16.2 C
Rome
domenica, 26 Maggio 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C IV Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 3 febbraio 2019

IV Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 3 febbraio 2019

Il virus del pregiudizio, tarlo per ogni relazione






    Dal Vangelo secondo Luca

    “In quel tempo, Gesù cominciò a dire nella sinagoga: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».
    Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: «Non è costui il figlio di Giuseppe?». Ma egli rispose loro: «Certamente voi mi citerete questo proverbio: “Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafàrnao, fallo anche qui, nella tua patria!”». Poi aggiunse: «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidòne. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro».
    All’udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino”.

     




    Il giudicare prima, l’essere prevenuti nella valutazione di qualcosa o di qualcuno è il virus peggiore per inquinare ogni tipo di relazioni. Essere aperti alla novità, al cambiamento, alla possibilità per ognuno di poterci stupire è l’apertura mentale migliore e auspicabile per iniziare ogni tipo di rapporto interpersonale. Ma molte volte una delusione ricevuta può compromettere e inquinare anche una corretta valutazione e valorizzazione di coloro che s’incontrano. L’animo umano, purtroppo, si lascia condizionare da quello che vive. Dopo una sconfitta, amarezza non si è tanto capaci di investire nuovamente in fiducia nei confronti di chi ci ha delusi.

    Questi stessi sentimenti sono stati vissuti anche dai compaesani di Gesù. Si meravigliano delle sue capacità ma il giudizio viene inquinato dal fatto che conoscono le sue origini, le sue radici familiari: Giuseppe il falegname, e subito scatta il pregiudizio. Però ascoltano, vengono calamitati dalle sue capacità e dalla profondità di riflessione. Apprezzano e, con orgoglio, gli chiedono un segno lì nel luogo della sua fanciullezza, della sua crescita, ma lui si sottrae. E’ la fede che suscita ed attira i miracoli non la curiosità, quasi fossero non dei segni dell’amore di Dio ma dei fenomeni da saltimbanco.

    Gesù si sottrae. Questo rifiuto li istiga, li porta ad una reazione forte, lo vogliono addirittura fare fuori facendolo precipitare dal ciglio più alto della città. Lo trattano quasi da lampada di Aladino. Basta strusciare e il genio si mette a disposizione non tanto delle esigenze quanto dei capricci. Vogliono un Dio “pret à porter”, a disposizione per soddisfare la curiosità o per saziare la fame campanilistica dell’orgoglio paesano. Non si può ridurre Dio in questi termini. Dio sazia il cuore non la curiosità. La fede è un rapporto, una relazione tra cuori, intelligenze, esistenze.

    La patria di Dio è l’esistenza di ogni uomo, ogni ferita, disagio, sconfitta è il suo luogo di residenza del suo amore. Lì, preferenzialmente, interviene per sanare, ascoltare, rimettere in strada, ridare fiducia, perdonare. Occorre riconoscersi peccatori per attirare Dio. I veri compaesani di Dio sono coloro che riconoscono in umiltà che lui può amarli, guarirli. Allora i segni dell’amore di Dio saranno tanti e sconvolgenti, portentosi e gratificanti.

    Ma nonostante i progetti di morte dei compaesani, Gesù non fugge, passa in mezzo a loro. La verità deve attraversare le coscienze e la storia anche se non viene riconosciuta, anzi rifiutata ed osteggiata. Essa lascia sempre una scia profumata e, prima o poi, attirerà tutti a sé.




    “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato” (v. 21). Evangelizzare i poveri: questa è la missione di Gesù, secondo quanto Lui dice; questa è anche la missione della Chiesa, e di ogni battezzato nella Chiesa. Essere cristiano ed essere missionario è la stessa cosa. Annunciare il Vangelo, con la parola e, prima ancora, con la vita, è la finalità principale della comunità cristiana e di ogni suo membro. Si nota qui che Gesù indirizza la Buona Novella a tutti, senza escludere nessuno, anzi privilegiando i più lontani, i sofferenti, gli ammalati, gli scartati della società. 

