghiamo. R.

    Le preghiere che ti innalziamo, o Padre,
    in unione con Maria, figlia di Sion,
    affrettino la venuta del tuo Figlio tra noi
    e ci ottengano di vivere questi giorni di attesa
    come ritorno alle sorgenti della nostra speranza.
    Per Cristo nostro Signore.




    O Dio, che ci hai dato il pegno della vita eterna, ascolta la nostra preghiera: quanto più si avvicina il gran giorno della nostra salvezza, tanto più cresca il nostro fervore, per celebrare degnamente il Natale del tuo Figlio. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.





Dal Vangelo secondo Luca

“In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei”.



Dio a tutti i costi vuole realizzare il suo disegno di salvezza in favore degli uomini. Avendo già operato e parlato in molti modi, nei tempi antichi, per mezzo dei profeti, quando ha ritenuto opportuno, ha scelto una sola creatura: Maria, attraverso la quale ha voluto, vuole, rendersi presente nella storia umana per diventare l’”Emmanuele”, il Dio con noi.

Nonostante lui sia il creatore, non si impone, non predispone il suo progetto e lo affida per l’esecuzione. Chiede il permesso. Il creatore alla creatura. Dio chiede permesso a Maria di Nazareth. E, paziente, attende la sua risposta. Ascolta le sue difficoltà, le sue obiezioni e, solo dopo aver ricevuto il suo consenso, si annida nel suo grembo verginale diventando uomo tra gli uomini. Il grembo materno di Maria diventa il rifugio di Dio. Ma questo rifugio, come per ogni uomo che nasce non è la residenza stabile. Deve nascere dopo essere stato “concepito per opera dello Spirito Santo”. Inizia così nella debolezza, nella fragilità e nella precarietà la presenza di Dio nell’anagrafe umana e il suo cammino verso l’uomo. Perfettamente mimetizzato con l’umanità di cui riceve la “divisa” si incammina.

Tutto questo accadde perché una fanciulla, benché avvolta dall’incertezza, benché titubante perché non capiva cosa le veniva chiesto, ha detto il suo “sì” incondizionato, collaborativo, sottomesso. Ecco come ogni cristiano, interpellato da Dio deve diventare il grembo che lo genera nelle pieghe e nelle piaghe di ogni giorno. Il mondo di oggi è affamato di Dio, assetato per la mancanza della sua presenza. E allora occorre essere generatori di Dio. Pur avvolti dalle contraddizioni, pur schiacciati dalle delusioni, pur esiliati dalle distanze che produce l’indifferenza, pur incapaci di slanci generosi, di entusiasmi acceleranti, dobbiamo abbandonarci e lasciarci fare da Dio, come l’argilla nelle mani del vasaio. Solo così la nostra sterilità, uguale a quella di Elisabetta sarà vinta e produrrà germogli nuovi, inattesi, insperati. Anche nella vita di chi crede d’essere sterile, inutile, solo, incapace, abbandonato o semplicemente dimenticato tutto può accadere. “Nulla è impossibile a Dio”. Allora è necessario aprirci alla sua presenza, cercarlo, riconoscerlo. Lui si serve di ciascuno di noi, della nostra incapacità, della nostra inettitudine perché trionfi e si esalti la sua forza e non le nostre presunte capacità. Con Dio non si perde niente, ma senza Dio tutto è perduto. Vogliamo stare con Dio ed avere tutto, oppure chiuderci nel nostro angusto orgoglio e perdere ogni cosa? Se glielo permettiamo lui ci rende suo rifugio come lo fu per prima Maria, la fanciulla nazaretana.



Invochiamo Dio Padre onnipotente per l’intercessione di Maria,
modello di coloro che attendono nella speranza,
perché la venuta del Salvatore
faccia rifiorire la giustizia, la bontà e la pace.

Rivelaci il tuo volto, Signore.

Per la santa Chiesa,
perché sappia animare con la carità evangelica
tutti gli sforzi tesi a riunire gli uomini in una sola famiglia, preghiamo. R.

Per tutti i cristiani,
perché operando sinceramente per l’unità delle Chiese
manifestino la loro chiamata ad essere un solo popolo in Cristo, preghiamo.

Per i responsabili delle nazioni,
perché pongano alla base del loro impegno civile,
il valore primario della persona umana
che Cristo viene a rivelare, preghiamo.

Per coloro che non credono,
perché trovino nella nostra accoglienza fraterna
uno stimolo a considerare il problema della fede
con cuore più aperto e fiducioso, preghiamo. R.

Per noi qui riuniti nell’imminenza del Natale,
perché lo Spirito del Padre ci dia il coraggio di compiere le scelte
che il Cristo giudice e salvatore attende da ciascuno
e da tutta la comunità, preghiamo. R.

Le preghiere che ti innalziamo, o Padre,
in unione con Maria, figlia di Sion,
affrettino la venuta del tuo Figlio tra noi
e ci ottengano di vivere questi giorni di attesa
come ritorno alle sorgenti della nostra speranza.
Per Cristo nostro Signore.



O Dio, che ci hai dato il pegno della vita eterna, ascolta la nostra preghiera: quanto più si avvicina il gran giorno della nostra salvezza, tanto più cresca il nostro fervore, per celebrare degnamente il Natale del tuo Figlio. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

IV Domenica di Avvento – Anno A – 20 dicembre 2020

Il grembo di Maria di Nazareth: rifugio di Dio



Dal Vangelo secondo Luca

“In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei”.



Dio a tutti i costi vuole realizzare il suo disegno di salvezza in favore degli uomini. Avendo già operato e parlato in molti modi, nei tempi antichi, per mezzo dei profeti, quando ha ritenuto opportuno, ha scelto una sola creatura: Maria, attraverso la quale ha voluto, vuole, rendersi presente nella storia umana per diventare l’”Emmanuele”, il Dio con noi.

Nonostante lui sia il creatore, non si impone, non predispone il suo progetto e lo affida per l’esecuzione. Chiede il permesso. Il creatore alla creatura. Dio chiede permesso a Maria di Nazareth. E, paziente, attende la sua risposta. Ascolta le sue difficoltà, le sue obiezioni e, solo dopo aver ricevuto il suo consenso, si annida nel suo grembo verginale diventando uomo tra gli uomini. Il grembo materno di Maria diventa il rifugio di Dio. Ma questo rifugio, come per ogni uomo che nasce non è la residenza stabile. Deve nascere dopo essere stato “concepito per opera dello Spirito Santo”. Inizia così nella debolezza, nella fragilità e nella precarietà la presenza di Dio nell’anagrafe umana e il suo cammino verso l’uomo. Perfettamente mimetizzato con l’umanità di cui riceve la “divisa” si incammina.

Tutto questo accadde perché una fanciulla, benché avvolta dall’incertezza, benché titubante perché non capiva cosa le veniva chiesto, ha detto il suo “sì” incondizionato, collaborativo, sottomesso. Ecco come ogni cristiano, interpellato da Dio deve diventare il grembo che lo genera nelle pieghe e nelle piaghe di ogni giorno. Il mondo di oggi è affamato di Dio, assetato per la mancanza della sua presenza. E allora occorre essere generatori di Dio. Pur avvolti dalle contraddizioni, pur schiacciati dalle delusioni, pur esiliati dalle distanze che produce l’indifferenza, pur incapaci di slanci generosi, di entusiasmi acceleranti, dobbiamo abbandonarci e lasciarci fare da Dio, come l’argilla nelle mani del vasaio. Solo così la nostra sterilità, uguale a quella di Elisabetta sarà vinta e produrrà germogli nuovi, inattesi, insperati. Anche nella vita di chi crede d’essere sterile, inutile, solo, incapace, abbandonato o semplicemente dimenticato tutto può accadere. “Nulla è impossibile a Dio”. Allora è necessario aprirci alla sua presenza, cercarlo, riconoscerlo. Lui si serve di ciascuno di noi, della nostra incapacità, della nostra inettitudine perché trionfi e si esalti la sua forza e non le nostre presunte capacità. Con Dio non si perde niente, ma senza Dio tutto è perduto. Vogliamo stare con Dio ed avere tutto, oppure chiuderci nel nostro angusto orgoglio e perdere ogni cosa? Se glielo permettiamo lui ci rende suo rifugio come lo fu per prima Maria, la fanciulla nazaretana.



Invochiamo Dio Padre onnipotente per l’intercessione di Maria,
modello di coloro che attendono nella speranza,
perché la venuta del Salvatore
faccia rifiorire la giustizia, la bontà e la pace.

Rivelaci il tuo volto, Signore.

Per la santa Chiesa,
perché sappia animare con la carità evangelica
tutti gli sforzi tesi a riunire gli uomini in una sola famiglia, preghiamo. R.

Per tutti i cristiani,
perché operando sinceramente per l’unità delle Chiese
manifestino la loro chiamata ad essere un solo popolo in Cristo, preghiamo.

Per i responsabili delle nazioni,
perché pongano alla base del loro impegno civile,
il valore primario della persona umana
che Cristo viene a rivelare, preghiamo.

Per coloro che non credono,
perché trovino nella nostra accoglienza fraterna
uno stimolo a considerare il problema della fede
con cuore più aperto e fiducioso, preghiamo. R.

Per noi qui riuniti nell’imminenza del Natale,
perché lo Spirito del Padre ci dia il coraggio di compiere le scelte
che il Cristo giudice e salvatore attende da ciascuno
e da tutta la comunità, preghiamo. R.

Le preghiere che ti innalziamo, o Padre,
in unione con Maria, figlia di Sion,
affrettino la venuta del tuo Figlio tra noi
e ci ottengano di vivere questi giorni di attesa
come ritorno alle sorgenti della nostra speranza.
Per Cristo nostro Signore.



O Dio, che ci hai dato il pegno della vita eterna, ascolta la nostra preghiera: quanto più si avvicina il gran giorno della nostra salvezza, tanto più cresca il nostro fervore, per celebrare degnamente il Natale del tuo Figlio. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Eva e il serpente

Gibran: Lazzaro e la sua amata

Parrocchia e civiltà urbana

Sposati e sii sottomessa, 2011

Salire a Gerusalemme

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x