    (Angelus, 24 gennaio 2016)




    O Dio, che ci hai nutriti alla tua mensa, fa’ che per la forza di questo sacramento, sorgente inesauribile di salvezza, la vera fede si estenda sino ai confini della terra. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

IV Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 3 febbraio 2019

Il virus del pregiudizio, tarlo per ogni relazione






    Dal Vangelo secondo Luca

    “In quel tempo, Gesù cominciò a dire nella sinagoga: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».
    Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: «Non è costui il figlio di Giuseppe?». Ma egli rispose loro: «Certamente voi mi citerete questo proverbio: “Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafàrnao, fallo anche qui, nella tua patria!”». Poi aggiunse: «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidòne. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro».
    All’udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino”.

     




    Il giudicare prima, l’essere prevenuti nella valutazione di qualcosa o di qualcuno è il virus peggiore per inquinare ogni tipo di relazioni. Essere aperti alla novità, al cambiamento, alla possibilità per ognuno di poterci stupire è l’apertura mentale migliore e auspicabile per iniziare ogni tipo di rapporto interpersonale. Ma molte volte una delusione ricevuta può compromettere e inquinare anche una corretta valutazione e valorizzazione di coloro che s’incontrano. L’animo umano, purtroppo, si lascia condizionare da quello che vive. Dopo una sconfitta, amarezza non si è tanto capaci di investire nuovamente in fiducia nei confronti di chi ci ha delusi.

    Questi stessi sentimenti sono stati vissuti anche dai compaesani di Gesù. Si meravigliano delle sue capacità ma il giudizio viene inquinato dal fatto che conoscono le sue origini, le sue radici familiari: Giuseppe il falegname, e subito scatta il pregiudizio. Però ascoltano, vengono calamitati dalle sue capacità e dalla profondità di riflessione. Apprezzano e, con orgoglio, gli chiedono un segno lì nel luogo della sua fanciullezza, della sua crescita, ma lui si sottrae. E’ la fede che suscita ed attira i miracoli non la curiosità, quasi fossero non dei segni dell’amore di Dio ma dei fenomeni da saltimbanco.

    Gesù si sottrae. Questo rifiuto li istiga, li porta ad una reazione forte, lo vogliono addirittura fare fuori facendolo precipitare dal ciglio più alto della città. Lo trattano quasi da lampada di Aladino. Basta strusciare e il genio si mette a disposizione non tanto delle esigenze quanto dei capricci. Vogliono un Dio “pret à porter”, a disposizione per soddisfare la curiosità o per saziare la fame campanilistica dell’orgoglio paesano. Non si può ridurre Dio in questi termini. Dio sazia il cuore non la curiosità. La fede è un rapporto, una relazione tra cuori, intelligenze, esistenze.

    La patria di Dio è l’esistenza di ogni uomo, ogni ferita, disagio, sconfitta è il suo luogo di residenza del suo amore. Lì, preferenzialmente, interviene per sanare, ascoltare, rimettere in strada, ridare fiducia, perdonare. Occorre riconoscersi peccatori per attirare Dio. I veri compaesani di Dio sono coloro che riconoscono in umiltà che lui può amarli, guarirli. Allora i segni dell’amore di Dio saranno tanti e sconvolgenti, portentosi e gratificanti.

    Ma nonostante i progetti di morte dei compaesani, Gesù non fugge, passa in mezzo a loro. La verità deve attraversare le coscienze e la storia anche se non viene riconosciuta, anzi rifiutata ed osteggiata. Essa lascia sempre una scia profumata e, prima o poi, attirerà tutti a sé.




    “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato” (v. 21). Evangelizzare i poveri: questa è la missione di Gesù, secondo quanto Lui dice; questa è anche la missione della Chiesa, e di ogni battezzato nella Chiesa. Essere cristiano ed essere missionario è la stessa cosa. Annunciare il Vangelo, con la parola e, prima ancora, con la vita, è la finalità principale della comunità cristiana e di ogni suo membro. Si nota qui che Gesù indirizza la Buona Novella a tutti, senza escludere nessuno, anzi privilegiando i più lontani, i sofferenti, gli ammalati, gli scartati della società. 

    (Angelus, 24 gennaio 2016)




    O Dio, che ci hai nutriti alla tua mensa, fa’ che per la forza di questo sacramento, sorgente inesauribile di salvezza, la vera fede si estenda sino ai confini della terra. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
- Advertisement -
B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
773FollowerSegui
13,000FollowerSegui
574FollowerSegui
55IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO